Chávez, la Patria Grande, combate del Pueblo

por Tamer Sarkis Fernández*

El cambio bolivariano es subversión en el orden del Ser social para cada individuo del pueblo. Quienes no tenían más remedio que vivir soñando, consolándose con un “la vida es sueño” en un suspiro de espectáculo o en embriaguez de quimera sin horizonte, ahora pueden vivir lo que sueñan, materializándolo. Cierto que no es todavía el “todo han de ser” que el himno invoca. Pero se es algo. Y esa diferencia no admite contabilidad: es infinita la distancia que va del 0 -de la Nada- al 1.

El poder salir a la calle, y que eso cuente. O mejor aún: el no tener que salir a la calle, pues se posee Política en las manos. Con las manos el Algo esculpe patria. Con cabeza y corazón se auto-esculpe ese Algo. No ya la sociedad amorfa de carnaza vendida a la fiera competición con el vecino, y al mutuo recelo. No el Tú O Yo en el mercado de residuos supervivenciales. Es el tiempo del Tú Y Yo. El “todos para uno y uno para todos”. Ese regalo de vida portó el Comandante eterno.

No hablamos ya solamente del derecho a sanarse. Sino de la posibilidad material de crecer y estar sano. Se acabó el andrajo mendicante de ser perdonado por quienes distribuyen cuotas tecnocráticas de “Población Sobrante”. Se acabó auto-apartarse la mirada con vergüenza de oír lo que al Norte se dice, se desprecia y se llora del “pobre venezolano”, del “paria americano”. No aparecer ya por más tiempo en las pantallas siendo “víctimas del atraso”. Toma Poder el indígena para ser indígena y ser mucho más que eso. Ya no más indígenas empáticos enlatados en Reservas de “pureza” para compasión y disfrute del turista bucólico. Indígenas teniendo que representar humillantemente el espectáculo de su propia cosificación paralítica, a-histórica, sirviendo el requisito del oenegero y de su austero Ideal de buensalvajismo… para los demás.

Los en otro tiempo pedazos de átomo suburbiales sin rostro, sin Yo y sin Otro, sin más rumbo que el de consumirse o despedazarse por sobras, tragados en aparcamientos humanos por la superproducción de cosas, desvalorizados proporcionalmente a la valorización, en subasta, de su producto material enajenado, ahora alzan la cabeza vinculados en un Sentido propio, que es el ajeno. Transpiran un mundo cuyo Valor se cuenta con dignidad humana. ¿Subjetividad?:Hipersubjetividad, pero emanando desde lo Objetivo y fluyendo con el común deseo. Encaminados hacia allá donde el desarrollo social sea la base permisiva del libre desarrollo de cada uno, y, el desarrollo de cada uno, el cimiento y el yunque del libre desarrollo de todos.

Allá donde por fin se juegue sin ser juguete del dinero concentrado en un Casino de millones de kilómetros cuadrados: ahí está la Patria. Allí donde se sabe qué hacer, o se busca saber. Y allí donde puede ser materializado –socializado- el conocimiento. No más descontrol de lo que se produce o no sometiéndose al imperio de la rentabilidad mercantil. No más acción para obtener cambio o para cosechar objetivos calculados. El fruto debe ser efecto y consecuencia, pero no la razón de la actuación, que, por contra, debe nacer de la capacidad. Hacemos porque Podemos. Y con ese hacer propio ampliamos lo que podemos. Nos transformamos. La utilidad viene entonces por feliz añadidura.

Una voz es la de todos. Es todos. E, inextricablemente, es una voz que escucha. No más mirar al cielo implorando agua y capricho desde mil pequeñas parcelas miserables. Se ría, la ingeniería, de la sequía y del precio. Somos Algo. Somos Patria. Somos la universidad viva en cada callejuela del Pueblo. Se vaya a la taberna para festejar y celebrar, mientras deliciosamente, a cada jornada productiva y de vínculo y latido, va cayendo en el olvido aquella necesidad de olvido.

Gratos sois la gente del Pueblo con quien os ha fecundado como Pueblo. No más actos de avestruz; no más meter la cabeza bajo el terreno. No más cánticos pacifistas a “la conciliación de todos” y a la abstracta unidad de toda la nación. No es cierto que todo el mal provenga del exterior: el Imperialismo es el actor determinante, pero, sobre el terreno inmediato, la dialéctica inmediata de juego lo es entre clases progresivas y clases reaccionarias; entre clases las patriotas y las clases venales (lumpenfascistas) y antinacionales (aristocracia “obrera” en las propias filas asalariadas). El presente es la guerra contra los vende-patrias. Es la lucha de clases contra el egoísmo de los aristobreros, quienes han salido a la calle nostálgicos de aquella oligarquía que a la sombra de su viejo Estado les daba privilegio.

¡Tomad vosotros la calle, venezolanos del Pueblo!. Liquidad a los parásitos que incendian vuestra patria para, vendiéndola de nuevo, volver a revivir aquellos “dorados tiempos” de ellos. Unidad, sí, Unidad, pero a través del combate que liquida a los sicarios de la regresión. No puede haber conciliación con buitres y vosotros sois sepultureros. La nación será vuestra, sí, si la purgáis de los exprivilegiados  que esperan recomponer su estatus enlazándose con el Imperio. Esos venezolanos no son vuestros hermanos, sino tan sólo hermanos de ellos mismos y de su interés particular enfrentado al del resto. Alienación y antagonismo entre “lo propio” y “lo general” que, justamente, Chávez tuvo como Principio superar y enterrar. Y, si unos cuantos elementos del Pueblo se cuentan entre ellos, la Patria siempre será la Patria de esos descarriados, y como madre le tenderá la mano, al hijo pródigo rendido a vuestra inmensidad arrolladora.

*Vice-director del Diario Unidad, Sociólogo y Antropólogo Social y Cultural de Formación. (Barcelona-España)

Dietro gli spots mediatici di Renzi il programma neo-liberista di sempre

pupo

Italia — A maggio, per vincere le elezioni e fare sì che gli operai con contratto stabile desistessero  dal votare il Movimento 5 Stelle, il Partito Democratico di Matteo Renzi, si è  inventato un’“integrazione per la spesa base” di R$ 250. Tuttavia, a luglio, gli Italiani hanno scoperto che le imposte sono triplicate.

di Achille Lollo*, da Roma (Italia)

Subito dopo le vacanze estive – che la maggioranza degli Italiani ha passato a casa propria per mancanza di soldi – si è concluso il primo semestre del governo di Matteo Renzi, che esprime una coalizione formata dal “Partito Democratico” (PD, ex-PDS ed ex-PCI) e tre piccoli partiti del centro-destra: il “Nuovo Centro Destra” (NCD), che Angelino Alfano ha creato nel novembre 2013 dopo aver rotto con Berlusconi e l’ala post-fascista di Forza Italia, i “Popolari per l’Italia-UDC” e “Scelta Civica”, che è la formazione politica dell’ex-primo ministro Mario Monti.

In questi primi 15 giorni di settembre, il giornale indipendente Il Fatto Quotidiano ha pubblicato una serie di articoli incentrati sulle promesse del primo ministro, Matteo Renzi, e le poche prospettive che il governo aveva per realizzare in pratica le riforme promesse. Per questo, solamente il giornale del PD, Europa, con L’Unità – che in altri tempi fu il giornale del PCI creato da Antonio Gramsci – oggi, esaltano l’impegno istituzionale del governo Renzi, giustificando in mille modi il ritardo e l’inesistenza nel Parlamento di vere proposte di legge per votare le tanto annunciate riforme.

Un contesto che, improvvisamente, si è acceso, provocando l’intervento di tutti i mezzi di informazione italiani, subito dopo che Renzi, nel partecipare al programma di TV Porta a Porta, si è inventato una nuova formula istituzionale per rimanere in carica senza affrontare nuove elezioni, col dire che ha bisogno di “ancora 1.000 giorni per fare le riforme”.

Di fronte a questo fatto, che è una conseguenza delle macchinazioni della lobby massonica alla quale appartiene Renzi e all’arroganza delle eccellenze del mercato che manovrano gran parte dei ministri, il co-direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, ha scritto tre editoriali che, in pratica, hanno smascherato l’identità politica del suo governo, dimostrando che il nuovo PD di Renzi, in pratica, avrebbe abbandonato gli ideali del centro-sinistra, per trasformarsi in un partito di centro, potenzialmente volto a stringere alleanze con gli altri partiti di centro-destra e della stessa destra di Berlusconi.

Non dovendo rendere conto né alla lobby dell’economia, né ai “circoli delle eccellenze della politica” e nemmeno ai servizi di intelligence, Marco Travaglio, nel partecipare al programma TV Servizio Pubblico, senza mezzi termini ha dichiarato: “Ormai è finito il festival delle bugie del governo Renzi. Dopo tante parole, tanti obiettivi da raggiungere, tanti programmi e proposte, alla fine, dopo tanto blá blá blá, nessuna riforma strutturale è stata realizzata e nessuna misura seria è stata presa per fare uscire l’economia italiana dal pantano della crisi, una crisi tipicamente italiana che è esplosa a causa delle misure imposte dalla Germania e dalla triade, cioè, dall’FMI, dal Banco Mondiale e dal Banco Centrale Europeu (BCE)”.

Riforme o privatizzazioni?

È proprio vero che, negli ultimi 20 anni, tutti i governi, quelli di destra, capeggiati da Berlusconi, o di centro-sinistra, guidati da Prodi o D’Alema, non hanno fatto nulla in termini di innovazione, permettendo che le istituzioni (governo nazionale, governi regionali, giunte provinciali e governi municipali) si trasformassero in autentici banchi di prova per affari sporchi o illegali, per eccesso di asineria o di corruzione.

Uno scenario che, già nel 2008, quando è esplosa la crisi della bolla finanziaria, presentava, con ogni evidenza, tutte le problematiche che, oggi, stanno spingendo il paese sempre più nella direzione di una recessione davvero tenebrosa.

E per quale motivo Berlusconi, Prodi o D’Alema non hanno fatto nulla per impedire la crescita della disoccupazione? Per quale motivo non è stato fatto nulla per stabilizzare la situazione del debito pubblico e, in particolare, per ridurre i costi della politica o della macchina statale?

La verità è che, oggi come ieri, è il “potere” che impedisce e ostacola qualsiasi tipo di cambiamento istituzionale, soprattutto le riforme che potrebbero modificare la dipendenza che lo Stato italiano presenta verso la triade FMI, Banco Mondiale e BCE in ambito finanziario, con la Germania/Unione Europea in termini di pianificazione dell’economia e con gli Stati Uniti/Nato, in ciò che riguarda le questioni geo-strategiche.

Diciamo che l’Italia, da 20 anni, vive in uno status quo imperativo che ha impedito allo stesso PD di essere un vero partito social-democratico, trasformandosi, sempre più, in un partito che ha rinnegato la sua storia e i suoi ideali, per convergere con più rapidità e dinamismo al centro, cioè, in direzione del potere, per essere accettato dal mercato a governare.

È evidente che il processo di trasformazione politica che i partiti italiani, in particolare il PD e Forza Italia, hanno accettato e stimolato ha avuto conseguenze tragiche, nel senso che il cosiddetto “consenso politico popolare”, in realtà, è sparito. Oggi, i partiti si muovono seguendo le regole del marketing elettorale, per portare avanti programmi di governo che, in realtà, sono state definiti da differenti “centri di eccellenza”. In questi programmi, l’imperativo sono le formule che i politici devono implementare per garantire il “controllo sociale”, permettendo, così, sempre più il lucro di certi tipi di gruppi impresariali e la stabilità finanziaria per specifici strati della società.

In questo senso, le riforme sociali ed economiche sono totalmente esautorate e manipolate. Per esempio, la riforma dell’insegnamento universitario (Riforma Gelmini) non è stata fatta per incentivare la ricerca nelle università o per elevare i livelli d’insegnamento. In realtà, questa riforma è servita a trasformare le università pubbliche in “scuolone”, facendo ritirare da esse gli studenti-lavoratori con la riduzione dei corsi universitari da cinque a tre anni. Allo stesso tempo veniva introdotto un processo selettivo di “elitizzazione” con i dottorati di specializzazione, che si sono trasformati in un’esclusività delle facoltà private.

Tuttavia, i problemi più gravi dell’Italia sono nei settori che si rapportano allo sviluppo industriale e che hanno molto a che vedere con l’ampliamento della disoccupazione e con l’uscita dal mercato del lavoro dei lavoratori che sono nella fascia d’età tra i 45 e i 60 anni. Uomini e donne che sono disoccupati non per essere vecchi, ma perché i loro costi lavorativi sono maggiori di quelli che gli impresari pagano per un giovane di 20 anni, che lavora con contratti flessibilizzati o perfino nel mercato nero (senza contratto).

Di fronte a tutto questo e con molta ragione, Marco Travaglio  ha denunciato che: “le riforme di Renzi sono diventate un sogno per gli Italiani, qualcosa che serve per non entrare nella disperazione. Ed è stato con questo sogno che Renzi e i politici del suo gruppo, adesso, pretendono di continuare a sedurre i suoi elettori”.

La denuncia di Travaglio, purtroppo, ha senso, visto che il governo Renzi non ha trovato resistenze nella società, tanto nel proporre la vendita delle ultime imprese pubbliche quanto nel tentare di annullare il peso politico dei referendum popolari, che impediscono la privatizzazione delle imprese pubbliche dell’acqua.

Non c’è dubbio che nei prossimi “1000 giorni di Matteo Renzi” quasi tutte le imprese pubbliche saranno vendute per permettere al governo di fare cassa, dato que, il giorno 30 agosto, il primo ministro ha firmato un decreto che vieta gli aumenti di salari per i dipendenti pubblici, i quali rimangono congelati dal 2007.

Un decreto che è stato fatto, semplicemente, perché il Ministro del Tesoro ha detto che “gli aumenti salariali dei dipendenti ostacolano gli obiettivi e i costi fissati dal governo nel bilancio del 2015 e in quello dei prossimi anni”. Vuol dire che l’Italia è a un passo dalla bancarotta!

 

 

Un PD neo-liberista?

Durante la presidenza di Pierluigi Bersani e prima di lui di Massimo D’Alema e Walter Veltroni c’è sempre stata una lotta in seno al PD, nella quale la parte maggoritaria del partito pretendeva di adeguare alla logica social-democratica la nuova realtà del paese, mentre un’accanita minoranza voleva fare il salto in avanti, tagliando il passato di sinistra per assumere il neo-liberismo, come ha fatto Tony Blair.

La pressione elettorale della destra e dello stesso Berlusconi, in realtà, hanno impedito che in seno al PD si arrivasse a un vero dibattito sul futuro del partito. Per questo, la falsa unità partitica del PD e la degenerazione della propria storia politica hanno generato in seno al partito una serie di contraddizioni che, nel 2012, sono state saggiamente raccolte da nuovi gruppi politici che mai si sono identificati con la storia dell’antico PCI o con la politica della social-democrazia.

Erano i gruppi “progressisti” della Democrazia Cristiana, che, dopo lo smantellamento di questo partito nel 1999, avevano trovato nel PD una nuova “chiesa politica dove organizzare il loro futuro politico”.

Renzi, i ministri del suo governo e i membri della nuova segreteria del PD, come anche i principali dirigenti regionali di questo partito, appartengono a questo nuovo flusso, che non vede nessun problema a negoziare con Berlusconi o a convivere con partiti di destra.

Per questo, molti italiani, oggi, mettono in discussione il PD e lo stesso primo ministro, chiedendo loro di sapere che futuro stanno preparando per l’Italia, dal momento che il paese sta correndo il rischio di essere “commissariato” da parte dell’Unione Europea e sommerso da imposte e tagli di bilancio, per soddisfare gli obiettivi finanziari fissati a Bruxelles.

Tuttavia,  bisogna dire che il successo di Matteo Renzi in seno al PD ha finalmente fatto sì che il Partito Democratico perdesse tutte le ambiguità e le fascinazioni che Massimo D’Alema e Walter Veltroni avevano mantenuto in piedi per non perdere il voto dell’elettorato tradizionale di sinistra e, pertanto, per non alienarsi la simpatia delle nuove generazioni, che hanno creduto nella necessità di trasformare il PCI in PDS (Partito Democratico della Sinistra) e poi in semplice Partito Democratico, senza perdere le sue connotazioni di sinistra. Purtroppo, è andato tutto storto.

* giornalista italiano, corrispondente di Brasil de Fato in Italia e curatore del programma TV “Quadrante Informativo”.

[Trad. dal portoghese per ALBAinformazione di Marco Nieli]

La Cia è scettica sulla nuova strategia di Obama in Siria

da press.tv

La Cia è profondamente scettica sulla nuova strategia dell’amministrazione Obama per affrontare l’organizzazione terroristica Isis in Siria, Lo rivela un rapporto pubblicato dal portale on-line del The Huffington Post.

 I Funzionari della Cia hanno espresso la loro “ferma opposizione” alla proposta della Casa Bianca di incaricare il Pentagono per la consegna di armi ai cosiddetti gruppi militanti moderati in Siria per respingere i terroristi dell’Isis.

 La Cia ha già segretamente addestrato i terroristi nelle sue basi segrete in Giordania per combattere il governo del presidente Bashar al-Assad.

 L’agenzia di spionaggio, tuttavia,  si è trovata di fronte a miliziani sempre più “disorganizzati” e “radicalizzati”, riferisce il rapporto.

«La Cia ritiene che sia impossibile addestrare ed equipaggiare uomini che siano in grado di combattere e sconfiggere Assad, al-Nusra e Isis, a prescindere da qualsiasi forza aerea di supporto possano ricevere», ha spiegato un membro del partito democratico del Congresso al giornale on-line.

Il deputato ha aggiunto che la Cia vede la nuova strategia “destinata al fallimento”.

Ha aggiunto, inoltre, che la Cia ritiene che già il suo precedente incarico di addestrare e armare i “ribelli siriani” era una “idea folle.” «E loro sono ben consapevoli del fatto che molte delle armi che hanno fornito sarebbero finite nelle mani sbagliate».

I rapporti indicano che molti fazioni di militanti “moderati” in Siria hanno giurato fedeltà ai terroristi dell’Isis.

Infine, i funzionari dell’intelligence sono preoccupati che il piano dell’amministrazione conceda al Pentagono una responsabilità che tradizionalmente era affidata alla CIA.

[Trad. dall’inglese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Cuba ribadisce il suo sostegno alla Siria

da sana.sy

Il rappresentante permanente di Cuba presso le Organizzazioni Internazionali, a Ginevra, ha ribadito l’appoggio costante  del suo paese per una soluzione pacifica della crisi in Siria.

In un discorso alla 27a sessione del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani, il funzionario cubano ha espresso fiducia nella capacità del popolo e del governo siriano a risolvere i problemi interni senza alcuna interferenza esterna.

Ha condannato gli atti terroristici e i crimini di guerra perpetrati dalle organizzazioni terroristiche armate in Siria.

Il rappresentante di Cuba presso le Nazioni Unite ha contestato alcuni governi e paesi che finanziano le organizzazioni terroristiche divenendo di fatto il loro braccio armato mentre fingono di lottare contro il terrorismo.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: