El País e la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela

President Hugo Chavez makes campaign visit to Petare slums

di Gianni Minà –latinoamerica.it

Nel giornalismo italiano attuale, specie in quelli che furono i grandi media, sembra ormai tramontato il dovere di suffragare con realtà indiscutibili i fatti che si raccontano. Salim Lamrani, giovane e prestigioso professore alla Sorbona, è l’esempio di chi non ha smarrito questo dovere di verità che smentisce, senza possibilità di errore, il patetico tentativo di una parte dell’Occidente (come fa con indecenza il quotidiano spagnolo “El Pais”) di cancellare o dimenticare le conquiste sociali e umane che Hugo Chávez, in dieci anni, è riuscito ad affermare per il suo paese.

2 milioni di persone al suo funerale, insieme a una trentina di capi di stato, avevano convinto, un anno fa, a mettere da parte questa fabbrica di discredito e di mancanza di memoria.

Ora, evidentemente, le multinazionali nordamericane del petrolio hanno deciso che il tempo è scaduto e bisogna riprendere ad angariare il Venezuela “bolivariano” per abbatterlo, come vuole la “real-politique” del paese che si arroga perfino il diritto di decidere la politica del mondo.

Ma nel frattempo, l’America Latina, riunita nel CELAC (Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi e che riunisce tutte le nazioni più popolose, importanti e progressiste del continente), ha già fatto sapere all’Occidente che L’America Latina è dei latinoamericani, e che, per il diritto di autodeterminazione dei popoli, nessuno può insegnare ai venezuelani, che hanno votato un anno fa la vittoria di Maduro, successore di Chávez, come debbano amministrarsi al di fuori di ogni interferenza.

Forse, a chi non è accecato dagli interessi di pochi, quest’analisi di Salim Lamrani che proponiamo, piena di notizie non smentibili, farà capire tante cose:

Il giornalismo pilotato sulla scomoda realtà venezuelana 

di Salim Lamrani*

Da quando ha vinto la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela con l’elezione del Presidente Hugo Chávez nel 1998 (fino al 2013) e con la vittoria del suo successore Nicolás Maduro nelle ultime elezioni presidenziali dell’aprile 2013, El País, il più importante quotidiano spagnolo e formatore di opinione, ha abbandonato l’imparzialità nel trattamento della realtà di quel paese. Peggio, il quotidiano spagnolo ha lasciato il giornalismo equilibrato a favore di una critica sistematica e a una sola direzione del potere democraticamente eletto a Caracas.

Una democrazia?

In una tribuna del 9 marzo 2014, El País espone il suo punto di vista e dichiara che “Il Venezuela ormai non è un paese democratico”.[1] Non importa che si siano svolte 19 consultazioni popolari dal 1998 e che i chavistas abbiano vinto 18 di queste elezioni che tutti gli organismi internazionali, dall’Organizzazione degli Stati Americani fino all’Unione Europea passando per il Centro Carter, hanno giudicato trasparenti. Addirittura, l’ex Presidente degli Stati Uniti, qualifica il sistema elettorale venezuelano come “il migliore del mondo”.[2]

La libertà di stampa

Il giornale di Madrid deplora “un’asfissia sistematica della libertà dì espressione”. Anche questa affermazione non supera l’esame. Secondo un rapporto del Ministero della Comunicazione e dell’Informazione del 2011, nel 1998 esistevano in Venezuela 587 radio e televisioni delle quali il 92,5% erano private e il 7,5% pubbliche. Nell’attualità ce ne sono 938, delle quali il 70% private, il 25% comunitarie e il 5% pubbliche. Al contrario, la Rivoluzione Bolivariana ha moltiplicato il numero dei media televisivi e radiofonici e il settore privato domina ancora il paesaggio mediatico. Invece di essere stati zittiti, i media privati sono aumentati del 28,7% in 12 anni.[3]

La Rivoluzione Bolivariana, un fallimento?

Un anno dopo la morte di Hugo Chávez per un cancro folgorante il 5 marzo 2013, El País tratteggia un panorama piuttosto scuro della situazione venezuelana per la penna del suo corrispondente a Miami: “Chávez ha lasciato in eredità un’opportunità persa, un’economia in fallimento che oggi si sostiene a forza di indebitamenti e di speculazioni”. Il giornale aggiunge che “Durante gli ultimi dieci anni del suo governo, le entrate petrolifere del Venezuela sono state sette volte superiori a quelle del 1998, quando ha preso il potere”. Ciò nonostante, “l’inflazione e la mancanza di rifornimenti sopportata ciclicamente da questo paese durante gli ultimi dieci anni, hanno raggiunto punte allarmanti, specialmente nei settori più impoveriti”.[4]

Leggendo questa conclusione, si deduce che la Rivoluzione Bolivariana è stata un fallimento. Ma, in realtà, El País nasconde la verità dei fatti. Primo, il giornale di Madrid omette di sottolineare che se il prezzo del petrolio si è quasi moltiplicato per dieci è stato soprattutto grazie a Chávez che è riuscito a riattivare una OPEP moribonda, limitando la produzione del petrolio e portando il prezzo del barile da 16 dollari ai più di 100 dollari di oggi.

Secondo, il giornale evoca la situazione dei “settori più impoveriti” senza offrire nessuna cifra e presenta “l’inflazione e la mancanza di rifornimenti” come una conseguenza della politica chavista. In realtà, l’inflazione ha caratterizzato l’economia venezuelana da almeno 70 anni e le statistiche disponibili sulla realtà sociale del paese smentiscono senza pietà il punto di vista di El País. In effetti, dal 1998, circa un milione e mezzo di venezuelani hanno imparato a leggere e scrivere grazie alla campagna di alfabetizzazione denominata Missione Robinson I. A dicembre del 2005, l’UNESCO ha decretato che era stato eliminato l’analfabetismo dal Venezuela. Il numero di bambini scolarizzato è passato da 6 milioni nel 1998 ai 13 milioni del 2011 e il tasso di scolarizzazione adesso è del 93,2%. La Missione Robinson II è stata pensata per portare l’insieme della popolazione a raggiungere il livello superiore. Così, il tasso di scolarizzazione nella scuola superiore è passato da un 53,6% del 2000 a un 73,3% nel 2011. Le Missioni Ribas e Sucre hanno permesso a decine di migliaia di giovani di intraprendere gli studi universitari. Così il numero di studenti è passato da 895.000 nel 2000 a 2,3 milioni nel 2011, con la creazione di nuove università.[5]

Quanto alla salute, è stato creato il Sistema Nazionale Pubblico per garantire l’accesso gratuito alle cure mediche per tutti i venezuelani. Fra il 2005 e il 2012 si sono creati 7.873 centri medici in Venezuela. Il numero di medici è passato da 20 ogni 100.000 abitanti nel 1999 a 80 ogni 100.000 nel 2010, ossia un aumento del 300%. La Missione Barrio Adentro I ha permesso di realizzare 534 milioni di visite mediche. Circa 17 milioni di persone sono state visitate mentre nel 1998 meno di tre milioni di persone avevano accesso regolare alla salute. Sono stati salvati 1,7 milioni di vite fra il 2003 e il 2011. Il tasso di mortalità infantile è passato da un 19,1 per mille nel 1999 a un 10 per mille nel 2012, cioè una riduzione del 49%. La speranza di vita è passata da 72,2 anni nel 1999 a 74,3 anni nel 2011. Grazie all’Operazione Miracolo, lanciata nel 2004, 1,5 milioni di venezuelani vittime di cataratte o di altre malattie oculistiche, hanno recuperato la vista.[6]

Dal 1999 al 2011, il tasso di povertà è passato da un 42,8% a un 26,5%. Il tasso di denutrizione infantile si è ridotto di un 40% dal 1999. E il tasso di estrema povertà di un 16,6% nel 1999 a un 7% nel 2011. Cinque milioni di bambini ricevono adesso alimenti gratuiti grazie al Programma di Alimentazione Scolastica. Erano 250.000 nel 1999. Il tasso di denutrizione è passato da un 21% del 1998 a meno del 3% nel 2012. Secondo la FAO, il Venezuela è il paese dell’America Latina e del Caribe più avanzato nell’eliminazione della fame.[7]

Nella classifica dell’Indice dello Sviluppo Umano (IDH) il Venezuela è passato dal posto 83° nel 2000 (o,656) al posto 73° nel 2011 (0,735) ed è entrato nella categoria delle nazioni con l’IDH più elevato. Il coefficiente GINI, che permette di calcolare la disuguaglianza in un paese, è passato dallo 0,46 nel 1999 allo 0,39 nel 2011. Secondo il PNUD, il Venezuela mostra il coefficiente GINI più basso dell’America Latina, è il paese della regione dove ci sono meno disuguaglianze.[8]

Nel 1999, l’82% della popolazione aveva accesso all’acqua potabile. Adesso è un 95%. Prima del 1999, solo 387.000 anziani ricevevano la pensione. Adesso sono 2.1 milioni. Durante la presidenza di Chávez le spese sociali sono aumentate di un 60,6%. Dal 1999 sono state costruite 700.000 case in Venezuela. Il tasso di disoccupazione è passato da un 15,2% nel 1998 a un 6.4% nel 2012, con la creazione di più di 4 milioni di posti di lavoro.[9]

Dal 1999 il Governo ha consegnato più di un milione di ettari di terra agli aborigeni del paese. La riforma agraria ha permesso a decine di migliaia di agricoltori di essere padroni delle loro terre. In totale sono stati distribuiti più di tre milioni di ettari. Nel 1999 il Venezuela produceva il 51% degli alimenti che consumava. Nel 2012, la produzione è di un 71%, mentre il consumo di alimenti è aumentato dell’81% rispetto al 1999. Se il consumo del 2012 fosse simile a quello del 1999, il Venezuela produrrebbe il 140% degli alimenti consumati a livello nazionale. Dal 1999, il tasso di calorie consumate dai venezuelani è aumentato del 50% grazie alla Missione Alimentazione che ha creato una catena di distribuzione di 22.000 magazzini di alimenti (MERCAL, Casas de Alimentación, Red PDVAL), dove i prodotti sono sovvenzionati per un 30%. Il consumo di carne è aumentato di un 75% dal 1999.[10]

Il salario minimo è passato da 100 bolívares (16 dollari) del 1998 a 2.047,52 bolívares (330 dollari) nel 2012, ossia, un aumento di più del 2000%. Si tratta di uno dei salari minimi più alti dell’America Latina. Nel 1999, il 65% della popolazione attiva guadagnava il salario minimo. Nel 2012 solo il 21,1% dei lavoratori dispone di questo livello salariale. Gli adulti di una certa età che non hanno mai lavorato dispongono di un mensile di protezione equivalente al 60% del salario minimo. Le donne prive di protezione, le persone non autosufficienti, ricevono un aiuto equivalente all’80% del salario minimo. L’orario di lavoro è stato ridotto a 6 ore al giorno e a 36 ore settimanali senza abbassare il salario. Il PIB per abitante è salito da 4.100 dollari nel 1999 a 10.810 dollari nel 2011.[11]

Lungi dall’immagine apocalittica che presenta El País, la Rivoluzione Bolivariana è un innegabile successo sociale. Così, secondo il rapporto annuale World Happiness del 2012, il Venezuela è il secondo paese più felice dell’America Latina dopo il Costarica, e il diciannovesimo a livello mondiale, davanti alla Germania e alla Spagna.[12]

Il caso del quotidiano El País illustra l’ incapacità dei media occidentali –la maggioranza è nelle mani di conglomerati economici e finanziari- di rappresentare in modo imparziale ed equilibrato la Rivoluzione Bolivariana. C’è una ragione: il processo di trasformazione sociale iniziato nel 1999 ha scosso l’ordine e le strutture stabilite, ha messo in discussione il potere dei dominanti e propone un’alternativa sociale nella quale –con tutti i suoi difetti, imperfezioni e contraddizioni che conviene non minimizzare- il potere del denaro non la fa da padrone e le risorse sono destinate alla maggioranza dei cittadini, non a una minoranza.

*Docente alla Sorbona di Parigi e all’Università de La Reunion. E’ uno specialista dei rapporti fra Cuba e gli Stati Uniti. Il suo ultimo libro, con prologo di Eduardo Galeano, è Les médias face au défi de l’impartialité, Parigi, Editions Estrella, 2013.


[1] – Mario Vargas Llosa, “La libertad en las calles”, El País, 9 de marzo de 2014.

[2] – Correo del Orinoco, « James Carter: Proceso electoral de Venezuela es ‘el mejor del mundo’ », 20 de septiembre de 2012. http://www.correodelorinoco.gob.ve/nacionales/james-carter-proceso-electoral-venezuela-es-%E2%80%9Cel-mejor-mundo%E2%80%9D/ (sitio consultado el 10 de marzo de 2014)

[3] – Juan Carlos Figueroa, « Medios públicos venezolanos casi se triplicaron en 12 años », El Tiempo, 12 de agosto de 2012. http://eltiempo.com.ve/venezuela/politica/medios-publicos-venezolanos-casi-se-triplicaron-en-12-anos/61589 (sitio consultado el 10 de marzo de 2014).

[4] – Maye Primera, « Un año sin el ‘comandante supremo’ », El País, 5 de marzo de 2014.

[5] – Salim Lamrani « 50 verdades sobre Hugo Chávez y la Revolución Bolivariana », Opera Mundi, marzo de 2013.

[6]  – Ibid.

[7] – Ibid.

[8] – Ibid.

[9] – Ibid

[10] – Ibid.

[11] – Ibid.

[12] – Ibid.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: