Pedro Camejo: la ribellione dell’uomo del popolo in difesa della patria

negroprimero1433333095da Agencia Venezolana de Noticias

Il seme dell’indipendenza è cresciuto in Pedro Camejo sin dalla sua nascita, che avvenne, in un’umile casa a San Juan de Payara, in Apure. Il bambino con la pelle scura e i capelli arricciati crebbe tra l’immensità della savana e le canzoni che i llaneros intonavano per ravvivare le loro giornate, in epoca di schiavitù.

Da piccolo, Camejo già si faceva notare per il suo carattere forte, dominante, mai domo davanti a una vita di schiavitù che, tuttavia, non gli ha mai fatto perdere il suo atteggiamento gioviale, semplice, di un bambino che raccontava storie piene di magia che incantavano tutti.

Così era Pedro Camejo, secondo il racconto dello storico Félix Ojeda, intervistato dall’Agenzia Venezolana de Noticias in occasione del 194° anniversario della morte dell’eroe dell’indipendenza, llanero di nascita, caduto sul campo nella Battaglia di Carabobo.

Lo pseudonimo di Negro Primero arrivò dopo, quando era già un uomo, quando il suo padrone proprietario terriero Vicente Alonzo gli concesse la libertà dopo anni di sfruttamento per mandarlo ad arruolarsi nelle truppe realiste che difendevano la corona spagnola, e il soprannome gli fu dato per il suo coraggio in battaglia, per essere il primo a lanciarsi contro il nemico.

«Alonzo essendo il padrone di Pedro Camejo, temeva per il suo carattere ribelle, per questo lo inviò a servire nelle truppe realiste», spiega Ojeda, che ha inoltre condiviso aneddoti sul combattente per la libertà i cui resti saranno traslati il giorno 24 presso il Pantheon Nazionale.

Negro Primero ha combattuto a fianco dei realisti fin quando non ha incontrato il generale José Antonio Páez – siamo nel 1816 – quando l’ufficiale, conosciuto tra i llaneros come ‘El taita’, gli parlò della patria. «Da quel momento scoprì l’amore per la patria e si unì alle fila patriottiche», ha raccontato lo storico.

Documentazione storica indica che il Negro Primero ha avuto un incontro con il Libertador Simón Bolívar a Cañafístola in Apure, e che abbia dolorosamente ammesso di aver servito nelle truppe spagnole, una decisione che suscitò la curiosità del Libertador, a cui Pedro Camejo confessò di aver scelto di aderire alle truppe realiste solo per indossare una divisa e ottenere poche monete d’oro.camejo-620x400

«La sua risposta fu brusca, gli disse di aver fatto quella scelta per avidità», ha commentato Ojeda, segnalando al contempo che il pentimento del Negro Primero fu segnato da un impegno assoluto nella difesa della patria e della sua indipendenza, un sentimento tanto forte da farlo uscire vittorioso dalla Battaglia delle Queseras, aprile del 1819, dove con 150 lancieri sotto il comando del generale Páez, riuscì a sconfiggere un grande esercito.

Fu in quella battaglia, spiega lo storico, che i lancieri adottarono una strategia eroica, accompagnata da una visione tattica straordinaria che chiamarono ‘vuelvan caras’. «Quella battaglia gli diede molta popolarità e riconoscimento al Negro Primero, tanto da renderlo meritevole dell’Orden Libertadores de Venezuela», ha sottolineato Ojeda.

Camejo continua a essere presente nelle battaglie per l’indipendenza, fissando nel popolo la memoria dei lancieri, della sua destrezza in battaglia. Verrà ricordato per sempre il suo sogno d’indipendenza, stroncato da una pallottola alla testa nella Battaglia di Carabobo. Un colpo che ha spento la sua vita ma non i suoi ideali.

Quando la pallottola penetra nel suo corpo «il Negro lascia i ranghi di combattimento, Páez lo vede ed esclama ‘Negro perché scappi, torna alla battaglia’ e allora Camejo, avvicinatosi gli dice ‘io non scappo mio generale. Vengo a dirle addio perché sono morto’».

In riconoscimento a un nobile combattente, il Governo Venezuelano, attraverso l’Assemblea Nazionale ha decretato il trasferimento dei resti di Pedro Camejo presso il Pantheon Nazionale, che fino a questo momento erano nel cimitero di Tocuyito, nel Carabobo, uno dei luoghi più vicini all’ultima battaglia del llanero.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Il Venezuela onora la memoria di César Rengifo

Rengifoda Telesur

In occasione del 100° anniversario della sua nascita, sarà ricordata la vita e l’opera dell’eccezionale scrittore che nei suoi lavori ha mostrato la realtà popolare

In occasione del ‘Día Nacional de la Dramaturgia’, artisti e cultori venezuelani renderanno omaggio alle opere del pittore, scrittore e poeta César Rengifo a 100 anni dalla sua nascita.

Il Ministero della Cultura ricorderà la vita del maestro della drammaturgia nella nazione sudamericana, che fu anche un combattente per la rivendicazione dei diritti umani.

Rengifo dedicò gran parte della sua vita a mostrare la realtà dei popoli indigeni, contadini e operai attraverso opere artistiche, e nelle sue esplorazioni letterarie in oltre 40 testi per opere teatrali.

L’insigne drammaturgo, scomparso nel dicembre del 1980, è stato anche uno specialista in disegno, pittura e scultura, diplomato alla Scuola di Belle Arti. Nell’ambito di queste discipline si aggiudicò il Premio Nazionale di Pittura nel 1954.

Il presidente Nicolás Maduro, ha annunciato che Rengifo merita di stare nel Pantheon Nazionale, e in commemorazione della sua nascita ha autorizzato la traslazione dei suoi resti al mausoleo.

«100 anni di César Rengifo e adesso andrà al Pantheon Nazionale dove merita di stare, al fianco di chi con la spada è riuscito ad aprire strade per la nostra identità e la nostra libertà», ha dichiarato il Capo dello Stato durante il suo programma En Contacto con Maduro.

L’eredità dello scrittore e poeta venezuelano è mantenuta dal ‘Movimiento Infantil y Juvenil de Teatro César Rengifo’, che fin dalla sua fondazione nel 2013, offre ai bambini e ai giovani i valori dell’arte e della cultura nazionale.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: