Dalla Valle della Bekaa: giornalismo per procura e le falsità sul Libano

di Talal Khrais –Spondasud.it

Più passa il tempo e più vedo l’arretratezza di una certa parte della stampa italiana sul Medio Oriente. Non c’è solo incapacità o impreparazione. Spesso si tratta di vera e propria malafede. E così, senza conoscere i fatti, molti giornalisti italiani scrivono cose del tutto false, ingenerando nell’opinione pubblica false convinzioni o errate rappresentazioni della realtà. Un esempio? Nel 2013 mi trovavo come inviato in Siria per seguire un incontro della società civile con il Prendente della Repubblica Araba Siriana Bashar al Assad. Dopo l’incontro, un collega della stampa italiana mi chiama e mi chiede se è vera la notizia dell’uccisione dello stesso Presidente. Ho chiesto al giornalista,  per la sua etica professionale e credibilità, di non pubblicare l’articolo sulla presunta morte di Assad.

Il giorno dopo, con mio grande rammarico,  ho visto che il suo pezzo, nel quale si affermava l’uccisione del Presidente, senza peraltro citare nessuna fonte, era stato pubblicato.

In questi giorni una parte della stampa italiana parla del Libano con molta approssimazione. Mi chiedo quali siano le fonti di questi giornalisti, alcuni dei quali dubito siano mai passati in questo paese. Come per le guerre, evidentemente, esiste anche il “giornalismo per procura”. Ho recentemente letto un articolo su Il Manifesto in cui si descrive il Libano come un inferno, un paese oramai invaso dai jihadisti dello dallo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante.

La verità è che l’ISIS sta perdendo dovunque, sia in Iraq che in Siria. Proprio in Libano ha avuto pesantissime perdite. Nessun villaggio nel paese dei cedri è in mano ai terroristi. Il Fronte al Nusra e l’ISIS cercano invano di attaccare le postazioni di Hezbollah e dell’Esercito Libanese. Stando alle cronache della stampa italiana,  in questo momento io mi troverei nel cuore di un Califfato Islamico Libanese. La verità è che nelle campagne di Ersal, nel Qalamoun, l’Esercito ha inflitto gravi sconfitte ai movimenti jihadisti che hanno dovuto rintanarsi nelle montagne.

L’Esercito e le milizie di Hezbollah, lungo un confine di 90 chilometri, hanno sotto tiro i terroristi. Un mese fa, nelle periferie di Tripoli, nel nord del Libano, l’Esercito ha inflitto altri duri colpi ai combattenti jihadisti, occupando le loro roccaforti.  C’è un fatto che molti non sottolineano: insieme all’esercito e a Hezbollah, contro i terroristi c’è la popolazione di interi villaggi che si ribella e impedisce la loro avanzata. ISIS e al Nusra hanno tentato in tutti i modi di mettere a ferro e fuoco e il Libano,  scegliendo le montagne orientali tra il Libano e Siria come porta di ingresso nel paese dei cedri. Su quel versante però sono intervenuti Hezbollah con l’Esercito Arabo Siriano. Dopo la liberazione di Yabroud, le cose sono decisamente migliorate.  Le operazioni antiterrorismo nel Qalamoun sono all’ordine del giorno: l’anno scorso sono stati “ripuliti” moltissimi villaggi occupati, in particolare quelli cristiani occupati dai combattenti di Al Nusra, braccio siriano ad Al Qaeda.Quotidianamente l’Esercito siriano, da una parte, e l’Esercito Libanese, dall’altra, bombardano le postazioni dei terroristi assediati.

La città di Yabroud, nelle mani dei terroristi per lungo tempo, ricopre grande importanza per la sua posizione strategica. Oggi la città è nelle mani dell’Esercito Siriano. Il Libano ha risentito molto dell’occupazione militare dei terroristi nella città di Yabroud. In generale tutto ciò che accade in Siria ha in qualche modo un effetto e un riflesso sul Libano. Il collegamento tra Yabroud Siriana ed Ersal, villaggio libanese sul confine, si è interrotto. La fonte del pericolo sul Libano non esiste più perché i terroristi che utilizzavano questa zona come punto di appoggio, e sede organizzativa per operazioni terroristiche nei due paesi, è sotto il controllo pieno dell’Esercito.

Sono moltissime le operazioni militari condotte in questi mesi dall’esercito libanese. Blitz e azioni studiate nei minimi dettagli che hanno portato, anche grazie al contributo della popolazione locale, all’arresto di centinaia di terroristi legati ai gruppi qaedisti, al sequestro di interi depositi di munizioni ed armi.  Tra gli arrestati ci sono anche tre donne: hanno confessato di essere delle terroriste e di aver avuto un ruolo molto importante  nel trasportare autobombe attraverso il villagio di Ersal. Le autobombe, provenienti dalla Siria, erano state preparate proprio a Yabroud, pronte ad essere utilizzate in attentati terroristici in Libano.

Ho potuto assistere personalmente alle operazioni dei militari libanesi e, in particolare, al grande successo che ha portato all’arresto di Naim Abbass, leader del gruppo terroristico delle Brigate di Abdallah Azzam. Questi gruppi sono responsabili dell’assassinio di esponenti politici e personaggi pubblici libanesi, nonché di diversi attentati che hanno colpito le zone della periferia Sud di Beirut.

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: