Yemen y Cuba hace 25 años votaron contra la guerra

Per non dimenticare. 25 anni fa, Cuba e Yemen soli contro la prima guerra del Golfopor Marinella Correggia
 
El 29 de noviembre tendria que ser uno de los dias de agradecimiento a Cuba para su acción historica para la paz, la solidaridad y la humanidad, contra el imperialismo de la guerra y de los privilegios. Hace 25 años Yemen y Cuba fueron los únicos que resistieron en el Consejo de Seguridad ante el secuestro de Naciones Unidas por parte de EE.UU. en la preparación de la devastadora “Tormenta del desierto”
 
 
• El 2 de agosto de 1990 Iraq invade Kuwait, al que acusa de llevar a cabo una guerra económica porque, al invadir el mercado con su petróleo, contribuyó a hundir el precio con enormes pérdidas para los iraquíes recién salidos de la desastrosa guerra con Irán. Pocos días antes el embajador estadounidense, April Glaspie, dio al presidente Saddam Hussein una suerte de  (engañosa) luz verde a la acción militar.
 
En los meses sucesivos EE.UU. obstaculiza cualquier posible solución diplomática y prepara la legitimación de la ONU a su guerra aérea: la “Tormenta del desierto”, operación que destruiría Iraq a partir de la madrugada del 16 de enero de 1991, con la participación de diversos países árabes y occidentales, entre ellos Italia. Pero ya desde agosto Bush padre manda a Arabia Saudita cientos de miles de hombres. Es la operación “Escudo del desierto”.
 
Yemen es el único país árabe en el Consejo de Seguridad de Naciones Unidas y, tomando en serio la tarea de representar el conjunto de la región, se rehúsa a participar en la votación sobre la inmediata resolución 660, que pide la retirada de Iraq del territorio de Kuwait. Entre tanto, Jordania busca una solución negociable ante la Liga Árabe, pero después de la primera reunión, con divisiones evidentes (los únicos que no comparten la posición norteamericana son Libia, Jordania, Argelia y Yemen), pero EE.UU. siguen adelante en el Consejo de Seguridad y la Liga es expulsada.
 
En el Consejo de Seguridad George Bush y sus aliados refundan las Naciones Unidas, convirtiéndola en un instrumento de la voluntad y el poder norteamericanos. Como escribió Phillis Bennis en el libro Calling the Shots. How Washington Dominates Today’s UN (Olive Branch Press, 1995), las Naciones Unidas están entre las “víctimas de la guerra del Golfo”, “convertida en agente legitimador de las decisiones unilaterales de la única superpotencia que queda”. “Por lo demás, Washington necesitaba un enfrentamiento militar con una clara victoria garantizada y con la aprobación de la ONU para hacer entender que, aún siendo la única superpotencia estratégica, no tenía la intención de bajar las cortinas, y que Moscú ya estaba en línea con el nuevo orden mundial”.
 
La Unión Soviética, en total declive, próxima a la disolución y formalmente dependiente de la ayuda accidental, no pone el veto – al que tiene derecho como miembro permanente del Consejo de Seguridad- a las resoluciones sobre Iraq. “¿Quiénes somos nosotros – responde con tristeza el embajador soviético en Naciones Unidas a un periodista – para decir que el Pentágono no puede tomar todas las decisiones de una guerra que será conducida en nombre de la ONU?”
También China apoya al no oponerse a Washington, ya sea por tener un papel diplomático más influyente, o por obtener un aligeramiento de las sanciones a que estaba sometida después de los sucesos de la plaza Tienanmen (1989).
 
La resolución clave que lleva a la guerra, el llamado ultimátum a Iraq, es la 687 del 29 de noviembre de 1990, que autoriza a los países miembros a cooperar con Kuwait utilizando todos los medios necesarios, por tanto la fuerza. Los Estados Unidos y las petromonarquías preparan el terreno utilizando el bastón y la zanahoria para ganarse el consenso de los miembros no permanentes. Entre estos últimos, además de los países occidentales (Canadá, Finlandia) y la Rumanía post – muro, uniformemente alineados a favor de la decisión norteamericana, los demás miembros de turno, pertenecientes al grupo de los no alineados, fueron convencidos al sonido de paquetes de ayuda, militar y de otro tipo: Costa de Marfil, Colombia, Etiopía, Malasia, Zaire. La Unión Soviética obtuvo 4 000 millones de los saudíes.
 
Cuba y Yemen son los dos miembros de turno del Consejo de Seguridad que desde el inicio de la crisis se alzaron, varias veces solos, recordando al Consejo la Carta de Naciones Unidas que invoca soluciones pacíficas a las controversias, y tratando de convencer a los demás miembros de alejarse de la línea beligerante de Washington. Con ellos, EE.UU. y los saudíes utilizan el bastón. A la espera de la resolución crucial la presión sobre los dos desobedientes se intensifica.
 
Realmente el bloqueo contra Cuba dura décadas, por tanto Estados Unidos no tiene muchos instrumentos diplomáticos ni económicos. Pero de todas formas prueban: vísperas del voto se desarrolla en Manhattan el 28 de noviembre, el primer encuentro ministerial entre Washington y La Habana en 30 años. Es a todas luces una revisión de la posibilidad de convencer a los cubanos de desistir. Nada que hacer: el  29  de noviembre 1990 Cuba y Yemen votan contra la resolución 687, la resolución de guerra… China se abstiene, todos los demás votan a favor.
 
Yemen – el país más pobre de la región, recientemente unificado- paga un precio muy alto por la valentía de violar el consenso ordenado por los estadounidenses. Pocos minutos después de la votación, Estados Unidos le comunica al embajador Abdallah Saleh al-Ashtal: “Será el no más caro que jamás hayan dicho”, y cancelan el plan de ayuda de 70 millones de dólares. No era suficiente: por su parte Arabia Saudita expulsa a cientos de miles de trabajadores yemenitas. Una retorsión nazi.
 
La madrugada del 16 de enero de 1991 Estados Unidos y sus aliados comienzan a bombardear, a pesar de la respuesta positiva de Iraq a los últimos intentos de negociación por parte del secretario general de Naciones Unidas; de Irán (apoyado por Moscú), y de Nicaragua, La India y Alemania (Daniel Ortega fue el único jefe de Estado que se trasladó a Bagdad para evitar la guerra).
 
Mientras las ciudades iraquíes son destruidas por las bombas poco inteligentes  y los soldados que se retiran de Kuwait son sepultados vivos en el desierto por los marines, Moscú apoya la aceptación por la parte iraquí de la resolución 660: la retirada de Kuwait, pero EE.UU, y Gran Bretaña piden más inmediatamente y siguen bombardeando. 
 
 [Trad. Yenia Silva]

Unisciti alla campagna globale per la Palestina!


Unisciti alla campagna globale, twitta in solidarietà con la Palestina.
‪ #‎29NovPalestine‬ ‪#‎FreePalestine‬

Sulla destabilizzazione delle democrazie in America Latina

downloaddi Luiz Alberto de Viana Moniz Bandeira [i] http://www.laondadigital.uy

Lo scienziato politico, Luiz Alberto de Viana Moniz Bandeira, afferma che gli Stati Uniti persistono nel loro intento di destabilizzare i governi di sinistra in America Latina e che ciò si è potuto osservare nelle recenti manifestazioni pseudo spontanee che reclamano l’impeachment di Dilma Rousseff. Sostiene che le organizzazioni nordamericane come la CIA, la NSA (Agenzia Nazionale sulla Sicurezza) e le ONG vincolate a queste, agiscono in modo attivo per destabilizzare i governi progressisti dell’America Latina.

 

  • Il leader del PT alla Camera, Sibá Machado (AC), ha spiegato nelle reti sociali che la CIA tenta di destabilizzare i governi democratici dell’America Latina. Come valuta questo fatto di fronte agli episodi storici che dimostrano che gli USA sono dietro a questi processi di destabilizzazione dei governi di sinistra e progressisti?

 

MB – Da molto tempo Washington crea delle ONG con il proposito di promuovere e intraprendere delle manifestazioni, utilizzando le risorse provenienti dall’USAID, dal National Endowment for Democracy (NED), dalla CIA, l’Open Society Foundation (OSF) del multimiliardario George Soros, la Freedom House, l’International Republican Institute (IRI), sotto la guida del senatore John McCain, ecc. queste istituzioni lavorano apertamente con il settore privato, con i municipi e i cittadini, come anche con gli studenti reclutati per svolgere corsi negli USA. Hanno proceduto nella stessa maniera nei paesi dell’Eurasia, dove dal 1989 al 2000 si sono create più di 500.000 organizzazioni, la maggior parte della quale si trova in Ucraina. Altre sono state organizzate in Medio Oriente per far nascere la Primavera Araba.

La strategia consiste nello sfruttare le contraddizioni che esistono all’interno del paese, i problemi interni, con lo scopo di aggravarli per generare turbolenza e caos, fino a rovesciare il governo in carica, senza ricorrere a colpi militari. In Ucraina, all’interno del progetto TechCamp, istruttori al servizio dell’ambasciata americana, in quel momento diretta dall’ambasciatore Geoffrey R. Pyatt, preparavano, sin dal 2012, a specialisti e professionali nel campo della guerra d’informazione e discredito delle istituzioni dello Stato. Questi uomini sono esperti nell’usare il potenziale rivoluzionario dei mezzi di comunicazione moderni, sovvenzionando la stampa su carta e quella radiofonica, le reti televisive e i siti Internet, per manipolare l’opinione pubblica e organizzare proteste con l’obiettivo di sovvertire l’ordine costituito nel paese e abbattere il presidente Viktor Yanukovych.

Questa strategia si fonda nelle dottrine del professor Gene Sharp e della Political Defiance, in altre parole, della Sfida Politica, termine impiegato dal colonnello Robert Helvey, specialista della Joint Military Attache School (JMAS), al servizio della Defense Intelligence Agency (DIA). La dottrina descrive la forma per abbattere a un governo e conquistare il controllo delle istituzioni, mediante la pianificazione delle operazioni e la mobilitazione popolare per assaltare le fonti del potere dei paesi considerati ostili agli interessi e ai valori dell’Occidente (Stati Uniti).

Tale strategia ha determinato, in gran misura, la politica del regime change, la sovversione in altri paesi, senza ricorrere al colpo militare, incrementata dal presidente George W. Bush, nelle cosiddette “rivoluzioni colorate” in Europa e in Eurasia, così come nell’Africa settentrionale e in Medio Oriente. Spiego nel dettaglio e con prove contundenti come si porta a termine questa strategia nel mio libro, La Segunda Guerra Fría, e attualmente sto analizzando e scrivendo un altro volume, El Desorden Mundial, nel quale approfondisco lo studio su quello che è accaduto e avviene in vari paesi, soprattutto in Ucraina.

 

  • Oltre alla CIA, in che forma agiscono gli USA contro i governi di sinistra in America Latina?

 

MB – Non si tratta di un tema di carattere ideologico, ma di governi che non si sottopongono alle direttive di Washington. Una potenza mondiale come gli USA è più pericolosa quando inizia a perdere l’egemonia che non quando espandeva il suo impero. Il monopolio che ottenne dopo la Seconda guerra mondiale con la produzione della moneta internazionale di riserva – il dollaro – sta subendo la sfida della Cina, della Russia e del Brasile, il quale si è associato con questi paesi nella creazione della Banca Internazionale di Sviluppo (BID), come alternativa al FMI, alla Banca Mondiale, ecc.

Inoltre la presidente brasiliana, Dilma Rousseff, ha denunciato davanti all’ONU lo spionaggio da parte del NSA; ha respinto l’acquisto dei caccia americani, preferendolo aprire con la Svezia; ha rifiutato di cedere il pre-sal[ii] alle compagnie petrolifere americane e non si è allineata con gli Stati Uniti su altri temi di politica internazionale, come invece sì è accaduto in diversi paesi dell’America Latina.

 

  • Il governo del Venezuela sta denunciando la partecipazione di Washington nei tentativi di golpe. Si sta verificando lo stesso con il Brasile?

 

MB- Evidentemente esistono degli attori, professionisti ben pagati, che agiscono sia in Venezuela, Argentina e Brasile, appartenenti o meno alle ONG, al servizio dell’USAID, National Endowment for Democracy (NED) e altre entità americane. Non è stato un caso se il presidente russo, Vladimir Putin, ha chiesto la creazione di un registro di tutte le ONG che operano sul territorio russo e che fosse indicata la fonte delle loro risorse e come sono impiegate. Il Brasile dovrebbe fare qualcosa di simile. Le manifestazioni del 2013, così come quelle più recenti, in opposizione alla rielezione della presidente Rousseff, indubbiamente non sono state spontanee. Gli attori, con appoggio esterno, fomentano e incoraggiano la dura lotta di classe che c’è in Brasile, la quale è stata potenziata dal momento in cui un leader sindacale, Lula, è stato eletto presidente della Repubblica. I quotidiani brasiliani, come quelli tedeschi, hanno evidenziato che la maggior parte di quelli che hanno partecipato alle manifestazioni di domenica 15 (marzo [N.d.T.]), era gente della classe media alta e alta, cioè di chi ha soldi.

 

  • Secondo lei, quali sono gli interessi che Washington considera contrastati dal governo del PT per giustificare la partecipazione della CIA e dei gruppi imprenditoriali di destra, come quello dei fratelli Koch (industria petrolifera), nel finanziamento delle mobilitazioni contro Dilma? Il pre-sal, per esempio?

 

MB – Gli interessi sono compositi come ho spiegato poc’anzi. È molto strano il modo in cui si è avviata l’Operação Lava-Jato[iii], la quale è partita da una denuncia “premiata” e con un’ampia partecipazione da parte della stampa, ma priva delle prove materiali che dimostrassero quanto accaduto. Nella sua lettera testamento, il grande presidente Getúlio Vargas (1882-1954) aveva già denunciato che “La campagna sotterranea dei gruppi internazionali si è alleata con quella dei gruppi nazionali che si mostravano contrari al regime di garanzia del lavoro. (…) Contro la giustizia dell’emendamento del salario minimo si sono scatenati degli odi. Ho voluto sviluppare la libertà nazionale, mediante il potenziamento delle nostre ricchezze, creando la compagnia Petrobrás e, non appena questa comincia a funzionare, l’ondata di agitazione s’ingigantisce. L’Eletrobrás è stata ostacolata fino alla disperazione. Non vogliono che il lavoratore sia libero. Non vogliono che il popolo sia indipendente”.

 

  • Come interpreta lei la nascita di gruppi di destra in Brasile con un programma completamente allineato agli interessi degli USA?

 

MB – I gruppi di destra esistono in Brasile come in qualsiasi altro paese. Si sono ravvivati con la crisi economica scoppiata nel 2007-2008 e che ancora oggi continua in diversi paesi come il Brasile, dove hanno fatto irruzione con più ritardo rispetto all’Europa. La destra è stata sempre stimolata dagli interessi di Wall Street e dal complesso industriale USA, il quale è governato dalla corruzione, la cui porta girevole – esecutivi delle imprese/segretari del governo – non ha mai smesso di funzionare in tutte le amministrazioni che si sono succedute.

 

  • Tra gli organizzatori delle manifestazioni di protesta c’è gente sicuramente a favore della privatizzazione di Petrobrás e delle ricchezze nazionali. Queste persone manifestano un evidente complesso d’inferiorità nei confronti degli interessi stranieri. Come si potrebbe analizzare questo movimento alla luce della storia del Brasile? Siamo di nuovo di fronte al dilemma nazionalismo versus cedimento?

 

MB – È evidente che dietro all’’Operação Lava-Jato”, l’obiettivo che si vuole perseguire è quello di screditare la Petrobrás e le imprese statali per creare le condizioni che porteranno alla loro privatizzazione. Tuttavia sono sicuro che le forze Armate non lo consentiranno. Non interverranno nel processo politico né esistono le premesse per un colpo di Stato tramite l’impeachment della presidente Rousseff, contro la quale non esiste nessuna prova di corruzione, frode elettorale, ecc. Argomenti sempre usati nella liturgia sovversiva delle entità e dei leader politici che l’USAID, la NED e le altre organizzazioni che gli Stati Uniti patrocinano.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Vincenzo Paglione]

NOTE:

[i] Luiz Alberto Moniz Bandeira, analista politico, storico brasiliano.

[ii] Pre-sal,  parte del sottosuolo marittimo che si trova sotto uno strato di sale. Si stima che le maggiori riserve di petrolio, ancora inesplorata, sono presenti sotto lo strato del sottosuolo marittimo del Brasile, del Golfo del Messico e della costa occidentale dell’Africa. [N.d.T]

[iii] Operação Lava-Jato (Operazione Lavaggio delle Macchine), nome dato a un’investigazione realizzata dalla Polizia Federale del Brasile su presunti fatti di corruzione che ha visto coinvolta la compagnia petrolifera Petrobrás, mediante il movimento illegale di grosse somme di denaro che seguiva lo schema adottato del lavaggio del denaro sporco. In quest’operazione si sono visti coinvolti diversi uomini d’affari e politici dell’entourage della presidente Rousseff.

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: