Latinoamerica e Caraibi: le nuove alleanze solidali

di Geraldina Colotti – il manifesto 
29gen2015.- È gio­vane e cre­sce bene, però non gode di grande noto­rietà, almeno dalle nostre parti. Par­liamo della Celac, la Comu­nità degli stati lati­noa­me­ri­cani e carai­bici, che ha con­cluso ieri il suo terzo ver­tice a San José, in Costa Rica. All’organismo par­te­ci­pano tutti i paesi sovrani delle Ame­ri­che, salvo il Canada e gli Stati uniti. Un ter­ri­to­rio com­ples­sivo di oltre 20 milioni di km qua­drati e circa 600 milioni di abi­tanti. La Celac ha aperto i bat­tenti in Mes­sico nel 2010, ma la sua costi­tu­zione defi­ni­tiva è dell’anno suc­ces­sivo, il 2 e il 3 dicem­bre a Cara­cas, in Vene­zuela. Nel 2013 è stata cele­brata in Cile, l’anno scorso all’Avana. Nel III ver­tice che si è svolto a san José, la con­se­gna per i 21 pre­si­denti pre­senti (su 33 paesi della Celac) è stata quella di «Lavo­rare insieme» nella lotta alla povertà e per lo svi­luppo soste­ni­bile, met­tendo mano ai con­flitti spi­nosi dell’area e ana­liz­zando il qua­dro delle nuove alleanze. In primo piano, le rela­zioni fra Cuba e gli Usa e la strada che sem­bra aprirsi verso la fine del blocco eco­no­mico dal 17 dicem­bre scorso.
Il pre­si­dente cubano, Raul Castro, ha voluto met­tere le cose in chiaro: «Il ripri­stino delle rela­zioni diplo­ma­ti­che – ha detto – è l’inizio di un pro­cesso verso la nor­ma­liz­za­zione dei rap­porti bila­te­rali, ma que­sto non sarà pos­si­bile fin­ché esi­ste il blo­queo, fin­ché non viene resti­tuito il ter­ri­to­rio ille­gal­mente occu­pato dalla base Navale di Guan­ta­namo, fin­ché non ces­sano le tra­smis­sioni radio e tele­vi­sive che vio­lano i trat­tati inter­na­zio­nali, fin­ché il nostro popolo non ottiene una giu­sta com­pen­sa­zione per i danni umani ed eco­no­mici sof­ferti». Il pro­blema prin­ci­pale — «il blocco eco­no­mico, com­mer­ciale e finan­zia­rio che pro­voca enormi danni e costi­tui­sce una vio­la­zione del diritto inter­na­zio­nale» — è ben lungi dall’essere risolto. Una feroce e uni­la­te­rale ritor­sione in vigore dal 1962, che Obama «potrebbe modi­fi­care in modo sostan­ziale senza la deci­sione del Con­gresso». Invece – ha spie­gato Castro – le misure prese per ren­derlo meno rigido sono «limi­tate». E dun­que, il cam­mino sarà «lungo e dif­fi­cile». Castro ha anche cri­ti­cato dura­mente «l’armamentismo» degli Stati uniti e dei loro alleati Nato, che vogliono pren­dere il con­trollo della fron­tiera con la Rus­sia, oggetto di «ingiu­ste» san­zioni inter­na­zio­nali. «Negli Stati uniti – ha detto ancora – ci sono forze che vogliono far abor­tire il pro­cesso prima che cominci».
Il pre­si­dente vene­zue­lano, Nico­las Maduro, ha salu­tato «il passo corag­gioso» com­piuto da Obama per met­ter fine alla «per­se­cu­zione cri­mi­nale del blocco eco­no­mico con­tro Cuba». Con Obama — ha detto Maduro — avremo occa­sione di par­lare a Panama il 10 e 11 aprile per il ver­tice delle Ame­ri­che, ma «in modo franco e rispet­toso». Il secolo XXI — ha aggiunto — «vedrà la costi­tu­zione di un mondo mul­ti­po­lare e la fine dell’imperialismo». I paesi socia­li­sti e pro­gres­si­sti dell’America latina hanno fatto qua­drato intorno a Maduro, espri­mendo la pro­pria ferma con­danna agli attac­chi degli Stati uniti con­tro il Vene­zuela: «L’impero nor­da­me­ri­cano — ha detto il pre­si­dente del Nica­ra­gua, Daniel Ortega — cospira per­ché in Vene­zuela si pro­duca un colpo di stato mili­tare san­gui­na­rio e bru­tale». Negli Usa si è rifu­giato un mili­tare vene­zue­lano, ex capo­scorta, e ha accu­sato il pre­si­dente del par­la­mento, Dio­sdado Cabello di essere un nar­co­traf­fi­cante e lo stato vene­zue­lano di essere «nar­co­ter­ro­ri­sta». Stretta di mano, invece, tra il pre­si­dente colom­biano, Manuel San­tos e Maduro, dopo il gelo che era nuo­va­mente sceso fra i due paesi a causa dell’appoggio dato dal mini­stero degli esteri colom­biano alla visita in Vene­zuela dell’ex pre­si­dente Andres Pastrana e dei suoi omo­lo­ghi di destra (il cileno Seba­stian Piñera e il mes­si­cano Filipe Cal­de­ron) andati a dare lezioni di «diritti umani» a Maduro.
Il pro­cesso di pace in Colom­bia è stato peral­tro uno dei temi discusso e appog­giato: in modo non for­male da quella parte dell’America latina che scom­mette sulla ridi­stri­bu­zione delle risorse per ridurre le disu­gua­glianze di un con­ti­nente in cui l’11% della popo­la­zione (68 milioni) vive in povertà estrema. E l’ecuadoriano Cor­rea, a cui tocca la pros­sima pre­si­denza pro-tempore della Celac, ha denun­ciato i mec­ca­ni­smi spe­cu­la­tivi del mer­cato nella caduta del prezzo del petrolio.
Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: