El Comité por la Libertad de Aryenis y Alfredo por la libertad de todos los trabajadores detenidos injustamente

L'immagine può contenere: 2 persone*COMUNICADO*

El Comité por la Libertad de Aryenis y Alfredo se une a la lucha por la libertad de todos los compañeros trabajadores detenidos injustamente por reclamar sus derechos y enfrentar la corrupción.

*Inspirados en la enseñanza del Comandante Chávez de que *una revolución es verdadera si está del lado de los intereses de los más humildes,* exhortamos al presidente Nicolás Maduro a “jugársela con lxs trabajadorxs”, como lo hizo el máximo líder de la revolución.

Estamos convencidxs de que *la clase obrera conciente y patriota es la única que puede hacer frente a los efectos del bloqueo imperialista y garantizar la superación de la crisis que padece Venezuela, y que en esta lucha, la burguesía jamás será un aliado,* por el contrario, los burgueses ayer, mañana y siempre serán los hambreadores del pueblo, quienes en Venezuela como parásitos siguen favoreciéndose de la renta petrolera y del trabajo de millones de hombres y mujeres a los que pagan con salarios miserables.

Al día de ayer jueves 25 de junio, se realizó un tuitazo con la etiqueta *#LiberenALosTrabajadoresPresos que durante varias horas fue tendencia, lo cual expresó la voz de protesta de muchas organizaciones de izquierda ante la ascendente línea de injustas detenciones de trabajadores que han exigido sus derechos,* lo cual no constituye delito alguno.

Vemos con indignación la actuación rápida de los organismos de seguridad y de justicia cuando se trata de la judicialización del pueblo pobre, al tiempo que corruptos, mafiosos y conspiradores contra la estabilidad del país, están libres y continúan impunemente socavando las bases de nuestra revolución.

Pero jamás nos rendiremos hasta alcanzar la justicia. *La lucha por la libertad de Aryenis y Alfredo también es una batalla por la dignidad del pueblo trabajador, y en ella va la lucha por sacar adelante a PDVSA y al país entero con el esfuerzo de una clase trabajadora* que cada día debe fortalecerse en la conciencia y en la unidad.

*¡La línea justa es, luchar hasta vencer!*

Centro de Estudios Martianos propone premio Nobel de la Paz a la Brigada Médica Cubana

Radio Habana Cuba | Centro de Estudios Martianos celebra el Día de ...por Emilio Lambiase

Nuestro Centro de Estudios Martiano (CEM) ha propuesto otorgar el Premio Nobel de la Paz a la Brigada Médica Cubana Henry Leeve. Por favor, difunda nuestra apelación adjunta. Con cordialidad.

SE SUMA EL CONSEJO MUNDIAL DEL PROYECTO JOSÉ MARTÍ DE SOLIDARIDAD INTERNACIONAL A LA INICIATIVA DE NOMINAR PARA EL PREMIO NOBEL DE LA PAZ A LA BRIGADA MÉDICA CUBANA HENRY REEVE

 

DECLARACIÓN DEL CONSEJO MUNDIAL DEL PROYECTO JOSÉ MARTÍ DE SOLIDARIDAD INTERNACIONAL

 

Los abajo firmantes, miembros del Consejo Mundial del Proyecto José Martí de Solidaridad Internacional, que cuenta con el apoyo de la UNESCO, la Organización de Estados Iberoamericanos para la Educación, la Ciencia y la Cultura, y otras  instituciones internacionales y académicas, expresamos nuestro total apoyo a la iniciativa de que se nomine para el Premio Nobel de la Paz a la brigada médica cubana Henry Reeve, por sus esfuerzos para erradicar la pandemia de la COVID-19 y su larga y hermosa trayectoria de solidaridad con diversos pueblos del mundo.

La iniciativa que partió de diferentes organizaciones en Estados Unidos, Francia y Bélgica se ha extendido rápidamente en diversas latitudes, puesto que, en efecto, la contribución de la Brigada Henry Reeve a la defensa de la salud humana es extraordinaria y ha despertado la admiración de muchísima gente en el planeta. Debe recordarse que en el año 2015 los sindicatos de Noruega hicieron la misma propuesta en el contexto de la presencia solidaria de ese contingente médico cubano en África Occidental para enfrentar la epidemia del Ébola.

La Brigada Internacional de Médicos Especializados en Situaciones de Desastres y Graves Epidemias Henry Reeve fue creada originalmente en el año 2005 por el líder histórico de la Revolución Cubana Fidel Castro Ruz, con la intención de asistir a los damnificados del huracán Katrina en Estados Unidos. Y aunque la ayuda médica cubana no pudo llegar, pues el gobierno norteamericano no dio su permiso, sirvió de plataforma para las páginas de solidaridad en el campo de la salud que desde entonces ha escrito ese contingente, el cual está integrado por médicos, enfermeras y técnicos que de manera voluntaria han expresado su disposición de participar.

Entre las acciones de cooperación en diversos países que registra la Brigada Henry Reeve se destacan la ayuda brindada en ocasión de casos de terremotos en Paquistán, 2005; Indonesia, 2006; Perú, 2007, China, 2008; Haití, 2010; Chile, 2010; Nepal, 2015; Ecuador, 2016; de lluvias intensas y catastróficas en Guatemala, 2005; Bolivia, 2006; México, 2007; El Salvador, 2009; Chile, 2015; Venezuela, 2015, y de emergencias médicas por epidemias de cólera en Haití, 2010; ébola en Sierra Leona, Guinea Conakry, Liberia, 2014; y  huracanes en Dominicana, 2015; Islas Fiji, 2016; Haití, 2016..

Su trabajo ha sido reconocido por varios gobiernos y por organismos internacionales. En mayo de 2017, la Organización Mundial de la Salud (OMS) otorgó al contingente médico cubano el Premio de Salud Pública en Memoria al Dr. Lee Jong-wook, en reconocimiento a los 250 especialistas que lucharon contra el ébola en África.

Actualmente la Brigada Henry Reeve presta servicios para ayudar a detener la pandemia del COVID-19  en 24 países: entre ellos Italia, Andorra, Catar, Togo, Angola, México, Belice, Cabo Verde, Jamaica, Haití, Honduras, Venezuela, Nicaragua, Surinam, Granada, San Vicente y las Granadinas, Antigua  y Barbudas, Dominica, Santa Lucia, Trinidad y Tobago, San Cristóbal y Nieves, Barbados y Sudáfrica.

Está claro que ese colectivo –valiente y solidario- es muy merecedor del Premio Nobel de la Paz. Con sus acciones de ayuda a otros pueblos en momentos de gran peligro, ha hecho honor al concepto martiano de que Patria es Humanidad. Por esas razones nosotros nos sumamos con todo el corazón a la solicitud que vienen haciendo al Comité Noruego del Nobel numerosas organizaciones y personalidades internacionales de que se nomine a la Brigada Henry Reeve para dicho Premio, lo cual enaltecerá y honrará al mismo.

Llamamos igualmente a organizaciones no gubernamentales, a los Estados miembros de las Naciones Unidas, a los centros relacionados con las Ciencias Sociales y Humanas, y a las organizaciones sociales de todo tipo a respaldar ese movimiento que, con toda razón y justicia, viene creciendo a escala mundial.

2 de junio del  2020, en diversas ciudades, firman:

Dr. Federico Mayor Zaragoza, exDirector General de la UNESCO, Presidente de la Fundación Cultura de Paz, España.

 

Adolfo Pérez Esquivel, Premio Nobel de la Paz, miembro del Consejo Directivo, del Instituto Espacio para la Memoria, Argentina.

 

Dr. Carlos E. Bojórquez Urzaiz, Presidente del Consejo Académicos de la Universidad José Martí de Latinoamérica, Campus Mérida, Yucatán, México.

 

Frei Betto, teólogo y escritor, Premio Internacional José Martí de la UNESCO, Brasil.

 

Ignacio Ramonet, periodista y analista internacional, ex Director de Le Monde Diplomatique en español, Francia.

 

 

Dr. Atilio Borón, sociólogo y analista internacional, Director del Programa Latinoamericano de Educación a Distancia en Ciencias Sociales, Argentina.

 

Dr. Mario Alberto Nájera Espinoza

Profesor del Departamento de Estudios sobre Movimientos sociales, Universidad de Guadalajara, México.

Coordinador de la Red Internacional de Cátedras Martianas.

 

Dr. Kyung Won Chung, profesor de la Universidad de Hankuk de Estudios Internacionales, Corea del Sur; y presidente del Club Martiano de Seúl.

 

Dr. Vittorio Di Cagno, Presidente de Honor de la Comisión de Cooperación de la Unión Internacional del Notariado Latino, Italia.

Dr. Miguel Antel Candenedo, filósofo, Decano de la Facultad de Filosofía de la Universidad de Panamá.

 

Dr. Paul Estrade, Profesor Emérito de la Universidad de París VIII, Expresidente del Centro de Historia de las Antillas Hispánicas, Francia.

 

Dr. Pablo González Casanova, ex Rector de la Universidad Nacional Autónoma de México, Premio Internacional José Martí de la UNESCO.

 

Dr. Eduardo Torres Cuevas, Director de la Oficina del Programa Martiano y Presidente de la Sociedad Cultural José Martí, de Cuba.

 

Dr. Guillermo Castro Herrera, profesor  universitario, exVicepresidente de Investigación y Formación de la Fundación Ciudad del Saber, Panamá.

 

Dr. Jean Lamore, profesor consultante de la Universidad de Burdeos, Francia.

 

Dr. Luigi Lombarda Vallauri, jurista y profesor de Filosofía de la Universidad de Florencia, Italia.

 

Dr. Juan Marchena Fernández, profesor de la Universidad Pablo de Olavide, y vicecoordinador de su Centro de Estudios Avanzados para América Latina y el Caribe, España.

 

Raúl Pérez Torres, escritor, Ecuador.

 

Max Puig, intelectual y político de República Dominicana.

 

Dr. Pedro Pablo Rodríguez, Investigador de la obra martiana, Director de la Edición Crítica de las Obras Completas de José Martí, Premio Nacional de Ciencias Sociales de Cuba.

 

Tony Raful, poeta e historiador de República Dominicana.

 

Luis Gomes Soromenho, profesor, economista y político portugués.

 

Emilio Lambiase, activista social, Italia.

 

Francisco Galindo, profesor universitario y promotor cultural, España.

 

Alicia Kirchner, política argentina, expresidenta del Comité Intergubernamental del Programa MOST de la UNESCO.

 

Ing. José Antonio Ruz Hernández, Rector de la Universidad Autónoma de Ciudad del Carmen, México.

 

Dra. Vivian Auffant, Catedrática de Español en la Facultad de Estudios General, Universidad de Puerto Rico.

 

Dr. Jorge Cuellar Montoya, Rector de la Universidad José Martí de Latinoamérica, Monterrey, México.

 

Dr. Francisco Beltrán LLoris, profesor y Vicerrector de Cooperación Internacional de la Universidad de Zaragoza, España.

 

Guilalermo Daniel Ortega Reyes, Secretario de la Comisión de Relaciones Internacionales del Parlamento Centroamericano, Nicaragua.

 

Dra. Marjorie Jiménez Castro, Profesora de la Universidad de Costa Rica.

 

Dr. Héctor Hernández Pardo, Subdirector General de la Oficina del Programa Martiano de Cuba y  Coordinador Ejecutivo del Proyecto José Martí de Solidaridad Internacional.

Cuba: la utopia posible, globalizar la solidaridad

Mantova: PC condanna l’aggressione al Venezuela bolivariano

L'immagine può contenere: 1 persona, il seguente testo "QUIEN VENGA DISPUESTO A' MATARNOS TAMBIÉN DEBE VENIR DISPUESTO A MORIR"PARTITO COMUNISTA
MANTOVA

Condanniamo risolutamente l’attacco perpetrato alla Repubblica Bolivariana del Venezuela da parte di un commando di mercenari colombiani, avvenuto la mattina di domenica 3 maggio 2020.

Il popolo venezuelano deve essere rispettato così come il suo legittimo governo, va condannata l’arroganza degli Stati Uniti, i loro mezzi aggressivi sempre pericolosi che non vogliono accettare i popoli che decidono liberamente il loro destino e scelgono un modo di società ben diversa da quella capitalistica, ovvero una società socialista, basata su giustizia e uguaglianza.

Occorre quindi mantenere sempre viva la solidarietà col popolo venezuelano e il suo legittimo presidente, incentivare la solidarietà internazionale a favore di un popolo degno, esempio nella lotta di classe ed antimperialista.

Comunicado de las familias de Alfredo Chirinos y Aryenis Torrealba

por aryenisyalfredoinocentes

¡¡A 45 días de la privativa de libertad!!

Hoy 16/4/020 se cumplen los 45 días reglamentarios de la medida cautelar emitida por la jueza Karol Padilla, tribunal 1 de terrorismo, el día 2 de marzo a las 8pm en la audiencia de presentación de Alfredo Chirinos y Aryenis Torrealba.

Esto quiere decir, que a partir de mañana ese tribunal puede FIJAR fecha de la audiencia preliminar, a pesar que según Gaceta Oficial el TSJ mantiene sus servicios suspendidos por CUARENTENA. Por lo cual queremos resaltar lo siguiente:

1) A la fecha la defensora impuesta por el tribunal en la audiencia de presentación Dra. Hanoi Navarro Defensora 48, NO ha establecido comunicación alguna vía telefónica con ninguno de los familiares, aún teniendo los números de contacto. NO ha hecho la diligencia para obtener el expediente. La jueza Karol Padilla lo mantiene en su poder. No fue posible lo entregara el día 13/3/020 previo a la medida de cuarentena, a pesar que los familiares se apostaron en el TSJ desde las 8am hasta las 4pm y fueron desalojados por los alguaciles del TSJ, sin obtener respuesta alguna ni de la defensora publica ni de la jueza.

2) No se les ha permitido la juramentación de su abogado privado.

En la última llamada permitida a Aryenis nos informó que los detenidos del buque Negra Hipólita les permitieron la juramentación de su abogado privado. Está información la constatamos con las familias y es cierta. NADIE nos ha dado la información oficial de que el proceso continúa, tampoco de que puede nuestra defensa privada juramentarse, mucho menos que DGCIM este permitiendo el ingreso de documentos legales para tal fin, a pesar de las llamadas que a diario realizan las familias de Aryenis y Alfredo a este cuerpo de seguridad pidiendo información al respecto, solo informan: NO HAY ACCESO ALGUNO A DGCIM (Poseemos registro de llamadas diarias).

Desde el día 7 de marzo no tuvimos más contacto físico con los muchachos. Entendemos la situación de cuarentena, pero tampoco les han permitido comunicación regular vía telefónica a sus familiares. Tenemos conocimiento que a los demás reclusos les dejan llamar semanalmente a sus familias. En nuestro caso no ha sido así. A Aryenis le han dejado llamar un par de veces por 5min debido a su insistencia en saber de la salud de sus padres. En el caso particular de Alfredo NO le permitieron más llamadas a CELULARES, su familia no posee línea de telefonía fija. Asumimos entonces que no se comunicará más?

3) El DGCIM aún posee las llaves de la residencia de los muchachos, a pesar de que los familiares hicimos la denuncia en la Fiscalía 22, fue negada la entrega de las mismas, según porque debían estar en su poder durante los 45 días del proceso de investigación. Al día de hoy NO hemos recibido notificación alguna para la entrega de dichas llaves, desconocemos si este cuerpo de seguridad ha vuelto a ingresar a la vivienda. Cabe destacar que la orden de allanamiento era SOLO válida para el día 29/2/020 en la cuál sustrajeron los equipos electrónicos corporativos de PDVSA. Con esto queremos decir: NO HAY NADA MAS DE INTERÉS PARA LA INVESTIGACIÓN EN LA RESIDENCIA Porqué el interés de la Fiscalía 22 y el DGCIM en permanecer con las llaves de la vivienda??

Este comunicado, es, para una vez más denunciar la violación al debido proceso, a los DDHH contra este par de jóvenes contra los cuales ha habido un ensañamiento. Y alertar a la opinión pública general, al respecto, que si el tribunal fija audiencia preliminar a partir de este momento NO hay defensa para Alfredo y Aryenis.

No descansaremos hasta lograr sean respetados los derechos consagrados en la CRBV. 

Agradecemos el apoyo popular y manifestaciones permanentes de amor y solidaridad. SOLO EL PUEBLO SALVA AL PUEBLO

¡¡¡Aryenis y Alfredo son INOCENTES!!!

A los 16 días de Abril 2.020.

¡¡¡Sin justicia no hay revolución!!!

¡¡¡La línea justa es… luchar hasta vencer!!!

#AryenisYAlfredoInocentes

Más información del Comité por la Libertad y la Inocencia de Aryenis y Alfredo en:
https://aryenisyalfredoinocentes.wordpress.com/

 

https://www.facebook.com/alfredoyaryenis.libres.7

https://instagram.com/aryenisyalfredoinocentes?igshid=1w8c10ampen0c

Canal en Telegram:
@AlfredoyAryenis

Síndrome de Singapur: ¿Gran Bretaña volverá a ser grandiosa y a qué costo?

9c5d17ff8894053078197caa458c18f6por theduran.com

Además del Brexit ya realizado, la lista de ideas ambiciosas de los conservadores de Londres incluía una más: atractiva y aterradora de la noche a la mañana. En un esfuerzo por mostrar los beneficios del libre comercio fuera del marco restrictivo de la Unión Europea, los conservadores promovieron activamente el concepto de Singapur en Temsa. Pero la libertad financiera también tiene un lado oscuro, y puede resultar que es la UE la que sentirá toda su negatividad.

La posición de los conservadores es fácil de explicar. Necesitaban una imagen atractiva de lo que le espera al país después de su salida de la Unión Europea. ¿Para qué? Para ocultar las consecuencias económicas negativas del Brexit del público. En el 2017, el ministro de Comercio Exterior, Liam Fox, afirmó que Gran Bretaña concluiría docenas de nuevos acuerdos comerciales internacionales, apenas saliendo de la UE. En realidad, Brexit privó a Gran Bretaña de importancia y preferencias, y al mismo tiempo redujo las posibilidades de acuerdos rentables.

La idea de implementar el modelo de Singapur en este contexto realmente parecía apropiada. Había sido discutido desde la época de Margaret Thatcher, y por alguna razón. El éxito de Singapur es innegable. Las bajas tasas impositivas, la enorme libertad legislativa y la infraestructura moderna atraen grandes cantidades de inversión. Un concepto tentador, dado que un tercio de la economía británica se encuentra en el sector financiero. Nadie se dio cuenta de que Singapur es un estado autoritario con una economía capitalista estatal. Además, en Londres prefieren guardar silencio la característica principal del fenómeno de Singapur. Fue facilitado en gran medida por el florecimiento de la globalización. Ahora es exactamente lo contrario.

La crisis del 2008 ya había comenzado a crear zonas económicas aisladas. En el 2020, cuando el mundo se vio afectado por la pandemia de coronavirus y los países cerraron las fronteras en pánico, no tenía sentido hablar de globalismo en absoluto. Resulta que es imposible repetir el milagro de Singapur en las condiciones actuales. Desafortunadamente, esto no significa que el concepto haya sido rechazado. Los conservadores, que cubren sus propios errores políticos de cálculo, no son los únicos interesados ​​en esta idea.

Nicholas Shaxson, investigador británico y autor de varios libros sobre impuestos, escribió que el éxito de Singapur se debe principalmente al hecho de que el estado es el centro del lavado de dinero para los empresarios corruptos de Indonesia. Esta es la desventaja de la libertad, que apenas confunde a la ciudad de Londres. Fue Gran Bretaña la que jugó un papel clave en la aparición del fenómeno offshore. Si evalúa el mapa de los paraísos fiscales modernos, encontrará su increíble similitud con el mapa del antiguo Imperio Británico. El Banco de Inglaterra y el Tesoro de Su Majestad crearon más zonas en alta mar que las agencias gubernamentales de cualquier otro país. El cabildero oficial para la política de desregulación financiera es la ciudad de Londres, que ya opera una gran parte de las finanzas mundiales a expensas de sus satélites.

En medio de las negociaciones sobre Brexit, muchos estaban preocupados por la posibilidad de que Gran Bretaña se convirtiera en un enorme paraíso fiscal en Europa. Por supuesto, esta será una opción muy rentable para Londres. Es importante que mantenga su estatus como centro financiero global. Convertir al Reino Unido en un paraíso fiscal atraerá la inversión extranjera y reducirá el impacto negativo tanto del Brexit como de la Crisis de la Corona.

La liberalización de la economía británica será una oposición directa a la estructura socialdemócrata de la Unión Europea. De esto se derivan dos factores negativos graves. En primer lugar, se reducirá la competitividad de los mercados europeos y el flujo financiero a través del Canal de la Mancha se dirigirá hacia condiciones más atractivas. En segundo lugar, estas condiciones permitirán a las empresas europeas evitar pagar impuestos y lavar dinero, lo que ya se está convirtiendo en una cuestión de seguridad nacional para los estados europeos. Por lo tanto, es crucial evitar la introducción del régimen de equivalencia con Gran Bretaña en la esfera financiera en términos de Londres.

Las divisiones ya han surgido sobre esta base. Como se indicó en marzo, el negociador jefe de la UE sobre Brexit, Michel Barnier, estos desacuerdos “muy graves”. Incluso antes enfatizó que Londres no debería tener ninguna ilusión, ya que “no habrá equivalencia general, global o permanente de los servicios financieros. Las partes planearon resolver el problema para junio del 2020. Obviamente, la pandemia hará ajustes al proceso de negociación. Sin embargo, es obvio que esta ronda no será más fácil que la discusión del Brexit mismo.

Pandemia e fine dell’epoca neoliberale

di Atilio A. Boron

Il coronavirus ha scatenato un’ondata di riflessioni e analisi che hanno come comune denominatore l’intenzione di tracciare i tratti (vaghi) del tipo di società e di economia che riemergeranno una volta messo sotto controllo il flagello. Ci sono molte ragioni per avventurarsi in questo tipo di speculazioni, si spera ben informate e controllate, perché se c’è una cosa di cui siamo completamente sicuri, è che la prima vittima fatale della pandemia è stata la versione neoliberale del capitalismo. E dico “versione” perché ho seri dubbi che il virus in questione abbia fatto il miracolo di porre fine non solo al neoliberismo ma anche alla struttura che lo sostiene: il capitalismo come modo di produzione e come sistema internazionale. Ma l’era neoliberale è un cadavere non ancora sepolto ma impossibile da resuscitare. Cosa succederà al capitalismo? Bene, proprio di ciò parleremo in quest’articolo.

Stimo molto il lavoro e la persona di Slavoj Zizek, ma ciò non è sufficiente per dargli ragione quando afferma che la pandemia ha inferto “un colpo alla Kill Bill al sistema capitalista”, dopo di che, seguendo la metafora cinematografica, dovrebbe cadere stecchito entro cinque secondi. Non è successo e non succederà perché, come Lenin ha ricordato in più di un’occasione, “il capitalismo non cadrà se non ci saranno forze sociali e politiche a farlo cadere”. Il capitalismo è sopravvissuto alla cosiddetta “influenza spagnola”, che ora sappiamo essere venuta alla luce in Kansas nel marzo del 1918 presso la base militare di Fort Riley, ed è stata poi diffusa in modo incontrollato dalle truppe statunitensi che hanno combattuto nella prima guerra mondiale. Le stime molto imprecise della sua letalità variano da 20, 50 a 100 milioni di persone, per cui non è necessario essere ossessionati dalle statistiche per diffidare del rigore di quelle stime ampiamente diffuse da molte organizzazioni, tra cui il National Geographical Magazine. Del resto, il capitalismo è sopravvissuto anche al tremendo tracollo globale prodotto dalla Grande Depressione, mostrando un’insolita capacità di resilienza – già segnalata dai classici del marxismo – di superare le crisi e persino di uscirne più forte. Pensare che in assenza di quelle forze sociali e politiche, indicate dal rivoluzionario russo (forze di cui al momento non si avverte la presenza, né negli Stati Uniti né nei Paesi europei), la tanto agognata scomparsa di un sistema immorale, ingiusto e predatore, nemico mortale dell’umanità e della natura, avverrà ora, è più una proiezione di un suo desiderio che il prodotto di un’analisi concreta. Zizek è fiducioso che, a seguito di questa crisi, l’umanità potrà ricorrere a “qualche forma di comunismo reinventato” per salvarsi. Questo è certamente possibile e auspicabile. Ma, come quasi tutto nella vita sociale, dipenderà dall’esito della lotta di classe; più precisamente dal fatto che, per tornare a Lenin, “chi sta sotto non vuole e chi sta sopra non può continuare a vivere come prima”, cosa che al momento non sappiamo. Ma la biforcazione della via d’uscita da questo frangente presenta un altro possibile esito, che Zizek identifica molto chiaramente: la “barbarie”.  Cioè la riaffermazione del dominio del capitale ricorrendo alle forme più brutali di sfruttamento economico, di coercizione politico-statale e di manipolazione delle coscienze e dei cuori attraverso la sua, al momento immutata, dittatura mediatica. “Barbarismo”, diceva István Mészarós con una dose di amara ironia, “se siamo fortunati”.

Ma perché non pensare a una soluzione di compromesso, né al tanto temuto “barbarismo” (di cui da tempo ci sono state somministrate dosi crescenti nei “capitalismi realmente esistenti”), né all’altrettanto agognata opzione di un “comunismo reinventato”? Perché non pensare che una transizione verso il post-capitalismo sarà inevitabilmente “disuguale e combinata”, con profondi progressi in alcuni settori: la de-finanziarizzazione dell’economia, la de-commercializzazione della sanità e della previdenza sociale, ad esempio, e altre più esitanti, incontrando maggiori resistenze da parte della borghesia, in settori quali il controllo rigoroso del mercato finanziario mondiale, la nazionalizzazione dell’industria farmaceutica (affinché i farmaci non siano più una merce prodotta a scopo di lucro), le industrie strategiche e i media, nonché il ritorno al pubblico delle cosiddette “risorse naturali” (beni comuni, appunto)? Perché non pensare a “quei tanti socialismi” di cui l’importante marxista inglese Raymond Williams parlava in modo premonitore a metà degli anni ’80 del secolo scorso?

Di fronte alla proposta di un “comunismo reinventato” il filosofo sudcoreano Byung-Chul Han sale sul ring per confutare la tesi dello sloveno e si azzarda a dire che “dopo la pandemia, il capitalismo continuerà con più vigore”. È un’affermazione audace perché se c’è qualcosa che si profila all’orizzonte è la richiesta diffusa da parte di tutta la società di un intervento statale molto più attivo per controllare gli effetti esasperanti dei mercati sulla fornitura di servizi di base nella sanità, nell’edilizia abitativa, nella sicurezza sociale, nei trasporti, ecc. e per porre fine allo scandalo dell’iper-concentrazione di metà di tutta la ricchezza del pianeta nelle mani dell’1 per cento più ricco della popolazione mondiale. Quel mondo post-pandemico avrà molto più Stato e molto meno mercato, con popolazioni “consapevoli” e politicizzate dal flagello a cui sono state esposti e inclini a cercare solidarietà e soluzioni collettive, persino “socialiste” in paesi come gli Stati Uniti, ci ricorda Judith Butler, rinnegando la furia individualista e privatizzante esaltata per quarant’anni dal neoliberismo e che ci ha portato alla tragica situazione che stiamo vivendo. E anche un mondo in cui il sistema internazionale ha già accolto, in modo definitivo, un modello diverso in presenza di una nuova triade dominante, anche se il peso specifico di ciascuno dei suoi attori non è lo stesso. Se Samir Amin aveva ragione alla fine del secolo scorso quando parlava della triade formata da Stati Uniti, Europa e Giappone, oggi questa triade è formata da gli Stati Uniti, Cina e Russia. E a differenza del precedente ordine tripolare, dove Europa e Giappone erano junior partners (per non dire pedine o lacchè, che suona un po’ offensiva ma è la qualifica che meritano) di Washington, oggi quest’ultima ha a che fare con la formidabile potenza economica della Cina, indubbiamente l’attuale locomotiva dell’economia mondiale, che relega gli Stati Uniti al secondo posto e che, per di più, ha assunto il ruolo guida nella tecnologia 5G e nell’Intelligenza Artificiale. A tutto ciò si aggiunge la non meno minacciosa presenza di una Russia che è tornata alla ribalta della politica mondiale: ricca di petrolio, energia e acqua; proprietaria di un territorio immenso (quasi il doppio del territorio degli Stati Uniti) e di un potente complesso industriale che ha prodotto una tecnologia militare all’avanguardia che in alcune settori strategici prevale su quello degli Stati Uniti. È difficile, come dice Han, che il capitalismo acquisisca nuovo vigore in questo scenario internazionale poco promettente. Se aveva l’attrazione e la diffusione globale che sapeva avere, era perché, come diceva Samuel P. Huntington, c’era uno “sceriffo solitario” che sosteneva l’ordine capitalista mondiale con il suo indiscutibile primato economico, militare, politico e ideologico.

Oggi la supremazia è nelle mani della Cina e l’enorme spesa militare degli Stati Uniti non riesce a piegare un Paese piccolo come la Corea del Nord o vincere una guerra contro una delle nazioni più povere del pianeta come l’Afghanistan. L’ascendente politico di Washington si mantiene appiccicato con lo sputo a malapena nel suo “cortile interno”: America Latina e Caraibi, ma in mezzo a grandi sconvolgimenti. E il suo prestigio internazionale è stato fortemente indebolito: la Cina è riuscita a controllare la pandemia e gli Stati Uniti no; Cina, Russia e Cuba stanno contribuendo a combatterla in Europa, e Cuba, esempio mondiale di solidarietà, sta inviando medici e medicinali nei cinque continenti, mentre l’unica cosa che viene in mente a chi passa dalla Casa Bianca è di inviare 30.000 soldati per un’esercitazione militare con la NATO e di intensificare le sanzioni contro Cuba, Venezuela e Iran, in quello che è chiaramente un crimine di guerra. La loro precedente egemonia è ormai un ricordo del passato. Ciò di cui si discute oggi nei corridoi delle agenzie governative statunitensi non è se il paese sia in declino o meno, ma la pendenza e il ritmo del declino. E la pandemia sta accelerando questo processo di ora in ora.

Il sudcoreano Han ha ragione, invece, quando dice che “nessun virus è in grado di fare la rivoluzione”, ma cade in ridondanza quando scrive che “non possiamo lasciare la rivoluzione nelle mani del virus”. È chiaro che non può! Diamo un occhio ai dati storici: la rivoluzione russa è scoppiata prima della pandemia di “influenza spagnola”, e la vittoria dei processi rivoluzionari in Cina, Vietnam e Cuba non è stata preceduta da nessuna pandemia. La rivoluzione è fatta dalle classi subalterne quando prendono coscienza dello sfruttamento e dell’oppressione a cui sono sottoposte; quando intravedono che, lungi dall’essere un’illusione irraggiungibile, è possibile un mondo post-capitalista e, infine, quando arrivano a darsi un’organizzazione su scala nazionale e internazionale per combattere contro una “borghesia imperiale” che un tempo intrecciava fortemente gli interessi dei capitalisti nei paesi sviluppati. Oggi, grazie a Donald Trump, quella solida unità al vertice del sistema imperialista è stata irrimediabilmente spezzata e la lotta lassù è di tutti contro tutti, mentre Cina e Russia continuano pazientemente e senza arroganza a costruire le alleanze che sosterranno un nuovo ordine mondiale.

Un ultimo ragionamento. Credo che dobbiamo valutare la straordinaria gravità degli effetti economici di questa pandemia, che renderà impossibile un ritorno al passato. I vari governi del mondo sono stati costretti ad affrontare una scelta crudele: la salute della popolazione o il benessere dell’economia. Le recenti dichiarazioni di Donald Trump (e di altri leader come Angela Merkel e Boris Johnson), secondo cui non adotterà una strategia di contenimento del contagio mettendo in quarantena ampie fasce della popolazione perché ciò paralizzerebbe l’economia, evidenziano la contraddizione di fondo del capitalismo. Perché, è bene ricordare, se la popolazione non va a lavorare, il processo di creazione del valore si ferma e non c’è né estrazione né realizzazione di plusvalore. Il virus salta dalla gente all’economia, e questo provoca la paura dei governi capitalisti che sono riluttanti a imporre o mantenere la quarantena perché la classe imprenditoriale ha bisogno di persone che escano in strada e vadano a lavorare anche se sanno che sta mettendo a rischio la loro salute. Secondo Mike Davis, il 45 per cento della forza lavoro statunitense “non ha accesso a permessi retribuiti per malattia ed è praticamente costretta ad andare al lavoro e a diffondere l’infezione oppure rimanere col piatto vuoto”.  La situazione è insostenibile per il capitale, che ha bisogno di sfruttare la propria forza lavoro e trova intollerabile che essa rimanga a casa; d’altronde i lavoratori, che, se vanno a lavorare o si infettano o infettano gli altri, e se rimangono a casa, non hanno soldi per soddisfare i loro bisogni più elementari. Questo cruciale bivio spiega la crescente belligeranza di Trump contro Cuba, Venezuela e Iran, e la sua insistenza nell’attribuire l’origine della pandemia ai cinesi. Deve creare una cortina fumogena per nascondere le terribili conseguenze di decenni di sotto finanziamento del sistema sanitario pubblico e di complicità con le truffe strutturali della medicina privata e dell’industria farmaceutica del suo paese. Oppure per dare la colpa della causa della recessione economica a coloro che consigliano alle persone di restare a casa. In ogni caso, e indipendentemente dal fatto che la via d’uscita da questa crisi sia un “comunismo reinventato” come vuole Zizek o un esperimento ibrido ma che punti chiaramente in direzione del post-capitalismo, questa pandemia (come spiegano chiaramente Mike Davis, David Harvey, Iñaki Gil di San Vicente, Juanlu González, Vicenç Navarro, Alain Badiou, Fernando Buen Abad, Pablo Guadarrama, Rocco Carbone, Ernesto López, Wim Dierckxsens e Walter Formento in vari articoli che circolano abbondantemente sul web) ha spostato le placche tettoniche del capitalismo globale e niente potrà mai più essere lo stesso. Inoltre, nessuno vuole che il mondo torni com’era prima, tranne quel pugno di magnati che si sono arricchiti grazie ai saccheggi selvaggi perpetrati durante l’era neoliberale. Si tratta di una sfida tremenda per chi di noi vuole costruire un mondo post-capitalista perché, senza dubbio, la pandemia e i suoi effetti devastanti offrono un’opportunità unica e inaspettata che sarebbe imperdonabile perdere. Quindi, la parola d’ordine del momento per tutte le forze anti-capitaliste del pianeta è: coscientizzare, organizzare e combattere; combattere fino alla fine, come voleva Fidel quando, in un memorabile incontro con gli intellettuali tenutosi nell’ambito della Fiera Internazionale del Libro dell’Avana, nel febbraio 2012, ci ha salutato dicendo: “Se vi dicessero: il pianeta sta morendo e questa specie pensante sta per finire, cosa fareste, iniziereste a piangere? Penso che dobbiamo combattere, è quello che abbiamo sempre fatto. Mettiamoci al lavoro!”. 

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

 

Cile: intervista al portavoce del Collettivo antifascista del Colo Colo

da resumenlatinoamericano.org

Si chiama Alfredo Vielma, è il giovane portavoce del Collettivo Antifascista La Garra Blanca (valorosi sostenitori del Colo Colo, iconica squadra di calcio cilena) e soprattutto è un combattente dal basso e di sinistra. Un partecipante attivo, come molti della sua età (Alfredo ha 25 anni), a questa grande rivolta contro il capitalismo, che richiede le dimissioni di

Sebastian Piñera e qualcosa di più: la caduta del sistema oppressivo e repressivo.

Abbiamo parlato con Vielma in Plaza de la Dignidad, mentre i carabinieri si preparavano, come sempre, a reprimere, e il Gruppo Illapu accordava le chitarre per cantare e chiamare tutti a raccolta dai balconi di Radio de la Plaza, con migliaia di manifestanti che ridevano, cantavano e si preparavano  alla lotta.

Come è nata quest’ idea che le persone del collettivo… si unissero alla rivolta iniziata il 18 ottobre?

Abbiamo sempre auspicando che potesse verificarsi una situazione di ingovernabilità. Da quando ci siamo formati circa cinque anni fa, la nostra missione è sempre stata quella di partecipare attivamente al movimento popolare e in un certo senso di poter costruire situazioni di ingovernabilità che aprissero uno spazio di trasformazione per la società cilena.

Ecco perché, più che partecipare, ci consideriamo parte delle organizzazioni sociali e popolari che hanno dato vita a questa rivolta. Circa un mese prima del 18 ottobre, stavamo già sostenendo gli studenti delle scuole superiori quando chiedevano di saltare i tornelli della metropolitana, invitando alla disubbidienza di massa. Anche noi facevamo parte di quel movimento. Così, quando è successo, quello che abbiamo fatto è stato mettere tutta la nostra capacità pratica al servizio del movimento, il che significa che fondamentalmente ci siamo mobilitati e abbiamo partecipato a tutte le istanze collettive che hanno avuto luogo fin dall’inizio.

Come giudicate l’evoluzione di questo movimento? Lo vedete crescere o stabilizzarsi su quello che fa in quanto non è riuscito a rovesciare Piñera?

Penso che sia molto difficile poter stimare lo stato della mobilitazione perché, per prima cosa, è una mobilitazione super inorganica, e secondariamente bisogna considerare le componenti territoriali. Parlando con un compagno francese, mi ha detto che la lotta di classe in Francia si ferma durante le vacanze. Qui non è successo esattamente  la stessa cosa. Tuttavia, la lotta popolare è calata un po’, in un certo senso, nel periodo delle vacanze, ma ora si sta intensificando di nuovo. Quello che posso dire è che effettivamente a livello di coscienza, la mobilitazione ha portato un importante cambiamento qualitativo che non si vedeva da molto tempo in Cile. Oggi la mobilitazione è più piccola di prima, ma c’è molta organizzazione popolare, è diventata più compatta.

Pensi che questa inorganicità di cui parli, questa orizzontalità nel movimento, questa mancanza di leader, complichi o aiuti?
Credo che bisogna distinguere gli elementi di cui stiamo parlando. Prima di tutto, l’inorganicità. Il fatto che ci sia poca organicità è un problema, il basso livello di coordinamento tra tutte le persone che stiamo mobilitando è ovviamente un problema.

Ma, per esempio, la mancanza di leadership è una diagnosi politica della mobilitazione, che ha a che fare con una sinistra che per molto tempo non ha dato abbastanza spazio per formare una leadership di classe e popolare, quindi ora la gente non è disposta ad accettare una qualsiasi leadership che emerga da una linea politica che in realtà non ha senso o radicamento.

Penso che l’orizzontalità sia più che altro una virtù. Gli ultimi processi latinoamericani mostrano che i movimenti di sinistra e popolari hanno ripetutamente bisogno di un cambiamento di leadership o, meglio, di formare figure di leadership collettiva. Quindi, riconosco quella presunta mancanza di leadership e di orizzontalità come una virtù.

 

title=Questi giovani di Prima Linea che combatto per le strade, sono stanchi dei partiti e della politica borghese?

Non solo della politica borghese. Io sono una persona squisitamente di sinistra, ma sono critico nei confronti della mia parte politica. Anche noi, anche quelli di noi che hanno cercato di fare organizzazione di classe, abbiamo fallito. Penso che la gente, infatti, non sia stanca di stare a sinistra, sa di essere di sinistra, sa che c’è questa classica, storica, dialettica dicotomia tra destra e sinistra. Sono però stanchi di un’organicità che non porta cambiamenti e che non è efficace nel momento della trasformazione. Lo stesso vale per la demagogia, i discorsi vuoti, le dichiarazioni in venti punti che non vanno da nessuna parte. Siamo a favore di una nuova politica, di un nuovo modo di essere a sinistra.

Cosa rappresenta per voi la Prima Linea?

E’ un’espressione politica nata proprio qui in Cile, che non ha più alcun riferimento da molto tempo, praticamente dalle lotte contro la dittatura. Dal 2011 esperienze simili si rispecchiano in questo senso. Prima Linea ha a che fare con i giovani del popolo che non hanno nulla da perdere perché si trovano in una situazione di emarginazione neoliberale. Sono tutti i giovani che il neoliberismo alla fine esclude dalla vita pubblica e che dà loro peggiori condizioni di vita privata. Sono questi che stanno dando il petto ai proiettili, sono i Mauricio Fredes (morto perchè braccato dai carabinieri), sono le persone che sono cadute nelle città e che rimangono anonime, sono le persone che sono state bruciate a morte dai militari nei supermercati. Questa è la Prima Linea, un’espressione politica molto ricca, un fenomeno degno di partecipazione e di studio perché rappresenta l’unico modo in cui i giovani che non sono rappresentati rappresentano se stessi.

Ed è interclassista, infatti vediamo persone molto umili ma anche persone della classe media coinvolte in questo movimento.

E’ interclassista come tutto questo movimento, ma penso che la grande virtù che va riconosciuta al movimento sia proprio quella di essere espressione delle classi popolari. Abbiamo accenni di multiclassismo in diverse esperienze: le assemblee territoriali e le manifestazioni in Plaza de la Dignidad, ne danno un resoconto. Ma, infine, direi che l’80% dei giovani che vi si trovano sono appartenenti alle classi popolari, tra questi abbiamo incontrato anche i giovani migranti boliviani, peruviani e haitiani. Quindi credo che sia una delle espressioni più popolari di questo movimento.

In Prima Linea, ci sono tanto ragazzi che ragazze, o per dirla con il gergo cileno: “cabras y capros”.

Ci sono molte ragazze perché penso che questo movimento abbia a che fare anche con i movimenti che stanno simultaneamente avvenendo in Cile. Prima del 18 ottobre, il movimento principale in politica era il femminismo. Ecco perché vediamo che le donne oggi sono assolutamente integrate: ci sono i compagni della Prima Linea, quelli delle assemblee territoriali e in tutte le espressioni di lotta, semplicemente perché sono protagoniste della politica. Di fatto, l’8M è stata una sfida per il movimento delle donne anche in virtù del movimento popolare. Nei giorni precedenti si è innescata una situazione che con l’8M è esplosa e sono state le compagne a farla esplodere.

Questo processo è sufficiente a far cadere Piñera?

Penso che questo movimento stia finalmente sottolineando che le riforme nel quadro neoliberale, il ricambio di leader, non siano sufficienti, non siano all’altezza. Se c’è una virtù e un difetto che possiamo riconoscere in parallelo a questo movimento, è che nessuno sa veramente quando finirà. Tutti sappiamo che stiamo chiedendo concretamente la fine della precarizzazione della vita, vogliamo una vita più dignitosa, ma evidentemente questo non si risolve con la cacciata di Piñera, la sua caduta non è sufficiente e tanto meno sappiamo fino a che punto si spingerà. Forse questo movimento apre un enorme breccia per la trasformazione di questo paese, come non accadeva dai tempi dell’Unità Popolare negli anni ’70.

C’è la possibilità che questo nuovo movimento abbia un legame con il precedente, con quello che viene dalla lotta contro la Dittatura, che ha morti, scomparsi, prigionieri ed ex-prigionieri? Vedi un filo conduttore che potrebbe unire queste due storie?

C’è un filo conduttore nel fatto che questi leader politici assumono criticamente che non possono più tentare di guidare ciò che non hanno mai guidato. Siamo colpevoli oggi dello stato di disgregazione della politica della sinistra rivoluzionaria, dei movimenti popolari, purtroppo a causa di quella generazione, lo dico con immenso dolore perché sono stato formato politicamente da quella generazione, sono diventato un rivoluzionario di sinistra con quelle persone. Ma questo movimento è anche un segno di stanchezza verso il loro modo di fare politica, perché se qui siamo stanchi della politica neoliberale, siamo anche stanchi di una verbosità e di una demagogia vuota che, purtroppo, ci è stata trasmessa dai compagni. Sono compagni che sono qui oggi, e credo che ci sia una buona disposizione da parte loro ad essere integrati in questi movimenti. Alcuni lo fanno con l’umiltà di accettare il rinnovamento, sapendo che noi riconosciamo la loro esperienza come positiva, che le lotte antidittatoriali sono state la lotta di liberazione nazionale del popolo cileno, ma anche sapendo che ci hanno lasciato costumi che ci sono stati dannosi, e questo movimento porta con sé anche questa trasformazione.

Che ne pensi del prossimo referendum? Sono in molti, da sinistra e dalla strada, a dire che il processo è stato cooptato da coloro che facevano parte del governo a quel tavolo per lanciare quell’appello, e ce ne sono altri che dicono che al di là del referendum la lotta deve continuare in strada.

Parlerò da sostenitore del Colo Colo, anche perché noi de La Colo siamo un movimento composto da vari ambienti: ci sono i collettivi politici, il mio collettivo antifascista de La Garra Blanca, c’è il Club Social y Deportivo La Garra Blanca, i tifosi in generale. In questo momento tutte queste componenti sono per APPROVO per il referendum. Da antifascisti de La Garra Blanca abbiamo cercato di caratterizzarlo come un APPROVO combattivo, che sappiamo anche che nel quadro delle riforme neoliberali non sono possibili tutte le trasformazioni della vita di cui abbiamo bisogno, ma siamo consapevoli che comunque apre un’importante finestra di sovranità popolare.

Credo che dobbiamo capire che, come agli intellettuali piace dire molto, con una cittadinanza vigile, come quella che abbiamo oggi in Cile, è possibile aprire nuovi spazi di trasformazione. Più che un cittadino, abbiamo un popolo vigile che osserva ciò che accade in politica. In Cile, tanto tempo fa, oserei dire che 40 anni fa, non avevamo un popolo interessato alla politica e oggi la politica è tornata al centro della vita.

Se mi chiedeste cosa vorrei che lasciasse un segno in questa Costituzione, in questa possibilità costituente, sarebbe ovviamente la sovranità nazionale popolare e, d’altra parte, il centro della vita nella politica, la politica come strumento per risolvere i problemi, dialogo, in modo da poter mettere in luce anche le posizioni popolari, perché oggi non ce l’abbiamo, abbiamo una chiusura costituzionale molto forte, e quello che cerchiamo è proprio di rompere questo muro. Forse non avremo la società che vogliamo, non conquisteremo l’uguaglianza, la solidarietà, le espressioni di sovranità popolare che vogliamo, ma riusciremo a ripristinare i dibattiti che sono molto importanti.

Ecco perché il referendum e la Costituzione stessa non devono essere visti come fine a se stessi, ma come strumenti politici, come ciò che sono. Le Costituzioni sono strumenti politici soggetti a interpretazione, e oggi ne abbiamo una che favorisce le interpretazioni borghesi e oligarchiche. Dobbiamo rompere con questo paradigma per avere un nuovo strumento costituzionale che ci favorisca nella costruzione popolare.

Chi era Neko Mora, uccisa dai moschettoni giorni fa?

Era un sostenitore molto importante del Colocolo, non faceva parte del nostro collettivo, ma era un antifascista. Lo conoscevo e posso dire che era una individuo e compagno molto unitario, un militante comunista e un “colocolino” che si dedicava sempre alla costruzione di un movimento Colocolino organizzato e cosciente, almeno così lo ricordiamo. Inoltre, dobbiamo ricordare che Neko è un giovane morto durante una mobilitazione, non è morto fuori dallo stadio, è morto perché quel giorno aveva organizzato una mobilitazione fuori dallo stadio, è morto su una barricata. Un enorme camion, di molte tonnellate, lo ha schiacciato perché ha travolto la barricata che Neko stava difendendo.

L’unità dei tifosi cileni è ancora forte. Ne siamo rimasti molto colpiti perché non è facile unire persone che sono separate dal calcio.

Penso che ci sia qualcosa da dire sul movimento delle tifoserie cilene. Voglio dire, i gruppi cileni hanno un’unità che oggi si costituisce come unità di classe, le differenze che si sono aperte sulla base del calcio sono molto forti perché sono differenze che si basano sull’ideologia neoliberale. Il neoliberismo ha creato divisione nel popolo e lo ha fatto, purtroppo, anche attraverso il calcio.

Oggi dobbiamo riconoscere che ricostruire questo processo organico per ridiventare un popolo è qualcosa di importante su cui stiamo lavorando. Ma, almeno per la strada abbiamo una neutralità, siamo uniti come popolo e siamo anche favorevoli a questo movimento di rivolta di cui il barrismo( fenomeno dei gruppi delle tifoserie) è stato indubbiamente protagonista.

Grazie mille.

Grazie mille per aver reso visibile quello che vogliamo dire, pochissime persone ascoltano quello che sta succedendo con il calcio e vorrei confermare che questo movimento sfida oggi il modello culturale neoliberista dell’America Latina. Ci hanno sempre rimproverato, a noi garristi(tifosi di calcio), dei bassi fondi, poveracci, ladruncoli, ci hanno attaccato la croce addosso, di essere tutto ciò che c’è di male nella società, ma questo movimento ha appena ribaltato la situazione e minaccia l’egemonia culturale della destra latinoamericana su l’emarginazione, di costruirci in modo negativo.

Un’altra cosa che credo che questo movimento abbia appena invertito è vedere tante bandiere mapuche a Santiago del Cile, non solo il 12 ottobre, ma ogni giorno.

Ha a che fare con la sconfitta di un’egemonia su ciò che è negativo, perché il negativo in Cile è sempre stato essere un indio, essere un tifoso di calcio, ascoltare il reggaeton, essere un cumbiero, questa è sempre stata indicata come una cosa negativa. Noi gli abbiamo ridato un significato politico, il nostro movimento dice che essere Cuma(dei bassi fondi), essere poveri, essere neri, essere mapuche, è qualcosa di politico ed è dovuto all’emarginazione. Ci siamo uniti in questa emarginazione. Ecco perché penso che oggi si radichi la paura culturale che la borghesia ha nei nostri confronti, ecco perché la paura della bandiera mapuche, ecco perché l’assassinio di Camilo Catrillanca, come se fosse stata una profezia che tutto questo stesse arrivando, come se fosse stata una vendetta in anticipo.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

 

L’economia dopo la catastrofe

La economía después de la catástrofedi Atilio Boron

La Grande Depressione degli anni Trenta trascinò a fondo, nella sua caduta, l’ortodossia liberale, i cui pilastri erano la divisione internazionale del lavoro tra i Paesi avanzati e la periferia capitalistica produttrice di materie prime; il gold standard e la dottrina del laissez-faire che sanciva il primato assoluto dei mercati e, di conseguenza, lo “Stato Minimo” che si limitava a garantire che quest’ultimi portassero sotto la sua orbita le più diverse componenti della vita sociale, instaurando, di fatto, una vera e propria “dittatura del libero mercato”. Ma sul finire del 1929 scoppia la Grande Depressione e il mondo che emerge dalle ceneri della crisi è molto diverso: la divisione internazionale del lavoro comincia a vacillare perché alcuni Paesi della periferia iniziano un vigoroso processo di espansione industriale. Il gold standard fu sostituito, dopo un turbolento interregno che si sarebbe concluso solo con la fine della seconda guerra mondiale, dal dollaro, che fu introdotto come moneta di scambio universale perché a quel tempo non c’era altra moneta che potesse competere con essa per le distruzioni causate dalla guerra. E soprattutto la cosa più importante: i mercati furono sottoposti ad una crescente regolamentazione da parte dei governi, il che portò a rovesciare un’asimmetria che se prima era stata molto favorevole ai mercati, per poi cominciare a spostarsi a favore degli Stati. Di conseguenza la spesa pubblica richiesta dalle nuove esigenze di una cittadinanza mobilitata e rafforzata dalle lotte contro la depressione e dalla ricostruzione post bellica fece crescere notevolmente la dimensione dello Stato in rapporto al PIL, come mostra la tabella seguente.


Debito totale dei governi, 1900, 1929, 1975
(% del Pil)


1900         1929         1975
__________________

Germania                     19.4          14.6          51.7

Regno Unito                 11.9          26.5          53.1

Stati Uniti                       2.9            3.7          36.6

Giappone                        1.1            2.5          29.6

Fonte: IMF Data, Fiscal Affairs Departmental Data, Public Finances in Modern History

 

Le cifre parlano da sole e ci risparmiano di dover ricorrere a complicate argomentazioni per dimostrare l’enorme portata del cambio di paradigma della governance macroeconomica del capitalismo dopo la Grande Depressione e la Seconda Guerra Mondiale. La Germania ha più che triplicato la spesa pubblica tra il 1929 e il 1975; il Regno Unito l’ha aumentata di poco più del doppio e gli Stati Uniti e il Giappone rispettivamente quasi di dieci e dodici volte! Più Stato che mercato per sostenere il processo di democratizzazione e di cittadinanza del dopoguerra. La salute, la sicurezza sociale, l’istruzione, l’abitare e tutti i beni pubblici che lo Stato deve garantire sono stati i motori della crescente centralità dello Stato nella vita economica e sociale.

Ma questo non è tutto: un altro aspetto da sottolineare è che una volta esaurito il ciclo keynesiano nel 1974/75 e realizzato il nefasto ritorno del liberalismo (ora addolcito con il prefisso “neo”, per indurre l’ingenuo a credere che si tratti di una formula innovativa) in nessuno di quei Paesi lo Stato si è ridotto al livello che aveva alla vigilia della Grande Depressione, stravolgendo il ruolo di centro gravitazionale ormai assunto nelle economie. Il ritmo di crescita conobbe un rallentamento e la spesa pubblica si ridusse, soprattutto in Gran Bretagna (sotto il Thatcherismo) e in Germania (con la truffa della “terza via”) e meno negli Stati Uniti e in Giappone. Ma anche così, nel 2010, questi quattro paesi erano ancora, in termini di peso dello Stato, ben al di sopra dei livelli esibiti durante il periodo di massimo splendore del liberalismo dei primi tre decenni del ventesimo secolo. Anche tenendo conto dei tagli avvenuti negli ultimi dieci anni, lo Stato ha un peso ancora superiore rispetto al 1929.

Quale sarebbe la conclusione da trarre da quest’analisi? Che la pandemia che oggi colpisce il pianeta, avrà un impatto pari o superiore a quello della Grande Depressione e della Seconda Guerra Mondiale. Il capitalismo europeo e americano, che aveva già dato chiari segnali di avvicinarsi a un’imminente recessione, sarà spazzato via dalle conseguenze economiche dell’attuale catastrofe sanitaria. E la via d’uscita da quella crisi avrà come uno dei suoi segni distintivi il fallimento ideologico del neoliberismo, con la sua stupida fede nella “magia dei mercati”, nelle privatizzazioni e nelle deregolamentazioni, e nella presunta capacità delle forze di mercato di allocare razionalmente le risorse. Questo costringerà ad una profonda revisione del paradigma delle politiche pubbliche a partire dall’assistenza sanitaria e, subito dopo, dalla previdenza sociale, come preludio a quella che sarà la battaglia decisiva: mettere sotto controllo il capitale finanziario e la sua rete globale che sta soffocando l’economia mondiale, causando recessioni, aumentando la disoccupazione e portando la disuguaglianza economica a livelli estremamente elevati. Un capitale finanziario ultra parassitario che finanzia e protegge le mafie dei “colletti bianchi” e che, con la compiacenza o la complicità dei governi dei capitalismi centrali e delle istituzioni economiche internazionali, crea “paradisi fiscali” che facilitano l’occultamento dei loro crimini e l’evasione fiscale che impoverisce gli Stati privandoli delle risorse necessarie per garantire una vita dignitosa ai propri popoli.

Questo è il mondo che verrà una volta che la pandemia sarà un triste ricordo del passato. Naturalmente, a quel punto le forze popolari dovranno essere molto ben organizzate e coscienti (e coordinate a livello internazionale) perché questi cambiamenti non saranno un regalo di una borghesia imperialista pentita dei suoi crimini e disposta ad abbandonare i suoi privilegi, ma dovranno essere conquistati attraverso grandi mobilitazioni e lotte sociali per imporre un nuovo ordine economico e sociale post-capitalista. Ci vorrà coraggio per combattere per la costruzione di quel nuovo mondo, ma anche intelligenza per stimolare la coscienza critica delle grandi masse popolari ed evitare che cadano, ancora una volta, nelle trappole che gli stregoni del neoliberismo stanno già preparando. Hanno un obiettivo molto chiaro: dopo la pandemia, che tutto rimanga uguale. Dobbiamo essere pronti ad affrontarli e ad assumerci la responsabilità di realizzare esattamente il contrario: che nulla rimanga uguale, illuminando con le nostre lotte e con la nostra coscienza i contorni della nuova società che sta lottando per nascere. Una società, insomma, dove la salute, la medicina, l’istruzione, la sicurezza sociale, l’abitare, i trasporti, la cultura, la comunicazione, la svago, lo sport e tutte le cose che fanno la vita dignitosa non siano più merci, ma acquisiscano il loro irrinunciabile status di diritti universali. E questa sarà una grande opportunità per cercare di farlo.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

¿Se desplegará la Tercera Guerra Mundial en el espacio?

D9C4E45B-F422-432F-AD35-F5271B0A3D60_w1200_r1_s

por The Duran

La tecnología militar moderna y la carrera armamentista en desarrollo hacen que la militarización del espacio sea cuestión de tiempo. Sin embargo, este proceso no debe confundirse con lo que estamos acostumbrados a ver en la ciencia ficción. Nadie tiene la intención de construir buques de guerra. Todo es mucho más prosaico y peligroso.

En diciembre del año pasado, el Congreso aprobó la creación de la Fuerza Espacial, el sexto ejército de EE.UU., junto con la guardia terrestre, aérea, naval, así como la guardia costera y la marina. Este movimiento dejó en claro los objetivos de Washington. ¿Cómo se justifica esta ambición? La respuesta no es tan obvia como parece.

“Estados Unidos no solo debe estar presente en el espacio, debe dominarlo”, dijo Donald Trump, y eso podría ser suficiente para cerrar el tema.

Parece bastante lógico tratar de difundir su influencia en un nuevo entorno, especialmente cuando se trata de un estado tan poderoso. Sin embargo, es importante entender que Estados Unidos es ahora el líder indiscutible en la conquista del espacio. Se están gastando enormes sumas de dinero en programas espaciales allí. Por supuesto, cuando Trump habla de dominación, se refiere a la dominación militar. Por ejemplo, la lista de misiones de la Fuerza Espacial de los Estados Unidos establece claramente la necesidad de contener la agresión en o desde el espacio. ¿Pero quién es el enemigo capaz de representar una amenaza espacial para los Estados Unidos?

Recientemente, hubo un caso notable fuera de la Tierra: cerca del satélite de inteligencia estadounidense “USA 245” se vio la nave espacial rusa “Cosmos 2542”. Los estadounidenses no ocultaron sus preocupaciones. Además, en Washington comenzaron a hablar abiertamente sobre el espionaje por parte de Rusia.

Todd Harrison, jefe del Proyecto de Seguridad de Sistemas Aeroespaciales en el Centro de Estudios Estratégicos e Internacionales, argumenta que los satélites espías rusos están monitoreando a propósito las naves espaciales estadounidenses. “El Cosmos 2542, según Harrison, puede detectar la apertura y la resolución de las cámaras montadas en el satélite USA 245. No tiene sentido probar o refutar esta posibilidad. Lo que no se puede dudar es que la tecnología de EE.UU. también permite realizar espionaje espacial.

“Hasta ahora, el espacio exterior ha sido considerado un refugio seguro. Ya no lo es”, dijo el general Andre Lanata, jefe del Comando de Transformación Estratégica de la OTAN, refiriéndose a la amenaza rusa.

John Raymond, quien era solo un candidato para Comandante de la Fuerza Espacial de los Estados Unidos, también habló de la increíble amenaza espacial de Rusia, instando al Congreso a actuar para mantener su dominio en el espacio.

Cuando las autoridades comienzan a hablar activamente sobre lo mismo, parece que se está imponiendo una sola posición al público. La gente necesita estar convencida de que es la posición correcta. No es difícil hacerlo considerando el recurso político, y el objetivo está muy justificado. La militarización del espacio no es la aventura más pacífica. Pero es mucho más importante para Washington eliminar un obstáculo: el Tratado del Espacio Exterior.

El tratado de 1967 entre los EE.UU., el Reino Unido y la URSS es ahora una especie de tratado para eliminar los misiles de mediano y corto alcance. En particular, el Tratado del Espacio Exterior prohíbe la colocación en la órbita de la Tierra de cualquier arma de destrucción masiva, incluidas las armas nucleares.

El destino del tratado INF es bien conocido por todos. El acuerdo se derrumbó después de que se hicieron acusaciones contra Rusia de que había violado las condiciones al crear el misil 9M729. Desafortunadamente, nadie se molestó en averiguar si este era el caso. Incluso cuando Moscú acordó presentar el misil a los observadores extranjeros, nadie en la OTAN respondió a este llamado. Cuando se terminó el tratado, Estados Unidos ya estaba construyendo un complejo para producir misiles previamente prohibidos. Por lo tanto, Washington no solo desató sus manos sobre el tema de expandir su arsenal. Proporcionó a las compañías militares nuevas órdenes importantes y, por lo tanto, financiamiento del gobierno.

 

Pandemia: La Casa Bianca e FMI i primi infetti

Pandemia: la Casa Blanca y el FMI los primeros infectados

di Atilio A. Boron

Guerre, crisi economiche, disastri naturali e pandemie sono eventi catastrofici che fanno emergere il peggio e il meglio nelle persone – sia nei leader che nella gente comune – e anche negli attori sociali e nelle istituzioni. È in circostanze così avverse che le belle parole svaniscono nel nulla e danno luogo ad azioni e comportamenti concreti. Giorni fa e trattenendo a malapena le lacrime, il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic, ha denunciato davanti alle telecamere il grande inganno della “solidarietà europea”. Non esiste una cosa del genere, ha detto Vucic, è una favola per bambini, carta straccia. Ha poi ringraziato la Repubblica Popolare Cinese per la sua collaborazione. E aveva ragione nella sua denuncia. Dall’America Latina abbiamo a lungo avvertito che l’Unione Europea era un sottile raggiro, pensato per avvantaggiare la Germania più di ogni altra cosa attraverso il controllo della Banca Centrale Europea (BCE) e con l’Euro per assoggettare i paesi dell’Eurozona ai capricci – o agli interessi – di Berlino. L’esitante reazione iniziale della BCE all’eccezionale richiesta di aiuto dell’Italia per affrontare la pandemia che sta devastando la penisola ha mostrato per alcune ore ciò che il leader serbo aveva denunciato. Un scandaloso “ognuno per sé”, che smonta la retorica sdolcinata de “l’Europa dei cittadini” e “Europa una e multipla” e altre simili balle. Una favola per bambini, come diceva Vucic.

Lo stesso e ancora di più vale per la banda di delinquenti che si è insediata alla Casa Bianca per mano di Donald Trump che, di fronte a un Iran pesantemente colpito dalla pandemia, ha pensato solo ad un’escalation delle sanzioni economiche contro Teheran. Né ha mostrato alcun segno di riconsiderare la sua politica di genocidio che opera per mezzo del blocco economico su Cuba e Venezuela. Mentre Cuba, la solidarietà internazionale fatta nazione, aiuta i viaggiatori britannici della nave da crociera Braemar che si trova a largo dei Caraibi, Washington invia 30.000 soldati in Europa e i cittadini statunitensi, incoraggiati dal “capo”, si preparano ad affrontare l’epidemia comprando armi da fuoco! Non c’è più niente di cui discutere.

Fedele ai suoi padroni, il Fondo monetario internazionale ha dimostrato per l’ennesima volta di essere uno dei punti nevralgici della putrefazione morale del pianeta e, una volta che questa pandemia sarà passata, i suoi giorni saranno sicuramente contati. Con una decisione che lo fa sprofondare nelle fogne della storia, ha respinto una richiesta di 5 miliardi di dollari presentata dal governo di Nicolás Maduro, richiesta che trovava ragione nel Rapid Financing Facility (RFF) creato appositamente per aiutare i paesi colpiti dal COVID19. La motivazione addotta per il rifiuto della richiesta è al di là della legalità, perché afferma che “l’impegno del FMI nei confronti dei paesi membri si basa sul riconoscimento ufficiale del governo da parte della comunità internazionale, come si evince dall’appartenenza al FMI e non c’è chiarezza sul riconoscimento in questo momento”. Due commenti su questo miserabile episodio: in primo luogo, la Repubblica Bolivariana del Venezuela è ancora oggi elencata come paese membro sul sito web del FMI. Quindi la chiarezza “sul riconoscimento” è assoluta, lampante. Ovviamente non basta a nascondere il fatto che gli aiuti vengono negati a Caracas per motivi meschinamente politici. In secondo luogo, da quando il riconoscimento di un governo dipende dall’opinione amorfa della comunità internazionale e non dagli organismi che lo istituzionalizzano, come il sistema delle Nazioni Unite? Il Venezuela è membro dell’ONU, uno dei 51 paesi che hanno fondato l’organizzazione nel 1945, e membro di diverse commissioni dedicate. La famosa “comunità internazionale”, menzionata da persone come Trump, Piñera, Duque, Lenín Moreno e altri della loro cricca per prendersela col Venezuela, è una volgare finzione, come Juan Guaidó, che non arriva a contare nemmeno 50 dei 193 Paesi che compongono le Nazioni Unite.

Le ragioni profonde di questo rifiuto non hanno quindi nulla a che vedere con quanto ha detto il portavoce del FMI e sono le stesse che spiegano l’assurdo prestito di 56 miliardi di dollari concesso al governo corrotto di Mauricio Macri e che è stato utilizzato soprattutto per facilitare la fuga di capitali verso paradisi fiscali che gli Stati Uniti e i loro partner europei hanno disseminato nel mondo. Spero vivamente che la pandemia (che è anche economica) e il disastro del prestito Macri diventino due bare per un’istituzione come il FMI che, dalla sua creazione nel 1944, ha fatto sprofondare centinaia di milioni di persone nella fame, nella povertà, nelle malattie e nella morte con le sue raccomandazioni e condizioni. Ragioni profonde, abbiamo detto, che alla fine si riferiscono a qualcosa di molto semplice: il FMI non è altro che un docile strumento della Casa Bianca e fa quello che l’inquilino del momento gli dice di fare. La Casa Bianca vuole soffocare il Venezuela e il Fondo fa il suo dovere.

Non mancheranno coloro che mi accuseranno di essere il prodotto di un antimperialismo allucinato. Per questo ho preso l’abitudine di appellarmi sempre più a ciò che dicono i miei avversari per difendere le mie opinioni e disarmare la destra semianalfabeta e reazionaria che prospera a queste latitudini. Leggiamo quello che Zbigniew Brzezinski scrisse poco più di vent’anni fa in un testo classico, uno dei miei libri da comodino: “La grande scacchiera. La Supremazia Americana e i suoi Imperativi Geostrategici” in relazione al FMI e alla Banca Mondiale. Parlando delle alleanze internazionali e delle istituzioni emerse dopo la seconda guerra mondiale, ha detto: “Inoltre, la rete globale di organizzazioni specializzate [specializzate nel senso che seguono Il principio di specialità, ossia: le organizzazioni internazionali sono soggetti internazionali derivati e quindi creati per raggiungere obiettivi specifici, fissati dagli Stati membri, il cui raggiungimento delimita l’ambito di competenza dell’Organizzazione. NdT] in particolare le istituzioni finanziarie internazionali, deve essere considerata come parte del sistema statunitense. Il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale sono considerati rappresentanti degli interessi “globali” e divisioni amministrative globali. In realtà, però, sono istituzioni fortemente dominate dagli Stati Uniti e le loro origini risalgono a delle iniziative americane, in particolare alla Conferenza di Bretton Woods del 1944″. (pp. 36-37)

C’è qualcos’altro da dire?  Brzezinski era un furioso anticomunista e anti-marxista. Ma, come grande stratega dell’impero, doveva riconoscere i fatti reali, altrimenti le sue indicazioni sarebbero state delle vere e proprie sciocchezze. E quello che ha detto e scritto è ineccepibile. Concludo testimoniando la mia fiducia che Cuba e Venezuela, i loro rispettivi popoli e governi, usciranno da questa durissima prova a cui sono sottoposti dall’immoralità e dall’arroganza del tiranno mondiale, che crede di avere il diritto di dire a tutti cosa fare, pensare e dire, in questo caso attraverso il FMI. Non passerà molto tempo prima che la storia gli insegni una lezione memorabile, al tiranno e ai suoi lacchè.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]  

 

 

Emergencia COVID-19: Comunicado de la Red Italiana “CaracasChiAma”

L'immagine può contenere: il seguente testo "CARACAS CHIAMA RETE BOLIVARIANA"COMUNICADO DE LA RED ITALIANA DE SOLIDARIDAD CON LA REVOLUCIÓN BOLIVARIANA

Queridas amigas, queridos amigos, queridas compañeras y queridos compañeros,

el Comité Organizador nacional (COn) del Séptimo Encuentro Italiano “CaracasChiAma: Mantova responde!” de la Red Italiana de Solidaridad con la Revolución Bolivariana, evento programado para los días 17-18-19 de abril de 2020, informa que el Séptimo Encuentro previsto no se celebrará de la manera y en el momento que habíamos establecido debido a la pandemia de COVID-19 (según la definición de la Organización Mundial de la Salud – OMS), por lo que se aplaza a una fecha por determinar.

Lo que está ocurriendo estos días en Italia, y especialmente en la región de Lombardía, la región donde hemos decidido celebrar el Séptimo Encuentro, ha tomado por sorpresa no sólo a Italia, sino a todo el planeta, que con razón está en búsqueda de una solución. Hoy en día, Lombardía se ha convertido en el centro donde la incidencia de la infección por SARS-CoV-2 es la más alta del mundo.

El camarada presidente de la República Bolivariana de Venezuela, Nicolás Maduro Moros, llamó acertadamente a esta pandemia una catástrofe mundial, ante la cual todas y todos debemos cumplir con nuestra parte. En todos los países del mundo. Estamos con él y llamamos a todos los pueblos del mundo a escuchar, hacer suyas y aplicar sus palabras.

En este momento nuestro pensamiento y afecto va a nuestras compañeras y nuestros compañeros que en los hospitales de la región de Lombardía, empezando por el de Bérgamo, están luchando contra la amenaza letal del virus. Su lucha es nuestra lucha, es la lucha de toda la humanidad. Nunca como hoy todos los pueblos del mundo se encuentran unidos en el mismo destino, cerca aunque a distancia, como una gran familia, donde las acciones de cada individuo tienen un efecto en la vida de todos y cada uno.

Nunca como hoy la asunción de responsabilidad por cada individuo es una condición indispensable para la asunción de responsabilidad por todo la humanidad. Somos conscientes que la verdadera libertad reside en la convicción de que debemos asumir nuevas y superiores responsabilidades.

La supervivencia letal del modo de producción capitalista y el sistema mundial imperialista derivado de él son la causa principal por la que el virus ha tomado por sorpresa a una de las regiones más ricas e industrializadas de Europa, Lombardía, el corazón latiente de la economía capitalista en Italia.

Aún hoy, en plena emergencia, las obreras y los obreros de Italia están obligados a seguir trabajando en las fábricas de Lombardía y en todo el país, aunque no haya necesidad de ello. La lógica del capital y sus agentes no conocen otra cosa que el beneficio a cualquier precio, mientras que el gobierno apela a toda la población para que permanezca atrincherada en su casa, las obreras y los obreros pueden seguir expuestos al riesgo de contagio porque no se puede detener el negocio, el capital debe seguir siendo valorado, incluso cuando la producción es superflua, inútil y perjudicial para los seres humanos y el medio ambiente. Las asociaciones patronales presionan al gobierno para que no detenga la producción, incluso cuando ante los ojos de todo el mundo las morgues de la región están llenas y a los familiares de las difuntas y los difuntos se les niega la celebración del acto de saludo extremo.

Estamos entre las obreros y los obreros y con sus organizaciones que en las últimas semanas han decidido abstenerse del trabajo, no ir a la fábrica, que han decidido hacer una huelga y poner su salud, sus familias, el pueblo italiano y los pueblos del mundo antes que el beneficio de unos pocos.

Estamos entre las trabajadoras y los trabajadores del personal médico y paramédico que arriesgan sus vidas para garantizarla a las y los demás, con las mujeres y los hombres de ciencia y conciencia.

Estamos entre las voluntarias y los voluntarios que hoy en día se organizan en comités populares para ayudar a las y los que se encuentran en condición de marginalidad en sus territorios, las y los que se coordinan con otras organizaciones.

Estamos entre aquellas y aquellos que se organizan para asistir a las y los sin techo, a quienes el gobierno italiano dice que se queden en sus casas, que no se queden en la calle, pero no tienen casa y si se quedan en la calle corren el riesgo de enfermarse, de tener problemas con la ley e incluso de acabar en la cárcel, con penas de hasta 12 años de prisión, mientras que en decenas de cárceles ya han estallado protestas y disturbios, dejando un saldo de decenas de heridos e incluso muertes. Hasta que las autoridades no decidieron tomar medidas de casa por carcel. Finalmente, para quienes no tienen o no pueden encontrar un hogar, sólo queda la calle.

Aquellas clases dominantes que se creían poderosas e invencibles, hoy en día demuestran ser tigres de papel frente a un microorganismo. Ahora se encuentran en un callejón sin salida, en el que se metieron con sus propias manos, alimentando el desarrollo catastrófico de los acontecimientos, y no pueden hacer otra cosa que pedir ayuda a los gobiernos de la República Popular China y Cuba socialista, así como apelar al personal médico y sanitario formado en Venezuela, como declaró públicamente el asesor de salud lombardo Gallera, exponente de una administración dirigida por la Liga Norte. También el gobierno brasileño de Bolsonaro, amigo de Matteo Salvini, que primero expulsó vergonzosamente al personal médico cubano fuera del país y luego se ve obligado, con el rabo entre las piernas, a incorporarlo otra vez para salvaguardar la salud del pueblo brasileño ¡que su gobierno no puede garantizar!

Después de décadas de políticas neoliberales y recortes criminales a la salud pública en Italia, un virus viene a presentarnos la factura a pagar. Las camas de los cuidados intensivos son insuficientes para la población más anciana del mundo, como es el caso de Lombardía, y en Italia en general. Frente a la emergencia, la sanidad italiana, aunque celebrada por sus cualidades históricas y su excelencia, se está redescubriendo a sí misma desarmada.

Hoy, más que nunca, la realidad nos muestra que el sistema de salud debe ser totalmente público, como en Cuba, y no puede ser un sector sujeto a la lógica del “lucro por encima de todo”. Esto es lo que exigimos para el mundo del futuro: atención sanitaria, cultura, conocimiento, buena educación, todo esto debe ser público, gratuito y de calidad para todas y para todos. El trabajo que se necesita debe ser realmente redistribuido socialmente y debidamente remunerado.

Hay que poner fin a las producciones irracionales, nocivas e inútiles para el ser humano y el medio ambiente, hay que convertir las fábricas en otras producciones útiles y necesarias, los espacios públicos tienen que ser garantizados para los usos sociales, hay que redistribuir la riqueza según principios de justicia social, igualdad y racionalidad, según planes universalmente conocidos y decididos democráticamente, a favor de la riqueza social y de la rica socialidad. Todo esto sólo es posible con el protagonismo de las masas, la clase obrera y el pueblo, cada vez más y progresivamente conscientes y organizadas.

Esta es la sociedad socialista por la que luchamos en nuestro país, en Italia. Con la conciencia que luchando por la Revolución y la Edificación Socialista en nuestro país podremos ser más concretamente solidarios con la Revolución Bolivariana en Venezuela y con todas las revoluciones antiimperialistas, de nueva democracia y socialistas en todo el mundo!

¡Viva la Revolución Bolivariana!
¡Viva el camarada presidente Nicolás Maduro Moros!
¡Viva el Internacionalismo Proletario y la Revolución Mundial!
¡Viva el socialismo!
¡Viva Chávez! ! ¡La lucha sigue!

Comité Organizador nacional (COn) del Séptimo Encuentro Italiano “CaracasChiAma: ¡Mantova responde!
Italia, 19 de marzo de 2020

Red Italiana de Solidaridad con la Revolución Bolivariana “CaracasChiAma”

_

Nessuna descrizione della foto disponibile.

COMUNICATO DELLA RETE ITALIANA DI SOLIDARIETÀ CON LA RIVOLUZIONE BOLIVARIANA

Care amiche e cari amici, care compagne e cari compagni,

il Comitato Organizzativo nazionale (COn) del Settimo Incontro Italiano “CaracasChiAma: Mantova risponde!” della Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana, evento fissato per i giorni 17-18-19 Aprile 2020, informa che il previsto Settimo Incontro non potrà tenersi nelle modalità e nei tempi che avevamo stabilito a causa della pandemia del COVID-19 (così come definita dalla Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS), quindi è rimandato a data da destinarsi.

Quello che sta accadendo in questi giorni in Italia, e in special modo nella regione Lombardia, la regione dove abbiamo stabilito di tenere il Settimo Incontro, ha colto di sorpresa non solo l’Italia, ma il pianeta intero, il quale giustamente corre ai ripari. All’oggi la Lombardia è diventata il centro dove l’incidenza del contagio del virus SARS-CoV-2 è la più alta del mondo.

Il compagno presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, ha definito giustamente questa pandemia una catastrofe mondiale, di fronte alla quale tutte e tutti dobbiamo fare la nostra parte. In ogni paese del mondo. Noi siamo con lui e chiamiamo tutti i popoli del mondo ad ascoltare, fare proprie ed applicare le sue parole.

In questo momento il nostro pensiero ed il nostra affetto va alle nostre compagne e ai nostri compagni che negli ospedali della regione Lombardia, a cominciare da quello di Bergamo, stanno combattendo contro la letale minaccia del virus. La loro lotta è la nostra lotta, è la lotta di tutta l’umanità. Mai come oggi tutti i popoli del mondo si ritrovano uniti nello stesso destino, vicini anche se a distanza, come un’unica grande famiglia, dove le azioni di ogni singolo hanno effetti sulla vita di tutte e di tutti.

Mai come oggi l’assunzione di responsabilità di ogni individuo è indispensabile condizione per l’assunzione di responsabilità di tutti. Siamo coscienti che la vera libertà risiede nella convinzione che bisogna assumersi nuove e superiori responsabilità.

La letale sopravvivenza del modo di produzione capitalistico e del sistema mondiale imperialista da esso derivato sono la causa principale per la quale il virus ha preso di sorpresa una delle regioni più ricche ed industrializzare d’Europa, la Lombardia, cuore pulsante dell’economia capitalista in Italia.

Ancora oggi, in piena emergenza le operaie e gli operai in Italia hanno l’obbligo di continuare a lavorare nelle fabbriche della Lombardia e di tutto il paese, anche se non ce ne sarebbe alcun bisogno. Le logiche del capitale e dei loro agenti non conoscono null’altro se non il profitto ad ogni costo, mentre il governo fa appello a tutta la popolazione a rimanere barricata in casa, le operaie e gli operai possono continuare ad essere esposti al rischio contagio perché gli affari non si possono fermare, il capitale deve continuare a valorizzarsi, anche quando le produzioni sono superflue, inutili e dannose per l’essere umano e per l’ambiente. Le associazioni padronali fanno pressione sul governo per non fermare la produzione, anche quando sotto gli occhi di tutto il mondo gli obitori della regione sono al completo e ai parenti dei defunti è negata la celebrazione dell’atto dell’estremo saluto.

Noi siamo tra le operaie e gli operai e con le loro organizzazioni che in queste settimane hanno deciso di astenersi dal lavoro, di non andare in fabbrica, che hanno deciso di scioperare e mettere la salute loro, dei loro familiari, del popolo italiano e dei popoli del mondo, prima del profitto di pochi.

Noi siamo tra i lavoratori del personale medico e para-medico che rischia la vita per garantirla agli altri, con le donne e gli uomini di scienza e coscienza.

Noi siamo tra le volontarie e i volontari che oggi si organizzano in comitati popolari per assistere i più esposti e i più soli ed emarginati sui loro territori, che si coordinano con altri organismi.

Noi siamo tra quelli che si organizzano per assistere i senza tetto, a cui il governo italiano dice di stare a casa, di non stare in strada, ma una casa non ce l’hanno e se restano per strada rischiano o di ammalarsi, di essere denunciati e persino di finire in galera, con condanne che prevedono la detenzione fino a 12 anni, mentre in decine di carceri sono già esplose proteste e rivolte sedate con la forza, lasciando un saldo di decine di feriti ed anche di morti. Salvo poi dover concedere provvedimenti di detenzione domiciliare. Infine, per chi un domicilio non ce l’ha, o non lo trova, rimane solo la strada.

Quelle classi dominanti che si credevano potenti ed invincibili, si dimostrano di essere oggi tigri di carta di fronte ad un microrganismo. Si trovano attualmente in un vicolo cieco nel quale si sono ficcati con le loro mani alimentando il corso catastrofico degli avvenimenti, e non possono fare altro che chiedere aiuto ai governi della Repubblica Popolare Cinese e di Cuba socialista, nonché fare appello al personale medico e sanitario formato in Venezuela, come dichiarato pubblicamente dall’assessore alla sanità lombarda Gallera, esponente di una amministrazione guidata dalla Lega Nord, formazione politica di chiare tendenze reazionarie, xenofobe e razziste. Lo stesso fa il governo brasiliano di Bolsonaro – amico di Matteo Salvini – il quale prima caccia vergognosamente dal paese il personale medico cubano e poi è costretto, con la coda tra le gambe, a chiedere che ritorni per salvaguardare la salute del popolo brasiliano che il suo governo non è in grado di garantire!

Dopo decenni di politiche neoliberiste e di criminali tagli alla sanità pubblica in Italia, un virus ci viene a presentare il conto da pagare. I posti letto in terapia intensiva sono insufficienti per la popolazione più anziana del mondo, come è quella della Lombardia, e quella italiana più in generale. Di fronte all’emergenza la sanità italiana, seppur celebrata per le sue storiche qualità ed eccellenze, si riscopre disarmata.

Oggi più come mai la realtà ci dimostra che il sistema sanitario deve essere totalmente pubblico, come a Cuba, e non può essere un settore sottoposto alle logiche del “profitto prima di tutto”. È quello che pretendiamo per il mondo del futuro: sanità, cultura, istruzione, buona educazione, tutto questo deve essere pubblico, gratuito e di qualità per tutte e per tutti. Il lavoro necessario deve essere davvero ridistribuito socialmente nonché correttamente retribuito.

Le produzioni irrazionali, dannose ed inutili per gli esseri umani e per l’ambiente vanno fermate, le fabbriche riconvertite ad altre produzioni utili e necessarie, gli spazi pubblici dedicati ad usi sociali, la ricchezza deve essere ridistribuita secondo principi di giustizia sociale e razionalità, secondo piani universalmente noti e democraticamente decisi, a favore della ricchezza sociale e della ricca socialità. Tutto ciò è possibile solo con il protagonismo di massa, operaio e popolare, sempre di più e progressivamente cosciente ed organizzato.

Questa è la società socialista per la quale lottiamo nel nostro paese, in Italia. Con la consapevolezza che lottando per la Rivoluzione e l’Edificazione Socialista nel nostro paese, in Italia, saremo più concretamente in grado di essere solidali con la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela e con tutte le rivoluzioni antimperialiste, di nuova democrazia e socialiste ovunque nel mondo!

Lunga vita alla Rivoluzione Bolivariana!
Lunga vita al compagno presidente Nicolás Maduro Moros!
Viva l’Internazionalismo Proletario e la Rivoluzione Mondiale!
Viva il Socialismo!
¡Chavez vive! ¡La lucha sigue!

Comitato Organizzativo nazionale (COn) del Settimo Incontro Italiano “CaracasChiAma: Mantova risponde!”
Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana “CaracasChiAma”

Italia, 19 marzo 2020

Comitato Organizzativo nazionale (COn) del Settimo Incontro Italiano “CaracasChiAma: Mantova risponde!”
Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana “CaracasChiAma”

Italia, 19 marzo 2020

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: