Siria: I media israeliani confermano le relazioni tra Israele e Al Qaeda

da al manar 

I circoli militari e i media israeliani hanno confermato che la cooperazione tra l’entità sionista e il Fronte al Nusra, rappresentante di Al Qaeda in Siria, sta crescendo sul Golan.

Il canale 1o della Tv Israeliana ha riferito che l’esercito di occupazione israeliano ha chiesto al Fronte al Nusra di fermare gli attacchi contro la cittadina drusa di Hadar, sostenendo che il gruppo terrorista aveva risposto favorevolmente alla richiesta israeliana.

Nel frattempo, i media israeliani hanno giustificato l’attacco terroristico contro Hadar, sostenendo che la città meridionale siriana sostiene il governo di Bashar al Assad e rappresenta un punto di partenza per gli attacchi della resistenza contro le forze di occupazione israeliane negli altopiani del Golan.

«I drusi di Hadar sostengono Bashar al Assad, e questo è un fatto ben noto. Così, il Fronte al Nusra vuole fare i conti con loro», ha dichiarato l’esperto israeliano Hazi Simantov al Canale 10 israeliano.

Nel frattempo, Oregon Heller, un altro esperto militare israeliano, ha messo in guardia contro gli appelli di aiuto dei drusi per difendersi dai terroristi di Al Nusra: «Dobbiamo metterci in guardia contro gli appelli dei drusi … come se Al Qaeda dovesse commettere un genocidio contro di loro. Sostengono Assad e non amano gli israeliani», ha spiegato Heller, sottolineando che i responsabili diHezbollah e la Siria in questi luoghi sono venuti a offrire supporto ed a reclutare residenti per combattere contro Israele.

Nel frattempo, l’esperto di Medio Oriente Eyal Zisser, ha confermato l’esistenza di contatti tra l’entità sionista e il Fronte Nusra al fine di “organizzare le relazioni alla frontiera.”

Zisser ha accusato, inoltre, i residenti drusi di Hadar di organizzare attacchi contro l’entità sionista.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

(FOTO)Pc siriano ricorda il compagno Hani, ucciso dai terroristi

di Francesco Guadagni

Il 12 marzo scorso, una banda di terroristi ha ucciso il compagno del Comitato centrale del Partito comunista siriano, Muhanna  Jabara, conosciuto come Hani, originario del Golan.

Il compagno Hani era nato nel 1966, a 40 giorni dall’odioso omicidio, il PC siriano lo ha ricordato, ieri, in una cerimonia a Damasco.

Durante la commemorazione i compagni del Pc siriano hanno sottolineato come Hani sia sempre stato un compagno combattivo che ha sempre creduto nella vittoria della Siria contro il terrorismo.

Il Pc siriano, così come nel giorno dell’assasinio di Hani,  ha ribadito che continuerà la sua lotta in difesa della Patria dall’aggressione imperialista, in onore di tutti i martiri del terrorismo.

 

 

 

 

 

 

La mutazione della resistenza libanese

di Amal Saad – Al-Akhbar

Il coinvolgimento di Hezbollah in Siria è stato criticato da molti nel mondo arabo come «se avesse abbandonato la resistenza per combattere contro altri musulman». I suoi attacchi efficaci e recenti contro Shebaa contro un convoglio militare israeliano, però, è servito a ricordare che il movimento non ha distolto la sua attenzione da Israele ed è in grado di combattere su più fronti.

Il fatto che Hezbollah mantenga la sua attività di resistenza come priorità, mentre potrebbe essere impegnato in diversi teatri militari nella regione, dice che ha trasceso la sua origine, la sua missione di resistere Israele.

Affrontare Israele è oggi uno dei ruoli, tra gli altri, interpretati da Hezbollah nel periodo successivo alle turbolenze regionali ed ha segnato l’inizio dell’ascesa del takfiri-jihadismo. Al di là del suo ruolo di organizzatore della Resistenza, Hezbollah ha la responsabilità di mantenere i confini del Libano, per facilitare la sicurezza nazionale e la lotta al terrorismo, così come conduce operazioni contro le insurrezioni in Siria e in Iraq.

La resistenza non si limita più ad espellere gli occupanti sionisti e prevenire ogni ulteriore aggressione israeliana, ma ora ha il compito di preservare il quadro politico-territoriale e l’ambiente strategico di cui ha bisogno per continuare la sua missione. La destabilizzazione delle due sfere da parte dei takfiri-jihadisti ha costretto Hezbollah a trasformarsi in un movimento post-resistenza.

Il “post” non significa la fine della resistenza, o quello che viene dopo, ma deve essere inteso, nello nel senso di “post” in postcoloniale, può essere interpretato come «la continuazione del colonialismo, anche se da nuovi o diversi rapporti di potere».

La Resistenza, lungi dall’essere conclusa, si è ora trasformata in un esercito di resistenza transnazionale la cui leadership e missione è quella di rimanere attaccato al suo scopo, ovvero resistere a Israele, ma è anche impegnata nella protezione della “spina dorsale” della Resistenza, ha spiegato Nasrallah. A tal fine, Hezbollah ha cercato di recuperare i territori siriani, libanesi e iracheni sotto il controllo jihadista.

In sostanza, Hezbollah deve affrontare una rivolta transnazionale che cerca di espandere il suo proto-stato. Mentre il movimento aveva creato il suo modello “ibrido” di guerriglia nel 2006 dalla fusione di combattimento convenzionale e non convenzionale, così ha creato questo nuovo modo di contro insurrezione in cui il proprio esercito di resistenza, irregolare e ibrido, mira a sopprimere l’attività degli insorti appartenenti ad un’altra forza irregolare e ibrida.

 Battaglia esistenziale contro l’ ISIS

La guerra con ISIS e il Fronte Al-Nusra è considerata una battaglia esistenziale con una forza che non ammette compromessi ed è determinato a eliminare tutti gli sciiti, e per estenso, la resistenza. Mentre l’ideologia takfira non è politicamente delegittimata nello stesso modo in cui lo è il sionismo, né il suo diritto di esistere come una dottrina religiosa è contestat, il takfirismo o militanza jihadista è inequivocabile assimilata agli interessi di Israele. Nel suo discorso, Hezbollah confronta il pericolo rappresentato da l’ISIS e al Nosra ad Israele. Nasrallah ha invocato l’oppressione israeliana come analogia per la perdita della terra, la distruzione di case, rapimento delle donne, l’uccisione dei bambini e l’umiliazione che i jihadisti potrebbero infliggere.

Nel suo discorso in occasione della “Giornata della Resistenza e della Liberazione” l’anno scorso, Nasrallah si è spinto al di là di questa analogia quando ha fatto un parallelo tra la migrazione di massa dei coloni ebrei in Palestina con l’aiuto delle potenze coloniali nel ventesimo secolo e la mobilitazione e la distribuzione dei jihadisti nella regione, ribadendo che è stata facilitata dagli imperialisti di oggi.

I jihadisti non sono solo moralmente e politicamente assimilati a Israele, secondo questa interpretazione, ma strategicamente collegati. L’ ISIS è descritto come servitore volontario o “involontario” del piano israelo-statunitense di dividere la regione e fomentare la guerra, mentre al-Nosra – compresa la cooperazione militare con Israele tramite l’ intelligece è stato ben documentato dalle Nazioni Unite, dalla stampa occidentale e dai media sionisti – è considerato un’incarnazione del vecchio esercito collaborazionista del Sud del Libano, armato da Israele. È su questa base che Hezbollah considera gli attacchi aerei della coalizione guidata dagli Stati Uniti contro gli obiettivi dell’ISIS in Siria e in Iraq, come nient’altro che un’operazione progettata per “contenere” l’organizzazione, piuttosto che sconfiggerla.

 Una guerra offensiva

Anche se gli argomenti empiricamente supportati come questi hanno permesso Hezbollah a teorizzare la sua guerra contro il jihadismo come estensione della sua campagna di resistenza, la natura del suo intervento militare in Siria e in Iraq lo ha costretto a ripensare e a sviluppare il suo concetto di guerra di resistenza. La resistenza è stata estesa per includere strategie militari che non sono state tradizionalmente associate alla guerriglia classica o alla guerra di resistenza – combattere i gruppi che non sono considerati come forze di occupazione, difendere i suoi alleati fuori i confini nazionali, praticando la guerra contro la guerriglia.

Avanzare in territorio nemico o in territorio conteso da un avversario su una zona di un vicino che è un alleato, non è tipico dei movimenti di resistenza armata, né una strategia militare di difesa, se non di essere visto come un atto auto-difesa “preventiva”. Nasrallah lo ha spiegato con precisione. Temendo un attacco jihadista sul Libano, Hezbollah ha sottoscritto il vecchio adagio che “la miglior difesa è l’attacco” in Siria e in misura più limitata, in Iraq.

Nel 2013, il ruolo militare di Hezbollah in Siria è cambiato radicalmente da una piccola missione di consulenza ad un ruolo diretto di combattimento con un gran numero di combattenti. Da Qusayr, ha esteso la presenza militare di Hezbollah ed ha aiutato il governo siriano a riprendere l’offensiva in aree che erano state perse a vantaggio dei ribelli. In realtà, gli attacchi di terra a Qusayr e Qalamoun sono stati effettuati principalmente dalle forze di Hezbollah, mentre l’esercito siriano ha fornito artiglieria e copertura aerea al suo partner principale. Inoltre, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH), Hezbollah sta prendendo «l’iniziativa di guidare l’esercito [siriano] e le forze iraniane nel triangolo di terra tra Daraa, Quneitra e le province del sud-ovest di Damasco».

In altri settori, come i quartieri di Damasco, nell’Est Ghouta e Kassab, le forze di Hezbollah sono direttamente coinvolte nei combattimenti a fianco delle forze armate siriane, migliorando le prestazioni in recenti combattimenti. Ad Homs, Aleppo e sulle alture del Golan, Hezbollah ha schierato forze speciali per aiutare, consigliare e organizzare le forze siriane regolari e le forze paramilitari. Data l’esperienza di combattimento del movimento nella guerra e nella formazione nel combattimento urbano non convenzionale, le unità di forze speciali di Hezbollah hanno migliorato in modo significativo la capacità delle truppe siriane.

Operazioni offshore come queste sono state generalmente appannaggio delle grandi potenze, piuttosto che soggetti non statali, di solito, piuttosto, beneficiari di tali aiuti. Come definito dai Comandi militari delle operazione speciali degli Stai Uniti, la guerra non convenzionale, di solito, «coinvolge soggetti esterni che aiutano gli attori interni contro i governi. L’assistenza si può applicare alla formazione, all’organizzazione,  al reclutamento, [invio]di consiglieri operativi…In altre parole, le forze speciali affiliate con eserciti convenzionali, statali, sono solitamente utilizzate per assistere forze non convenzionali, piuttosto che il contrario.

L’intervento militare di Hezbollah in Siria e in Iraq ha ampiamente rivisto il suo ruolo tradizionale di organizzare la resistenza e l’ha collocato su un piano di parità con il suo mentore di lunga data in Iran, le Forze al-Quds per operazioni speciali, di per sé un partner attivo in Siria e in Iraq.

L’asse della Resistenza

Nella fase “post”, la politica di resistenza è stata soppiantata dalla politica dell’Asse della Resistenza. L’alleanza strategica tra Iran, Hezbollah, Siria e Iraq è oggi caratterizzata da una unità delle forze militari e da una unità dei teatri militari contro ISIS e Israele.

In Siria, la forzata integrazione tra l’Esercito di Resistenza Hezbollah, le Guardie Rivoluzionarie iraniane (IRGC), le forze armate siriane e le milizie irachene, ha portato alla nascita di un unico fronte militare. Pochi giorni prima l’assassinio, da parte di Israele, dei combattenti di Hezbollah e di un comandante iraniano nel Governatorato di Quneitra nel Golan, Nasrallah ha minacciato di vendicarsi per gli attacchi israeliani contro obiettivi in ​​Siria, considerandoli contro «tutto l’Asse della Resistenza».

Nasrallah ha poi aggiunto che «la fusione di sangue libanese e iraniano sul suolo siriano [Quneitra] riflette l’unità della causa e l’unità del destino dei paesi della dell’Asse Resistenza». Mohammed Ali Jaafari, comandante dell’IRGC, ha fatto eco a questo sentimento quando ha suggerito che l’attacco di rappresaglia Hezbollah a Shebaa aveva il valore di una comune risposta: «Siamo una sola cosa con Hezbollah. Ovunque il sangue dei nostri martiri è sparso sulla linea del fronte, la nostra risposta sarà unitaria».
Accorpato con la sua difesa della Siria e delle Iraq contro le forze jihadiste, la rappresaglia Hezbollah – dopo l’attacco israeliano sulle alture del Golan – con una risposta a Shebaa, ha mostrato che i territori dell’Asse Resistenza, oggi, costituiscono un fronte unico. Nasrallah ha introdotto la nuova dottrina di sicurezza quando ha annunciato che la resistenza non  era «più preoccupata per le regole d’ingaggio [con Israele]. Non riconosciamo più linee di separazione o dei campi di battaglia».

Questa nuova architettura della sicurezza regionale, avrà implicazioni disastrose per Israele. Nella prossima guerra, Israele non solo affronterà le operazioni militari offensive nella Galilea, o “al di là della Galilea”, come Nasrallah ha recentemente promesso, ma anche con l’eventuale partecipazione di altri membri dell’Asse Resistenza, in particolare, l’Iran. Come la guerra a livello regionale contro takfiri-jihadisti ha dimostrato, ogni aggressione israeliana contro la Siria, il Libano e l’Iran, sarà considerata una guerra contro l’Asse della resistenza nel suo complesso.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

14 Febbraio 1982. Golan siriano: l’eroico sciopero contro Israele

da sana.sy

Sono passati 33 anni da quell’Intifada, quando iniziò una grande mobilitazione, segno di grande dignità e fermezza degli abitanti del Golan siriano occupato da Israele.

Il 14 febbraio 1982, i golanesi espressero con tutta la franchezza e il loro coraggio il rifiuto della decisione israeliana, ingiusta e illegale, di annettere il Golan, e proclamarono uno sciopero generale per affrontare i tentativi di imporre, con la forza, la falsa nazionalità di Israele, ribadendo il loro attaccamento e fedeltà alla Repubblica araba di Siria e alla sua terra.

Un documento rilasciato dalle autorità di occupazione, il 14 febbraio 1982, contenente le risoluzioni della Knesset di annettere il Golan siriano, provocò una rabbia generale e un rifiuto categorico degli abitanti del Golan occupato a queste misure che, immediatamente,  annunciarono uno sciopero generale in tutte le aree e luoghi.

Lo sciopero organizzato dai golanesi durò più di cinque mesi, fu lanciato un messaggio chiaro e fermo all’occupazione sionista e al mondo: Gli abitanti del Golan Siriano resteranno sempre fedeli e legati ai loro territori e alla loro identità araba siriana.

Il rifiuto dei cittadini del Golan siriano alle misure israeliane ebbe un epilogo positivo, in quanto, fu confermata dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza internazionale che giudicò la decisione israeliana dall’effetto giuridico nullo secondo la Carta delle Nazioni Unite.

La risoluzione del Consiglio di sicurezza internazionale rimane in vigore fino a quando, nel frattempo, Israele è sempre più riluttante e si rifiuta di ritirarsi dai territori siriani.

Lo sciopero evitò che l’entità sionista imponesse la cittadinanza israeliana agli abitanti del Golan e, quindi, di conseguenza l’arruolamento di giovani del Golan nell’esercito di occupazione, allo stesso tempo, liberati i prigionieri, gli israeliani furono costretti a lasciare le loro tattiche che solitamente usavano contro i giovani del Golan.

I residenti del Golan ottennero il successo e la vittoria, nonostante le condizioni alle quali furono sottoposti durante il lungo sciopero, dove gli israeliani limitarono cibo e medicine e le condizioni di vita raggiunsero un livello deplorevole in tutte le città e i villaggi il Golan. La maggior parte dei bambini scrissero un poema epico di eroismo e di resistenza che continua fino ad oggi, una lotta che non è mai stata separata dal quella condotta dalla madre patria siriana per la libertà e il ritorno del suo amato Golan.

Quest’anno, per commemorare il loro sciopero eroico, gli abitanti del Golan hanno espresso ancora più fiducia nella capacità delle forze armate siriane nel raggiungere la vittoria contro i gruppi terroristici armati che hanno cominciato a crollare a Deraa e Quneitra.

 [Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

La società israeliana Afek ruba il petrolio siriano nel Golan occupato

da sana.sy

Dopo meno di un mese dal via libera israeliano concesso dal tribunale israeliano per rubare il petrolio siriano, la società Afek ha iniziato le operazioni iniziali di carotaggio come un preludio al lancio di operazioni reali nelle prossime due settimane.

I preparativi sono iniziati dopo la bocciatura della cosiddetta “Corte Suprema” ad una richiesta da parte di un gruppo ambientalista israeliana, giusto un paio di giorni, per fermare l’esplorazione petrolifera, che ha permesso alla società di iniziare la sua opera di provocazione dopo un periodo di alcuni mesi.

L’azienda, guidata da un membro della Knesset ed ex estremista, Evi Itam, si è affrettata ad annunciare la sua intenzione di lavorare direttamente e iniziare a scavare per finalizzare gli studi iniziali in oltre 10 siti, per effettuare la mappatura, analizzare i dati e per stimare le riserve di petrolio nelle alture del Golan.

“Il progetto di esplorazione” per il furto di petrolio siriano permette alla Afek di perforare dieci pozzi per l’esplorazione petrolifera.

Questa nuova mossa israeliana arriva dopo la richiesta delle Nazioni Unite ad Israele, il 5 dicembre scorso, a rispettare le risoluzioni sul Golan siriano occupato, in particolare la risoluzione n° 497 adottata nel 1981 dal Consiglio di sicurezza, che considera nulli e privi di effetti giuridici l’imposizione delle sue leggi e il suo ufficio giudiziario e amministrativo nel territorio occupato Golan da parte dell’occupante israeliano.

[Trad. dal francese per ALBAinformazione di Francesco Guadagni]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: