(VIDEO) Venezuela: il popolo armato non sarà mai schiacciato!

79465005_3766058573407936_7777831910700482560_odi Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana “CaracasChiAma”

“Oggi è un giorno di vittoria: sette anni dopo, il famoso Giorno della Lealtà e dell’amore per Chávez, posso dichiarare al Venezuela e al mondo che abbiamo raggiunto i 3 milioni e 300 mila miliziani e miliziane organizzati, addestrati, armati e disposti a difendere l’unione del Venezuela, la sua indipendenza e la pace”.

In questo modo il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, ha commemorato il VII anniversario di una data tristemente storica, quella dell’ultima apparizione televisiva del comandante Hugo Chávez, quando annunciò che sarebbe partito per Cuba per l’ennesima operazione contro il cancro e “sapendo” che non ce l’avrebbe potuta fare, fece il suo testamento politico in diretta tv.

Era l’8 dicembre 2012.Il presidente Maduro per l’occasione ha twittato: “Oggi 8 dicembre abbiamo rispettato l’obiettivo, raggiungendo i 3 milioni e 300 mila miliziane e miliziani organizzati, addestrati, armati e disposti a difendere l’indipendenza e la Pace della Patria. La milizia bolivariana è il raggiungimento del successo della Forza Armata Nazionale Bolivariana e dell’Unione Civico-Militare. Lunga vita alla Milizia!”

“Poiché la Milizia Nazionale Bolivariana è il popolo in armi, è la vera espressione dell’unione civile-militare”, ha aggiunto dal palco della Plaza Bolívar-Chávez a La Guaira nello stato Vargas, dove migliaia di uomini e donne si sono riuniti per accogliere il capo di Stato dopo la massiccia manifestazione realizzata questa domenica per le strade della città costiera.”

L’obiettivo per il 2019 era stato fissato in modo molto chiaro, era di 3 milioni e posso dire che entro la fine di quest’anno, abbiamo superato l’obiettivo e abbiamo 3 milioni 300 mila effettivi, pronti, ben disposti, organizzati per la difesa del Venezuela, della pace, per la profonda unione civico-militare. Oggi continuiamo con lo stesso spirito di sempre. Da qualsiasi punto dove si trova il nostro comandante Hugo Chávez, so che ci guarda felice e orgoglioso perché questo è il paese e la Patria che ha costruito, contrassegnandolo sempre con vittorie”.

Il Presidente si è congratulato con le Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB), col Ministro della Difesa e con il comando strategico operativo, nonché con lo Stato Maggiore Generale e con i comandanti di ogni componente, e in particolare il capo della Milizia, maggior generale Bernal Martínez, “Per questo risultato, che è il risultato di tutte le Forze Armate.”Maduro ha inoltre proceduto a decorare con la Medaglia Civico-Militare 13 aprile, militari meritevoli, ha concesso promozioni al grado superiore ed ha firmato sul Libro dei Verbali l’ufficializzazione del numero record raggiunto.

Da parte loro, le miliziane ed i miliziani hanno fatto un regalo istituzionale al presidente per conto delle 3 milioni e 300 mila della Milizia. Il dono è consistito nel fucile utilizzato dal popolo armato antimperialista.

Una donna membro della milizia, lavoratrice di imprese statali nel sud del paese, ha letto la targa commemorativa dell’evento affermando che il popolo armato non sarà mai calpestato dall’oligarchia priva del senso della patria e difenderà il Venezuela dai suoi nemici.

___

___

___

___

(VIDEO) Convegno Internazionale sulla Comunicazione: adesso parlo io

Risultati immagini per marcha chavistadi Nestor Francia

Oggi 4 dicembre si chiude il Convegno Internazionale sulla Comunicazione. Il successo è sotto gli occhi di tutti. Il solo fatto di riunire in un solo luogo così tanti comunicatori in lotta, provenienti da ogni latitudine, rappresenta un importante traguardo. La grande creatività nel diffondere l’evento, dove ha giocato un ruolo fondamentale il mio amico Alberto Arangibel, è un’altra cosa che ci lascia assai soddisfatti, così come le numerose e corrette dichiarazioni su temi tanti urgenti e sostanziosi che riguardano l’attualità Latinoamericana.

Per quanto concerne i risultati sul lungo periodo, non possiamo ancora valutarli. Nella diverse interviste rilasciate ai cari media alternativi e comunitari, che poi sono quelli più democratici in Venezuela, ho affermato che questo Convegno potrà aprire solo delle strade che ci toccherà percorrere. Abbiamo il compito di lavorare affinché tutte le idee nate in questi tre travagliati giorni acquistino sangue e carne. Abbiamo bisogno, senza alcun dubbio, di forgiare gli strumenti che ci permettano di essere competitivi con il poderoso esercito della comunicazione dei nemici del popolo, complesso mediatico-militare che proprio in questo momento ci aggredisce. Nel campo della comunicazione, i nemici contano su ingenti risorse, comprovata esperienza, coerenza concettuale e organica, un apparato strutturato capace di generare matrici comunicative, attraverso manipolazioni ed occultamenti, che preparano il terreno per le aggressioni politiche, economiche, diplomatiche, culturali e militari contro i popoli.

Devo ammettere di non essere rimasto del tutto soddisfatto, come del resto spesso mi succede, da questo Convegno. Mi sarebbe piaciuto un dibattito più ampio e approfondito su temi fondamentali, come ad esempio il discorso della sinistra: il che cosa, il come e le modalità di trasmissione dei nostri messaggi (avrei gradito discussioni più che lezioni magistrali). Il Convegno ha avuto, sicuramente, altre carenze occasionali, com’è naturale che ci siano durante un’attività tanto complessa e impegnativa. Questo non offusca in nessun modo il suo brillante svolgimento. Ripeto, com’è naturale, in tutto ritroviamo luci e ombre.

Per quanto riguarda il dibattito di cui dicevo, questo è necessario soprattutto alla luce dei segnali che la realtà ci offre. Viviamo nel mondo, specificamente in America Latina e ai Caraibi, in una sorta di effetto pendolo che oscilla tra la sinistra e la destra, una ruota infernale.

In tempi recenti abbiamo ottenuto vittorie in Messico e Argentina, ma anche incassato sconfitte in El Salvador, Bolivia e Uruguay. In Venezuela abbiamo retto positivamente all’urto dell’imperialismo e delle oligarchie. È stato importante per le forze di liberazione continentale, ma questa resistenza ha avuto un alto costo: la dispersione delle energie popolari che sarebbero tornate utili per la costruzione più veloce e profonda della nuova realtà. Questo processo è stato ostacolato dall’assedio nemico, dai nostri stessi errori e anche da un certo venir meno dell’appoggio popolare.

Questa danza del pendolo, questo oscillare avanti e indietro, ha origine nei nostri stessi errori e carenze nel campo della comunicazione. Spesso mi chiedo come sia stato possibile che processi socio-politici come quelli avvenuti in Venezuela e Bolivia, che hanno reso realtà rivendicazioni ampiamente desiderate dalle classi popolari, possano aver subito sconfitte tanto eclatanti come quella verificatasi nel 2015 da noi in Venezuela (che poi è risultata essere l’origine del Guaidoismo, facendo cadere l’Assemblea nazionale in mano alla destra) o la sconfitta più recente in Bolivia.

In quest’ultimo caso l’indebolimento dell’appoggio popolare a Evo e al MAS è servito come pretesto per il colpo di stato. Alle elezioni del 2014 Evo ottenne i 63,36% dei voti, in quelle del 2019 ha raccolto il 47,08%. Una perdita di più di 16 punti percentuali. La differenza di appena qualche decimo di punto, che ha permesso a Morales di raggiungere il vantaggio qualificato per ottenere la vittoria al primo turno, è stata la scusa perfetta per gridare ai brogli e giustificare la rivolta violenta dei golpisti.

Che cosa è successo in questi due casi? Ci soffermeremo in questa analisi, ma nessuno ha dubbi che gli errori del nostro discorso abbiano molto a che vedere con questi attacchi vittoriosi dell’imperialismo e della destra, come del resto negli altri casi che non elenchiamo.

Per ultimo, nella strada da fare a partire da questo Congresso, il dibattito delle idee va a giocare un ruolo fondamentale. La sinistra ha bisogno di molto di più che auto-celebrarsi se vuole svolgere positivamente il suo preteso ruolo di avanguardia.

Chávez una volta disse di aver cavalcato un’onda rivoluzionaria e che quell’onda sarebbe andata avanti e che avrebbe potuto travolgere anche lui. Ciò che sta prendendo forma nel mondo attuale indica l’avvento non di un’onda, bensì di uno tsunami dei popoli. Questo massiccio, profondo, fenomeno vulcanico annienterà molte leadership, dogmi, idee, eredità e modelli. Arriveranno nuovi dirigenti emersi da questa gigantesca ondata e anche, necessariamente, nuove forme di comunicazione tra i popoli. Questo tsunami potrebbe travolgere anche i comunicatori di sinistra se non adotteranno gli inevitabili cambiamenti che richiedono urgentemente i nostri strumenti e il nostro discorso.

L’ultima cosa che dirò è che voglio felicitarmi con la compagna Tania Diaz, la grande timoniera del processo di preparazione per questo Congresso, e complimentarmi con la squadra che l’ha coadiuvata impegnandosi oltre ogni limite e con dedizione totale. Un abbraccio a tutti.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

___

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: