Roma: 18 ottobre con il Donbass antinazista

(FOTO) Roma, non si ferma la solidarietà all’Ucraina Antifascista

di Francesco Guadagni

Ieri pomeriggio, si è svolta a Roma, nei pressi dell’Ambasciata dell’Ucraina, un’altra manifestazione a sostegno dell’Ucraina Antifascista e in solidarietà alle vittime del pogrom fascista alla Casa del Sindacato di Odessa, dello 2 maggio scorso.

Il presidio, organizzato dal giornalista Giulietto Chiesa, ha visto la partecipazione di esponenti dei vari partiti comunisti e di gruppi di militanti antimperialisti, antifascisti e del movimento pacifista, provenienti da altre città italiane.

Presente una nutrita delegazione di cittadini ucraini. L’evento è stato coperto dalle principali Tv russe. Molto consistente la presenza delle “forze dell’ordine” che, senza troppi fronzoli, hanno ripreso con le telecamere i partecipanti al Sit–in. Da sottolineare, un nota di colore nel presidio. Quale colore, lo decidete voi. Parlo della presenza – a dir poco surreale – del segretario dei trotzkisti italiani, Marco Ferrando, accompagnato da 2 baldi ottuagenari, “armati” di bandiera. Non contenti, fra l’indifferenza e lo stupore dei partecipanti, hanno distribuito un volantino. La mia lettura si è soffermata su 2 passaggi. Il primo, il numero dei compagni ucraini uccisi a Odessa, secondo i trotzkisti, solo 38! In realtà quasi 200! Il secondo sottolineava, più o meno, il solito ritornello, non estraneo anche a qualche altro compagno: “Non siamo dalla parte dell’imperialismo russo…”. Ecco, quindi, che non ho resistito dal prendere il volantino, appallottolarlo e gettarlo nell’apposito contenitore differenziato della carta.

Il presidio è stato pacifico, esclusa una provocazione di un funzionario dell’ambasciata ucraina che, dal drappello dei carabinieri, con “molto coraggio”, ha cominciato ad urlare “Free Ukraine”. Non è mancata però la risposta “verbale” di tutti i compagni presenti.

I promotori dell’iniziativa avrebbero voluto depositare davanti all’ambasciata dei fiori per le vittime dei fascisti in Ucraina. I carabinieri per le solite “disposizioni dall’alto” non lo hanno concesso. I fiori sono stati deposti sulla linea di demarcazione delle forze dell’ordine. Inoltre, è stato rispettato un minuto di silenzio per le vittime del fascismo in Ucraina, terminato al canto di “Bella Ciao” e “Fischia il vento”, cantata in lingua russa dalle compagne ucraine.

Giulietto Chiesa in ricordo di Chávez

di Giulietto Chiesa – ilfattoquotidiano.it

Hugo Chávez è la spiegazione del perché, in tutta l’America Latina, la parola socialismo ha ancora un profondo significato, mentre in Europa lo ha perduto quasi del tutto.

Questa spiegazione è, prima di tutto, nei numeri. Nei circa 20 [in realtà solo 13, NdAlba] anni in cui Chávez fu al potere in Venezuela, con alterne vicende, quel paese si portò al primo posto del continente nella riduzione della povertà; la mortalità infantile fu dimezzata; la rivoluzione educativa fece del Venezuela uno dei paesi più alfabetizzati del Sud America. Un paese che ha meno disoccupazione di tutti gli altri; che ha un’assistenza sanitaria senza confronti (con l’aiuto di Cuba).

E’ un elenco che si può estendere a tutte le sfere della vita venezuelana. Certo, tutto ha una sua spiegazione e le percentuali si comprendono solo se si tiene conto che il punto di partenza fu tremendamente basso. Ma, proprio per questo, proprio tenendo conto della disperazione sociale che Chávez trovò, si capisce la difficoltà e la grandezza dell’opera compiuta.

Chávez fu socialista perché amava il suo popolo e, con questo, si potrebbe chiudere il discorso, perché in questa frase si trovano tutti i motivi che lo spinsero al potere, e ai quali egli si attenne durante tutta la sua vita. Fu per questi motivi e per la incrollabile tenacia con cui li attuò, che egli divenne l’odiato spauracchio del mainstream occidentale. Al solito: la danza la guidava il Dipartimento di Stato americano. E dietro, in coda, c’erano tutti i giornali e le catene televisive americane, Cnn a far da guida agli altri, in tutto il mondo. Dei giornali e delle televisioni italiane, pubbliche e private, è inutile parlare poiché il loro compito è stato quello di copiare i docenti americani. Repubblica, Corriere, La Stampa non hanno fatto nulla per distinguersi. Al contrario hanno fatto di tutto per essere identici tra di loro. Lo chiamavano “dittatore socialista”. Intendevano insultarlo doppiamente con quei due aggettivi, ma, venendo da quelle bocche, i due epiteti si trasformavano in un doppio riconoscimento solenne.

Strano dittatore è colui che vince, con larghissimo margine, tutte le elezioni cui partecipa. Strano dittatore colui che, rovesciato da un colpo di stato benedetto da Washington, nel 2002, viene riportato al comando da una sollevazione di popolo.

Certo fu un leader d’acciaio, che non fece complimenti con gli avversari. Gli avversari non furono più gentili di lui. S’ispirò a Bolívar che, nell’agosto 1805 giurò di liberare l’America Latina dal dominio dei potenti  che la opprimevano. Quel giuramento fu fatto a Roma, a Monte Sacro, rendendoci lontani compagni di strada di un percorso non ancora compiuto. Ma pochi sanno che il modello di Chávez, non meno di Bolívar, fu Salvador Allende. 

Una volta disse infatti che lui si sentiva, come Allende, “pacifista e democratico”, ma aggiunse, (dopo avere ben studiato il golpe, organizzato da Henry Kissinger, che portò all’assassinio del legittimo presidente cileno) che “a differenza di Allende, noi siamo armati”.  Questo per ricordare ai sepolcri imbiancati che lo criticavano che fare una rivoluzione non era – e non può mai essere – un picnic gioioso e felice.

Sapeva che riprendere nelle mani dello stato il controllo dei profitti petroliferi, avrebbe provocato reazioni furibonde dei padroni del nord e dei loro servi venezuelani, nascosti nelle ville lussuose a tramare contro i poveri. Li combatté con le armi legali a disposizione. Sapeva che solo in questo modo avrebbe potuto distribuire tra il suo popolo quelle immense ricchezze di cui non aveva mai potuto godere.

Finché visse fu invincibile. Parlò incessantemente con il suo popolo in quelle incredibili maratone televisive che milioni ascoltavano perché le sentivano sincere, ma che erano anche lezioni di storia patria, scuola di formazione culturale di massa, insegnamenti di autodifesa. Gli occidentali, istupiditi dalle loro televisioni, ironizzavano. Ma Chávez aveva capito meglio di loro i segreti della comunicazione. E poiché non voleva ingannare o istupidire, con la pubblicità e l’intrattenimento yankee, semplicemente parlava. Sapeva che c’era poco da ridere.

Ovvio che, adesso che non c’è più, s’intensificheranno le manovre per cancellare il suo lascito politico. La capacità di corruzione e di violenza dell’Impero occidentale è immensa e resistervi non sarà facile. Le riserve petrolifere del Venezuela, che si dice siano le più grandi del pianeta, sono un obiettivo cruciale. Washington vuole fare del Venezuela l’Arabia Saudita che si affaccia sui Caraibi. I conti della Federal Reserve sono in grave difficoltà a qualcuno deve comprare i certificati di credito del Tesoro Usa, visto che la Cina ne compra sempre meno. Dunque dal Nord verrannoventi di tempesta che gli stessi sepolcri imbiancati dei giornali italiani qualificheranno come “ritorno alla democrazia”.

Cercheranno di radere al suolo l’esperienza di Chávez anche per chiudere la strada che egli aveva contribuito ad aprire, di liberazione di tutto il continente. Hugo Chávez aveva infatti pensato e realizzato una politica latino-americana, investendo negli ultimi anni oltre 36 miliardi di dollari in aiuti ai paesi fratelli del continente, scambiando petrolio in cambio di carne uruguayana, ad esempio, e prestando denaro a tassi d’interesse così bassi da fare imbestialire gli gnomi del Fondo Monetario Internazionale.

 

Il Venezuela di Chávez ha ora dunque molti amici in America Latina e molti nemici fuori. Si vedrà da che parte penderà la bilancia. Noi, qui in Europa, possiamo fare poco per aiutare quei popoli. Ma possiamo imparare da loro molte cose. Dovremo farlo, in fretta, perché anche da noi si tenterà di stroncare ogni accenno di rivolta.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: