Carlo Marx, i rivoluzionari e i neoliberali

di Sergio Alejandro Gómez / internet@granma.cu

A 197 anni dalla sua nascita, il pensiero del filosofo ed economista tedesco continuano a girare il mondo

4 maggio 2015.- Carlo Marx non è solo un riferimento per chi lotta per un cambio sociale, anche i suoi più energici detrattori sono costretti a consultarlo in tempi di crisi. Di fatto, è quasi del tutto impossibile ignorare questo economista e filosofo tedesco del XIX secolo, che ebbe la lungimiranza di predire con esattezza l’instabilità del capitalismo e di lottare per tutto l’arco della sua vita a favore di un sistema che superasse le sue ingiustizie e contraddizioni. Sviato da taluni e demonizzato da altri, le sue idee rappresentano tuttora una miscela esplosiva in tempi di crisi. Un inchiesta della BBC del 1999 lo ha definito come il “pensatore del millennio”, superando per importanza non poche delle principali figure della scienza, come Albert Einstein.

Secondo lo storico britannico, Eric Hobsbawm, durante la seconda metà del Ventesimo secolo, quasi tre quarti dell’umanità viveva in un sistema politico con alcuni orientamenti di tipo socialista e che si ispiravano a Marx. Nonostante i cambiamenti e le convulsioni che viviamo oggi, che configurano un mondo invero differente a quello della Prussia che vide nascere Marx il 5 maggio 1818, questi ultimi due secoli non hanno fanno nient’altro che confermare molte delle sue tesi. Non è un caso, infatti, che solo nel 2009 la vendita dei “Il Capitale”, il miglior testo in circolazione che analizza con precisione il funzionamento del sistema capitalista, è andato a “ruba” sia negli Stati Uniti che in Europa. Ora di fronte all’incapacità d’analisi della crisi da parte dei “think thank” neo-cons – gli stessi che parlano della mano invisibile del mercato – molti politici come l’allora presidente francese Nicolas Sarkozy dovettero ammettere di aver dovuto leggere quell’opera per comprendere la crisi strutturale del capitalismo.

Ciò nondimeno, le “ricette” dell’economista britannico John Maynard Keynes – che di certo è colpevole di qualsiasi cosa tranne di essere un rivoluzionario – svolsero una funzione egemonizzante per un breve periodo, lasciando in ombra gli studi di Marx. Le sue ricette contro la crisi è sul ruolo strategico dello stato nel capitalismo segnarono la maggior parte degli studi e delle analisi del secolo passato; sebbene con la discesa del neoliberalismo i suoi scritti cominciarono ad essere dimenticati. Fu Marx che predisse con precisione che il peso della crisi sarebbe ricaduto sulle spalle dei lavoratori e che infine i pesci grandi avrebbero mangiato quelli piccoli, in quello che egli definiva come il costante processo di accumulazione della ricchezza. Ebbene, questa realtà la vivono oggi milioni di persone, ivi incluso nella ricca Europa, dove non solo cadde il Muro di Berlino, ma anche quello dello stato sociale, che salvaguardava i lavoratori dall’espropriazione capitalista, garantendogli i diritti sociali.

Ora, se certe categorie come borghesia e proletariato possono sembrare di primo acchito antiquate per i nostri tempi, le rivendicazioni di quel 99% che è stanco di quel 1% che prende le decisioni su tutte le questioni più importanti, è senz’altro una conferma che la lotta di classe è il motore della storia, come ebbe a dire Marx. Qualche tempo fa, un libro di 650 pagine scritto dall’economista francese Thomas Piketty si è convertito in un best seller mondiale, là dove prende spunto per le sue analisi da una delle principali tesi del pensiero marxista: la tendenza verso l’accumulazione del capitale, dove i poveri saranno sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi. Il testo ha generato una discussione per nulla pacifica e taluni economisti in doppio petto hanno cercato di confutare i dati degli ultimi trent’anni che ha utilizzato l’economista francese. E chissà che questo non è servito a qualcosa. Queste tesi così chiare e semplici smontano con precisione il mito che la modernità porterebbe con se i benefici dei potenti all’intera maggioranza della popolazione mondiale, come del resto lo aveva già spiegato lo stesso Marx.

Come dimostrano molte inchieste del cosiddetto “Primo Mondo”, gli adulti di oggi non si sentono sicuri che i loro figli riescano a vivere meglio di loro e – anzi – sono convinti che i loro genitori vissero una congiuntura migliore della loro. “Tutto ciò che è solido, svanisce nell’aria”, ebbe a scrivere Marx nel Manifesto Comunista in merito alla tendenza distruttiva e nel contempo creatrice del capitalismo. Era il 1848, non c’erano né internet e nemmeno i telefoni della Apple.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessandro Pagani

Lascia un commento

Spam e commenti che non apportano alcuna informazione utile non sono ammessi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: