Si vuole riportare l’Argentina al tempo della «buia notte neoliberista»

BuML-BSIMAALYeElantidiplomatico.it Kirchner: «Dov’era il Fondo Monetario Internazionale quando il mio paese si indebitava al 15% nella decade neoliberista degli anni ’90?»

di Fabrizio Verde

 

Mentre il circo mediatico italiano ripete senza soluzione di continuità che l’Argentina si trova in default per la seconda volta in tredici anni, la terza economia dell’America Latina ribatte: «Dire che l’Argentina è in default è una vigliaccata atomica, poiché il paese ha la liquidità per saldare i suoi impegni – ha spiegato il Ministro delle Finanze argentino Axel Kicillof – abbiamo il denaro per pagare le scadenze di questo e dei prossimi anni».

 

L’intento è chiaro: equiparare la situazione odierna a quella del default avvenuto nel 2001. Quello vero, provocato dal fallimento totale del modello neoliberale imposto al paese sudamericano. Quando l’Argentina sulla scorta dei «consigli» imposti da Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale andava avanti a colpi di manovre (ajustes) e quando queste manovre si rivelarono insufficienti si passò alle privatizzazioni. Eufemismo utilizzato per indicare la colossale svendita del patrimonio pubblico argentino.

 

Una differenza abissale con l’Argentina attuale – che continua sulla strada di quella che viene definita ‘crescita inclusiva’ – dove in questi giorni comunque complicati, la ‘Presidenta’ Cristina Fernandez de Kirchner è sostenuta dal popolo. Mentre nel 2001 l’allora presidente Fernando De La Rua dovette lasciare precipitosamente in elicottero la Casa Rosada (il palazzo presidenziale) assediata da manifestanti inferociti.

 

I media afferenti il circuito mainstream omettono di raccontare che l’Argentina ha stanziato i fondi necessari per rimborsare il 93% dei creditori con cui aveva raggiunto un accordo per il rimborso, ma che questi sono stati bloccati perché il giudice statunitense Tomas Griesa, accogliendo il ricorso presentato dai fondi speculativi (anche denominati avvoltoi) che rappresentano il 7% dei creditori, ha condannato Buenos Aires a pagare i titoli a prezzo intero vietando al contempo all’Argentina di liquidare separatamente gli altri creditori.

 

Il problema origina dalla ristrutturazione del debito argentino: il 93% dei creditori, nel 2005 e poi nel 2010, hanno accettato di concedere uno sconto a Buenos Aires, mentre il restante 7% no. Una  parte consistente di questo debito – contratto ai tempi della buia notte neoliberale – è quindi stata acquistata a prezzi stracciati dai cosiddetti fondi avvoltoio, che hanno poi fatto causa all’Argentina presso un tribunale di New York per ottenere il pagamento pieno del dovuto.

 

Dunque, nessun default, l’Argentina ha pagato e continuerà a farlo perché come ha spiegato il ministro delle finanze: «Non soddisferemo l’1% danneggiando il 93% dei creditori».

 

Sulla stessa lunghezza d’onda della ‘Presidenta’ Cristina Fernandez de Kirchner che nel suo discorso  alla sessione plenaria del Mercosur ha dichiarato: «Penso che quello che stanno cercando di fare, agitando lo spettro del default non abbia senso. Il default avviene quando non si paga e l’Argentina ha pagato. Cercano inoltre di spaventarci dall’estero così come dall’interno, dicendo che se non facciamo quello che ci dicono arriveranno le 10 piaghe d’Egitto. Beh, le 10 piaghe d’Egitto le vivemmo nel 2001 quando un altro governo eseguì alla lettera gli ordini dettati dall’estero».

 

Inoltre il presidente argentino punta il dito contro il Fondo Monetario Internazionale, mettendo in discussione la legittimità di questo enorme debito che grava sulle spalle dell’Argentina: «Se l’Argentina si è indebitata oltre le proprie possibilità durante la decade neoliberista negli anni ’90, prendendo in prestito denaro a tassi del 13, 14 o 15%, crediamo che le responsabilità siano anche esterne. Dov’era il grande revisore mondiale, il Fondo Monetario Internazionale?».

 

Anche la ‘Presidenta’ ha riaffermato la volontà del paese sudamericano di rispettare gli impegni presi con la quasi totalità dei creditori: «L’Argentina ribadisce ancora una volta la sua decisione, volontà e convinzione nel voler rimborsare il 100% ai suoi creditori, ma in un modo giusto, equo, legale e sostenibile. Perché l’1% che non accetta l’accordo ha comprato i bond quando il default era già avvenuto. Ne hanno acquistati per un valore pari a 48 milioni di dollari e ottenuto con una sentenza 1600 milioni di dollari. Un profitto del 1680% rispetto al 92.4% dei creditori in buona fede, che restano centrali per il diritto internazionale».

 

Per quanto concerne la volontà e possibilità dell’Argentina di pagare i suoi debiti, basti pensare che sta provvedendo regolarmente anche all’estinzione del debito con il Club di Parigi (istituito nel 1956 a Parigi tra l’Argentina e le sue nazioni creditrici). Allorquando «io avevo appena tre anni – ha spiegato Cristina Fernandez de Kirchner – e il Ministro delle Finanze addirittura non era ancora nato».

 

Intanto un gruppo di oltre cento economisti di tutte le maggiori università del mondo, premi Nobel compresi, ha indirizzato una lettera al Congresso americano, chiedendo di mitigare l’impatto di una sentenza distorcente, che potrebbe causare un danno enorme all’intero sistema finanziario mondiale. «In particolare l’ingiunzione che attualmente blocca i pagamenti dell’Argentina al 93 per cento dei detentori di bond del Paese, potrebbe causare un danno inutile alla finanza mondiale, come anche agli interessi americani, all’Argentina e ai 15 anni di politiche americane di alleggerimento bipartisan del debito».

 

«È opinione largamente condivisa fra gli economisti che il tentativo di costringere l’Argentina al default che nessuno – né il debitore né il 90 per cento dei creditori – vuole, è sbagliato e dannoso» spiega Mark Weisbrot, editorialista per il quotidiano britannico ‘The Guardian’, economista e codirettore del Center for Economic and Policy Research.

 

Probabilmente, in realtà, le grandi «istituzioni finanziarie internazionali» unitamente ai media mainstream, agitando lo spettro del default intendevano riportare il paese al tempo della «buia notte neoliberista» quando con una pistola puntata alla tempia, l’Argentina fu letteralmente saccheggiata. Quando, i grandi giacimenti di Loma e de la Lata finirono nella mani della Repsol per un decimo del loro reale valore, giusto per citare uno degli episodi simbolo del ‘saqueo’ argentino. Evidentemente, però, adesso i tempi sono cambiati.

 

 

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: