Roma 4mar2016: Ecuador 9 anni di Rivoluzione ciudadana

Lanzas y bombas contra el Ecuador

di Luis Varese

10jul2015.- La ofensiva de la derecha en toda América Latina, no se detiene. De norte a sur los banqueros y petroleros imperiales continúan con el proceso de desgaste contra los gobiernos de las nuevas democracias. Contra el Ecuador es peor porque la Revolución Ciudadana es peligrosa por ser replicable. Se añade el hecho de que el Presidente pro tempore de la CELAC es Rafael Correa y la derecha sí cree que esta vez gana. Golpeando a Ecuador pretende golpear a América Latina, al Caribe y a un sueño de unidad regional.

La ofensiva de estos días incluye rumores que van desde el golpe de estado apoyado por generales y coroneles, la desdolarización, el retiro de fondos bancarios y la marcha indígena contra el gobierno de la Revolución Ciudadana. Esa marcha anuncia con llegar a la Plaza de la Independencia, tomarse el palacio de Carondelet y expulsar al “Tirano”, adjetivo que tan bien les ha instruido la derecha estadounidense, el think tank del extinto Reagan y su nuevo profeta Gene Sharp.

Es triste ver a gente culta y curtida que con plena conciencia le hace el juego a la CIA. No podemos creer que un Alberto Acosta no sepa que esos mismos agentes que rotan de Honduras a Caracas y de Sao Paulo a Santa Cruz, son los que agitan en Quito, Cuenca, Guayaquil o Galápagos. No podemos pensar que dirigentes indígenas que han decidido enviar a jóvenes con lanzas y palos a desafiar el orden democrático no estén claros que están jugando “en pared” con lo peor de la derecha y que jamás tendrán lugar en un gobierno de banqueros. Todos vemos la camioneta de Teleamazonas distribuyendo alimentos en la marcha. Señoras perfumadas de la alta burguesía que compran en Supermaxi y llevan bolsas con víveres a la CONAIE para dar apoyo a los indígenas “pobrecitos que marchan por nosotras contra el dictador Correa”. Por supuesto el coro unánime de los periódicos como el Universo, La Hora y el Comercio, que respaldan esta movilización. Desde Miami, los Isaías afilan garras esperando los acontecimientos y gastan dineros robados a los ahorristas, para alimentar a los marchantes. Dime con quién andas te diré quién eres, mi estimado intelectual, mi estimado dirigente indígena.

Como si todo ello fuera poco unas bombas panfletarias y otra de pentolita, reivindicadas por un tal FLN son colocadas en Guayaquil. Estos metebombas o son agentes de algún servicio de inteligencia o son tontos útiles mal entrenados por la CIA que actúan como cómplices de la derecha internacional. De lo nuevo está el ataque a Yachay, la Universidad emblemática y científica, por su ex Rector español (¿hasta cuándo los españoles serán considerados los intelectuales necesarios para las dirigir las Universidades? La meritocracia debería incluir méritos revolucionarios y no sólo académicos). Con ese ataque, uno de los mejores funcionarios de la Revolución, René Ramírez, puesto en el cadalso de la prensa, y de los pasquines y por supuesto de las redes sociales.

No hay obras, no hay cambios, no hay mejoras sustantivas de la calidad de vida, 8 años que transforman la historia, la economía y hasta la geografía del país, no existen. La seguridad Ciudadana que es ejemplo para América entera es mentira. Todos son inventos del Economista Correa que desde las sabatinas nos relata un país que está peor que en 1998, pero que nos lo pinta como si fuera nuevo. Y lo peor es que hay gente que se lo cree o gente que quiere ser como el banquero Lasso y que piensa que cuando él gane (lo que no ocurrirá) lo llevará al paraíso de los banqueros en la isla de la fantasía (ver México y Perú como muestras neoliberales cercanas).

Hay errores que se pagan y la Revolución Ciudadana no debe ser autocomplaciente. Alianza País debe ser autocrítica y convertirse en el Movimiento que la ciudadanía quiere. El Ejecutivo debe cambiar gobernadores inoperantes y pusilánimes, “apoltronados” los llamaría Mariátegui, para remplazarlos por gente comprometida con el cambio revolucionario y con su pueblo. Es el momento preciso para que directores provinciales sean evaluados y removidos. Para que burócratas sean remplazados y las metas propuestas sean alcanzadas. “Autoridad se gana, funcionario se paga” me acaba de decir un viejo dirigente Shuar en Morona. Se requiere gente con autoridad moral y ética, limpia, para dirigir desde hoy hasta las elecciones y consolidarse una vez que se ganen esas elecciones.

Ya lo dijimos la alternancia es dentro de la Revolución Ciudadana. Lo otro es revolución o contrarrevolución. Y tristemente jóvenes indígenas con lanzas y palos marchan en defensa de la oligarquía, de la derecha, de los banqueros y los ladrones. Hoy debemos ser fuertes y el día 12 y el 13 llenaremos la plaza de cantos y banderas defendiendo lo que tantas luchas ha costado. Murió Contreras el torturador de Pinochet y estos dirigentes derechistas y pseudo izquierdistas quieren resucitarlo destruyendo esta democracia alegre y soberana. No lo permitamos.

Strategia della tensione in Ecuador: bomba contro ‘El Telegrafo’

5284-bomba-diario-telegrafo-ecuadordi Fabrizio Verde

Dopo le violenze in piazza, arrivano le bombe. La scorsa notte un’ordigno esplosivo è deflagrato all’esterno della sede del quotidiano di proprietà pubblica

Dopo le violenze in strada, le bombe. Continua l’attacco all’Ecuador. Intorno alle 23 di ieri una ordigno esplosivo è deflagrato all’esterno della sede del quotidiano ‘El Telegrafo’ nella città di Guayaquil. L’attentato è stato rivendicato da un fantomatico ‘Frente de Liberación Nacional’ che accusa di opportunismo la Revolución Ciudadana. «Il primo colpo è stato sparato – si legge nel documento di rivendicazione – continueremo rafforzando i quadri con giovani frustrati che vogliono lottare per un Ecuador migliore».

Il gruppo ha inoltre rivendicato l’attentato che ha colpito la sede del partito di governo Alianza Pais, sempre nella città di Guayaquil.

Documento di rivendicazione dell'attentato

Documento di rivendicazione dell’attentato

Il bersaglio dell’attacco esplosivo non è casuale: ‘El Telegrafo’ è infatti il più antico quotidiano ecuadoriano, nonché il primo quotidiano pubblico dell’Ecuador. Nel marzo del 2008, la testata informativa, dopo essere stata utilizzata a fini personali dalla vecchia proprietà solo per difendersi da accuse di peculato, fu rilevata e rilanciata dallo stato. Da quel momento il quotidiano è divenuto un esempio di buona informazione, vincendo il premio WAN IFRA 2012 (World Asssociation of Newspaper and News Publishers), e attestandosi tra i primi 8 organi d’informazione in America Latina nell’ambito della carta stampata.

Per il direttore, Orlando Pérez, ‘El Telegrafo’ viene colpito per «intimidire il lavoro responsabile ed etico dei media pubblici».

Attraverso il proprio account Twitter, il Vicepresidente della Repubblica Jorge Glas, ha immediatamente condannato l’atto di violenza: «Dobbiamo respingere la violenza! Il passato non tornerà».

Un passato fatto di povertà, violenza, instabilità. Dove l’Ecuador si trovava in una condizione semi-coloniale, costretto a subire i diktat di Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale. Un Ecuador dove gli Stati uniti d’America potevano disporre liberamente di basi militari sul territorio dello stato andino. Questo è il vero obiettivo della campagna di destabilizzazione iniziata con le proteste contro un progetto di legge sulla tassazione progressiva delle ricchezze, che avrebbe colpito solo il 2% della popolazione, ma in realtà volta a provocare il rovesciamento del governo Correa, che gode del sostegno pieno della maggioranza degli ecuadoriani che sono coscienti delle conquiste ottenute grazie a quel processo di trasformazione sociale chiamato Revolución Ciudadana.

Roma Tre: la Revolución Ciudadana come modello da studiare

resizeda lantidiplomatico.it

L’Ecuador è nuovamente sotto attacco. Le forze della reazione sono all’opera per far tornare indietro le lancette della storia, quando il paese andino languiva in uno stato semi-coloniale, sotto il giogo finanziario dei soliti noti: Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale e ovviamente Stati Uniti d’America.

Una fase – nota come «larga noche neoliberal» – che mise in ginocchio l’Ecuador e caratterizzata da instabilità politica, corruzione dilagante e miseria crescente. Sino a quando, l’ascesa al potere di Rafael Correa non segna l’inizio di quel processo politico chiamato Revolución Ciudadana, capace in pochi anni di capovolgere letteralmente lo scenario nel paese andino. Attualmente l’economia più dinamica dell’intera America Latina e con un tasso di disuguaglianza, misurato dal coefficiente di Gini, tra i più bassi della regione.

Nell’Ecuador della Revolución Ciudadana la vita viene prima del debito e l’essere umano prima del capitale finanziario. Circostanza estremamente interessante in questi giorni segnati dalla triste vicenda della Grecia, il cui popolo è stremato da quella gabbia liberista chiamata Unione Europea.

Un progetto di legge sulla tassazione progressiva delle ricchezze, che avrebbe colpito solo il 2% della popolazione, è bastato come pretesto alla destra ecuadoriana per chiamare alle violenze e incitare la salida del legittimo presidente Rafael Correa, che gode del sostegno incondizionato della maggioranza degli ecuadoriani.

Per tutte queste ragioni vi consigliamo di approfondire le basi della Revolucion ciudadana con questo ciclo di studi organizzato dall’Ambasciata dell’Ecuador all’Università Roma Tre dal 23 al 25 luglio. Qui il programma definitivo del “primer Taller de Verano”

10277840_10153449069114769_4979674072006809761_n

Ripudio del debito: l’Ecuador è riuscito a imporsi sulla debitocrazia

Correa_1di Carlos Játiva – Le Monde Diplomatique

L’Ecuador è stato il paese sudamericano che destinava la maggior parte del suo bilancio al pagamento del debito sovrano. Nel 2005, Quito utilizzò il 40% del bilancio pubblico per pagare gli interessi sul debito mentre gli investimenti in sanità e istruzione furono ridotti al 15%. Vennero soddisfatti in primo luogo i creditori stranieri, a scapito dei bisogni fondamentali della popolazione. Un indebitamento illeggittimo, dipendenza economica e finanziaria, aumento delle disuguaglianze, costituivano le principali caratteristiche di quell’Ecuador

Al momento del suo insediamento, nel gennaio 2007, Rafael Correa lanciò una «Revolución Ciudadana» mirante all’intergrazione, la solidarietà e l’equità. Per raggiungere tali obiettivi, fu necessario prendere il potere al fine di trasformalo in potere popolare, per trasformare le strutture esistenti, dal momento che il vero sviluppo è possibile solo attraverso la modifica dei rapporti in seno alla società.

Correa optò per la strada alternativa, decidendo di dedicare i fondi statali alla spesa sociale e produttiva, riducendo in maniera significativa la percentuale di bilancio statale destinata al pagamento del debito estero. La realizzazione di questa politica è stata possibile, in gran parte, grazie ai risultati dell’audit sul debito estero e al rifiuto del debito considerato illeggittimo. Per raggiungere questo obiettivo, l’Ecuador dovette percorrere un cammino irto di ostacoli.

Nel periodo 1982-2006, il debito estero non fece altro che lievitare. Le leggere ‘correzioni’ derivanti da diverse cancellazioni e rinegoziazioni non riuscirono ad arginare la sua vertiginosa ascesa, da 241 miliardi di dollari a 17000 miliardi di dollari nel 2006.

Questa piaga fu trasformata in uno strumento di dominio e saccheggio dei paesi debitori, concepito dai paesi creditori e dalle istituzioni finanziarie internazionali. Inoltre, Quito trasferì miliardi di dollari agli organismi multilaterali come Banca Mondiale, Banca Interamericana di Sviluppo, Banca di Sviluppo dell’America Latina, Fondo Monetario Internazionale. Ma il suo debito aumentò.

Il Presidente Correa si impegnò a porre fine a questo circolo vizioso del rimborso del debito. A tal proposito creò la ‘Comisión para la Auditoría Integral del Crédito Público’ (CAIC). Sulla base dei risultati della verifica, l’Ecuador rinegoziò il pagamento del debito estero. Decidendo di non provvedere al pagamento di quei debiti contratti in maniera fraudolenta, da cui il popolo non ebbe alcun beneficio, e intraprendere azioni legali contro i responsabili dell’indebitamento.

La posizione di Correa fu chiara: il debito estero sarà rimborsato nella misura in cui non pregiudichi lo sviluppo nazionale. Posizione che non esclude la possibilità di una moratoria, se la situazione economica esige.

Si arrivò così alle sesta rinegoziazione, nel novembre del 2008. Rafael Correa propose una ristrutturazione del debito, non per mancanza di denaro, ma perché vi erano prove di illegittimità del debito. Il Presidente Correa, inoltre, segnalò che la rinegoziazione avrebbe dovuto tenere conto non solo delle esigenze dei creditori, ma anche di quelle del Governo, in particolare tenendo conto della capacità contributiva del paese, dopo aver soddisfatto le necessità sociali del popolo.

Questo atteggiamento sovrano del Governo risponde a precise disposizioni contenute nella nuova Costituzione ecuadoriana approvata nel 2008 con suffragio universale.

Con la Revolución Ciudadana, l’Ecuador è riuscito per la prima volta a trovarsi in una situazione che gli permette di distribuire adeguatamente reddito e ricchezza, promuovere la produzione nazionale, l’integrazione regionale, il rispetto dei diritti dei lavoratori e la stabilità economica.

Grazie alla crescita economica e a una gestione responsabile delle finanze, il debito pubblico in rapporto al PIL è sceso al livello più basso nella storia. L’Ecuador è riuscito a imporsi sulla debitocrazia. E adesso non è più in vendita.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Il M5S al fianco della Revolución Ciudadana in Ecuador

Alessandro Di Battista con il ministro degli Esteri ecuadoriano Ricardo Patiño

Alessandro Di Battista con il ministro degli Esteri ecuadoriano Ricardo Patiño

di Fabrizio Verde

L’Ecuador è nuovamente sotto attacco. Le forze della reazione sono all’opera per far tornare indietro le lancette della storia, quando il paese andino languiva in uno stato semi-coloniale, sotto il giogo finanziario dei soliti noti: Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale e ovviamente Stati Uniti d’America.

Una fase – nota come «larga noche neoliberal» – che mise in ginocchio l’Ecuador e caratterizzata da instabilità politica, corruzione dilagante e miseria crescente. Sino a quando, l’ascesa al potere di Rafael Correa non segna l’inizio di quel processo politico chiamato Revolución Ciudadana, capace in pochi anni di capovolgere letteralmente lo scenario nel paese andino. Attualmente l’economia più dinamica dell’intera America Latina e con un tasso di disuguaglianza, misurato dal coefficiente di Gini, tra i più bassi della regione.

Nell’Ecuador della Revolución Ciudadana la vita viene prima del debito e l’essere umano prima del capitale finanziario. Circostanza estremamente interessante in questi giorni segnati dalla triste vicenda della Grecia, il cui popolo è stremato da quella gabbia liberista chiamata Unione Europea.

Un progetto di legge sulla tassazione progressiva delle ricchezze, che avrebbe colpito solo il 2% della popolazione, è bastato come pretesto alla destra ecuadoriana per chiamare alle violenze e incitare la salida del legittimo presidente Rafael Correa, che gode del sostegno incondizionato della maggioranza degli ecuadoriani.

Alla luce di ciò, risulta molto importante la risoluzione presentata in Commissione Affari Esteri e Comunitari dal Movimento 5 Stelle, con primo firmatario il deputato Alessandro Di Battista.

TESTO DELLA RISOLUZIONE

La III Commissione,

premesso che:

la Repubblica dell’Ecuador è un Paese che, nel corso degli ultimi otto anni durante i quali ha governato il Presidente Correa a capo di una rivoluzione democratica chiamata Revolución Ciudadana, è stato caratterizzato da profondi cambiamenti sociali, primi tra tutti la riduzione delle disuguaglianze economiche e sociali, la riduzione delle discriminazioni culturali, la riaffermazione della sovranità nazionale e di una propria politica economica redistributiva;

l’Ecuador, in questo lasso di tempo, è dunque riuscito a ritrovare una stabilità politica e sociale che ha messo fine a una stagione di continuo conflitto sociale, manifestazioni popolari e colpi di Stato; il Paese, difatti, ha subito, in precedenza, una grave crisi economica con alti tassi di povertà e disuguaglianze, con una crisi inflazionistica terminata con un salvataggio delle banche che ha colpito tutta la classe media a beneficio del settore finanziario, dei governanti e delle oligarchie;

viceversa, durante gli anni di governo Correa, è stato possibile sia combattere la povertà, che è diminuita con risultati straordinari – passando da un 52 per cento di povertà, calcolata secondo la misurazione delle necessità di base insoddisfatte, nel 2006, a un 31,1 per cento nel 2014 – sia adottare politiche volte alla inclusione scolastica, all’accesso all’istruzione e alla formazione, universitaria, post universitaria e professionale;

dopo anni di dipendenze e imposizioni da parte degli organismi Internazionali (BM, FMI, BID), nel 2008 il Governo di Rafael Correa, a seguito del risultato di una commissione di investigazione sul debito pubblico (composta da società civile, accademici, politici nazionali e internazionali), ha deciso che non avrebbe pagato quella quota del debito considerata «odiosa, illegittima e immorale», dichiarando che: «…L’Ecuador non pagherà il proprio debito estero, perché fu contratto in maniera illegittima e anche perché l’80 per cento del debito è servito a rifinanziare il debito stesso, mentre solo il 20 per cento è stato destinato a progetti di sviluppo. È evidente che il sistema dell’indebitamento è una forma per difendere gli interessi delle banche e delle multinazionali, non certo dei Paesi che lo subiscono. La Commissione che abbiamo costituito è quindi giunta alla conclusione che il debito estero dell’Ecuador è illegittimo e dunque non verrà pagato…»;

nella Costituzione ecuadoriana, tra l’altro, si riconoscono, tra gli altri, l’acqua come diritto umano fondamentale e irrinunciabile e di gestione pubblica; una economia popolare e solidale; le priorità dell’intervento dello Stato a favore dei più poveri, degli esclusi, degli emarginati, delle minoranze, delle persone diversamente abili; la cittadinanza universale; i pieni diritti alle coppie di fatto;

il governo di Correa ha inoltre proceduto alla rinegoziazione dei contratti petroliferi con le compagnie multinazionali, generando nuove entrate da utilizzare per l’«investimento» sociale (in Ecuador non si utilizza il termine «spesa» sociale, ma «investimento» sociale): se prima le casse dello Stato percepivano solo il 13 per cento delle entrate lorde derivanti dalla vendita del greggio, oggi si parla di percentuali pari all’87 per cento; l’Alleanza bolivariana per le Americhe (Alianza bolivariana para América Latina y el Caribe), di cui l’Ecuador è membro, è un sistema di cooperazione politica, sociale ed economica tra i paesi dell’America Latina e i paesi caraibici e rappresenta oggi un modello collaudato d’integrazione dei popoli dei Caraibi e dell’America Latina, basato sui principi di cooperazione e solidarietà, dotato di una architettura finanziaria e bancaria alternativa alle politiche economiche neo-liberiste promosse dalle istituzioni del cosiddetto «consenso di Washington» e oggi anche europeo;

in Ecuador, il 30 settembre del 2010, il Presidente Correa e il popolo ecuadoriano, sono già stati vittime di un tentativo di colpo di stato, manovrato da una minoranza che, come raccontato dettagliatamente all’epoca da organi di stampa, manipolando l’informazione e grazie al supporto internazionale, ha sequestrato in un ospedale militare il Presidente Correa, in seguito liberato solo grazie alla reazione da parte della popolazione e all’intervento di squadre speciali della polizia;

il presidente Correa nel 2009 non ha rinnovato agli USA il mandato per l’utilizzo della base aereo-navale di Manta;

recentemente la capitale, Quito, e la popolosa Guayaquil, sono state teatro di manifestazioni di protesta organizzate dai cosiddetti «Democracy Promoter», formati dalla fondazione statunitense, National Endowment for Democracy, con l’obiettivo di destabilizzare il presidente Rafael Correa con tecniche ormai note e ben delineate dal rapporto del filosofo americano Gene Sharp «Dalla dittatura alla democrazia» e già applicate in diversi Paesi dell’America Latina come Venezuela, Argentina, Brasile, Bolivia;

il motivo apparente delle proteste sarebbe stata la presentazione di due proposte di legge del presidente Rafael Correa, la «Ley de Redistribución de la Riqueza» concernente l’introduzione di una tassazione sulle eredità di grandi patrimoni e la «Ley de plusvalía» concernente le plusvalenze di patrimoni immobiliari e la speculazione illegittima; entrambe le proposte di legge colpirebbero le minoranze più ricche del Paese e introdurrebbero un principio di progressività e di redistribuzione alla società, limitando la concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi. Si stima che solo il 2 per cento della popolazione sarà coinvolta da queste leggi, che sono state momentaneamente ritirate dall’esecutivo per procedere a una socializzazione con la popolazione, prima della successiva discussione nell’ambito del legislativo;

infatti il 15 giugno 2015 il presidente Correa ha annunciato il ritiro temporaneo della citata proposta legge sia nel quadro della visita di Papa Francesco nel continente latinoamericano (come prima tappa proprio l’Ecuador) sia per prevenire ulteriori atti di violenza e per permettere la realizzazione di una campagna nazionale di chiarimento e per evitare che i notiziari in spagnolo della TV statunitense CNN e della NTN24, continuino a adulterare il significato della proposta sostenendo che «tutti gli equadoriani saranno supertassati quando questa legge sarà approvata»;

il presidente venezuelano Nicolàs Maduro, il suo omologo Evo Morales e altri leader regionali, tra cui il presidente nicaraguense Daniel Ortega, hanno espresso sostegno totale all’Ecuador e al suo presidente Rafael Correa, che ha denunciato una cospirazione ordita per cercare di rovesciare il suo Governo,

impegna il Governo:

a esprimere solidarietà e sostegno al popolo ecuadoriano e al governo costituzionale di Rafael Correa, governo democraticamente eletto con il 57,7 per cento dei voti validi;

a farsi promotore, in tutte le sedi internazionali nonché in tutti gli incontri diplomatici, bilaterali e multilaterali, nei quali oggetto di discussione sono i rapporti e le relazioni con Paesi dell’America Latina e dei Caraibi, del rispetto della sovranità e del processo democratico dell’Ecuador e dei paesi dell’ALBA.

(7-00725) «Di Battista, Manlio Di Stefano, Spadoni, Grande, Del Grosso, Scagliusi, Sibilia».

Roma 23-25jul2015: Primer Taller de Verano para el Buen Vivir

Rafael Correa: «Questo è il governo dei lavoratori»

marchas1mayocorreamultitudpresidenciada Telesur

Il Presidente ha sottolineato le conquiste della Revolución Ciudadana in materia di lavoro, affermando che «staremo sempre dalla parte dei più poveri»

Il presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, ha preso parte alla massiccia mobilitazione per la Festa dei Lavoratori congratulandosi con i presenti, e ribadendo il proprio sostegno alla lotta per migliori condizioni di lavoro.

Il capo dello stato ha dichiarato che «la realtà lavorativa attuale è notevolmente migliorata» spiegando che l’Ecuador è riuscito a eliminare l’esternalizzazione e altre forme precarie di sfruttamento del lavoro, raddoppiare le iscrizioni alla previdenza sociale, e inoltre ha i salari reali più alti dell’intera regione.

«Questo è il governo dei lavoratori – ha sottolineato Correa – non è più il vecchio paese».

Dalla capitale Quito, dove è intervenuto, Correa ha dato risalto alla massiccia partecipazione: «La marcia si estende per chilometri e chilometri, sapete perché? Perché siamo di più, molti di più».

Durante il suo discorso, Correa ha inoltre dichiarato che quello ecuadoriano è il governo dei lavoratori, la rivoluzione del lavoro, e che non sarà permesso alla burocrazia di togliere ai lavoratori le conquiste raggiunte.

«Viva la Festa dei Lavoratori, viva la Rivoluzione dei Lavoratori», ha aggiunto il presidente.

Per poi spiegare che «la supremazia del lavoro umano sul capitale, è il presupposto su cui si basa il socialismo del XXI secolo, e la nostra Revolución Ciudadana segna una netta linea di demarcazione tra noi e il capitalismo».

A tal proposito, Correa ha chiarito che nel capitalismo viene data precedenza al capitale e al profitto, mentre nel socialismo e la Revolución Ciudadana viene privilegiata la persona e i suoi diritti.

«Staremo sempre dalla parte dei poveri e dei nostri compatrioti più deboli».

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde]

Gli spagnoli emigrano in America Latina per sfuggire alla crisi

resize.phpda lantidiplomatico.it

Nonostante il lieve calo della disoccupazione, la società spagnola è ancora gravata dall’alto tasso di disoccupazione, uno dei principali problemi del Paese. Molti spagnoli guardano oggi all’America Latina, che offre opportunità di lavoro.L’Ecuador è un chiaro esempio di progresso economico e sociale che attira manodopera straniera.

RT ha intervistato Alex, un ingegnere informatico ecuadoriano che, come molti latinoamericani, ha dovuto lasciare il suo paese in crisi 15 anni fa alla ricerca di nuovi orizzonti. Pochi mesi fa ha intrapreso il cammino opposto. Per sfuggire alla crisi in Spagna ha deciso di tornare in patria dove ha subito ottenuto un buon lavoro in una multinazionale.
«È un salto enorme in un tempo molto breve. E’ come se oggi in Spagna il salario minimo che è di circa 630 euro passasse a 1.400, 1.500 euro. Sarebbe un cambiamento radicale per la società spagnola, e che si è verificato qui in Ecuador», ha detto Alex.
 
Carlos è spagnolo e di recente si è traferito a Quito, dove possiede oggi un hotel di lusso con ristorante e parrucchiere. Si è dedicato anche alla fotografia, all’artigianato e alla produzione delle arti visive. Ha detto a RT che questo sarebbe impensabile in Europa ora.
Il modello di sviluppo dei paesi progressisti dell’America Latina potrebbe essere la via d’uscita per la crisi nei paesi dell’Europa meridionale.  

 

Roma: 24 ottobre con la Red de Amigos de la Revolución Ciudadana

VENERDI’ 24 OTTOBRE 2014   

La Red de Amigos de la Revolución Ciudadana – Roma –

Organizza presso il CSOA “SPARTACO”  (Via Selinunte)

Ore 19.00  Incontro e Cena con   Pedro Páez Pérez

Economista di professione (Ph.D y M.Sc. en Economía por la Universidad de Texas) ma anche studioso studioso di filosofia, Pedro Pérez Páez è attualmente Soprintendente per il controllo del potere di mercato. Nella sua lunga carriera è stato anche Presidente della Commissione Tecnica Presidenziale Ecuadoriana per il disegno della Nuova Architettura Finanziaria Regionale – Banco del Sur e fu anche Rappresentante Plenipotenziario del Governo dell’Ecuador sui temi della NAFI approfondendo la politica estera ecuadoriano verso l’integrazione dello stato latinoamericano.

Con una vasta esperienza nell’amministrazione pubblica, soprattutto durante il governo della Revolución Ciudadana, Pedro Paez é stato Ministro Coordinatore della Politica Economica (2007-2008) e il Vice Ministro dell’Economia (2005-2006) dove si è occupato di incentivare la Legge sugli idrocarburi, legge che ha permesso la rinegoziazione sovrana dei contratti petroliferi con diverse multinazionali. Nel 2008 si dimette da Viceministro e si candida all’Assemblea Nazionale con  PAIS Movimento.

Con un forte contenuto ideologico di sinistra, questo attivista anti-capitalista ha criticato la politica degli Stati Uniti e il trattato di libero commercio a condizioni disuguali. La sua carriera come docente universitario gli ha consentito di avere un posto importante nel campo intellettuale e della ricerca tanto a livello nazionale che internazionale.

Info: facebook Red de Amigos de la Revolución Ciudadana

4 novembre: sosteniamo la Rivoluzione Cittadina dell’Ecuador!

L’incontro previsto per il 25 ottobre è stato spostato in occasione della venuta del Ministro Ricardo Patiño

Lunedì 4 novembre. Sosteniamo la Rivoluzione Cittadina dell’Ecuador!

Sovranità, Partecipazione, Democrazia, Diritti!

Dalle 18,oo a Torbellamonaca

El “Che”ntro Sociale – Largo Mengaroni, 11, Roma

[Si ringrazia Edgar Galiano per la segnalazione]

Dibattiti e concerti a sostegno del sueño ecuatoriano

Tour en Italia de la Red de Amigos de la Revolución Ciudadana

di Fabrizio Verde

Red de Amigos de la Revolución Ciudadana: dibattiti e concerti a sostegno del sueño ecuatoriano.

Meno povertà e più equità, giustizia sociale, educazione e sanità accessibili a tutti, diritti ambientali sanciti nella carta costituzionale. Una società dove a comandare è l’essere umano con i suoi bisogni, e non più il capitale finanziario. Quelli appena elencati sono solo alcuni aspetti del sueño ecuatoriano. Un sogno divenuto necessario, come scriveva Guy Debord riferendosi agli immani guasti causati dal capitalismo, e reso concreto da quel processo politico denominato Revolucion Ciudadana, che ha avuto inizio con l’ascesa al potere del presidente Rafael Correa.

In soli sei anni di Revolucion Ciudadana il volto dell’Ecuador è completamente mutato. Così come le condizioni di vita della maggioranza della popolazione. Il Paese dominato da una partitocrazia inetta e corrotta, fortemente instabile, asservito agli interessi dell’imperialismo e lacerato da due decenni di liberismo sfrenato, semplicemente non esiste più. Il nuovo Ecuador marcia risoluto verso il Socialismo del Buen Vivir.

Intanto l’Europa intera langue avviluppata nella spirale debito – austerità – recessione, sottomessa ai dogmi del liberismo più sfrenato. Uno scenario identico a quello ecuadoriano antecedente la Revolucion Ciudadana. Una circostanza, questa, sottolineata dallo stesso presidente Correa durante il recente tour nel Vecchio Continente. Dove ha avuto modo, da economista, di rilevare come le misure adottate dai governi europei vadano nel senso opposto alla risoluzione della crisi economica.

Il circuito informativo mainstream, avvezzo alla manipolazione piuttosto che all’informazione, cela i dati reali dipingendo a tinte fosche il governo Correa: inefficiente, corrotto e autoritario. Così come accade per il governo bolivariano del Venezuela. Indicando al contempo come unico modello di democrazia, quello liberale, esclusivamente formale.

Per questo motivo, un gruppo di giovani studenti e militanti di diversi paesi, riuniti sotto la sigla Red de Amigos de la Revolucion Ciudadana con l’obiettivo di far conoscere all’estero i risultati del processo politico in corso nel paese andino, hanno unito le proprie forze al fine di organizzare manifestazioni internazionali d’appoggio alla Revolucion Ciudadana.

I prossimi eventi in programma in Italia prevedono dibattiti e concerti nelle città di Genova (1 giugno), Bologna (7 giugno) e Milano (8 giugno); a cui parteciperanno i gruppi musicali: Banda Bassotti, 99 Posse e Assalti Frontali.

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: