Il Venezuela sostiene il diritto all’autodeterminazione di Porto Rico

ramirez-venezuela_xoptimizadax--644x362da Correo del Orinoco

«Porto Rico è stata sottomessa a un quadro spregevole di dominazione coloniale che dura da più di un secolo, negando a questo popolo fratello di poter sfruttare i propri diritti umani» ha denunciato il rappresentante permanente del Venezuela alle Nazioni Unite

In occasione della sessione del Comitato per la Decolonizzazione delle Nazioni Unite su Porto Rico, il rappresentante permanente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Rafael Ramirez, ha condannato la condizione coloniale in cui si trova la nazione latinoamericana e caraibica che viola il diritto all’autodeterminazione, definendola come un «affronto e vergogna per l’umanità».

Su proposta della delegazione di Cuba è stata approvata una risoluzione dove viene riaffermato il diritto inalienabile di Porto Rico alla sua indipendenza e autodeterminazione.

«Porto Rico è stata sottomessa a un quadro spregevole di dominazione coloniale che dura da più di un secolo, negando a questo popolo fratello di poter sfruttare i propri diritti umani, compreso il diritto all’autodeterminazione», ha affermato Ramirez.

Il rappresentante della Repubblica Bolivariana presso le Nazioni Unite ha poi sottolineato che la lotta per l’indipendeza di Porto Rico è una causa storica difesa già dal Libertador, Simón Bolívar, oltre duecento anni fa. «Dobbiamo ricordare che il Libertador, Simón Bolívar, dichiarò nel Congresso di Panama del 1826 l’indipendenza di Porto Rico come uno dei punti fondamentali del programma di emancipazione. La questione è ancora oggi in sospeso».

Ha inoltre spiegato che la situazione in cui si trova Porto Rico ha influenzato negativamente sull’economia della nazione, che si trova in recessione dal 2006.

Durante il suo discorso, Ramírez, ha chiesto la liberazione di Óscar López Rivera, che a livello internazionale è il prigioniero politico con più anni di detenzione; attualmente si trova in stato di detenzione negli Stati Uniti a causa della sua lotta per l’indipendenza dell’isola natale.

«Il colonialismo ha anche avuto un impatto negativo sui diritti umani del popolo portoricano. I leader indipendendisti sono stati repressi e privati della libertà, il caso di Óscar López Rivera è solo il più emblematico. Questo nazionalista portoricano è ingiustamente imprigionato da 34 anni per l’instancabile lotta condotta per l’indipendenza della sua patria; essendo attualmente il prigioniero politico detenuto dal maggior numero di anni a livello internazionale, esigiamo la sua pronta liberazione».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Maduro agli USA: «Liberate Óscar López Rivera»

di Geraldina Colotti, il manifesto

5gen2015.- Venezuela. Il presidente in viaggio verso Russia e Cina per nuovi accordi economici.

L’ex gol­pi­sta Leo­poldo López con­tro l’indipendentista por­to­ri­cano Óscar López Rivera. È la pro­vo­ca­to­ria pro­po­sta che il pre­si­dente vene­zue­lano Nico­las Maduro ha pub­bli­ca­mente rivolto agli Stati uniti. Un López per un altro, insomma, uno di segno oppo­sto all’altro. Leo­poldo è il lea­der della for­ma­zione Volun­tad Popu­lar, in car­cere con l’accusa di aver diretto le pro­te­ste vio­lente con­tro il governo, scop­piate nel feb­braio 2014 e con­ti­nuate per alcuni mesi (43 morti e oltre 830 feriti). È in attesa di pro­cesso dopo alcuni rin­vii e il pre­si­dente degli Stati uniti, Barack Obama, lo ha messo al primo posto nell’elenco dei dete­nuti che vor­rebbe fos­sero libe­rati immediatamente.

López Rivera è invece un ex mili­tante delle Forze armate di libe­ra­zione nazio­nale di Porto Rico (Faln), un’organizzazione clan­de­stina che ha lot­tato per otte­nere l’indipendenza dell’isola dagli Stati uniti. A mag­gio di quest’anno com­pirà 34 anni da pri­gio­niero nelle galere Usa. È l’unico dei 16 mili­tanti del suo gruppo ancora dete­nuto. Venne arre­stato nel 1981 vicino a Chi­cago, ed era clan­de­stino dal 1976, accu­sato di diversi atten­tati: «Usa­vamo la pro­pa­ganda armata per far arri­vare il nostro mes­sag­gio», ha detto l’indipendentista, che ha rifiu­tato di chie­dere le misure alter­na­tive al car­cere che avreb­bero potuto farlo uscire già nel 2009. In que­sti anni, López Rivera è diven­tato un sim­bolo di libertà. Per lui si sono espressi anche i cin­que ex agenti cubani, recen­te­mente libe­rati dagli Usa in cam­bio della spia dell’Usaid, Alan Gross.

«Il ter­mine di pri­gio­niero poli­tico mi sem­bra più appro­priato per López Rivera che non per Leo­poldo López», ha detto Maduro. Obama ha recen­te­mente rati­fi­cato le san­zioni votate dal Con­gresso Usa con­tro «i fun­zio­nari vene­zue­lani che hanno vio­lato i diritti umani dei mani­fe­stanti di oppo­si­zione durante le pro­te­ste». Una lista non ancora resa pub­blica, ma che prende di mira alte cari­che gover­na­tive come l’ex mini­stro degli Interni Miguel Rodri­guez Tor­res, il pre­si­dente del Par­la­mento, Dio­sdado Cabello, la Pro­cu­ra­trice gene­rale, Luisa Ortega Diaz e diversi governatori.

Maduro ha bre­ve­mente discusso delle san­zioni con il vice­pre­si­dente Usa, Joe Biden, in Bra­sile, durante l’assunzione d’incarico della pre­si­dente Dilma Rous­seff, la quale ha espresso soli­da­rietà al suo omo­logo vene­zue­lano: «Diciamo da sem­pre che vogliamo ripri­sti­nare buoni rap­porti tra noi e gli Usa, ma in con­di­zioni di parità», ha detto Maduro espri­mento apprez­za­mento per la libe­ra­zione dei cin­que agenti cubani, ma denun­ciando anche «la dop­pia morale degli Usa». Sia i cin­que agenti che i governi socia­li­sti dell’America latina e gli orga­ni­smi con­ti­nen­tali come la Una­sur hanno respinto le san­zioni al Vene­zuela e anche di que­sto si discu­terà nel ver­tice della Celac, che si terrà in que­sto mese. I fami­gliari delle vit­time delle gua­rim­bas (le tec­ni­che di guer­ri­glia dell’opposizione che hanno mie­tuto molte vite durante le pro­te­ste) hanno pre­sen­tato un fasci­colo sia all’Onu che al Par­la­mento euro­peo, dov’è però emersa soprat­tutto la denun­cia dell’opposizione venezuelana.

Intanto, Maduro è par­tito per un impor­tante giro di visite — prin­ci­pal­mente a Rus­sia e Cina — per rin­sal­dare nuovi accordi a fronte della caduta del prezzo del petro­lio. «Dob­biamo appro­fon­dire la tran­si­zione eco­no­mica al socia­li­smo», ha detto prima di par­tire facendo appello «prima di tutto alla classe operaia».

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: