Pérez Urdaneta: «La criminalità si nutre dei messaggi dell’industria mediatica»

da Correo del Orinoco

Il direttore della PNB ha reso noto che gli omicidi sono diminuiti del 35,4% nei luoghi in cui vi è la presenza di questa forza di polizia.

 

Il direttore della Polizia Nazionale Bolivariana (PNB), Manuel Pérez Urdaneta ha dichiarato che «il crimine in Venezuela è un problema etico, di valori, associato alla quantità e qualità dei messaggi ricevuti dalla società attraverso l’industria dei media, la quale effettua un vero e proprio bombardamento mediatico rivolto in primo luogo ai giovani».

 

Durante un’intervista concessa alla trasmissione Entre Todos trasmessa dall’emittente Venezolana de Television, Pérez Urdaneta ha affermato che la PNB è un polizia di tipo umanista al servizio del popolo e garante dei diritti dell’uomo, formatasi con il comandante Hugo Chávez in piena rivoluzione, e basata su di un modo differente d’intendere un corpo di polizia.

«È una polizia vicina alla comunità – ha spiegato Pérez Urdaneta –  che rende così il funzionario più umano, più solidale. Attraverso la Gran Misión a Toda Vida Venezuela abbiamo sviluppato il piano Patria Segura essenzialmente basato su una politica preventiva del crimine».

 

Ha inoltre evidenziato che «il crimine che più colpisce la società è l’omicidio e nei luoghi in cui è presente la PNB è sceso del 35,4%. La Polizia Nazionale Bolivariana agisce in otto stati: Tachira, Lara, Zulia, Falcon, Aragua, Carabobo, Anzoategui e Nueva Esparta».

 

Il direttore ha poi aggiunto che nel distretto della capitale, la Polizia Nazionale Bolivariana è presente in nove parrocchie civili nel comune di Libertador e anche nel Petare, «dove c’è stata maggiore enfasi per gli alti livelli di criminalità e dove il numero degli l’omicidi è stato ridotto del 27%».

 

Ha infine affermato: «Queste statistiche mostrano che l’azione della PNB è stata efficace per la diminuzione dell’insicurezza. Risulta essere in crescita il numero degli arrestati nel paese e la quantità di armi, droga e veicoli sequestrati. Il corpo di polizia ha mostrato livelli più elevati di efficienza e coordinazione».

 

La Polizia Nazionale Bolivariana è nata il 20 dicembre del 2009, sotto la visione umanistica del comandante Hugo Chávez, che voleva un corpo di polizia le cui strategie fossero volte alla costante ricerca di soluzioni pacifiche ai conflitti cittadini.

 

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

800.000 israeliani hanno abbandonato l’entità sionista

da al manar.com

L’emittente Tv israeliana, Canale 10, ha rivelato che l’emigrazione dei giovani israeliani da Israele è aumentata notevolmente negli ultimi anni per motivi economici, di sicurezza e persino culturali.

Allo stesso tempo, un sondaggio di un’altra emittente Tv israeliana, Canale 2, ha riferito che il 30% degli israeliani hanno una seria intenzione di lasciare Israele per sempre, se si presentasse l’occasione.

Canale 10 ha riportato che l’indagine ha avuto luogo dieci giorni dopo la fine della guerra contro la Striscia di Gaza.

 Secondo il sondaggio, se prima l’emigrazione da Israele era considerata un “tradimento nazionale”, oggi è vista come un modo per ottenere una nuova prospettiva di vita. A questo proposito, il 64% degli israeliani ha cambiato la sua opinione su chi vuole emigrare e non è più negativa, come lo era in passato.

Il canale ha evidenziato che 800.000 israeliani hanno lasciato l’entità sionista per altri stati. La maggior parte di loro sono giovani e laici. La Germania è stata la meta principale per loro.

Da parte sua, Canale 2 ha trasmesso un programma sugli israeliani emigrati nei paesi europei. Tutti hanno espresso la loro gioia per aver abbandonato Israele e dicono che non è sano vivere nella paura per tutto il tempo, nell’incertezza e nell’instabilità. Alcuni hanno iniziato a promuovere campagne organizzate per l’emigrazione, ha aggiunto il canale.

 Si noti che un sito in ebraico è stato creato per aiutare coloro che vogliono lasciare Israele. Si chiama Leaveisrael.com.

 Il sito indica che gli israeliani laici che vogliono lasciare Israele non lo fanno solo a causa del conflitto con i vicini arabi e le difficoltà economiche crescenti, ma per l’avanzata dell’estrema destra religiosa nell’entità sionista, che influisce sullo stile di vita degli israeliani.

 In questo senso, il sito rileva che nel 2030 la popolazione israeliana sarà nella sua amplia maggioranza ortodossa, peggio educata e più povera. I settori ultra-ortodossi tentano di usare la loro maggioranza per approvare leggi con sfumature religiose nel Paese.

 L’emigrazione causerà, inoltre, un colpo fatale per l’economia, dal momento che gli immigrati sono per lo più persone con alta formazione tecnologica. Questo porterà alla chiusura di imprese high-tech e il declino di Israele in questo campo.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: