Problemi alimentari per gli europei a causa delle politiche neoliberiste

bandiere-europeeda HispanTV

Secondo uno studio, il 50% degli europei per ragioni economiche, non può seguire una dieta variegata.

Uno studio commissionato dal Moviemnto ENOUGH di Elanco e realizzato dall’istituto SWG, coinvolgendo oltre 2000 persone provenienti da Italia, Germania, Francia e Regno Unito, ha rivelato che il pesce, la carne di manzo, e il maiale, figurano tra gli alimenti spesso assenti nella dieta.

Come ha spiegato il presidente di SWG, Maurizio Pessato, «questa carenza non è dovuta unicamente a scelte personali o gusti, ma è dettata da ragioni economiche».

Le zone più critiche sono Italia e Francia, dove si è registrata una drastica riduzione dei consumi di carne (79% in Italia e il 62% in Francia).

Le persone sottoposte all’inchiesta hanno riconosciuto che la loro dieta è stata ridefinita quando è iniziata la crisi, con la riduzione del consumo di alimenti costosi sostituiti da cibi più economici.

A questo proposito, l’accesso al cibo e la sua disponibilità, è visto come un problema reale il cui impatto può essere misurato nel campo della vita quotidiana. In particolare, l’Italia è il paese in cui questa percezione è più diffusa, con l’84 per cento degli intervistati che sostengono questo punto di vista.

Inoltre, secondo lo studio, gli europei prevedono due strade differenti ma complementari per risolvere il problema, tenendo in considerazione la responsabilità individuale del cittadino così come quella globale. Mentre la riduzione dei rifiuti alimentari e i piani educativi sono visti come priorità, vengono considerati fondamentali anche l’uso delle nuove tecnologie e i cambiamenti nei processi di commercio.

Infine, due intervistati su tre si sono a favore di un aumento degli investimenti in ricerca e tecnologia per affrontare la questione della sostenibilità del cibo e per migliorare l’efficienza della produzione agricola.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

(VIDEO) Putin: «La Russia con l’America Latina, la UE fuori dal mercato russo»

Putin-y-América-Latina-660x330da actualidad.rt.com

Dopo il veto sulle importazioni dei prodotti alimentari provenienti da quei paesi che hanno imposto sanzioni alla Russia, Mosca ha rafforzato la cooperazione con l’America Latina, ha ricordato il presidente russo Vladimir Putin, precisando che per i «produttori tradizionali» potrebbe essere difficile tornare ad avere accesso al mercato russo.

«Adesso stiamo lavorando con altri produttori, i paesi dell’America Latina, Brasile, Argentina, Cile, e partner orientali come la Cina», ha dichiarato il presidente russo all’emittente di stato Perviy Kanal.

«È stato strano sentire che i colleghi europei hanno chiesto loro (ai paesi orientali e dell’America Latina) di non fornire prodotti alimentari alla Russia, questo è semplicemente ridicolo. Risulta difficile immaginare che i rappresentanti del commercio non sfruttino quest’opportunità per entrare nel nostro mercato».

«In seguito sarà difficile o quasi impossibile, scalzare quei fornitori che si saranno consolidati nel nostro mercato», ha spiegato Putin in relazione ai fornitori europei, che, secondo lui, hanno compreso la situazione e sono delusi dai loro governi.

Russia e Kiev hanno deciso di inviare carichi umanitari attraverso la ferrovia

Putin ha anche sottolineato che lui e il suo omologo ucraino hanno accettato «il piano di distribuzione degli aiuti proposto dal presidente Poroshenko», con gli aiuti che verranno trasportati in Ucraina orientale attraverso la ferrovia.

«Prevedere quando terminerà la crisi ucraina è impossibile. Tutto dipende dalla volontà politica delle autorità del paese», ha dichiarato Putin alla televisione russa Perviy kanal, secondo quanto riportato dall’agenzia RIA Novosti.

Putin ha anche sottolineato la necessità di «fermare immediatamente le azioni militari e cominciare a ripristinare le infrastrutture» nel sud-est dell’Ucraina. «Sarebbe irrealistico – ha aggiunto il presidente russo – aspettarsi che le forze di autodifesa si mantengano tranquille in attesa dei negoziati promessi, vedendo come le città del sud-est in Ucraina sono state martoriate».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

__

Correa: «L’Ecuador non chiederà il permesso per vendere alimenti alla Russia»

7beb0f_correada andes.info.ec

Il presidente Rafael Correa ha dichiarato questo martedì che l’Ecuador non chiederà a nessuno il permesso di vendere prodotti alimentari alla Russia, nazione che ha imposto sanzioni commerciali agli Stati Uniti e all’Unione Europea per le azioni derivanti dal conflitto in Ucraina.

In riferimento al presunto disagio di alcuni settori dell’Unione Europea di fronte alla posizione dell’America Latina decisa a vendere prodotti alla Russia, riferito dal quotidiano spagnolo ‘El Pais’, il presidente dell’Ecuador ha sottolineato di non aver ricevuto finora alcuna comunicazione ufficiale.

«Speriamo di ricevere un reclamo ufficiale in maniera da inoltrare la relativa risposta, ma posso dire che non dobbiamo chiedere a nessuno il permesso di vendere cibo ai paesi amici. Per quanto ne sappiamo l’America Latina non fa parte dell’Unione europea», ha dichiarato il presidente ecuadoriano nel corso di un colloquio con i giornalisti nella città portuale di Guayaquil.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato di vietare o limitare per un anno le importazioni di prodotti agricoli, materie prime e prodotti alimentari provenienti da quei paesi che hanno sostenuto le sanzioni contro la Russia per il suo ruolo nel conflitto ucraino.

Questa situazione è valutata come un’opportunità per i paesi latino-americani che aspirano ad introdurre i loro prodotti, specialmente alimentari, nel mercato russo dove vi sono 140 milioni di consumatori.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

 

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: