Arce-Choquehuanca: «Sólo la Unidad rescatará la soberanía del Pueblo Boliviano»

Risultati immagini per Arce-Choquehuancapor Rosalba Lo Bue Antico

A tan sólo 73 días del fatídico Golpe de Estado, cívico-policial, con la complicidad de las fuerzas armadas, contra los 14 años de Revolución Democrática y Cultural del Estado Plurinacional de Bolivia, liderada por Evo Morales; se alistan para rescatar la Soberanía del Pueblo, en la contienda electoral a efectuarse en Bolivia el próximo 3 de mayo de 2020, con la fórmula de Luis Arce y David Choquehuanca, elegida por los por Dirigentes del MAS de nueve departamentos bolivianos y del Pacto de Unidad, en la capital argentina, el pasado 19 de enero.

Durante la histórica reunión de Alto Nivel del Movimiento al Socialismo – Instrumento Político por la Soberanía de los Pueblos (MAS-IPSP) y el Pacto de la Unidad, convocada por el líder Evo Morales en Buenos Aires, ratificando con ello el Acuerdo por la Unidad y el fortalecimiento de dicha organización política, en donde los candidatos electos defenderán las luchas de los movimientos sociales por los recursos naturales y las grandes transformaciones políticas y económicas alcanzadas estos 14 años de revolución democrática y cultural, en defensa de los más altos intereses de la Patria, y que hoy están gravemente amenazadas por los intereses neoliberales y extranjeros, que han causado la crisis política del país, producto del golpe de estado del 10 de noviembre de 2019, y cuyo impacto no solo ha sido en Bolivia, sino que se ha convertido en un asunto geopolítico para la región Latinoamericana y Caribeña.

Este Pacto de Unidad, agrupa a sindicatos y organizaciones campesinas, indígenas y vecinales que constituyen la base del Mas-IPSP y está conformado por la Confederación Sindical Única de Trabajadores Campesinos de Bolivia (CSUTCB), la Confederación Nacional de Mujeres Campesinas Indígenas Originarias de Bolivia “Bartolina Sisa” (CNMCIOB-BS), la Confederación Sindical de Comunidades Interculturales Originarios de Bolivia (CSCIOB), la Confederación de Pueblos Indígenas del Bolivia (CIDOB) y el Consejo Nacional de Ayllus y Markas del Qullasuyu (CONAMAQ).
Es por ello que, este 22 de Enero, en el marco de la celebración del Día del Estado Plurinacional de Bolivia, establecido mediante el Decreto Supremo 405 de 2010, El MAS ha decidido presentar a sus candidatos y enviar un mensaje de reflexión y espíritu fraterno al país, finalizando simbólicamente el tercer mandato presidencial de Evo Morales.

Así se inicia, de forma pacífica y con dignidad, un recorrido cargado que de mucho sacrificio y venciendo dificultades extremas, que permitirá recobrar la continuidad de la Patria libre y soberana, con el venidero triunfo del próximo 3 de mayo, para con ello dar una lección de democracia al mundo y frenar al neoliberalismo, al fascismo y el terrorismo de la derecha boliviana, racista y reaccionaria, dirigida desde la Casa Blanca y sus mecanismos de dominación como la Organización de Estados Americanos (OEA).

El gobierno interino de Jeannine Añez, debía cumplir solo dos funciones: pacificar el país manteniendo el estado de paz, y convocar a elecciones; sin embargo, como un ejemplo de la política injerencista y monroísta, el Gobierno de facto ha representado un retroceso para el país en los aspectos político, económico, social, militar e internacional. En dos de estos aspectos, podemos citar que puso en riesgo la situación económica de Bolivia con aumento del gasto público y el déficit fiscal, además de postergar el pago de impuestos de empresarios y desmantelar el modelo económico comunitario de Morales.

En cuanto a la política exterior de Añez, entre los hechos, se cuentan el rompimiento de las relaciones con Venezuela, enfrentamiento con México y España así como la UE; abandono de la ALBA y su posible retiro de Unasur; además del ingresó de Bolivia al Grupo de Lima y retomar relaciones con EE.UU., y muy recientemente, su ausencia en la Celac.

En tal sentido, estas elecciones, pactadas para restablecer el orden constitucional, será prioritario lograr la reconciliación nacional y el reencuentro entre todos los bolivianos, para ello será necesario mantener una férrea unidad del movimiento político, para impulsar una propuesta electoral unitaria, de manera colectiva, que responda a los intereses del pueblo y proyecte a Bolivia hacia el futuro.

El binomio conformado por el ex ministro de Economía y Finanzas, Luis Arce Catacora como candidato a Presidente, considerado como el principal artífice del resurgimiento económico de Bolivia durante el Gobierno de Evo Morales (2006-2019), y el ex ministro de Relaciones Exteriores (2006-2017) ex secretario general de la ALBA (2017-2019), David Choquehuanca como candidato a Vicepresidente; su selección obedece a la necesidad de restablecer la estabilidad económica, la pacificación nacional y el reconocimiento internacional del país suramericano.

Bolivia: ¡Que viva la resistencia de las masas populares al golpe!

Risultati immagini per Bolivia marchapor (nuevo)Partido comunista italiano 

¡En todo el mundo, las masas populares de los países dominados por la Comunidad Internacional de grupos imperialistas europeos, estadounidenses y sionistas protestan y se rebelan contra los regímenes que ellos imponen!

En cada país, los partidos y los líderes de las masas populares están puestos a prueba y obligados a darle a la revolución la forma que debe tomar para ganar.

El golpe de estado promovido por grupos imperialistas estadounidenses en Bolivia llevó al presidente Evo Morales y a algunos miembros de su gobierno a renunciar y buscar refugio en el extranjero o en embajadas.

Las masas populares de Bolivia se rebelan contra los fascistas y militares partidarios del golpe de Estado con el que los grupos imperialistas de los EE. UU., UE y sionistas pretenden, incluso en Bolivia, revertir el curso de la historia.Risultati immagini per Bolivia marcha

Las masas populares de Bolivia se unen a las masas populares que en Chile, Ecuador y otros países latinoamericanos se rebelan contra los regímenes sometidos al imperialismo; se unen a las masas populares que en Argentina determinaron la derrota electoral de Mauricio Macri, a las masas populares que en Brasil se regocijan por la liberación de Lula.

Cuba socialista, Nicaragua sandinista y la República Bolivariana de Venezuela – fundada por Chávez y encabezada por el presidente Maduro – apoyan a las masas populares en lucha. En cada país latinoamericano, la orientación y la línea de los partidos, los exponentes y los seguidores del “socialismo del siglo XXI” se ponen a prueba de la lucha entre las clases: ¿acaso es posible avanzar en la reducción de las diferencias sociales sin eliminar la propiedad privada de los capitalistas en el aparato productivo y quitarles los institutos y centros de poder (Fuerzas Armadas, poder judicial, administración pública, etc.) que heredan del pasado?

Desde Palestina a Irak, Líbano y Egipto, las masas también se rebelan en los países ocupados por los sionistas de Israel y donde ellos y los imperialistas estadounidenses con sus cómplices europeos han instalado gobiernos títeres o maniobran directamente con sus grupos armados, asesores y agencias.

El descontento por el transcurso de las cosas también es grande entre las masas populares de EE.UU. y en cada uno de los países de la Unión Europea.


Igualmente en Italia, la crisis de las relaciones políticas, económicas, ambientales, culturales y sociales se está agudizando. Eso está confirmado por las crisis de ILVA, Alitalia, del imperio FIAT desde Mirafiori hasta Termini Imerese, de Whirlpool y del sector de electrodomésticos, de las empresas y sus 160 “mesas de crisis” activas en el Ministerio que, por ironía de la historia, es del Desarrollo Económico. Giuseppe Conte anda a tientas en la oscuridad con Di Maio y Zingaretti y todo su gobierno. Matteo Renzi intenta aprovecharlo y hace que la fronda de la mayoría gubernamental actual nos haga olvidar la prueba que dio de su orientación cuando dirigía el Partido demócrata y cuando desde 2014 fue jefe del gobierno, primero directamente hasta 2016 y, luego, hasta 2018 a través de Paolo Gentiloni.

Matteo Salvini y su Liga intentan aprovechar el hecho de que hace tres meses fueron providencialmente a la oposición liquidando al gobierno Conte 1: sacuden el espantajo de los inmigrantes, fomentan la movilización reaccionaria e intentan hacernos olvidar la renuncia a la creación de una moneda nacional (los minibots) y la sumisión a la Unión Europea, al Banco Central Europeo, al sistema financiero internacional que maniobra la Deuda Pública y a la OTAN en la secuela de “guerras humanitarias” que se extienden todos los días y el rearme: la sumisión que practicaron previamente con Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni y sus pandillas de bandoleros, banqueros y especuladores y luego en el gobierno Conte 1.

Depende de nosotros los comunistas aprender de la experiencia de la primera oleada de la revolución proletaria mundial (1917-1976) y del análisis dialéctico-materialista del curso de las cosas y dar al descontento, la intolerancia y la revuelta de las masas populares un desarrollo que multiplique y fortalezca la parte de ellas que se organiza alrededor del partido comunista hasta convertirla en una fuerza que establece su propio gobierno – el Gobierno de Bloque Popular – y se libera de las cadenas de la Comunidad Internacional de grupos imperialistas europeos, estadounidenses y sionistas para tomar el poder y establecer el socialismo, es decir:

1. poder de las masas populares organizadas alrededor del partido comunista;
2. gestión pública planificada de la actividad económica del país para satisfacer las necesidades de la población y las relaciones con otros países;
3. creciente participación de todas las masas populares en las actividades específicamente humanas y gestión de la vida social.

Como bien dijo Jorge Arreaza, Ministro de Relaciones Exteriores de la República Bolivariana de Venezuela, ante el golpe de Estado en Bolivia: “movilizarse para evitar la guerra imperialista, denunciando sus mecanismos con firmeza pero, sobre todo, es importante que las personas se organicen para cambiar las cosas en sus países, porque solo con el poder popular es posible prevenir la guerra y poner fin a la dominación de los grupos imperialistas”.

La revuelta de las masas populares en Bolivia y en los otros países oprimidos por el sistema imperialista mundial y, en particular, por los grupos imperialistas estadounidenses, europeos y sionistas, también nos fortalece.

Cada muestra de solidaridad con las masas populares de Bolivia las fortalece en su lucha y aumenta en los manifestantes la conciencia de que la lucha común para poner fin al sistema imperialista está en marcha en todos los países.

¡La forma más alta de solidaridad con las masas populares en revuelta en otros países es avanzar en la revolución socialista en nuestro país, hasta constituir un gobierno decidido y capaz de afirmar la soberanía nacional inscrita en la Constitución italiana de 1948 contra la Comunidad Internacional de los grupos imperialistas, sus instituciones (UE, BCE, FMI) y su brazo armado, la OTAN!

El futuro del país depende de las organizaciones obreras en las empresas capitalistas y las organizaciones populares en las empresas públicas y en los territorios poblados. 

¡Necesitamos multiplicarlas, fortalecerlas y llevarlas a coordinarse y convertirse en nuevas autoridades públicas que constituyen su propio gobierno de emergencia, el Gobierno de Bloque Popular!

¡Atrévete a luchar, atrévete a ganar! ¡El futuro es nuestro!

Golpe in Bolivia: si usa Cristo per saccheggiare il paese

L'immagine può contenere: 1 personadi Achille Lollo

Tutti i media europei e statunitensi hanno usato le patetiche immagini di Luis Fernando Camacho e Jeanine Añez che impugnano la Bibbia come fosse un’arma, per mascherare e occultare la responsabilità strategica del governo degli Stati Uniti in questo colpo di Stato.

Prima di entrare nel merito specifico dei responsabili del colpo di stato, è necessario definire alcuni parametri economici e politici del governo di Evo Morales, per capire perché in un paese come la Bolivia, – dove il PIB è passato da 9 miliardi (2007) a 40 miliardi di dollari (2018), mentre l’inflazione è scesa al 4,5% e la povertà è stata ridotta dal 38% fino al 15% -,  è stato organizzato e realizzato il 10 novembre un colpo di stato, nonostante il presidente Evo Morales avesse annunciato la realizzazione di nuove elezioni prima della fine del suo mandato (22/01/2020), proprio come aveva richiesto il segretario dell’OEA, Luis Almagro e anche la stessa Unione Europea attraverso Federica Mogherini.

In realtà il colpo di stato realizzato dal Comandante in Capo delle Forze Armate, generale Williams Kaliman, insieme al Comandante Generale della Polizia, Vladimir Yuri Calderón, non poteva più essere fermato o tanto meno ritardato in attesa di nuove elezioni.

Questo perché i gruppi paramilitari (Milicias) finanziati, organizzati e diretti dal cosiddetto Comité Civico de Santa Cruz, erano entrati in azione prima del referendum e cioè il 19 ottobre, creando, con azioni di autentico terrorismo, una situazione di crescente instabilità. Azioni terroristiche che poi si son moltiplicate nelle principali città della Bolivia, subito dopo l’annuncio della vittoria elettorale di Evo Morales.

Quindi, a partire da questa connotazione di fatti è possibile ricostruire la metodologia e analizzare come questo colpo di stato è stato costruito e come e perché l’amministrazione degli Stati Uniti ha dato il suo avallo al progetto cospirativo, senza ripetere gli errori del passato, quando il suo ambasciatore, Philip Goldberg, fu espulso il 12 settembre 2008, accusato di appoggiare il movimento separatista della Mezza Luna di Santa Cruz, di cui, il lìder era proprio Luis Fernando Camacho!

Dalla nazionalizzazione del gas all’industrializzazione dei minerali

La decisione politica e costituzionale che aveva permesso al primo governo di Evo Morales d’imporre una nuova definizione politica per la gestione dell’economia e delle ricchezze minerarie nazionali, fu la nazionalizzazione del gas con il “Decreto Supremo” e la conseguente centralizzazione produttiva nell’impresa statale YPFP (Compañía Yacimientos Petrolíferos Fiscales Bolivianos).

In questo modo le imprese boliviane che rappresentavano o erano intermediarie delle multinazionali persero l’opportunità di continuare a spadroneggiare sulla vendita del gas in Bolivia ed alle imprese argentine e brasiliane.

Il gruppo che ha maggiormente sofferto con questa nazionalizzazione fu la SERGAS, che, in pratica, monopolizzava la vendita del gas a Santa Cruz e che popolarmente era conosciuta come “Compañia Camacho”, di proprietà del padre de Luis Fernando Camacho. Quindi non è stato per caso che Luis Fernando Camacho dal 2005 integrò oscuri piani sovversivi.

Dopo, dal 2006 fino al 2009, Camacho “patrocinò”, insieme ai membri della setta “Los Caballeros del Oriente”, la formazione delle “Milicias” (gruppi paramilitari), principalmente nella provincia di Santa Cruz, con l’obbiettivo di scatenare un movimento di guerriglia separatista.

Però con la creazione di UNASUR il progetto eversivo di Camacho rientrò, anche se la polizia boliviana non è mai riuscita a smontarne l’organizzazione e la struttura logistica. Infatti, secondo alcune fonti boliviane, Luis Fernando Camacho ha riattivato con molta facilità l’organizzazione sovversiva delle “Milicias” fin dal 2016, quando Evo Morales dichiarò che si sarebbe ricandidato nelle elezioni di ottobre del 2019.

L’altra decisione politica determinante del terzo governo di Evo Morales fu la legge che sviluppava la Estrategia Nacional de Industrialización (Strategia Nazionale di Industralizzazione) che, nel 2016, prevedeva la realizzazione di grandi progetti industriali relazionati con la trasformazione industriale dei prodotti minerali, in particolare il litio e il cloruro di potassio e l’estrazione dei nuovi minerali strategici, vale a dire il cobalto, il torio, l’uranio e il gallio.

È opportuno ricordare che quasi tutti questi minerali sono associati all’oro, di modo che la Bolivia, oltre ad essere diventata il principale produttore mondiale di litio, con una riserva di 9 milioni di tonnellate metriche, secondo il Servizio Geologico degli Stati Uniti (USGS), diventerà un potenziale produttore dei 35 minerali che l’USGS considera cruciali per l’economia statunitense!

Infatti, Caspar Raweles, analista delle Benchmark Mineral Intelligence, nel passato mese di febbraio dichiarava: “…nel caso del cobalto il prezzo è salito dai 20 dollari ai 40 per poi stabilizzarsi a 32 dollari, confermando le previsioni degli analisti del settore, secondo i quali nel 2022 ci sarà scarsezza di cobalto se non saranno aperti nuovi punti di produzione. Per questo ogni compagnia legata al sistema economico globale sta cercando di ridurre i rischi geopolitici per i suoi progetti di esplorazione”.

Il più classico dei “rischi geopolitici” è la presenza di un governo “non collaborativo” con le multinazionali del settore, ovviamente.

Per confermare le previsioni fatte dal CRU di Londra e dall’USGS, il presidente della statale mineraria boliviana COMIBOL (Corporación Minera de Bolivia), Marcelino Quispe, nel mese di marzo del 2018 dichiarava all’agenzia ABI che “…I primi sondaggi minerari nelle regioni di Oruro, La Paz, Potosì e Santa Cruz, hanno rivelato nuovi grandi giacimenti di argento, oro, galio, cobalto, rame, zinco, torio e soprattutto uranio. Quest’ultimo, localizzato nel nordest della provincia di Santa Cruz, dovrà essere estratto nei primi mesi del 2019…”

Per questo il governo di Evo Morales stava preparando la bozza di possibili accordi di cooperazione con Argentina, Russia, Francia e Iran, per arricchire in questi paesi l’uranio estratto in Santa Cruz. Poi nel 2025 con il “Programa Civil de Energia Nuclear” il governo prevedeva investire 2 miliardi di dollari per la costruzione di due centrali nucleari nelle province del nordest.

Così facendo la Bolivia, senza la presenza delle multinazionali statunitensi, si sarebbe trasformata nell’Eldorado minerario dell’America Latina, con un governo che, certamente, avrebbe reinvestito nel sociale gli immensi guadagni ottenuti con la vendita e l’industrializzazione dei minerali strategici.

Da ricordare che nei grandi progetti delineati dal presidente Morales figurava l’installazione di una fabbrica di batterie al litio per le auto elettriche di tutto il mondo, ma anche una fabbrica di auto elettriche per coprire il mercato latino-americano.

Nei mesi che hanno preceduto le elezioni di ottobre, i grandi media non hanno mai rivelato che Luis Fernando Camacho – questa volta senza Bibbia – avrebbe avuto incontri “riservati” con rappresentanti di varie multinazionali minerarie statunitensi, vale a dire ALCOA, ASARCO, Newmont Mining Corporation, Southern Copper e Anaconda Copper.

Per poi, nella prima settimana di maggio di quest’anno, sbarcare senza molta pubblicità nella capitale brasiliana, per incontrarsi con il ministro degli Esteri, Ernesto Araujo. Sempre secondo alcune fonti “riservate” Camacho, avrebbe anticipato la sconfitta di Morales richiedendo a Ernesto Araujo la promessa di un immediato riconoscimento del nuovo governo. In cambio, Camacho offriva la ridefinizione del nuovo contratto di vendita del gas (32,35 milioni di metri cubici diari).

Non è una casualità, ma il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, è stato il primo a riconoscere l’autonominazione a presidente interino di Jeanine Añez ed a dire che avrebbe inviato La Paz “…una persona per seguire l’andamento della situazione boliviana…”.

La stessa fonte brasiliana ricorda che Camacho avrebbe garantito al ministro Ernesto Araujo la realizzazione di un programma di privatizzazione come quello brasiliano, primo fra tutti la privatizzazione della YPFB, la statale del gas.

La necessità della rielezione di Evo e il golpe

Alcuni settori della sinistra hanno criticato la decisione del presidente Evo Morales di ricorrere al Tribunale Costituzionale per ottenere quello che non aveva raggiunto con il referendum, vale a dire l’opportunità di poter concorrere alle elezioni presidenziali per la quarta volta. Per altri Evo avrebbe peccato di testardaggine, oltre ad essere stato sedotto dal potere…

Giudizi veicolati dai grandi media boliviani, statunitensi ed europei che all’unisono nel 2016, in occasione del referendum, personalizzarono la campagna mediatica contro Evo Morales, creando Fake News assurde, che furono accolte e recepite soprattutto dalla classe media, in particolare quella di La Paz.

La stessa che, nel mese di ottobre ha appoggiato il colpo di stato pensato e promosso a Santa Cruz de la Sierra dal locale Comité. Infatti, il referendum del 2016 fu volgarmente manipolato con il caso “Gabriela Zapata”.

Costei, presentata dai media come “l’amante” di Evo, guadagnò migliaia di dollari realizzando interviste in cui descriveva Evo Morales come il più sordido, il più corrotto, il più squallido individuo della Bolivia. Per poi “dulcis in fundo” accusarlo anche della morte di un figlio mai esistito.

Purtroppo, soltanto il 23 maggio 2017, la magistratura scopri la verità, condannando Gabriela Zapata a dieci anni di prigione per falso ideologico, uso di documenti falsificati, associazione a delinquere e uso indebito di beni pubblici. Purtroppo, nel 2017, i boliviani avevano già votato contro Evo!

Quindi, per Evo e per i dirigenti del MAS (Movimiento al Socialismo), era evidente che il referendum era stato manipolato dai media con il caso di Gabriela Zapata, di modo che la richiesta al Tribunale Costituzionale sembrava ampiamente giustificata.

Nello stesso tempo i servizi di informazione boliviani avevano rivelato al presidente che in caso di vittoria del leader dell’opposizione, Carlos Mesa, tutti i progetti strategici creati dal governo sarebbe stati dissolti e le imprese statali privatizzate. Prime fra tutte la statale del gas, la YPFB e quella mineraria COMIBOL, responsabile dell’industrializzazione del litio e dell’uranio.

È imperativo ricordare che Carlos Mesa divenne presidente della Bolivia nell’ottobre del 2003 a causa delle dimissioni e della fuga negli USA del presidente Gonzalo Sánchez de Lozada. Infatti, per evitare di essere processato per la drammatica repressione dei manifestanti che protestavano contro gli aumenti dei prezzi del gas dopo le privatizzazioni (80 morti e 523 feriti), Lozada fuggi grazie all’aiuto dell’ambasciata statunitense.

Inoltre, che fu proprio Carlos Mesa, nella qualità di vicepresidente, ad aver negoziato le privatizzazioni con le multinazionali, autorizzando, in seguito, l’aumento delle tariffe del gas per uso civile. 

Comunque, la grande problematica che ha notevolmente pesato sulla decisione di Evo Morales di concorrere a tutti i costi per la quarta volta riguarda il cambio politico che un’eventuale vittoria di Carlos Mesa avrebbe imposto al popolo boliviano con il ritorno delle privatizzazioni, distruggendo tutto quello che era stato costruito durante i tre governi.  In pratica quello che Moreno sta facendo in Ecuador e quello che Bolsonaro ha già fatto in Brasile.

Un’altra constatazione che ha influenzato notevolmente la decisione di Evo è che il suo vicepresidente, Alvaro Garcia, pur essendo un antico leader della sinistra boliviana, non è indigeno. Un elemento che nella società andina ha una grande importanza.

Infatti, secondo la Divisione federale di Ricerca della Biblioteca del Congresso (USA), la Bolivia è un paese dove il 58% della popolazione è etnicamente indigeno (28% sono Quechuas, 19% Aymaras e 11% di altri gruppi etnici indigeni), poi il 30% è formato dai “Mestizos” (figli di europei con indigeni) e solo il 12% è di origine europea.”

Purtroppo, gli altri dirigenti e parlamentari del MAS, tra cui Victor Borda, ex presidente della Camera dei deputati, non avevano una dimensione nazionale capace di sostituire l’immagine di Evo Morales. In secondo luogo, non avevano la stessa capacità di dialogo con le masse e la disposizione di affrontare la destra e i media nelle elezioni di ottobre.

Nel campo dell’opposizione, la certezza che Evo Morales si sarebbe presentato alle elezioni di ottobre, nonostante il risultato negativo del referendum del 2016, ha permesso a Luis Fernando Camacho di trasformare il suo Comité de Santa Cruz nella centrale operativa del colpo di stato e quindi dell’azione terrorista e sovversiva delle Milicias. Gruppi paramilitari ormai pronti ad agire in quasi tutto il territorio della Bolivia, grazie, soprattutto alla copertura della polizia e al “silenzio” dell’esercito.

Infatti, subito dopo le forzate dimissioni di Evo Morales, per evitare che Victor Borda assumesse l’incarico di presidente ad interim, in quanto Presidente della Camera dei deputati, le “Milicias” di Camacho hanno attaccato la residenza di Victor Borda e poi sequestrato il fratello, minacciandolo di morte.

Di fronte a questo ricatto Victor Borda ha dato le dimissioni in cambio della vita del fratello!

La Bolivia di Evo, le relazioni con gli Usa e la presenza della Cina

Dopo l’espulsione dell’ambasciatore statunitense Philip Goldberg, il 12 settembre 2008, le relazioni diplomatiche e politiche tra Bolivia e Stati Uniti hanno vissuto momenti difficili. Basti pensare che nello stesso anno fu espulsa tutta la delegazione della DEA, accusata di “cospirazione”. Poi, nel 2013, fu l’USAID ad essere espulsa dal governo boliviano.

Solo negli ultimi anni le relazioni diplomatiche tra i due paesi si erano stabilizzate, soprattutto con l’arrivo di Bruce Williamson in qualità di Incaricato d’Affari. Invece, negli Stati Uniti, il Dipartimento di Stato e la CIA decidevano di ampliare gli effetti della “guerra ibrida” contro il governo bolivariano di Nicolas Maduro, anche contro il governo di Evo Morales.

Per questo motivo varie entità governative, ONG e fondazioni statunitensi hanno moltiplicato le relazioni con le forze dell’opposizione boliviana, cercando, in questo modo di ripetere il processo d’infiltrazione già perfettamente realizzato in Brasile, in Venezuela e in Ecuador.

Basti pensare che nel gennaio di quest’anno la deputata repubblicana Ileana Ros-Lehtinen, dichiarava nel Congresso che “il presidente Morales non poteva perpetuarsi nel potere, per questo il popolo della Bolivia necessitava dell’aiuto degli Stati Uniti…”. In seguito, l’ambasciatrice degli Stati Uniti all’ONU, Nikki Haley, nel mese di agosto, durante la sua “missione diplomatica” in Colombia dichiarava “…La Bolivia, dopo il Venezuela, è il paese che dobbiamo seguire con attenzione…”.

Un’infiltrazione che è coordinata da agenzie e subagenzie del Dipartimento di Stato. Infatti, la NED (Fondazione Nazionale per lo Sviluppo) realizza i suoi programmi appoggiandosi a 30 ONG boliviane e due istituti privati statunitensi, l’Istituto Repubblicano Internazionale e il Centro per l’Impresa Privata Internazionale, con i quali porta avanti il progetto “Governo e Società Civile”. Un progetto che forma i nuovi quadri dirigenti per i partiti di opposizione, secondo le norme del liberalismo statunitense.

È necessario ricordare che il governo di Evo Morales, non è mai riuscito a tagliare il cordone ombelicale che lega la polizia boliviana alla CIA/DEA e gli ufficiali superiori delle Forze Armate al Pentagono.

Questo perché l’esercito della Bolivia, insieme a quello della Venezuela, a partire dal 1962, furono completamente ristrutturati in base alle norme dell’accademia militare statunitense. Basti pensare che in America Latina il primo battaglione di “Rangers”, specializzato nella contro-guerriglia, fu creato dal Pentagono in Bolivia, appositamente per circondare ed eliminare il foco guerrigliero montato da Che Guevara con il nascente ELN.

In realtà, il governo socialista-progressista di Evo Morales, come pure quelli di Rafael Correa e di Lula, non sono mai riusciti ad avere il pieno riconoscimento da parte degli ufficiali superiori. Una situazione che ha sempre permesso l’infiltrazione da parte delle antenne delle CIA, della DEA e del Dipartimento di Stato.

Evo, Correa e Lula hanno sempre creduto che facendo pesare sui militari l’istituzione del governo, la carta costituzionale e le vittorie elettorali, in un certo senso, avrebbero ottenuto relazioni di rispetto, che però non sono state mai di fedeltà da parte dei militari e della polizia.

Infatti, se l’esercito, i servizi d’Intelligence e la polizia federale brasiliana fossero stati realmente compromessi con la governabilità e i concetti costituzionali, non avrebbero permesso l’organizzazione dell’Impeachment nei confronti del presidente Dilma Rousseff.

Lo stesso si può dire per l’Ecuador, dove i servizi segreti e i servizi di l’intelligence dell’esercito hanno praticamente sostenuto il tradimento del neopresidente Moreno, cospirando per provocare l’arresto del vicepresidente Jorge Glas.

In Bolivia, bisogna riconoscere che Evo Morales non ha mai represso gli avversari politici usando la forza di chi è stato eletto con il 67%. Basti pensare che quando fu scoperto e sgominato il progetto secessionista della Mezza Luna, nella provincia di Santa Cruz de la Sierra, il governo e lo stesso Evo Morales lasciarono alla magistratura il compito d’investigare e di processare i pochi responsabili degli atti di terrorismo presentati dalla polizia.

In pratica il governo boliviano si accontentò della vittoria politica, convinto che le poche condanne dei tribunali e la convivenza democratica nel Parlamento avrebbero educato l’opposizione.

Un altro problema che collega direttamente il colpo di stato in Bolivia con il governo degli Stati Uniti è la nuova e profonda relazione politica, economica e finanziaria che il governo di Evo Morales stava sviluppando con la Cina.

Infatti, per l’ex ministro degli esteri brasiliano Celso Amorim “… In termini geo-strategici la Bolivia è il centro dell’America Latina, che in questi anni è cresciuta moltissimo, scoprendo un potenziale di ricchezze minerarie non indifferente. Per questo, quando gli Stati uniti si sono resi conti che il governo di Evo Morales si stava aprendo ad altre forze mondiali, in particolare la Cina, hanno deciso di agire. Non ci sono dubbi. L’influenza degli Stati Uniti in Bolivia è permanente e le forze dell’opposizione sono tendenzialmente portate alla cospirazione sovversiva. E dico questo perché nel 2008 io stavo lì e conosco il contesto di Santa Cruz che nel 2008 stava gettando la Bolivia nel vortice della guerra civile…- “

Seguendo le constatazioni di Celso Amorim è imperativo ricordare che negli ultimi anni la Bolivia è diventato uno dei principali esportatori mondiali di antimonio, stagno, tungsteno e boro di cui le industrie degli Stati Uniti hanno assoluto bisogno. Inoltre, dal 2016 la Corporación Minera de Bolivia (Comibol), a iniziato a sostituire le fonderie statunitensi con quelle spagnole e soprattutto le cinesi, per processare e commercializzare in lingotti i minerali estratti negli altipiani boliviani.

Una dipendenza cui, comunque, Evo Morales pensava di metter fine grazie alla “cooperazione finanziaria” cinese (pari a sette miliardi di dollari), con la costruzione in Bolivia d’impianti siderurgici per la raffinazione dello zinco, da cui si estrae l’indio, che è un altro materiale strategico di cui le industrie statunitensi hanno un assoluto bisogno.

Sempre con l’apporto e la cooperazione di imprese cinesi, russe, francesi, canadesi e tedesche, il governo di Evo Morales aveva progettato il potenziamento e l’estrazione di tutti i minerali strategici presenti nel sottosuolo boliviano, tali come il litio, il cobalto, il palladio, l’antimonio, il bismuto, il cadmio, il cromo e il volframio, oltre ad aumentare i volumi produttivi dei minerali tradizionali, vale a dire: oro, stagno, manganese, zinco, argento, platino, potassio, nickel, ferro, rame e soprattutto uranio.

Un contesto che non sfuggiva agli analisti compenetrati negli sviluppi economici della Bolivia. Infatti, Axel Arías Jordan, il 20 settembre 2018, anticipando l’interesse degli Stati Uniti per un cambio in Bolivia così scriveva:” Lo scontro elettorale che si realizzerà in ottobre del 2019, si preannuncia come uno delle grandi sfide per un eventuale cambio politico in Bolivia. Motivo per cui bisogna stare molto attenti a come il governo e il settore privato degli Stati Uniti prendono in mano questo processo e se decideranno di attuare in funzione di determinati interessi politici ed economici relazionati con la Bolivia. Infatti, oltre ai tradizionali interessi per il controllo di un paese divenuto mondialmente famoso per la sua potenzialità mineraria, gli Stati Uniti hanno altri interessi fondamentali legati alla difesa e ai vincoli commerciali esistenti tra la Bolivia e la Cina. In definitiva, pur continuando a mantenere il mirino sul Venezuela, è molto probabile che il governo degli Stati Uniti indurirà le differenti forme di pressione sul governo boliviano…”.

Purtroppo, l’indurimento dell’imperialismo c’è stato con un colpo di stato, pensato nel gennaio di quest’anno per poi essere pianificato a partire da maggio. Un colpo di stato che vuole essere mascherato con una Bibbia, per non dire che è l’ennesima soluzione imperialista per arricchirsi espropriando le immense ricchezze minerarie boliviane.  

Bolivia: il fascismo all’assalto del potere

L'immagine può contenere: 2 persone, testo

di Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana “CaracasChiAma”

Gruppi violenti di estrema destra del leader Camacho hanno occupato ieri pomeriggio le strutture e catturato i lavoratori della tv e della radio statale boliviana, bloccando le trasmissioni che mostravano le violenze e la perpetrazione di un possibile colpo di stato nel paese.

I media che sono stati attaccati sono il canale televisivo statale Bolivia Televisión, le stazioni Radio Patria Nueva e della Confederazione dei sindacati contadini della Bolivia (Csutcb), in quest’ultima il suo direttore, José Aramayo, è stato legato a un albero.

Il presidente Evo Morales dopo aver appreso lo svolgersi di queste azioni che tutti gli esponenti del governo definiscono golpiste e fasciste ha twittato: “I media statali BTV e RPN sono stati occupati da gruppi organizzati che dopo aver minacciato e intimidito i giornalisti li hanno costretti ad abbandonare le loro fonti di lavoro. Dicono che difendono la democrazia, ma agiscono come nella dittatura”.

Da parte sua, il presidente del canale statale della Bolivia TV, Miguel Torrijo, ha denunciato che un gruppo violento ha preso le strutture del mezzo di informazione e li ha costretti a interrompere il segnale, “hanno chiuso le strutture con lucchetti e catene, ci hanno costretto a lasciare il canale”, ha aggiunto.

Ma le violenze non sono finite qui.

La casa della sorella di Evo Morales è stata data alle fiamme (http://www.apcbolivia.org/noticias/noticia.aspx?fill=61513&t=turba-vandálica-quema-casa-de-la-hermana-del-presidente-evo-en-oruro) e sulle reti sociali le bande para-fasciste si organizzano per andare ad assaltare l’ambasciata cubana e quella venezuelana (https://twitter.com/erikaosanoja/status/1193369057376002053?s=21) approfittando della pressoché totale assenza della polizia che avrebbe aderito alle posizioni golpiste.

Gli aggiornamenti e video delle ultime ore in diretta sul posto, cliccare sul link:
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3661474290533032&id=1034770026536818&anchor_reactions=true

https://www.telesurtv.net/news/bolivia-grupos-violentos-atacan-medios-comunicacion-20191109-0026.html

Bolivia: vientos de golpe

L'immagine può contenere: testo

Bolivia: Vince Evo Morales e la destra vuole il golpe

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono, testodi Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana 

In Bolivia il presidente socialista Evo Morales non è ancora il vincitore ufficiale delle elezioni, perché?

Ecco i fatti di ieri minuto per minuto vissuti in prima linea sul posto come osservatori internazionali accreditati.

Il giorno delle elezioni il conteggio dei voti si è fermato all’83% circa delle schede poiché dovevano arrivare i voti dalle aree rurali che giungono non attraverso il conteggio rapido a causa della natura dei luoghi.

In quel momento il presidente era in vantaggio del 8% circa ma ciò non bastava a farlo vincere al primo turno.

L’opposizione di destra attraverso i media, che qui in Bolivia sono tutti contro Evo Morales, ha cominciato a cantare vittoria dicendo che aveva raggiunto il ballottaggio.

Ovviamente era una gran bugia poiché nelle zone rurali da scrutinare Evo Morales vince con percentuali superiori all’80%, quindi i seggi mancanti avrebbero potuto dargli la possibilità di arrivare al 10% di vantaggio e quindi essere eletto al primo turno.

Infatti ciò è puntualmente avvenuto quando, durante la giornata di lunedì, lo spoglio mostrava l’avanzata del presidente socialista.

La destra, ipotizzando una possibile sconfitta, aveva ammassato sin dalla mattina una folla di oppositori fuori all’hotel Plaza dove avveniva il conteggio dei voti che mostrava uno per uno i verbali dei seggi scannerizzati.

Nel frattempo anche i sostenitori di Evo Morales avevano deciso di andare di fronte all’hotel per difendere la eventuale vittoria del proprio presidente, la piazza era quindi divisa a metà da un cordone di polizia che divideva i due gruppi, come mostra il nostro video di ieri pomeriggio.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3597000466980415&id=1034770026536818&anchor_reactions=true

È successo quindi che alle 19 circa, i rappresentanti della destra, vedendo i risultati a loro sfavorevoli, hanno iniziato a gridare ai brogli ed hanno abbandonato furiosi la sala dell’Organo Elettorale uscendo dall’hotel e gettandosi tra le braccia dei loro manifestanti dicendo che “all’interno dell’hotel era in atto una frode elettorale, e si stava rubando il voto ai boliviani”.

Dopo circa mezz’ora è iniziato il caos.

Dalla parte della piazza dove erano i manifestanti della destra è cominciata una fitta sassaiola contro le vetrate dell’hotel ed il tentativo di sfondare il cordone di sicurezza per entrare a distruggere tutto.

La parte sinistra della piazza, quella dove erano ammassati i manifestanti socialisti era invece ferma e pacifica come mostrano i primi 7 secondi del video.

Nel prosieguo delle immagini si vede invece la polizia che respinge i violenti che cercano di sfondare.

Abbiamo provato ad uscire ma il fumo dei lacrimogeni era insopportabile.

Contemporaneamente anche in altre città partiva l’ordine della opposizione ai propri militanti di creare caos nelle strade bruciando ed attaccando le sedi locali del Tribunale Elettorale, cosa puntualmente avvenuta.

Il conteggio dei voti e la mostra dei verbali uno per uno è andata avanti sino alle 3 del mattino e verrà ripresa oggi alle 15:00 presso la sede centrale del Tribunale Supremo Elettorale a La Paz e lì presumibilmente saranno dati i risultati definitivi.

Al momento il presidente Evo Morales ha superato il 10% di vantaggio e sarebbe virtualmente presidente.


La destra ha detto che non accetterà mai il risultato e la OEA, attraverso i suoi osservatori ha già condannato lo spoglio ed ha chiesto che si vada al ballottaggio.

Il video e lo svolgimento dei fatti sono raccontati per osservazione diretta essendo presenti come osservatori ufficiali alle elezioni.

Cuba, Venezuela e Bolivia uniti di fronte all’ONU

L'immagine può contenere: 3 persone, testoda Rete di Solidarietà “CaracasChiAma”

Ieri alla Assemblea dell’ONU i presidenti di Venezuela, Cuba e Bolivia hanno parlato contro la politica dei blocchi economici, delle invasioni, delle ingerenze, portate avanti dagli Stati Uniti d’America.

Il presidente cubano Díaz-Canel: “I principali problemi che affliggono il mondo sono il risultato del capitalismo, in particolare dell’imperialismo e del neoliberismo. L’egoismo e l’esclusione che accompagnano questo sistema, sociale e culturale favoriscono l’accumulo di ricchezza nelle mani di pochi a scapito della maggioranza e causano sfruttamento e miseria. L’attuale Amministrazione statunitense, in un nuovo sfoggio di politica imperiale, attacca il Venezuela con speciale ferocia. Ribadiamo il nostro assoluto sostegno alla Rivoluzione Bolivariana e al legittimo governo del presidente Maduro”.

Il presidente Maduro: “Porto la verità di un popolo combattivo, eroico, rivoluzionario. La voce di un paese che ha rifiutato di arrendersi all’ingiustizia. Ieri agli schiavisti coloniali, oggi agli schiavisti neocoloniali. Le porte del paese sono aperte, per una indagine indipendente e internazionale con un emissario dell’ONU che indaghi sul fallito attentato con droni del 4 agosto subita dal popolo e dalle sue autorità. Attentato preparato da autori che risiedono negli Stati Uniti e che hanno avuto l’approvazione delle autorità colombiane. Esorto i paesi della America Latina e dei Caraibi a non accettare la dottrina Monroe statunitense che tanti danni ha fatto nel 20° secolo”.

Il presidente socialista boliviano Evo Morales: “Respingo l’intenzione spudorata degli Stati Uniti di intervenire militarmente in Venezuela. I problemi interni dei venezuelani devono essere risolti dai venezuelani, senza alcun intervento esterno di alcun tipo o governo. Esorto il governo degli Stati Uniti a ritirare le misure unilaterali e illegali, che rappresentano una delle cause dell’attuale situazione economica della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Respingo il blocco economico illegale di Cuba da parte degli Stati Uniti. Il governo nordamericano ha l’obbligo di riparare finanziariamente il danno causato da queste misure al popolo cubano, di rispettare le risoluzioni dell’Organizzazione delle Nazioni Unite e di togliere immediatamente il blocco contro l’isola”.

Bolivia: Morales denuncia assassinio del viceministro degli interni

Bolivia: ucciso il viceministro degli Interni. La denuncia e il dolore di Evo Moralesda lantidiplomatico.it

Rodrigo Illanes è stato sequestrato, torturato e barbaramente ucciso dai cooperativisti del settore minerario in protesta contro il governo.

«La morte del fratello viceministro Illanes, fa molto male, si tratta di un atto codardo… il sequestro, la tortura e la sua morte», con queste parole il presidente della Bolivia Evo Morales ha condannato l’assassinio del viceministro dell’Interno boliviano Rodrigo Illanes, avvenuto nella località Pandoro per mano dei cooperativisti del settore minerario che sono in protesta contro il governo.   

Il viceministro degli Interni era stato inviato per promuovere il dialogo tra il governo ed i cooperativisti sul piede di guerra perché il presidente Evo Morales ha promulgato una legge che permette la formazione di sindacati in questo settore, secondo quanto riportato dall’emittente satellitare TeleSur.

L’agenzia di stampa boliviana ABI informa che secondo i risultati dell’autopsia svoltasi sul corpo martoriato del viceministro Illanos, la morte sarebbe avvenuta per emorragia cerebrale e toracica.

Rodrigo Illanos è stato dapprima sequestrato, poi torturato e infine barbaramente ucciso. Il procuratore di La Paz, Edwin Blanco, ha affermato che il corpo del viceministro è stato ‘flagellato’ dai cooperativisti. 

Evo Morales ha affermato che «i veri cooperativisti minerari sono stati ingannati da alcuni dirigenti (…) quando vi sono in ballo interessi politici, non si tratta di rivendicazioni sociali ma di politica». Il presidente boliviano ha poi invitato a individuare il prima possibile gli autori materiali e intellettuali di questo efferato delitto.  

ONU: Maduro e Morales denunciano i disastri dell’imperialismo

da L’antidiplomatico 

Nei loro interventi alla 70a Assemblea Generale dell’ONU, Il Presidente venezuelano Nicolás Maduro e il suo omologo boliviano, Evo Morales hanno evidenziato come le guerre imperialiste siano il principale fattore dei problemi che affliggono l’umanità

Come riportato da Hispantv e RT, i Presidenti Del Venezuela e della Boliva, Nicolás Maduro e Evo Morales, nei loro interventi alla 70a Assemblea generale dell’ONU, si sono scagliati contro le politiche imperialiste che hanno causato disastri umanitari, ecologici ed economici.

«La guerra è il miglior business del capitalismo», ha dichiarato Morales, denunciando coloro che sostengono le politiche neoliberiste, ovvero i paesi sviluppati, quando queste politiche attaccano i più bisognosi.

«Come risultato delle guerre imperiali, oggi gli oceani sono diventati i cimiteri dei rifugiati che periscono in mare, dal momento che i loro paesi sono diventati trincee della guerra», ha aggiunto Morales.

Il presidente boliviano ha sottolineato che esistono le «fabbriche di guerra, si demonizzano i leader e gli stati progressisti e si criminalizza il loro orientamento anti-capitalista». Inoltre, Morales ha avvertito che le politiche del sistema capitalista non soddisfano i bisogni dell’umanità. «Ogni giorno l’impero crea veri eserciti di fanatici religiosi che non possono controllare, come l’esercito dello Stato islamico», ha spiegato commentando le accuse che gli Stati Uniti sostengono le organizzazioni terroristiche.

Inoltre, Morales ha annunciato che la politica del capitalismo colpisce direttamente l’ambiente e lo sviluppo sostenibile, a tal proposito ha chiesto ai governi di lavorare insieme per un mondo di maggiori opportunità.

Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venzuela, Nicolás Maduro sulla stessa linea di Morales, ha denunciato che le «causa concrete, specifiche, che hanno avuto un impatto devastante sui popoli fraterni di Afghanistan, Iraq, Libia e Siria, non sono altro che le guerre ingiuste, un tentativo di controllare il mondo da parte una sola potenza egemone che cerca di avere il suo dominio sui popoli».

Inoltre, Maduro ha sottolineato che l’origine della povertà e della miseria nel mondo è la disuguaglianza sociale che si deve quindi combattere con la creazione di un nuovo modello economico e sociale.

Allo stesso modo, ha chiesto la fine della ingiustizie e delle guerre imperialiste con l’intenzione di stabilire le condizioni che dirigano l’essere umano verso i suoi “nobili obiettivi”.

Egli ha aggiunto che l’aggressione e la conquista di interi paesi ha causato il flusso di richiedenti asilo che provengono da paesi arabi coinvolti nella guerra, coloro che fuggono dalla miseria e dolore.

«Pensiamo ad una casa comune dei popoli che si basi sulle loro relazioni sul rispetto del diritto internazionale e dei popoli che vedano l’Agenda 2030 come un Agenda umana di costruzione, pace, felicità e giustizia universale», ha concluso.

Morales ha dichiarato il 2 agosto Giornata dell’Antimperialismo

da hispantv

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha designato il 2 agosto come la Giornata dell’Antimperialismo, festa che si celebrerà nello stesso giorno della Rivoluzione agraria, produttiva e comunitaria.

«Vogliamo designare il 2 agosto anche come la Giornata dell’antimperialismo, perché molti dei nostri fratelli che hanno combattuto per la rivoluzione agraria hanno dato la loro vita per abbattere l’imperialismo e il neoliberismo che ha fatto soffrire la nostra gente per tanti anni», ha dichiarato Morales, ieri, nel corso di una cerimonia commemorativa tenutasi a Cochabamba.

Inoltre, Morales ha chiesto che la rivoluzione boliviana abbia e mantenga un carattere antimperialista, dopo aver ricordato i tempi in cui i legislatori e i leader degli Stati Uniti sostenevano la colonizzazione della Bolivia nel secolo scorso.

Morales ha anche ribadito che durante la riunione ordinaria delle Nazioni Unite (ONU) in programma per il prossimo mese di settembre, chiederà che i precetti di Ama Sua (non rubare), Ama Llulla (non essere pigro) e Ama Kella (non mentire) siano riconosciuti a livello internazionale.

Alla conferenza tenutasi ieri, il presidente della Bolivia è stato anche premiato come Personaggio dell’anno 2014, dalla televisione libanese Al-Mayadeen.

«Benedetta sia quella terra che ci diede Evo Morales. Evo Morales non è solo leader della Bolivia, Evo Morales è diventato un leader universale», ha affermato il Direttore di Al-Mayadeen, Ghassan Ben Jeddou.

Il Giorno della Rivoluzione agraria, produttiva e comunitaria commemora la data in cui gli indigeni boliviani sono stati liberati durante la prima delle quattro amministrazioni di Victor Paz Estenssoro, uno dei leader della rivoluzione popolare che restituì la terra agli indigeni, stabilì riforma agraria, il suffragio universale l’istruzione gratuita e di massa.

Oltre alla Bolivia, i Paesi dell’America Latina, come Venezuela, Argentina, Ecuador, Cuba, hanno sempre espresso la loro protesta e il loro rifiuto nei confronti delle politiche imperialiste.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

Morales, Bergoglio e il crocifisso su falce e martello

Croceda vita.it

Il regalo con cui il presidente boliviano ha omaggiato Bergoglio lungi dall’essere una provocazione comunista è un esplicito richiamo alla morte di un prete gesuita, punto di riferimento per tutti i cattolici andini: Luis Espinal. Ecco chi era

C’è chi ha perfino parlato di provocazione e di regalo di Stato comunista. C’è chi ha parlato del regalo del presidente boliviano Evo Morales a Papa Francesco come uno dei doni più bizzarri scambiati far capi di Stato e leader politici. La bizzarria sarebbe il crocefisso sulla falce e martello con cui il presidente boliviano ha omaggiato Bergoglio al suo arrivo nel Paese andino. Le cose non stanno proprio in questi termini. Il crocefisso in questione infatti è una riproduzione di quello che teneva accanto al proprio letto Luis Espinal, sacerdote spagnolo gesuita (come Bergoglio), poeta e regista torturato ed ucciso in Bolivia dai paramilitari nel 1980. Morales ha consegnato una riproduzione realizzata dal sacerdote gesuita Xavier Albo.

Ma chi era Espinal? E qual è il significato di un crocefisso così particolare? «Luis Espinal sostituì la croce con la falce e il martello per rappresentare la presenza del cristianesimo nelle lotte sociali per l’emancipazione dei diseredati», ha scritto in un editoriale il settimanale Aquì (fondato proprio da Espinal) qualche mese fa. Espinal, oltre che un prete era infatti un appassionatissimo giornalista. Per lui il giornalismo doveva essere un luogo di incontro fra religiosi, cattolici e altri cristiani, laici e marxisti, impegnati in un giornalismo del popolo, con il popolo e per il popolo. Per lui infatti il giornalismo indipendente «non esiste, il giornalismo è sempre al servizio di una causa». La sua era quella dei «semplici della terra». In un articolo intitolato “I cristiani e la rivoluzione”, scrive che «alla rivoluzione partecipano laici e cristiani. Ma, in Latinoamerica, non ci può essere rivoluzione senza cristiani. Espinal però non credeva nei martiri individuali e individualisti. Pensava che i combattenti in prima linea per il cambiamento della Bolivia fossero i lavoratori, la responsabilità della liberazione per lui «è sempre in mano al popolo».

«Tacere è lo stesso che mentire», questa forse la sua frase più popolare, che campeggia sull’homepage del sito di Aquì: se si sottostà alla censura, all’autocensura, alle mezze verità, alla manipolazione, si mente.

Espinal

Un’immagine di Luis Espinal, il prete-giornalista che «nel tempo libero intagliava il legno»

Luis Espinal, fu rapito, torturato e ucciso con 17 colpi di pistola a El Alto, la notte tra il 21 e il 22 marzo di 35 anni fa. Qui, nel luogo dell’eccidio, ieri papa Francesco ha tenuto la sua prima visita in Bolivia. Forse il regalo di Morales è stato qualcosa di diverso da una stravaganza “cristomarxista”

Pieno sostegno all’Ecuador dai governi dell’America Latina

asdfs.jpg_1718483346da Telesur

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro, il suo omologo Evo Morales e altri leader regionali hanno espresso sostegno totale all’Ecuador

Nicolás Maduro e altri presidenti della regione, solidali con il presidente dell’Ecuador, Rafel Correa, che ha denunciato una cospirazione ordita per cercare di rovesciare il suo governo. In Ecuador vi sono state diverse proteste dell’opposizione contraria al progetto di legge sulle successioni.

Il presidente ha ricordato che il governo venezuelano ha sperimentato qualcosa di simile a ciò che sta accadendo in Ecuador, nel 2001, quando fu approvata la Ley habilitante. Maduro ha denunciato che la destra protesta nuovamente per giustificare una campagna criminale contro Correa.

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha respinto le azioni destabilizzanti promosse dai gruppi oligarchici in Ecuador, ed ha espresso il suo sostegno al presidente del paese, Rafael Correa.

«La mia solidarietà, il mio rispetto, il mio sostegno al presidente Correa», ha dichiarato in occasione di un discorso tenuto presso il Palazzo Quemado, sede del governo.

Nel suo intervento, il capo dello stato boliviano ha invitato tutti i movimenti di destra del continente a rispettare la democrazia, perché si deve lavorare sulla base degli interessi nazionali, non settoriali.

Nel frattempo, anche il governo cubano ha rilasciato delle dichiarazioni sulla situazione in Ecuador, attraverso il portale del Granma: «davanti ai recenti atti di destabilizzazione dei gruppi oligarchici del paese, il Governo Rivoluzionario della Repubblica di Cuba esprime la sua ferma e incondizionata solidarietà e sostegno al popolo fratello ecuadoriano, al Governo della Revolución Ciudadana, e al suo leader, il compagno Rafael Correa Delgado».

Il Governo cubano ha inoltre invitato a rispettare l’ordinamento giuridico dell’Ecuador e a respingere qualsiasi ingerenza negli affari interni del paese, in linea con i principi che dichiarano l’America Latina e i Caraibi Zona di Pace.

Secondo il presidente Morales non è giustificabile il fatto che la destra continui a destabilizzare la nazione sudamericana dopo che il presidente ecuadoriano ha provvisoriamente ritirato il progetto di legge sulle successioni, utilizzato dall’opposizione come punta di lancia per chiamare allo sciopero, al boicottaggio e alle manifestazioni violente.

Allo stesso tempo, ha denunciato l’interferenza di nazioni straniere, come gli Stati Uniti, che hanno sostenuto questo tipo di piani destabilizzanti non solo in Ecuador, ma in altri paesi come il Venezuela.

Appoggio al Venezuela

«Quando sorgono movimenti di liberazione in America Latina e nei Caraibi intervengono gli Stati Uniti. Adesso aggrediscono Venezuela ed Ecuador», ha precisato Morales.

Sulla recente visita in Venezuela dell’ex presidente spagnolo Felipe González, il capo dello stato boliviano ritiene che quest’uomo, il quale pretende di difendere giuridicamente gli oppositori detenuti per atti di violenza costati la vita a oltre 40 persone, non sia mosso da buone intenzioni.

«Perché non si batte per la restituzione di Guantanamo a Cuba? Questo sì che sarebbe lottare per la giustizia», ha chiesto Morales.

Infine, il presidente ha spiegato che il neoliberismo non ha risolto i problemi economici e sociali della regione. «In America Latina queste politiche non sono state in grado di risolvere i problemi economici e sociali. Il neoliberismo e l’Area di Libero Commercio delle Americhe (ALCA) hanno fallito».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Auca en Cayo Hueso

Just another WordPress.com site

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: