Videoconferencia: Cava de’ Tirreni-Santiago de Cuba

por Emilio Lambiase 

6abr2020.- En primer lugar, quiero actualizar los datos del coronavirus a Italia: alrededor de 120 mil infectados; unos 20 mil recuperados y unos 15 mil muertes.

Entre estos, hay que me hace pensar: 80 médicos muertos y 10 mil trabajadores de la salud infectados. ¡Ningún político!

En comparación, en China murieron 14 médicos.

La respuesta a todo esto es que los últimos 20 años, Italia, con cualquier gobierno, ha desmantelado la salud pública dándola a privados.

Seguí la llegada de los médicos cubanos a través del canal del Caribe.

Por un momento queria ser médico por el alto valor humano que asumió para toda la Humanidad.

Percibí al ejército de médicos cubano como un ejército de Liberación y, al aplaudirlo, mi emoción llegó al llanto.

Orgulloso de los médicos cubanos.

Quien me ezplica como hace una isla embargada, boloqueada por 60 años para tener una de las mejores medicinas del mundo, uno de los mejores sistema de salud y exportar médicos que andan por el mundo salvandos vidas?

Cuba formó 14 brigadas internacionalistas en siete dias: un heco che tiene en la historia humana solo un precedentes, ¡quien descansó el septimo dia!

El Che dijo: Creemos que la cultura y la atención médica son servicios en los que nunca gastaremos lo suficiente, y cuanto más dinero podamos asignarles, mejor será para todos. Y continuaremos invirtiendo todo lo posible en esta dirección.

Hoy, se ha creado un frente de solidaridad mundial en salud a través de Cuba, China y Rusia, por un lado, y los Estados Unidos de Trump, que confisca barcos y alimentos destinados a países como Cuba y Venezuela, por el otro.

En mi opinión, en este momento Cuba va más allá de las fronteras geográficas de una Isla y se ha convertido en un Continente de Solidaridad y de Paz, al servicio de la Humanidad.

Italia también se detuvo con las industrias, a excepción de las prioritarias que sirven para apoyar la supervivencia de la población.

Sin embargo, me pregunto, ¿por qué se han dejado abiertas las industrias de armas?

Una palabra sobre el último movimiento de Trump contra la humanidad al enviar la flota para bloquear el Caribe.

Declaro que ni Trump, Merkel y Boris no pusieron en cuarentena de inmediato a la población para no bloquear las ganancias de las empresas.

Una verdadera contradicción del capitalismo que permitió que el virus saltara de las personas a la economía.

En medio de una pandemia con la mitad de la población mundial en cuarentena, Trump, después de recibir ayuda de Rusia, bloquea los aviones a Cuba y hoy libró una guerra inventada al narcotráfico contra Venezuela, con el objetivo de apoderarse de los recursos energéticos.

Digamos que ningún virus es revolucionario y ningún virus ha derribado el capitalismo.

Las clases oprimidas deben organizarse contra la burguesía imperial.

Hoy China bloqueó la pandemia y Estados Unidos no.

Quien soy yo:

Nací pobre y en mi hogar fue la vanguardia del hambre.

Mi familia con 22 hermanos, soy el único que estudió.

Mi padre me dejó la única riqueza en su poder: la pobreza.

Todo esto me forjó como Comunista.

Sobreviví toda mi vida profesional como comunista sin doblegarme al engaño liberal.

Afortunadamente para mí, un dia, conocí a Armando Hart Dávalos y me convertí en Martiano.

Luego, con la contribución de todos los cubanos que he conocido, nadie excluido, y aquí es difícil hacer una lista, incluidos los niños, me convertí en Fidelista.

Hoy debo agradecer especialmente a Vicente González Díaz quien ha fortalecido mi amor por Cuba y con su ejemplo me hizo Santiaguero.

Cuba esta escribiendo una de las paginas mas hermosas de la Revolución cubana para el bien de la Humanidad.

¡Hasta la Victoria Siempre!

Cava de’ Tirreni (SA) 9giu2017: No War con la Rivoluzione Bolivariana

 

Colazione sull’erba a Cava de’ Tirreni

di Patrizia Reso – www.ilportico.it

Mi è venuto subito in mente Renoir, con i suoi dipinti, la sua “La colazione dei canottieri”, senz’altro tra i più famosi e noti dell’impressionista francese.

Quando sono giunta al Parco degli Ulivi, si era quasi terminato il pranzo. La prima persona che mi viene incontro una bella donna, dal sorriso aperto e gli occhi brillanti. Come se ci fossimo conosciute da sempre, mi abbraccia e mi saluta calorosamente, offrendomi una fetta di pane di Spagna, che stava distribuendo tra gli astanti. Solo poco dopo apprendo che è il Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Amarilis Gutiérrez Graffe, Decano del Corpo Consolare di Napoli. Il pranzo all’aperto, quell’amichevole scampagnata è stata organizzata proprio per lei, dalla famiglia Lambiase, col massimo spirito di’integrazione tra popoli di cultura, etnia, tradizione diversi. Uno scambio culturale tra Venezuela, Costa d’Avorio, Nigeria, Italia … Attraverso gli Ulivi, un momento di convivialità all’aperto. Quando sono giunta, stavano discutendo. Presso ogni tavolo ancora imbandito, le persone discutevano, rilassate, come avviene al termine di ogni pranzo, proprio come nel quadro di Renoir. Di lì a poco, giunge Filippo Giordano, sì il professore ben noto a Cava. Dall’ultima tavolata posta al termine dell’area picnic, simpaticamente con il seguito dei commensali, come un menestrello dei tempi remoti, si porta alla prima tavolata, dove si erano nel frattempo raccolte le ragazze nigeriane e ivoriane. Con la sua voce quieta e rilassante, recita una poesia del senegalese Leopold Sédar Senghor, “Donna Nera”.

Donna nera, donna oscura
Olio che alcun respiro riesce a increspare, olio calmo sui fianchi dell’atleta, sui fianchi dei principi del Mali
Gazzella dalle giunture celesti, le perle sono stelle sulla notte della tua pelle

Le ragazze, ospiti del convento cappuccino San Felice, diligentemente hanno ascoltato, forse non hanno capito nulla, dato che ancora non sono padrone della lingua italiana, ma avranno apprezzato lo spirito d’amicizia che si percepiva dalla voce di Filippo. Poco dopo si sono alzate e sono andate a giocare a pallone. Le abbiamo viste sorridere. Ancora non si può parlare d’integrazione, certamente però è stato donato loro, e loro a noi, un momento di riflessione.

Tra le melodie diffuse da mani esperte, che si destreggiavano tra tasti di fisarmonica e corde di chitarra, si sono consumate molte chiacchiere: la nascita di Favour, portatrice di vita e di speranza; Elia che ha messo su un altro chilo, nonostante sia nato prematuro su un barcone; Amarilis che si rende totalmente disponibile per incontri con studenti, scambi in lingua e adora parlare dell’arte culinaria della sua terra; quanto lavoro ancora è necessario perché queste ragazze, ognuna con la sua storia violenza, possano comprendere a pieno la disponibilità di molti di noi ad accoglierle e farle sentire al sicuro.

La città di Cava, con il loro arrivo, ha raggiunto il 2% di presenza d’immigrati sul territorio. Termino con l’auspicio che entrino a far parte del tessuto cittadino attraverso un’integrazione totale, fatta da mercato del lavoro e relazioni sociali, dando termine alla loro fuga.

(FOTO) Italia: Apoyo de Cava de Tirreni al gobierno bolivariano

Italia. 22 de enero de 2015 (Prensa Consulado General. Nápoles).

Las muestras de apoyo al gobierno de la República Bolivariana de Venezuela, continúan a nivel internacional, el mismo día en que el presidente Maduro realiza su Memoria y Cuenta del 2014 al pueblo venezolano.

La alcaldía de Cava de Tirreni, ubicada en la provincia de Salerno, Italia, viene desarrollando en el último período una serie de iniciativas y de proyectos de colaboración con el Consulado General en Nápoles, que han permitido un acercamiento entre ambas realidades.

En el día de ayer el alcalde y abogado Marco Galdi recibió a la Cónsul General Amarilis Gutiérrez Graffe, en la sede central de la Alcaldía. La ocasión fue propicia para entregarle la “Declaración de Apoyo del 21 de enero de 2015”, documento oficial que expresa solidaridad al gobierno bolivariano y al presidente Nicolás Maduro.

La declaración manifiesta además el derecho de Venezuela, como país libre y soberano, a decidir sobre sus asuntos internos sin necesidad de ingerencia, sobre la base del respeto a la democracia, y a través del diálogo. Sobre este aspecto, envió el apoyo al “Comité de Familiares de las Víctimas de las Guarimbas”, haciendo un llamado a la no violencia y a la continuidad de los diálogos de paz.

Reconoció que Venezuela en los últimos quince años ha alcanzado importantes índices de desarrollo a nivel humano, educativo, en el campo de la salud y la cultura, que demuestran concretamente el beneficio de las políticas sociales aplicadas.

Galdi agregó que Venezuela a nivel económico, cuenta con todas las fortalezas y herramientas para salir adelante, ante la actual crisi económica que enfrenta con la caída del petróleo.

Gutiérrez agradeció la solidaridad a nombre del gobierno bolivariano, y explicó sobre las bases humanas del socialismo del siglo XXI. Enfatizó además que el gobierno del presidente Maduro, a diferencia de como muestran los medios de comunicación en occidente, está tomando medidas concretas para tutelar los derechos del pueblo, diversificar la economía y llevar adelante los principios del Plan de la Patria.

La Cónsul General ofreció además una entrevista a la radio y la prensa local, explicando sobre la importancia de contrarrestar la campaña mediática que actualmente vive el país, principalmente sobre temas económicos.

Estuvo presente además Emilio Lambiase, presidente de la Asociación Nacional de Redes y Organizaciones Sociales ANROS – Italia, quien apoyó dicha declaración y explicó sobre el trabajo que Italia viene realizando con los grupos de solidaridad y apoyo al proceso, con el objetivo de hacer conocer la realidad venezolana.

Cava de Tirreni desde el año 2014, está desarrollando un proyecto para inaugurar la primera “Casa de los Pueblos” en Italia. Una iniciativa fruto de esta alcaldía, que pone a disposición una estructura física para que las representaciones diplomáticas puedan utilizarlala como espacio para intercambiar sobre la cultura, la identidad y los derechos de los pueblos.

Sección Prensa y Relaciones Públicas
Consulado General
República Bolivariana de Venezuela en Nápoles
facebook: https://www.facebook.com/Consolato.Venezuela.Napoli
twiter: @ConsulVenNap

__

 

(FOTO) 1°Congresso ANROS Italia: passo avanti di una lunga marcia

di Ciro Brescia

Tra il 6 e 7 dicembre 2014, si sono inerpicati sul monte Liberatore (casualità o causalità?) che affaccia sul golfo di Salerno, soci ed amici dell’Associazione Nazionale di Reti ed Organizzazioni Sociali (ANROS Italia) in occasione del Primo Congresso associativo. 

Nonostante la pioggia battente ed il freddo pungente si sono ritrovati ai luoghi convenuti di incontro, oltre ai locali e i volontari della croce rossa, compagne e compagni provenienti dalla Toscana, dalla Puglia, dal Lazio, dalle altre province della Campania, così come dalla Turchia, dall’Olanda, dall’Ecuador, e ovviamente, dal Venezuela.

Le condizioni atmosferiche avverse non hanno consentito alla colonna dei partecipanti di arrivare, come inizialmente previsto, alla “Grotta del diavolo” e ci si è dirottati verso la più raggiungibile vetta del monte  San Liberatore e relativo antico eremoA fare gli onori di casa, il coordinatore nazionale ANROS Italia, Emilio Lambiase.

L’ANROS nasce originariamente in Venezuela ed esattamente in questi giorni ricorrono:

il 2° anniversario dell’ultimo discorso pubblico dell’Eterno Comandante Chávez, il discorso della Unidad, Unidad, Unidad! (8 dicembre 2012, nonché, dichiarata dal Presidente Maduro, giornata dell’amore e della fedeltà al leader della Rivoluzione Bolivariana Hugo Chávez);

il 14° anniversario (13 dicembre del 2000) dalla sua fondazione dell’ANROS in Venezuela, come ricorda il massimo responsabile Germán Ferrer nell’intervista in questo link: Anros nació gracias al comandante Chávez, con lo scopo di facilitare la tessitura delle Reti ed Organizzazioni Sociali, favorendo la formazione culturale e popolare, indispensabile per la costruzione di un autentico protagonismo democratico e partecipativo che sta alla base del processo venezuelano; 

il 15° anniversario della nascita della Costituzione Bolivariana del Venezuela (il 15 dicembre 1999), che vede tra i suoi protagonisti l’attuale Ambasciatore venezuelano in Italia, l’avvocato e costituzionalista Julián Isaías Rodríguez Díaz, primo vicepresidente della Assemblea Nazionale Costituente (1999) nonché primo vicepresidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Che senso ha allora in Italia l’ANROS?

Di certo si pone lo stesso obiettivo di facilitare la connessione, la relazione, la tessitura delle reti sociali territoriali (a questo obiettivo si subordinano funzionalmente le reti virtuali) stimolando a che se ne creino di nuove. Oltre, ovviamente, ad agevolare la conoscenza:

a) dei processi di integrazione latinoamericani fondati sulla complementarietà e la solidarietà tra i popoli, in primis l’ALBA, così come degli altri organismi regionali come UNASUR, MERCOSUR, PETROCARIBE e CELAC;

b) del proceso bolivariano in Venezuela fondato sulla costruzione del Poder Popular attraverso il protagonismo democratico e partecipativo.    

L’ANROS quindi si fonda sulla logica della tessitura della Rete di Reti nazionali quanto internazionali, e agisce nell’ambito del potere popolare costituente, la legittimità popolare, ed in questo campo offre il suo contributo.

Ciò che ci insegna il movimento bolivariano latinoamericano è che ogni processo ha le sue peculiarità, come evidenziava a suo tempo, colui che è considerato il Gramsci latinoamericano, il peruviano José Carlos Mariátegui, i processi di trasformazione politico-sociale, i modelli democratici, le rivoluzioni, non si importano, né si esportano, sono piuttosto il frutto della creazione eroica dei popoli e non possono essere né calco, né copia; da questo insegnamento fondamentale dobbiamo partire ogni qual volta guardiamo con interesse ai processi degli altri popoli e paesi che in qualche modo e in qualche misura possono esserci di ispirazione e che possono attivare e stimolare la creatività, la creazione eroica popolare di ogni paese. 

Tale è il contributo che vuole dare ANROS Italia alla causa dei popoli; la prospettiva di un autentico socialismo, che metta da parte una volta per tutte le contraddizioni intrinseche al sistema capitalista ogni giorno sempre più distruttivo ed alienante; non può continuare ad essere concepito come un discorso “esotico” che va bene per i paesi al di là dell’oceano e comunque lontani migliaia di chilometri, deve tornare imprescindibilmente, di attualità anche alle nostre latitudini, in un paese, europeo, occidentale, a capitalismo avanzato, imperialista. Lo consideriamo il modo migliore per dimostrare la nostra solidarietà ed aiutare i popoli latinoamericani, africani e ad asiatici a avanzare verso un nuovo ed autentico sistema democratico, che spezzi il dominio imperialista nei loro paesi. In Italia, per certi versi, il tutto è più ostico, ma al contempo abbiamo altre risorse e potenzialità che altrove non sono di facile costruzione e reperibilità. Riuscire a concepire massivamente la complementarietà tra questi due mondi,”confronti non isterici tra mondi diversi”, direbbe il nostro Emilio Lambiase, non può non essere elencato tra i nostri obiettivi.

Tali sono state le premesse, in sintesi, che hanno portato gli organizzatori del congresso ANROS (i soci fondatori, Emilio Lambiase, Indira Pineda Daudinot, Alvaro José Uzcátegui e lo scrivente, Ciro Brescia) sul sentiero dell’eremo del San Libertador.

Da sottolineare che nel suo intervento Emilio Lambiase ha ricordato l’impegno del sindaco di Cava de’ Tirreni, il costituzionalista Marco Galdi, nella realizzazione della “Casa dei popoli”, luogo di incontro e di confronto nella quale i paesi dell’ALBA potranno essere tra i protagonisti.

Emilio ha inoltre ricordato come in America latina stiano nascendo Università dei popoli indigeni, come in Messico, nello Yucatan è attiva l’unica università esistente di cultura Maya che tramanda la lingua e le tradizioni con gli attori principali che provengono dalla Selva, esempio che può essere ben ripreso dal Venezuela bolivariano, anche alla luce delle parole del filosofo statunitense Noam Chomsky: I Paesi più avanzati stanno conducendo il mondo al disastro, mentre i popoli che sono considerati primitivi stanno trattando di salvare il pianeta intero. Salvo che i paesi ricchi non apprendono dagli indigeni, siamo condannati tutti alla distruzione.

Un passo di una lunga marcia, senza alcun dubbio, lungo la quale si sono aggiunti i contributi di:

Geraldina Colotti, responsabile de Le Monde Diplomatique per l’Italia e giornalista de Il Manifesto, la quale nel suo intervento ha sottolineato l’importanza di appoggiare la campagna di sostegno a Il Manifesto alla quale ANROS aderisce; è indubbio che se oggi possiamo leggere sulla stampa italiana, qualche notizia in relazione all’America latina, e principalmente al Venezuela bolivariano, che sia fuori dal coro neoliberista, è proprio grazie a Il Manifesto. Geraldina parte dalla sconfitta subita dal movimento rivoluzionario degli anni ’70/’80 in Italia, per evidenziare che questo non significa pentirsi, non significa negare la propria storia, non significa rinunciare ai propri compiti ed alzare bandiera bianca, ma proprio all’opposto. Evidenzia inoltre, come oggi l’amicizia e la solidarietà tra i popoli si eserciti qui in Italia stringendosi strettamente con le organizzazioni dei lavoratori immigrati che sono proprio coloro che subiscono lo sfruttamento più vivo e brutale;

Marinella Correggia, eco-attivista contro le guerre, scrittrice e giornalista, collaboratrice, tra le diverse pubblicazioni e siti web come sibialiria.org, anche de Il Manifesto, probabilmente la prima in Italia a scrivere su l’ALBA-TCP, come alternativa possibile, nuovo mondo a cui guardare ed esempio da emulare, L’ALBA dell’AvvenireMarinella ha evidenziato l’importanza della cooperazione Sud-Sud (cooperazione “AAA”, America latina, Africa, Asia) e di quanto oggi sia importante l’allargamento dell’influenza dell’ALBA in paesi come il Burkina Faso, il paese degli uomini integri, anche alla luce degli sconvolgimenti in atto nel paese con la rimozione, finalmente, dal potere dell’assassino di Thomas Sankara, Compaoré. Alla luce di ciò considera importante lavorare in Italia con la comunità burkinabé.

Federica Zaccagnini, ideatrice della Scuola di Formazione Continua del Ministero degli Esteri dell’Ecuador, che vede il periodico coinvolgimento di centinaia di giovani, attivisti sociali e militanti politici provenienti dai cinque continenti, è attualmente asesora presso l’Ambasciata ecuatoriana in Italia, ed ha facilitato e contribuito alla tessitura della Red de Amigos de la Revolución Ciudadana a livello internazionale, ha ritenuto importante contribuire al congresso dell’ANROS Italia per stimolare la coordinazione, la cooperazione e l’intreccio delle diverse reti di solidarietà a sostengo dei processi di integrazione che si vedono oggi protagonisti in America latina e che possono di certo essere di ispirazione per i popoli europei.

Altri contributi e saluti sono pervenuti al congresso e sono stati raccolti, insieme all’intervento di apertura di Emilio Lambiase, nel seguente link: 1°Congresso ANROS-Italia 6 e 7dic2014/ Le Parole e i Fatti

Durante l’incontro sono stati proposti ed unanimemente approvati dai presenti tre appelli che si riportano nei seguenti link:

1°Congresso ANROS-Italia 6 e 7dic2014/ Appello “Mano sucia de Chevron”
1°Congresso ANROS-Italia 6 e 7dic2014/ Appello 5 eroi cubani
1°Congresso ANROS-Italia 6 e 7dic2014/ Appello per la Palestina

Su una precedente proposta di Indira Pineda Daudinot, si è proposto l’allargamento al direttivo dell’ANROS Italia alle tre compagne summenzionate: Geraldina, Marinella e Federica, proposta che è stata unanimemente accettata con il plauso dall’assemblea dei presenti, ribadendo Emilio Lambiase alla direzione dell’ANROS Italia.  

Sono stati proposti per i prossimo incontri e congressi ANROS due successivi luoghi:

a Marzabotto, Monte Sole (BO), luogo storico della guerra partigiana di Resistenza, su proposta di Emilio Lambiase;

a Torri in Sabina (RI), all’insegna dell’ecologismo e dell’economia sostenibile, su proposta di Marinella Correggia.

Un ringraziamento particolare va:

a Lupino e a tutti i Cavesi, che ci hanno accolto con il loro calore e i loro prodotti tipici, il loro fuoco ha a tutti riscaldato mente e cuore;

ai volontari della Croce Rossa che ci hanno accompagnati;

ai giovani venuti da lontano che ci hanno raggiunto inerpicandosi sotto una pioggia incessante;

all’attivista pro-Palestina Fiorangela Altamura per le foto inviateci, nonché per l’imprescindibile appoggio ed il sostegno logistico;

a Melina Santoriello per il sostegno alimentare e gli “struffoli della mamma”;

Alvaro José Uzcátegui e il suo cuatro nonché per la sua insuperata e strabiliante prestidigitazione;

a tutte  e tutti coloro che ci hanno aiutato in questa impresa.

Al nuovo Direttivo gli auguri di buon lavoro da parte dell’Assemblea.

Napoli, 12dic2014

__


(FOTO) 1°Congresso ANROS-Italia 6, 7dic2014/Il Fuoco e le sue compagne

ANROS Italia

Qui le foto del primo congresso ANROS Italia tenutosi a Cava de’ Tirreni il 6 e 7 dicembre 2014.

Il fuoco, insieme alle nostre idee, ha scaldato le nostre parole sul monte Liberatore (nome di un santo per i cristiani, oltre a ricordare El Libertador Símon Bolívar) che si affaccia sul golfo di Salerno. Non si sono lasciati sfuggire l’occasione, gli altri elementi, di farsi notare, ciascuno a suo modo.

L’aria, fredda e umida è stata scaldata anch’essa dalle nostre parole, oltre che dalle fiamme accese.

L’acqua di mare del golfo sotto di noi continuava a bagnare il laborioso porto di Salerno – instancabile notte e giorno – e quella della pioggia sopra di noi a scendere sulle nostre teste durante la scalata.

La terra fertile e rigogliosa di verde e boschi, con i suoi animali, mucche e campanacci, ci ha circondato e ad essa ci siamo arresi.

Ci sono casi in cui le immagini parlano più delle parole che comunque seguiranno.
___

A Cava de’ Tirreni la prima sede ANROS in Italia

Napoli, 25giu2013.- Durante un atto ufficiale nel palazzo municipale del Comune di Cava de’ Tirreni, provincia di Salerno, il sindaco Marco Galdi, ha ricevuto il Console Generale, Bernardo Borges che ha presenziato alla firma dell’Atto Costitutivo della prima sede dell’Associazione Nazionale di Reti ed Organizzazioni Sociali, (ANROS), progetto proposto e perseguito dal suo fondatore de responsabile nazionale, il deputato della Asamblea Nacional venezuelana del Estado Lara, Germán Ferrer.

Il deputato Ferrer dal Venezuela, ha ringraziato il Consulado General de Nápoles per l’appoggio alla creazione di Anros-Cava de’ Tirreni-Italia, evidenziando che il Venezuela continua ad essere un esempio per quei paesi del mondo che con il socialismo e la formazione ideologica dei suoi propri popoli, sono alla ricerca di una vera rivoluzione per la definitiva indipendenza.
Presiederà l’Associazione l’architetto Emilio Lambiase, presidente della Associazione SurAmericAlba, che si è dedicato ed impegnato con le politiche Bolivariane, Socialiste e Rivoluzionarie. Hanno firmato l’Atto costitutivo: Ciro Brescia (ALBAssociazione), Alvaro Pereda Utzcategui (Circolo Bolivariano Simón Rodríguez), Indira Pineda Daudinot (attivista cubana per l’amicizia tra i popoli).
“La missione principale dell’ANROS è la costruzione di un nuovo modello di società, basato sull’uguaglianza, l’equità e la giustizia sociale, la sua visione è centrata nella formazione di una grande rete, non solo nazionale ma internazionale, di movimenti e di organizzazioni sociali per la diffusione del Socialismo Bolivariano”, ha affermato l’Architetto Lambiase nell’atto dello svelamento della targa inaugurale.
"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: