¿A quién benefició la Republica Checa al revivir un escándalo a la Inteligencia rusa?

por theduran.com

Cuando una vez más nos enteramos de las travesuras de los “malvados” rusos, tenemos que profundizar mucho en busca de la verdad.

Los escándalos de espías que involucran a Rusia han dejado de sorprender desde hace mucho tiempo. Puede que no lo hayan notado, pero Bulgaria también expulsó recientemente a diplomáticos rusos por cargos de espionaje.

Desafortunadamente, ha habido muchos incidentes de este tipo. Esto puede indicar una activación alarmante de los servicios secretos rusos. Por otro lado, estos escándalos recuerdan cada vez más la historia del pastor que gritó: «¡Lobos!»

El día anterior, las autoridades checas expulsaron a 18 diplomáticos rusos que, según Praga, estuvieron involucrados supuestamente en un incidente hace siete años. En el 2014, se destruyó un depósito de armas en Vrebtice. Los medios de comunicación locales justificaron las acciones de los rusos por el hecho de que el almacén se utilizó para almacenar armas para Ucrania. Las entregas pasaron por alto el embargo cuando la lucha más feroz con los rebeldes prorrusos estaba teniendo lugar en Donbass.

“Yo, como Ministro de Relaciones Exteriores checo, he decidido expulsar a todos los empleados de la embajada rusa en Praga que han sido claramente identificados por nuestros servicios de inteligencia como oficiales de los servicios secretos rusos el Servicio de Inteligencia Exterior-SVR y el Directorio Principal del Alto Estado Mayor-GRU. En 48 horas, 18 empleados de la embajada rusa deben abandonar la República Checa”, dijo Jan Gamachek.

Incluso en esta etapa hay muchas preguntas. Cuando en la República Checa comenzaron a hablar sobre la participación de Petrov y Boshirov en el incidente de Vrebtice, el escándalo en general comenzó a parecerse a una parodia barata de las películas de Bond.

Los rusos Aleksandr Petrov y Ruslan Boshirov son conocidos por la saga de espías en Salisbury, Gran Bretaña. En marzo del 2018, se llevó a cabo allí el intento de asesinato del desertor Sergey Skripal, un ex empleado de los servicios secretos rusos. Londres ha culpado a Moscú del ataque, explotando despiadadamente el escándalo para cubrir los fracasos de Theresa May con el Brexit.

“Surgen muchas preguntas”, dijo el periodista checo Zdenek Batrak en un comentario para la publicación ucraniana “Strana”. — “Uno pensaría que los rusos solo tenían dos agentes que envenenaron a los Skripals y volaron los almacenes. Es un poco anecdótico”.

Hay otras rarezas en esta historia. Incluso el almacén supuestamente destruido por los rusos llama la atención. El complejo privado era tan secreto que ni los lugareños ni los funcionarios lo sabían. Sin embargo, el volumen de armas almacenadas allí sería suficiente para un pequeño ejército.

“Hay pruebas de que se trataba principalmente de un comercio de armas para Ucrania. ¿Cómo es posible que nuestras fuerzas de seguridad no lo supieran ya? No debería haber sucedido en absoluto”, dice Batrak.

Dudando de la veracidad de la versión del gobierno, el periodista cree que el escándalo está diseñado para resolver dos problemas. Las autoridades están tratando de desviar la atención pública de los problemas económicos internos relacionados con la pandemia de coronavirus. Al mismo tiempo, están tratando de silenciar un caso antiguo, porque se trata de la venta ilegal de armas a Ucrania. Este hecho, curiosamente, se ha pasado por alto.

Pero hay otras razones que podrían haber sido el detonante de una manipulación a tan gran escala. Recientemente, los servicios de seguridad rusos hicieron su propia incursión en Occidente, anunciando que estaban preparando un intento de asesinato de Alexander Lukashenko. Se alega que se llevó a cabo una operación en Bielorrusia «para reprimir las actividades ilegales» de Alexander Feduta y Yuri Zyankovich. Este último tiene ciudadanía estadounidense, lo que llevó a la acusación de la participación de Washington en el intento de asesinato.

“Zyankovich, según la información recibida, estaba conectado con los servicios secretos de Estados Unidos. En el territorio de Bielorrusia llevó a cabo búsquedas, intentó reclutar y sobornar al personal militar”, dijo Konstantin Bychek, jefe del departamento de investigación de la Comité de Seguridad del Estado de Bielorrusia-la KGB.

El Departamento de Estado niega la participación de la administración estadounidense en el incidente. Pero es bien sabido que Estados Unidos está del lado de la oposición bielorrusa, que busca la renuncia de Lukashenko. Este hecho, con la ayuda de los propagandistas del Kremlin, bien puede haber suscitado dudas sobre la piedad estadounidense entre el público occidental. Sobre todo porque para la CIA, los intentos de asesinato de políticos extranjeros son una práctica común. Naturalmente, en tal situación era necesario desviar la atención de las actividades de los servicios secretos estadounidenses a las de los servicios secretos rusos.

Hay otra versión, según la cual el escándalo se avivó para interrumpir las entregas a la República Checa de la vacuna rusa contra el coronavirus “Spútnik V”, así como un contrato importante de la corporación estatal rusa Rosatom.

En febrero, el jefe del Kremlin, Vladimir Putin, prometió al presidente checo Milos Zeman garantizar el suministro de la vacuna “Spútnik V”. Dados los problemas de vacunación que afectan a los países de la Unión Europea, la decisión de llegar a un acuerdo con Moscú estaba justificada. Pero ahora Praga se ha visto obligada a rechazar el medicamento ruso.

«La única opción es centrarse en las vacunas que han sido probadas y aprobadas por la Agencia Europea de MedicamentosEMA»,-dijo el ministro de Relaciones Exteriores checo.

Para gran pesar de los 3 millones de víctimas del coronavirus, la propagación de la vacuna todavía tiene un contexto político y económico. Rusia ha sido acusada repetidamente de abusar de la “diplomacia de las vacunas”. Cuando los países occidentales prefirieron almacenar vacunas, Moscú promovió activamente su propio medicamento. Al hacerlo, no solo creó una imagen para sí misma, sino que también sacó del mercado de vacunas a empresas como la estadounidense Pfizer o la anglo-sueca AstraZeneca.

En cuanto a Rosatom, fue excluida de la licitación de la central nuclear de Dukovany después del escándalo del supuesto espionaje. Washington ha intentado antes disuadir a Praga de cooperar con la empresa rusa en la licitación para construir una nueva unidad de energía de 6.000 millones de euros. Ahora la República Checa tendrá que elegir entre la francesa EDF, la surcoreana KHNP y la estadounidense-canadiense Westinghouse, aunque Rusia ofreció un reactor de última generación dos veces más barato que sus análogos.

Por el momento, es difícil decir si los diplomáticos rusos fueron acusados ​​correctamente. Pero está muy claro quién se beneficia de este escándalo. Y no hay duda de que Joe Biden tenía influencia sobre Moscú justo antes de reunirse con Vladimir Putin. Suerte increíble.

Jhon Montesinos: “Legitimamos el compromiso de las universidades en la formación de la Criptoactividad”

La ideas es legitimar el conocimiento de la Criptoactivdidad y el Ecosistema Petro en el país.

La ideas es legitimar el conocimiento de la Criptoactivdidad y el Ecosistema Petro en el país.

por Yahvé Álvarez
Yahvealvarez1@gmail.com

En gira nacional desde el estado Zulia

En la cede la Universidad Unasur en el occidente del país, se promueve el conocimiento en la economías digitales como alternativa financiera positiva para el pueblo venezolano.

En gira nacional, de formación y divulgación instruccional la dinámica de la “Criptoactividad en Venezuela se legitima desde el pódium que ofrece la educación superior del país”, puntualizo en experto en Criptomonedas Jhon Montesinos.

El especialista en economía digital, Jhon Montesino, Secretario General de la Criptoactivo del Federación venezolana de Estudiantes Universitario (FVEU), y presidente de la Red de Entusiasta en Criptoeconomía (REC), desde el Centro De Investigación Administrativos, Contables y Económicos, del Municipio Colon Santa bárbara Estado Zulia, aseveró que “En esta nueva esta económica del país, producto de la agudización del bloque y las sanciones económicas del exterior, las universidades públicas de la nación, proponen legitimar el conocimiento de la zona Critopactivo, como mecanismo alternativo para oxigenar las finanzas del país”.

Contenido de la actividad

No obstante sobre la base de esta realidad, el especialista en economía digital, Montesinos, el Criptoentusiasta presentó una ponencia, titulada, “Criptomonedas y Ecosistemas Petro”, como parte de una agenda de gira nacional, orientada en informar en términos pedagógicos “la importancia que juega, en las universidades y centros de investigación especializados en la materia, la generación del conocimiento necesaria y practico, en la población general, todo esto para hacer posible una nueva cultura positiva en el país, en el uso productivo y óptimo de la dinámica que juega la Criptoactividad, para la sana finanzas de la nación, y su relación comercial con sus socios estratégicos fuera del país”.

Esta actividad académica y de divulgación pedagógica, estuvo acompañado con los especialistas en el área de la economía digital como Carlos Oñates Vicepresidente de la REC y Francisco Bueno, como coordinador REC para el área centro occidental del país; todo esto con el apoyo de las autoridades regionales del estado Zulia, y los miembros del Consejo Universitario de las instituciones de formación superior visitadas en la zona.

Es importante subrayar, que todo esto este esfuerzo de gira nacional, es para hacer posible, los preparativos del “II Congreso Nacional de Criptoactivos” Aragua 2021, actividad a realizarse entre los días 22 al 24 de abril del presente años. “EL PETRO EXISTE Y ES REAL EN LA ECONOMÍA DEL PAÍS”.

 

Che prezzo ha la pace?

Nessuna descrizione della foto disponibile.di Giuseppe Acciaio 

Alla fine del 2020 l’esercito australiano ha pubblicato il resoconto dei crimini di guerra commessi dai propri soldati in Afghanistan, i cui particolari hanno scosso tutte le comunità del mondo e hanno inferto un duro colpo alla reputazione politica del continente verde, uno dei principali alleati degli Stati Uniti al di fuori della NATO nella protezione e promozione della democrazia e dei valori europei.

Tanto acclamato rapporto è il frutto di un’indagine durata quattro anni, svolta sotto la guida del giudice e l’ispettore generale delle forze armate Australiane Paul Brereton. Il motivo di tale indagine è stata la relazione presentata dalla sociologa Samantha Crompvoets, che stava effettuando la ricerca sul servizio dei soldati delle forze armate speciali. Durante le numerose interviste dei soldati, lei ha scoperto che alcuni di loro hanno ucciso diversi afgani disarmati, cosa che lei ha immediatamente segnalato al comando dell’esercito australiano.

Dopo aver verificato numerosi fatti, descritti dettagliatamente dalla sociologa, la commissione capeggiata da Brereton è arrivata alla conclusione, che nel periodo della permanenza del gruppo internazionale nell’Afghanistan i soldati australiani hanno ucciso come minimo 39 civili e prigionieri. E due persone sono state sottoposte a delle torture.

Oltre alle prove fornite nel documento che testimoniavano i 39 omicidi commessi dall’élite delle forze speciali australiane, si è scoperto che le vittime dei soldati non erano i terroristi, come l’Occidente voleva credere e presentare al mondo intero, ma civili e i presunti membri dei gruppi radicali che al momento del massacro erano disarmati e non rappresentavano alcuna minaccia.

Ancora più scioccante è il fatto che gli omicidi dei civili, come segue dal rapporto, erano fondati su una specie del codice interno, esistente tra gli ufficiali militari noto anche come “il battesimo di sangue”, che doveva istruire i giovani soldati, arrivati per la prima volta nella zona di guerra, sottoponendosi a questo rito barbarico. Inoltre non era affatto necessario di scendere sul campo di battaglia, per nascondere le barbarie, i valorosi difensori dei valori e principi morali europei ai corpi martoriati aggiungevano le trasmittenti e gli armi per inscenare la minaccia.

Tra numerose atrocità elencate nel report vi è un episodio scioccante, che resterà impresso a lungo nelle menti della comunità mondiale, compromettendo del tutto l’immagine delle forze militari Australiane.

 Nel poco lontano 2012, durante il pattugliamento della zona i soldati australiani avevano fermato due adolescenti afgani i quali erano sospettati di essere collegati ai talebani.Durante la loro perquisizione non è stato trovato nulla di illegale, ciò nonostante i militari hanno tagliato senza pietà la gola ai quattordicenni,dopodiché li hanno messo nei sacchi e scaricato i corpi nel fiume più vicino. Purtroppo questo è solo un esempio, preso a caso, dal rapporto sui crimini commessi dalle forze speciali australiane in Afghanistan.

Oltre al fatto stesso degli omicidi di massa dei civili afgani, ancora di più suscita la preoccupazione il fatto che non è stata aperta alcuna indagine e la notizia di tali atrocità è sfuggita dall’attenzione delle organizzazioni internazionali per la tutela dei diritti umani, e i colpevoli restano a giorno d’oggi del tutto impuniti.

Il capo delle forze armate Australiane Angus Campbell per le barbarie dei suoi subordinati si è scusato pubblicamente davanti al paese, e per non danneggiare ulteriormente l’immagine ha annunciato una serie di riforme nella struttura militare e il riesame dell’assegnazione delle onorificenze dei soldati che hanno prestato il servizio militare in Afghanistan.

Il Primo Ministro australiano Scott Morrison ha chiesto pubblicamente scusa per gli omicidi al Presidente Afgano Ashraf Ghani, gli ha promesso che punirà severamente le persone che li hanno commesso. Anche se, a giorno d’oggi, a parte le vuote promesse nulla è stato fatto.

La maggior parte dei difensori dei diritti umani in Australia è convinta che il processo contro gli assassini si protrarrà per gli anni, in modo che, nessuno dei colpevoli sconterà la pena per i crimini commessi. Tuttavia l’indifferenza australiana all’argomento in qualche modo si spiega con la cinica indifferenza delle autorità afgane. Il presidente Ashraf Ghani ha accettato le pubbliche scuse del Primo Ministro, in prospettiva di non compromettere futuri investimenti e gli aiuti dell’Occidente, affrettandosi a dimenticare gli omicidi dei propri compatrioti. 

L’Europa insieme alle sue infrastrutture per la tutela dei diritti umani, ha preferito di non mettere sotto i riflettori le atrocità commesse per non danneggiare l’immagine dei valori europei, radicata nella società mondiale che esclude a priori la commissione di atti barbarici con tale violenza.

 Anche se gli atti sopramenzionati, nella loro sostanza sono i sintomi di una società psicologicamente malsana. In questa prospettiva, l’accettazione e la consapevolezza di tale piaga, e la sua discussione potrebbe essere il primo passo per il suo sradicamento e cura. Dopotutto, nessuno di noi vorrebbe incontrare in tempi pacifici le persone che hanno commesso tali crimini.

È importante sottolineare che il report di Brereton è solo la punta dell’iceberg, in realtà, tali omicidi vengono commessi più spesso di quanto si crede non solo dai rappresentati del contingente australiano, ma anche da altre forze alleate, dove negli Stati Uniti tutto questo è sostenuto da una sorta del “codice del silenzio”, che a sua volta produce un circolo vizioso per commettere altri crimini.

A questo proposito, è del tutto lecito chiedersi: l’Europa e l’Occidente hanno il diritto morale di promuovere gli alti valori della democrazia con le armi in mano, se i loro rappresentanti, portatori di questi valori, calpestano sfacciatamente e cinicamente ciò che è il cardine fondamentale dello sviluppo della società moderna –  la vita e i diritti umani?

La UE no ha aceptado por razones políticas introducir el suministro de la vacuna Sputnik…

por theduran.com

… aun cuando se enfrenta a una crisis por desabasto. 

La Unión Europea tuvo una gran oportunidad de demostrar unidad y cohesión, pero los líderes del bloque no rompieron con la tradición.

La pandemia de coronavirus fue un triste recordatorio de lo dividido y débil que está el bloque europeo casi 30 años después de su fundación. Las dificultades encontradas no unieron a los países de ninguna manera. Al contrario, se han convertido en motivo de discordia.

Hasta ahora, la crisis migratoria ha sido un excelente ejemplo de división europea, pero la pandemia la ha eclipsado. Dadas las circunstancias, los líderes de la UE deberían haberse unido para una victoria común sobre el virus mortal. En cambio, un año después de que comenzara la pandemia, se miran con incredulidad a través de pantallas en videoconferencias ineficaces. Cualquier tema se convierte en motivo de disputa y desacuerdo. No en vano, el canciller austríaco, Sebastian Kurz, comparó el mes pasado lo que está sucediendo con un “bazar”.

La pandemia también ha creado crisis locales en países individuales de la UE. El primer ministro italiano, Giuseppe Conte, se vio obligado a dimitir porque no pudo hacer frente a los efectos económicos de la crisis. El primer ministro checo, Andrej Babiš, destituyó a su ministro de salud, y en Eslovaquia, Igor Matovič dimitió como primer ministro debido a un desacuerdo sobre el suministro de la vacuna rusa Sputnik V.

Culpar a otra persona por lo sucedido se puede hacer sin cesar. Puede intentar culpar a China por la propagación del COVID-19. Se podría culpar al régimen de Putin por abusar de la diplomacia de las vacunas y a las compañías farmacéuticas por no cumplir los contratos. Pero la propia UE sembró las semillas de esta crisis y ahora está cosechando los frutos.

Sin duda, los países del bloque han sido víctimas de hechos individuales en pie de igualdad con otros países del mundo. El coronavirus golpeó a la UE cuando ni siquiera contaba con una estructura sanitaria unificada. Hasta ahora, el tema ha sido de ámbito nacional. La Agencia Europea de Medicamentos, el organismo regulador de cuyas decisiones dependen ahora millones de personas, está sumida en la burocracia. Muchos países fuera de la UE han aprobado vacunas de emergencia. Pero la EMA sigue un procedimiento estándar para la concesión de licencias de medicamentos.

La indecisión de la agencia pasó a primer plano incluso cuando los efectos secundarios de la vacuna AstraZeneca comenzaron a causar muertes. Los expertos del Hospital de la Universidad de Oslo han confirmado un vínculo entre la aparición de coágulos de sangre y la inyección de la vacuna.

El profesor Andre Holme, jefe del grupo de expertos, dijo que los coágulos de sangre probablemente estaban relacionados con una poderosa respuesta inmunitaria al fármaco. Las personas vacunadas comenzaron a producir anticuerpos específicos en sus cuerpos que activaron las plaquetas y desencadenaron los coágulos. Al hacerlo, los anticuerpos eliminaron las plaquetas del torrente sanguíneo, lo que explica el sangrado.

“Nada más que la vacuna puede explicar por qué tenemos una reacción inmunitaria”, dijo Holme. – “No hay nada en la historia de estos pacientes que pudiera haberlo causado. Estoy seguro de que se debe a estos anticuerpos y no veo ninguna otra causa que no sea la vacuna“.

Esta información surgió hace casi un mes. Pero no ha pasado ni una semana desde que el problema fue reconocido oficialmente por la EMA. Por supuesto, se puede entender a los expertos de la agencia. Su veredicto conduciría y eventualmente ha llevado a una reducción en el uso de AstraZeneca, que constituye una gran proporción de las reservas de vacunas de la UE.

Mientras tanto, los funcionarios continúan el debate ampliamente politizado sobre la conveniencia de suministrar la droga rusa Sputnik V. ¿Es el lado moral de la cooperación con el Kremlin realmente más importante que la vida de los ciudadanos? Las autoridades eslovacas probablemente piensan que sí, ya que por principio se niegan a utilizar incluso el lote de vacuna rusa que ya han comprado.

La UE cometió otro error, escribe Raf Casert para Associated Press. No tomaron en cuenta todas las dificultades que entraña producir y distribuir un producto tan delicado como la vacuna contra el COVID-19. Como resultado, mientras algunos países pensaban en la logística y en lograr entregas de gran volumen y alta velocidad, la UE se centró en las cláusulas de responsabilidad en el contrato.

La naturaleza de la crisis actual es diferente, pero la UE ha enfrentado los mismos obstáculos una y otra vez: una burocracia onerosa, retrasos inútiles debido a disputas legales y técnicas, y políticos conflictivos que anteponen los intereses personales al bien común.

Forze produttive, sanità pubblica, contrasto all’epidemia

di Adriano Ascoli e Ciro Brescia

* A distanza di due settimane dalla pubblicazione, e dopo oltre un anno dai precedenti articoli “Il Covid dà i numeri!” e “Italia: riflessioni sulla pandemia e validità del distanziamento sociale“, oltre alla conferma del risultato cinese, del Vietnam e di altri Paesi, è interessante lo studio pubblicato sulla autorevole rivista scientifica The Lancet dove si evidenziano in forma comparativa gli effetti e le conseguenze, in termini di impatto sulla vita sociale, sulle conseguenze sanitarie, sulle conseguenze sul piano economico delle due vie: la via delle mezze misure seguita ad esempio dai paesi europei e la via di un contenimento stretto quanto delimitato nel tempo. Lo studio, sulla base di dati e raffronti tra i due differenti approcci, va nella direzione di confermare nella sostanza quanto qui affermato dal marzo 2020 nei suddetti precedenti articoli. *

___

Scriviamo queste note esprimendo la nostra piena solidarietà alla compagna Pia Panseri e al compagno Gianfranco Fornoni del Comitato Popolare Verità e Giustizia per le vittime della Covid-19 di Bergamo[1], colpiti dalla repressione per il loro impegno sociale e politico al fine di far emergere la verità sui responsabili della strage quotidiana che stiamo vivendo, a causa della mala gestione della pandemia da parte dello Stato, delle istituzioni centrali e regionali, delle politiche antipopolari da essi attuate nel nostro paese. Con queste righe vogliamo dare il nostro contributo alla riflessione collettiva su un tema oggi centrale: troppo spesso prevale una lettura della nuova fase pandemica confusa, quindi subalterna e funzionale alle narrazioni delle classi dominanti. Una polarizzazione controllata, spinta tanto nel mainstream quanto nel suo lato oscuro, tende a confondere e intossicare la percezione ed i pensieri di gran parte della popolazione. Riteniamo esiziale fare concessioni a questa polarizzazione nella ricerca di facile e spicciolo consenso, quando invece la situazione richiede un ragionamento rigoroso.

 

___

Come è possibile che alcuni paesi arretrati nel loro sviluppo infrastrutturale, come Cuba ed altri – nonostante siano colpiti dalle criminali sanzioni internazionali da parte dei paesi imperialisti – abbiano ottenuto apprezzabili risultati rispetto alla lotta contro la pandemia da Covid-19, al contrario di ciò che sta accadendo nel nostro paese in un contesto di maggiore sviluppo delle forze produttive e spesso con un sistema sanitario – dal punto di vista delle infrastrutture e delle risorse disponibili – assai più evoluto? Ciò è stato possibile perché questi paesi si sono dati gli strumenti adeguati per fare fronte all’emergenza grazie ad una differente organizzazione della società, e lo hanno dovuto praticare facendo di necessità virtù poiché sono paesi che non godono di forze produttive ed infrastrutture sviluppate, capillari ed articolate di cui invece sono dotati i paesi più ricchi, i paesi imperialisti come lo è l’Italia (nonostante i quarant’anni di tagli alla sanità pubblica e le concomitanti privatizzazioni, il sistema sanitario italiano continua ad essere tra i più avanzati). Nel caso dei paesi che hanno al loro attivo il compimento di un processo rivoluzionario – nelle differenti varianti di socialismo ed anti-imperialismo – abbiamo visto la mobilitazione di organizzazioni di massa strutturate nei diversi ambiti della vita sociale e lavorativa, politica e culturale; queste non hanno solo improvvisato ma in qualche misura hanno agito sulla base di decenni di esperienza e di lavoro teorico e pratico, combinandoli con i necessari livelli di mobilitazione e direzione determinanti per far fronte all’emergenza. Organizzazioni che rispondono ad un comando unitario, che fanno capo a una direzione politica tendenzialmente chiara e coerente, ad una linea politica non certo improvvisata ma che ha una continuità sviluppatasi in decenni di costruzione dopo il trionfo della Rivoluzione nel loro paese.

 

Una linea che nel caso cinese e di molti altri paesi che hanno seguito quell’esempio, ha posto al centro la tutela della salute collettiva e i criteri scientifici, quale pilastro per un contrasto immediato all’epidemia, minimizzando sia il danno sanitario sia quello socio-economico, con interventi precoci e limitati nel tempo. In questi paesi – è necessario sottolineare, ancora una volta, questo concetto – i loro dirigenti ed i loro popoli hanno dovuto fare di necessità virtù puntando principalmente sulla prevenzione, per evitare di dover agire poi con strumenti di cui in generale sono scarsamente dotati e per evitare di cadere in una crisi ingestibile. I paesi imperialisti dotati di strumenti in teoria più avanzati, in realtà hanno fallito sul terreno del contenimento dei contagi cacciandosi in un pantano. Non hanno attuato una strategia di contenimento del contagio, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Nella Repubblica Popolare Cinese, così come in altri paesi, non hanno aspettato che arrivassero medicine specifiche o vaccini (che ancora non sono pronti e sufficienti, visto che i paesi imperialisti se li sono accaparrati, a cominciare dagli USA, dalla GB e da Israele, e a ruota gli altri paesi della UE e che le capacità produttive su scala planetaria continuano ad essere limitate). In Cina si sono dati da fare confinando – attraverso una capillare mobilitazione ed organizzazione di massa – la popolazione dove, come, quanto e quando è stato necessario farlo; così ne è uscita la Cina, così ha fatto la Corea popolare, chiudendo ancora più ermeticamente i suoi confini, così ha fatto il Vietnam, così ha fatto Cuba, mantenendo viva l’esperienza accumulata in ambito epidemiologico dall’URSS nel secolo passato, investendo nella ricerca scientifica fino alla progettazione e realizzazione di vaccini e medicamenti specifici. Nei principali paesi imperialisti e diretti da governi neoliberisti, si è lasciato correre il virus più o meno liberamente e con misure ogni volta tardive, fino ad arrivare a perdere il controllo dei contagi e a registrare decine di migliaia, centinaia di migliaia di morti (come in USA o in Brasile, ma anche dalle nostre parti). Abbiamo visto i balletti delle zone colorate, con i dati occultati o addomesticati dagli amministratori al fine di evitare misure necessarie. Chi ha attuato un vero contenimento, invece che una relativa mitigazione cronica, ha fermato TUTTO quando necessario, ma per un periodo breve e poi ha riaperto quasi tutto, minimizzando tanto i danni umani quanto quelli economico-sociali. Bene ricordare come i paesi che hanno attuato questa strategia vincente hanno fermato quando necessario e per periodi molto limitati anche fabbriche e pendolarismo ed ogni attività non strettamente essenziale. In Italia al contrario le fabbriche nel cuore dei focolai padani non chiusero neppure nel marzo-aprile 2020 e l’epidemia dilagò così in mezzo mondo nel giro di pochi giorni, mentre tra i principali leaders politici andavano di moda aperitivi sui navigli e scaramantiche negazioni della tempesta che stava arrivando.

 

Per completezza va menzionato che persino alcuni paesi non certo socialisti, come Israele (da non tacere la negazione criminale dei vaccini alla Palestina, come i paesi occidentali con le sanzioni) o l’Australia, hanno ottenuto risultati positivi al proprio interno proprio contenendo la circolazione della popolazione per periodi limitati, al fine di garantirsi la possibilità di “ritornare alla normalità” o per affrontare in sicurezza la fase della vaccinazione massiva. Questo dimostra che non bisogna aspettare di diventare un paese socialista per attuare le necessarie misure di prevenzione basate su criteri scientifici confermati dall’esperienza; lo si può fare già da subito se c’è la necessaria volontà politica per farlo. Anzi, nella misura in cui i movimenti popolari riescono ad imporre l’applicazione delle necessarie misure di prevenzione, questi saranno utili trampolini di lancio per avanzare con più forza e determinazione verso l’instaurazione del Socialismo.  

Incrociando i dati sulla mortalità generale dei principali paesi si può con facilità evidenziare come i decessi conseguenti all’epidemia covid-19 sono stati ampiamente sottostimati, e lo sono ancora. I paesi come il nostro che non hanno optato per un rigido controllo dei contagi e con un distanziamento anticipato nel momento opportuno (all’inizio di ogni ondata epidemica, prima di ogni repentino balzo esponenziale dei contagi) hanno dovuto agire con successive misure ad ampio spettro e prolungate nel tempo, o con mezze misure che per non scontentare nessun settore politico o della popolazione hanno finito poi per scontentare praticamente tutti. Gli unici che non a caso ne hanno tratto invece grande giovamento sono stati i grandi speculatori finanziari e capitalisti loro affini, in particolare il settore dell’industria da Export, i quali in molti casi non hanno fermato la produzione neppure una settimana, ciò a scapito di ogni altro ambito sociale ed economico penalizzato da misure prolungate. Trasmissioni e talk-show hanno sezionato perfino le buone abitudini intime, ma fabbrica, call-center e pendolarismo non li hanno nominati neppure i vari decreti, eccetto nel primo ed unico lockdown della primavera 2020, dopodiché entrò in scena il dicktat del potere economico sintetizzato nello slogan “convivenza con il virus”. Per occultare la propria impreparazione non potevano fare altrimenti. Le misure prese in prossimità del picco epidemico attenuano solo gli esiti più catastrofici sul sistema sanitario, ma non evitano decine di migliaia di vittime ogni volta, quando invece sarebbe opportuno e necessario “fare come la Cina” per mettere sotto controllo la diffusione dei contagi: lockdown (con connessi test e tracciamento massivi) per un periodo limitato ma anticipato e coordinamento di tutti i settori e delle organizzazioni di massa – nel caso italiano si tratta di tutto il tessuto del terzo settore, associativo e del volontariato che esiste e stimolando la creazioni di reti di solidarietà popolare apposite, realtà queste che pure hanno cominciato a nascere per fare fronte all’emergenza. È mancata la volontà politica istituzionale, da una parte, tirata da ogni lato nella subalternità agli interessi dei grandi gruppi economici, e la capacità, autonomia e forza dei comunisti, dall’altra, di individuare e proporre a tempo le misure da mettere in campo, le decisioni tempestive da attuare, lasciandosi spesso influenzare da scelte opportunistiche e di comodo o dalla subalternità diffusa ed alimentata ad arte dai padroni tra le larghe masse (codismo). Le forze politiche o sindacali organizzate – con poche eccezioni – non hanno chiesto e rivendicato di prendere misure energiche di contenimento all’inizio e non a metà di ogni ondata di contagi. In questa fase – quella delle decisioni – hanno spesso prevalso mobilitazioni funzionali chiedendo aperture, quando era invece il momento di chiudere tutto anche per pochi giorni per ottenere risultati significativi e duraturi. Si è rimasti subalterni a chi non voleva misure di contenimento, col risultato che i danni sanitari in termini di morti e casi gravi, i contagi di lavoratori e delle loro famiglie, e i danni per l’economia diffusa e la vita sociale, sono stati ogni volta maggiori. Se da un lato la denuncia delle evidenti responsabilità di alcuni amministratori (vedi il caso dell’amministrazione Fontana della Lombardia palesemente subalterna alle linee dettate da Confindustria) nella diffusione del contagio fu oggetto di una positiva campagna alla fine della scorsa primavera, dall’altro non ne è seguita una politica ed una aggregazione conseguente nel periodo successivo, quando alcuni prezzolati parlavano di “virus scomparso”, o quando goffamente chi aveva responsabilità nel prendere decisioni negava l’inizio della seconda e della terza ondata, evitando così i necessari interventi tempestivi di contenimento.

In mancanza di una copertura vaccinale non c’è alternativa all’operare un contenimento basato sul controllo del contagio, con fermi rapidi e concentrati nel tempo, per evitare quella cronicità di mezze misure che tanto danno ha arrecato alla vita sociale senza risolvere gli aspetti sanitari. Tutto ciò non è conseguenza del caso, ma del calcolo di chi ha considerato quale aspetto centrale non la salute collettiva e la tutela delle condizioni materiali sociali ed economiche del popolo, ma piuttosto il PIL, il fatturato ed i profitti delle grandi imprese capitaliste che, a ben guardare, in molti casi non hanno perso neppure un giorno di attività, ma a chi ha perso la vita per questo cinico calcolo non hanno pagato neppure il funerale.

La magistratura dello Stato italiano, così solerte nell’indagare chi ha denunciato le conseguenze di questo massacro sociale e materiale (e qui di nuovo va reiterata tutta la nostra solidarietà alle compagne e ai compagni inquisiti)[2], con oltre centomila decessi in più nel 2020 ed una aspettativa di vita calata di almeno un anno, poco si è occupata della mancanza di sicurezza e controlli nei luoghi di lavoro, nelle fabbriche e nella rete della logistica; veri volani del contagio assieme ad un pendolarismo che ha visto scarsi interventi sulla rete del trasporto pubblico. I grandi luoghi di lavoro devono essere monitorati con test e tamponi a campione di tutto il personale e se necessario provvedere a chiusure per alcuni giorni. Necessario provvedere ai ristori e garantire il salario per i dipendenti nei luoghi di lavoro dove si verificano eventuali focolai che altrimenti si trasformano, come avvenuto, assieme al pendolarismo, in volano del contagio. Test su tutti i dipendenti e riapertura in sicurezza dovrebbero essere al centro delle rivendicazioni sindacali.

Su questo punto bisogna essere chiari ed espliciti: di fronte ad una epidemia il disciplinamento dei movimenti della popolazione in funzione degli interessi stessi delle larghe masse della popolazione, è imprescindibile e contro questa necessità cadono tutte le illusioni e le chiacchiere liberali fuori tempo massimo sulla presunta “libertà di movimento” come valore assoluto che non esiste in nessun paese socialista (e a ben vedere neppure nei paesi di tradizione liberale).

Su questi aspetti i comunisti non possono nicchiare, come sui vaccini che devono essere rivendicati come un diritto di ogni essere umano e non essere soggetti a mercificazione, benché attualmente i prezzi siano regolati non dalla “legge del libero mercato” ma da accordi tra stati (tra i quali è però in corso una partita geopolitica con evidenti venti di guerra). La priorità e l’accesso a questi strumenti bisogna che sia soggetta al più stretto controllo pubblico e popolare organizzato e cosciente, non perché altrimenti non siano attendibili i vaccini nel loro aspetto “merceologico” (quasi  tutti  gli strumenti che usiamo nella nostra vita, inclusi i medicinali, il computer di chi scrive e quello di chi legge, sono realizzati in regime capitalistico, il che non implica che non funzionino) ma perché, come vediamo, il meccanismo della competizione e del confronto geopolitico porta a rallentare ciò di cui ci sarebbe forte urgenza e necessità. I comunisti sono contro la globalizzazione capitalistica ed il “neoliberismo”, non sono contro la necessaria globalizzazione delle forze produttive, poiché questa è parte dello sviluppo del carattere collettivo di tali forze e della loro natura sociale. I comunisti non sono luddisti che si scagliano contro le macchine, contro la scienza e la tecnologia, contro la razionalità, ma lottano per sottrarre queste macchine, questa tecnologia e questa scienza al controllo delle attuali classi dominanti fino a metterle sotto la direzione di un governo che ne difenda autenticamente e coerentemente gli interessi popolari. Questi aspetti, proprio per non rimanere sospesi sulla nube dei massimi sistemi, è necessario che siano oggetto di un programma condiviso per un governo di emergenza popolare, raccogliendo le voci e le forze presenti non solo delle ristrette cerchie militanti, ma dei lavoratori organizzati sui proprio posti lavoro e della diffusa rete delle organizzazioni popolari e territoriali. Non bisogna alimentare letture irrazionalistiche e retrograde, come le psicosi contro i vaccini che razionalmente e scientificamente non hanno alcuna ragion d’essere, o altre tendenze reazionarie che pure si sono fortemente sviluppate in molti paesi, incluso il nostro.

Se tra le larghe masse della popolazione ci sono settori che in maniera del tutto legittima nutrono dubbi sui vaccini, o si mostrano subalterni ad alcune tendenze di tipo oggettivamente reazionario, bisogna trascinare loro con l’esempio non “a fare la guerra ai vaccini” ma indirizzare questo rifiuto verso le classi oggi dominanti (ma non più dirigenti), ossia verso chi è responsabile di speculazioni o giochi geopolitici per i quali la salute del popolo non vale nulla (non contro i centri vaccinali o le ambulanze o i lavoratori del sistema di salute pubblico!), ossia verso chi ogni volta ha compiuto la scelta calcolata di non agire tempestivamente nelle misure di contenimento per non toccare determinati interessi in tutta evidenza considerati – in questa società capitalistica – più importanti del bene supremo della tutela della salute collettiva e della vita di centinaia di migliaia di persone. Questo è il modo migliore per avere la certezza che cure e vaccini saranno utilizzati al meglio, nel pieno interesse nostro e non di chi specula su medicine e vaccini o su qualsiasi altra scoperta scientifica ed invenzione tecnologica, esattamente come avviene con ogni altra merce in regime capitalistico.

La situazione attuale in Italia ed in Europa è oggi coperta con una campagna di discredito della stessa strategia vaccinale, confondendo la normale prassi di sicurezza e farmacovigilanza con una propaganda terroristica circa l’uso dei vaccini, con le autorità europee che non sono in grado di garantire una vaccinazione in sicurezza lontano da continui picchi epidemici. Giochi di tipo geopolitico su aspetti che riguardano la tutela della salute collettiva – anche qui è bene rimarcarlo – frenano la possibilità di una più ampia disponibilità di dosi vaccinali (ad esempio ritardando la valutazione dei vaccini di produzione russa o cinese), limitano la massima disponibilità nel ricevere i necessari quantitativi di dosi dai differenti produttori, alzano barriere e campagne di discredito dettate dalla concorrenza tra differenti produttori, brevetti e stati, e frustrano ciò che dovrebbe essere al centro dell’interesse pubblico.

Sappiamo che i comunisti non sono riusciti sino ad oggi ad instaurare il socialismo in nessuno dei paesi compiutamente imperialisti, ossia in nessuno di quei paesi dove le forze produttive hanno raggiunto uno sviluppo più avanzato rispetto ai paesi (semi)feudali e/o (semi)coloniali. Assistiamo ad una innegabile marginalità politica e un sensibile ritardo nella comprensione della nuova fase pandemica. Il Movimento Comunista Cosciente ed Organizzato del secolo scorso è riuscito storicamente ad instaurare il socialismo solo in alcuni di questi paesi (semi)feudali e/o (semi)coloniali attraverso Rivoluzioni Antimperialiste, Guerre di Liberazione Nazionale e Rivoluzioni di Nuova Democrazia, trasformando la guerra imperialista in guerra civile contro la Borghesia Imperialista, durante la prima ondata della Rivoluzione Proletaria Mondiale (grossomodo dal 1917 al 1976), dalla Russia che fu zarista alla Cina che fu feudale, da Cuba al Vietnam, dalla Corea popolare al Laos, dai paesi dell’est Europa fino ad alcuni paesi africani, oltre alle esperienze rivoluzionarie latinoamericane, dove per lunghi periodi le forze antimperialiste e comuniste hanno affermato un controllo territoriale, pur non riuscendo a conquistare il potere. Sappiamo che i limiti ideologici e gli errori dei comunisti nei paesi imperialisti non hanno consentito loro di avere il successo necessario per evitare che il Movimento Comunista Internazionale rifluisse. Ossia, la Rivoluzione Proletaria ha trionfato solo in quei paesi in cui le forze produttive e le infrastrutture non erano ancora pienamente sviluppate, come invece lo sono nei paesi imperialisti. Lenin stesso mise in evidenza che nei paesi oppressi sarebbe stato più semplice far trionfare la Rivoluzione Proletaria, ma era più difficile costruire il Socialismo; viceversa nei paesi imperialisti più difficile sarebbe stato far trionfare la Rivoluzione (cosa poi ancor più vera alla luce del successivo sviluppo dei regimi di controrivoluzione preventiva negli stati borghesi) e più facile costruire poi il Socialismo visto il più avanzato sviluppo del carattere collettivo delle forze produttive. Anche nei paesi imperialisti si fecero largo a più riprese tendenze revisioniste, non scientifiche, non rivoluzionarie, fino a sfociare nelle tendenze principali del revisionismo moderno, ma giusto cento anni fa, proprio in un contesto di crisi irrisolta post-bellica e post-pandemica presero corpo mobilitazioni di massa di tipo reazionario che le classi dominanti seppero indirizzare nel movimento fascista. Non sono mancati in questi mesi episodi e mobilitazioni dalle caratteristiche ambigue, quando non apertamente reazionarie, affermando l’inesistenza di una emergenza che ha accorciato di un anno l’aspettativa di vita in Italia, determinando oltre centomila morti in più nel numero di decessi annuale. Sono in errore coloro che hanno individuato come nemico le necessarie forme di tutela e di prevenzione sanitaria, o la ricerca dei vaccini, e non ad esempio il fatto che queste misure, se sono state scarsamente efficaci e di durata interminabile, è proprio perché la scelta è stata ogni volta quella di negare l’emergenza e l’intervento tempestivo, in favore dell’attività economica e produttiva immediata. Vediamo dopo un anno i risultati di questo approccio reiterato, fatto di ritardi e mezze misure. Risultati tragici sia sul piano sanitario sia su quello socio-economico.

 

Come afferma il compagno Fabrizio Chiodo – che dell’argomento in tutta evidenza se ne intende essendo collaboratore del centro Finlay de la Habana per la produzione dei vaccini cubani – la concezione stessa della vaccinazione contraddice gli interessi del capitalismo perché si basa sulla prevenzione più che sulla cura. È ormai noto, infatti, che prevenire è meglio che curare, ma curare invece che prevenire risulta in genere più redditizio per le speculazioni ed il parassitismo dei capitalisti, delle loro farmaceutiche, dei sistemi di salute privati. La prevenzione (e quindi anche gli strumenti della vaccinazione che ne sono parte imprescindibile) è la più efficace arma che l’organizzazione socialista della società può valorizzare al meglio. Il fallimento dell’ideologia del “libero mercato” e della crisi del modo di produzione capitalistico di fronte all’emergenza è oggi innegabile. Tutto ciò pone all’ordine del giorno la necessità dell’instaurazione del Socialismo come risposta a questa e alle grandi emergenze che affliggono l’umanità, in quanto modello di sviluppo calibrato sulle necessità umane. La prevenzione e la salute collettive valorizzate al meglio saranno al centro delle battaglie dei prossimi anni. Una sfida per i paesi socialisti ed antimperialisti ma anche nei paesi in cui il Socialismo non è stato ancora instaurato. Il Socialismo è prevenzione prima ancora che essere cura!

___

 

[1]              Un Comitato Popolare non  addomesticato e che mette in evidenza pubblicamente le responsabilità di Confindustria e delle autorità istituzionali ad essa subalterne per la strage causata dalla male gestione della pandemia nella Bergamasca inevitabilmente finisce “attenzionato” e criminalizzato da chi ha tutto l’interesse a screditarlo (vedasi la omonima pagina fb del Comitato Popolare).

[2]              https://bgreport.org/procura-indaga-militanti-bergamaschi-lasciando-indisturbata-confindustria.html

___

* A distanza di due settimane dalla pubblicazione, e dopo oltre un anno dai precedenti articoli “Il Covid dà i numeri!” e “Italia: riflessioni sulla pandemia e validità del distanziamento sociale“, oltre alla conferma del risultato cinese, del Vietnam e di altri Paesi, è interessante lo studio pubblicato sulla autorevole rivista scientifica The Lancet dove si evidenziano in forma comparativa gli effetti e le conseguenze, in termini di impatto sulla vita sociale, sulle conseguenze sanitarie, sulle conseguenze sul piano economico delle due vie: la via delle mezze misure seguita ad esempio dai paesi europei e la via di un contenimento stretto quanto delimitato nel tempo. Lo studio, sulla base di dati e raffronti tra i due differenti approcci, va nella direzione di confermare nella sostanza quanto qui affermato dal marzo 2020 nei suddetti precedenti articoli. *

 

Su The Lancet un confronto tra i risultati della strategia di mezze misure di mitigazione (interventi graduali di mitigazione mirati a non sovraccaricare il sistema sanitario e senza impatto su quello produttivo) e quelli conseguiti tramite la strategia #zerocovid di eradicazione tramite contenimento stretto del contagio, test massivi, tracciamento, riaperture.

Dal confronto emerge tra l’altro:

– Sul piano sanitario, i decessi da COVID-19 per 1 milione di abitanti nei paesi OCSE che hanno optato per la strategia di contenimento e eradicazione (Australia, Islanda, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud) sono stati circa *25 volte inferiori* rispetto ai paesi OCSE che hanno preferito la mitigazione delle mezze misure e la “convivenza con il virus”, tra cui l’Italia del dopo lockdown dello scorso anno.

– Chi pensa che la tattica di mezze misure sia servita a “tutelare l’economia” in generale, può vedere come nei cinque paesi che hanno optato per la strategia di contenimento ed eradicazione territoriale, la crescita del PIL è tornata ai livelli pre-pandemia già all’inizio del 2021, viceversa da noi la crescita è ancora negativa e così negli altri paesi OCSE che hanno seguito la via tortuosa delle mezze misure. In particolare ciò è avvenuto per non fermare produzione e grandi attività, anche solo due settimane all’inizio di ogni ondata, prima di una forte crescita numerica esponenziale. Si è sommato al costo in vite umane quello economico sociale, con un impatto disastroso sull’economia diffusa e sulle attività culturali. In pratica sull’altare del profitto da export si è sacrificata la vita di decine di migliaia di persone, oltre alle condizioni materiali di esistenza di milioni di lavoratori, con le piccole attività sul lastrico e con i licenziamenti alle porte.

– Chi ha abbaiato che “ci chiudono in casa” ai tempi del primo ed unico lockdown, incoraggiando le mezze misure prolungate, potrà constatare che per quanto riguarda le restrizioni, le libertà sono state più gravemente colpite nei paesi OCSE che hanno scelto la mitigazione e le mezze misure. Infatti le misure energiche di blocco rapide, adottate dai paesi che puntano al rapido contenimento, al controllo dei contagi fino alla eradicazione di ogni focolaio, la veloce soluzione del problema ha portato rapidamente alla normalità la vita sociale e l’economia diffusa, come del resto già dimostrato dal successo storico nella Repubblica Popolare Cinese sotto la direzione del PCC e delle locali autorità scientifiche e sanitarie.

Alcuni pensano che il dibattito tra la mitigazione delle mezze misure e la strategia di contenimento sia una questione accademica, priva di interesse politico o oggetto di una inutile polarizzazione, perché presto il vaccino risolverà ogni problema, o perché l’arrivo dell’estate farà dire ancora di virus clinicamente scomparso (ma non usciamo quest’anno dal lockdown di Conte, bensì dalla linea Bolsonaro di Draghi). In realtà, decenni di esperienza dicono che i vaccini da soli non sono risolutivi e non in tempi brevi, i vaccini possono mitigare ma non risolvere magicamente.

L’eradicazione del vaiolo ha significato una lotta decennale e la vaccinazione è stata accompagnata da campagne di comunicazione e impegno pubblico, test sulla popolazione, tracciamento, lo stesso con la polio. Ciò che si fa’ con le epidemie, deve essere fatto pure col covid se vogliamo levarcelo di torno, se non vogliamo restare condizionati e succubi per lunghi anni di questa situazione, esposti a tutti i rischi che comporta.

Chi dopo un anno, in ambito politico, insiste nel ritardo, non assume una posizione, non ha una linea sul da farsi per uscire dall’emergenza, resta accondiscende con le varie tesi minimizzatrici utili al capitale, quando non degne del regno di Q o di ByoBlu o altri propagandisti dell’irrazionalità, mostra incapacità di analisi della realtà concreta e/o malafede. Nei due casi tremenda subalternità ad una classe politica ed industriale tra le peggiori al mondo, dalle quali dipende una tragedia senza precedenti recenti, sia umana che sanitaria ed economica sociale.

Link The Lancet 28 Aprile 2021: thelancet.com

Grazie ad Alessandro Ferretti per le considerazioni e la segnalazione dell’articolo

___

Potrebbe essere un meme raffigurante 1 persona e il seguente testo "IO ETERNAMENTE GRATO AI CUBANI CHE CI HANNO NEL MOMENTO DEL BISOGNO"

El cambio climático es usado como propaganda por Occidente

por theduran.com

No hay duda de que la lucha contra el cambio climático es importante. Durante demasiado tiempo, la humanidad ha explotado sin piedad la tierra y sus recursos. Las consecuencias de este comportamiento pueden y serán devastadoras para todos nosotros. Pero, ¿con qué frecuencia pensamos en las consecuencias de la política verde actual? Es hora de hacer una valoración realista.

La popularización de la idea de una “economía verde” se lleva a cabo durante años. A esto han contribuido múltiples crisis, sobre todo la climática, ambiental, alimentaria y económica. Las campañas de información que promueven el concepto de economía verde nos muestran los nefastos resultados de la actividad humana. Nos muestran lo que le pasará al planeta en unas pocas décadas y nos hacen preguntarnos en qué tipo de mundo vivirán nuestros hijos.

Todo esto debe verse únicamente como publicidad. Las tabacaleras solían hablar del exquisito sabor y la insuperable calidad de sus productos, ocultando los efectos nocivos del tabaquismo. No hay exageración en esto, porque detrás de la promoción del tabaco, así como detrás de la promoción de una “economía verde”, está lo mismo: el capital. Además, es seguro decir que los ambientalistas de hoy son aquellos cuyos antepasados ​​construyeron fábricas contaminantes durante la Revolución Industrial.

La era de la transición del trabajo manual al mecánico es un excelente ejemplo de lo que está sucediendo ahora. En los siglos XVIII y XIX, la gente estaba al borde del cambio y muy pocos estaban felices por ello. Mientras los ricos reconstruían las fábricas, muchos artesanos perdían su sustento. De hecho, aquí es cuando el capitalismo se estableció como el sistema mundial dominante.

Siglos después, ciertamente vemos muchos aspectos positivos de la Revolución Industrial. De hecho, a gran escala estaba justificado. Pero difícilmente podemos apreciar por completo la conmoción y la desesperación de nuestros antepasados. Sin embargo, es posible que todavía tengamos esa oportunidad.

El Partido Demócrata de Estados Unidos vio un peligroso éxodo del electorado hispano en las últimas elecciones. Trabajando en varias industrias petroleras en el sur, simplemente tienen miedo de perder sus trabajos debido a las ideas verdes de los demócratas.

Por supuesto, hay muchas razones para creer que las poderosas economías occidentales pueden hacer frente a las consecuencias del cambio hacia vías de desarrollo alternativas. Sus recursos son suficientes para compensar los costos de un proceso tan doloroso. Pero, ¿qué pasa con los países en desarrollo?

Aquí, de hecho, hay un elemento clave de la hipocresía de los defensores de la “economía verde”. Todas sus ideas simplemente no tienen en cuenta el hecho de que diferentes naciones y pueblos están entrando en una nueva era en diferentes condiciones. Se podría suponer que Estados Unidos, por ejemplo, conducirá al mundo hacia un futuro más verde y brillante. Pero, ¿querrán las élites económicas y políticas estadounidenses perder esta ventaja? La respuesta es obvia, porque estamos hablando de superioridad sobre Rusia y China, los países industrializados emergentes. La economía de Rusia depende peligrosamente del petróleo y el gas. Imagínense la crisis que les espera a los rusos cuando se introduzcan energías alternativas a escala mundial. Incluso “Nord Stream 2” podría bloquearse bajo el pretexto de peligros ambientales, a pesar de que Berlín afirma que el gasoducto es necesario para la transición a fuentes de energía alternativas.

La Guerra Civil de Estados Unidos podría ser un excelente ejemplo de tendencias contemporáneas. Vale la pena recordar desde el principio que la esclavitud no fue la causa del conflicto. Lincoln firmó la Proclamación de Emancipación cuando la guerra ya estaba en marcha, y sus reglas se aplicaban exclusivamente a los sureños. Las diferencias entre las partes eran más profundas. El Norte y el Sur diferían ideológicamente y, lo que es más importante, económicamente.

Contrariamente a la creencia popular de que el Sur agrario estaba atrasado, era inmensamente más rico que el Norte. Las tres cuartas partes de los ingresos de Estados Unidos procedían entonces de la agricultura en el sur. Pero el Norte, en los últimos años antes de la guerra, se encontró en una crisis económica. Una de las razones fue Rusia, que después de la guerra de Crimea inundó el mercado europeo con granos baratos, desplazando a los estadounidenses.
En tales circunstancias, los norteños comenzaron a explotar literalmente a los sureños para recuperar terreno, aprovechando su ventaja en el Congreso. Como era de esperar, los sureños se rebelaron. Solo para la guerra tenían muchos menos recursos que los estados industrializados del norte. Todos conocían el resultado. Y la abolición de la esclavitud se convirtió en una especie de mecanismo de contención para el Sur. Exactamente en el sur, porque los tres estados del norte esclavistas, Delaware, Kentucky y Missouri, habían abolido la esclavitud 8 meses después.

La contraparte de la abolición de la esclavitud en los Estados Unidos en el escenario del mundo moderno es precisamente la idea de una “economía verde”. Solo que en lugar de sureños rebeldes, es Rusia y China rebeldes, y en lugar de la idea de evitar que Estados Unidos se desmorone, para evitar que la globalización colapse, que actualmente atraviesa un mal momento.

Como se dijo anteriormente, es necesario proteger el medio ambiente y combatir el cambio climático. Pero lo que están tratando de “vendernos” hoy tiene objetivos completamente diferentes.

Para promover realmente el concepto de economía verde, es necesario crear mecanismos a nivel internacional para intensificar la cooperación mundial en investigación y desarrollo relacionados con el crecimiento verde. También es necesario cambiar el régimen internacional de derechos de propiedad intelectual y los mecanismos comerciales.

Las estadísticas muestran que la mayoría de los productos ecológicos se producen ahora en países desarrollados, una gran ventaja, especialmente dado el proteccionismo y la influencia de los gobiernos occidentales sobre las instituciones internacionales. Los países en desarrollo simplemente se encuentran en una posición desigual. Están siendo relegados artificialmente al final del camino. Y estas no son solo grandes palabras. Es el cierre de negocios que no cumplen con los estándares ambientales establecidos por los países desarrollados. Son millones de personas sin trabajo. Se trata de crisis económicas, disturbios, derrocamiento de gobiernos y nuevos flujos de refugiados de países empobrecidos.

Hasta que se tomen en cuenta todos estos factores, hasta que haya igualdad en la distribución de empleos y recursos verdes, las pretensiones de proteger el medio ambiente o luchar contra el cambio climático son un intento hipócrita de las élites por mantener el dominio mundial del capital.

Lettera della sindaca di Crema al presidente del consiglio Mario Draghi

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: