Vaccini COVID-19: storie di monopolio, ricatti e disuguaglianze

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "CUBADEBATE NT Diseño: Edilberto Carmona Tamayo"di Randy Alonso Falcón*

Le apprensioni sollevate in alcuni paesi dal vaccino AstraZeneca/Oxford, la sporca campagna degli Stati Uniti contro lo Sputnik V russo e il rifiuto ratificato delle nazioni più potenti di consentire alle loro case farmaceutiche di rilasciare temporaneamente i brevetti dei loro antidoti contro COVID-19, hanno ulteriormente messo a dura prova la disponibilità di vaccini e hanno approfondito le profonde differenze nel diritto alla vita tra potenti e poveri in questo mondo. Mai prima d’ora un’emergenza sanitaria ha colpito così tanti in così tanti luoghi e in così poco tempo.

 

COVID-19 ha già colpito più di 120 milioni di persone nel mondo e ha causato la morte di oltre 2,6 milioni di esseri umani.

Una sfida così universale meritava una risposta globale e coordinata.

Ma ancora una volta, oltre alle richieste dell’ONU e dell’Organizzazione mondiale della sanità, hanno prevalso il nazionalismo, la meschinità, il potere travolgente delle multinazionali, chiunque fosse per se stesso.

I vaccini sembrano essere le uniche barriere efficaci alla pandemia.
Solo un’immunizzazione maggioritaria della popolazione mondiale potrebbe fermare la crescente trasmissione del virus SARS-CoV-2.

Ma né le multinazionali farmaceutiche né i governi del mondo ricco hanno quella vocazione di risposta collettiva e solidarietà globale.

Chi può sviluppare e produrre vaccini?

L’industria farmaceutica e biotecnologica soffre di alta concentrazione e transnazionalizzazione.
Le grandi aziende dei paesi sviluppati e delle economie emergenti monopolizzano la ricerca, la produzione e la distribuzione dei farmaci.

Nove di loro sono tra le 100 aziende che generano il maggior reddito a livello mondiale
Secondo Euromonitor Global, l’industria farmaceutica è responsabile di quasi il 4% dell’attività di produzione globale.

Se fosse un paese, sarebbe tra le 15 economie più ricche del pianeta.
Quasi la metà delle vendite totali del settore proviene da Cina e Stati Uniti, seguite da Svizzera, Giappone, Germania e Francia.

La produzione di vaccini, in particolare, concentra oltre l’80% del mercato in 4 grandi aziende, secondo i dati del 2019: la britannica GlaxoSmithKline, le americane Merck Sharp & Dohme e Pfizer, e la francese Sanofi.

Questo mercato globale ha generato circa 37 miliardi di dollari nel 2018 e si stima che entro il 2027 supererà i 64,5 miliardi.

Come è noto, le nazioni sottosviluppate – che sono la stragrande maggioranza – difficilmente hanno la capacità di sviluppare i propri vaccini (Cuba è una delle poche eccezioni onorevoli) e nemmeno hanno le proprie capacità produttive.

Ciò ha lasciato loro poco spazio di manovra per influenzare l’evoluzione disomogenea dei vaccini nel mezzo della pandemia.

Come sono stati finanziati i vaccini COVID-19?

Poiché l’11 marzo l’OMS ha dichiarato COVID-19 una pandemia, ha chiesto una soluzione concertata e congiunta alla minaccia.

Ma la logica furiosa del mercato detta le direzioni nel nostro mondo e quella che è stata da allora è una corsa frenetica per fare un obiettivo (immunitario e finanziario), in cui non sono mancati inciampi, pressioni e persino ricatti.

Le grandi potenze si sono alleate fin dall’inizio con le più grandi multinazionali farmaceutiche per gestire convenientemente la ricerca di una soluzione che permettesse loro di trarre vantaggio dalla crisi sanitaria ed economica che sta devastando il mondo.

Secondo la società di ricerca Airfinity, i governi hanno fornito almeno 8,6 miliardi di dollari per lo sviluppo di vaccini.

Gli Stati Uniti, l’UE e il Regno Unito hanno investito miliardi nel vaccino AstraZeneca, sviluppato dall’Università di Oxford.

La Germania ha investito 445 milioni di dollari nel vaccino sviluppato da Pfizer e dal suo partner tedesco, BioNTech.

Il vaccino di Moderna è stato interamente finanziato e co-prodotto dal governo degli Stati Uniti.
Mentre le organizzazioni filantropiche hanno contribuito con 1,9 miliardi.

Personalità individuali come Bill Gates, il fondatore di Alibaba Jack Ma e la star della musica country Dolly Parton hanno contribuito appena hanno sentito profumo di profitto.

Solo 3,4 miliardi di dollari provengono dagli investimenti delle società farmaceutiche, parte dei quali sono stati ottenuti anche da finanziamenti esterni.

Nonostante Big Pharma abbia fornito solo un terzo del finanziamento, chi ne ottiene i benefici economici?

Chi ha stabilito le regole del gioco nella distribuzione dei vaccini?

Gioco sporco

Il raggiungimento del vaccino contro COVID è diventato, al di là dell’interesse sanitario, un obiettivo geopolitico.

Chiunque fosse riuscito a ottenere il vaccino avrebbe capitalizzato sulla sua commercializzazione e chiunque avesse più risorse finanziarie potrebbe monopolizzare più immunizzazioni.
Scandalosa è stata la notizia della manovra dell’amministrazione Trump, già nel marzo 2020, per la società tedesca CureVac – che aveva iniziato a indagare su un possibile vaccino – di lasciare la sua sede nel Paese europeo e trasferirsi negli Stati Uniti.
In cambio di “big”. somme di denaro.

“Proprio come ha accumulato test PCR, ventilatori polmonari, maschere e accessori per la biosicurezza, Washington fin dall’inizio ha deciso di accumulare anche la produzione e la distribuzione di vaccini.
A loro si sono aggiunte campagne di discredito, a volte subdole e altre volte palesi, contro i candidati vaccini provenienti da Russia e Cina, in un tentativo concertato di sbarrarsi la strada verso altri mercati.
Molti dubbi sono stati seminati sulla velocità degli sviluppi, sulla qualità delle sperimentazioni cliniche e sull’efficacia dei candidati di entrambe le nazioni; soprattutto contro lo Sputnik V dei Laboratori Gamaleya.

Dopo che il vaccino principale della Russia è stato certificato dalle sue autorità e ha suscitato interesse in diverse nazioni, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno fatto inciampare ovunque. Il rapporto annuale 2020 del Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti ha recentemente rivelato che l’Ufficio per gli affari globali (OGA) ha utilizzato l’Ufficio dell’addetto sanitario in Brasile per persuadere il governo di quel paese sudamericano che “respinge Vaccino contro il covid19”.

Di fronte alla divulgazione, il portavoce presidenziale russo Dimity Peskov ha dichiarato: “In molti paesi l’entità della pressione è senza precedenti … Tali tentativi egoistici di costringere i paesi ad abbandonare alcuni vaccini sono senza prospettiva.

Numero possibile di dosi di vaccino in modo che tutti i paesi, compresi i più poveri, hanno la possibilità di fermare la pandemia”.
L’Unione Europea, da parte sua, non ha ancora concesso il via libera al vaccino russo da applicare nei suoi paesi membri, nonostante quella regione sia rimasta indietro nella disponibilità di vaccini rispetto a USA, Canada e Regno Unito, Stati Uniti e Israele, e sebbene la prestigiosa rivista sanitaria The Lancet abbia riconosciuto in una pubblicazione l’elevata efficacia di Sputnik V.

Al di là di tali barriere, i vaccini russi e cinesi si sono fatti strada in diverse regioni, a causa dell’efficacia dimostrata e della carenza globale di immunizzatori.

La Slovacchia ha addirittura lasciato l’ovile dell’Unione Europea per acquisire 2 milioni di dosi di Sputnik V e l’Ungheria, che ha approvato anche l’uso del vaccino russo, è stata fatta di dosi del Sinopharm cinese, che non ha ricevuto neanche il via libera dall’Agenzia europea per i medicinali.
Ricatto senza anestesia

Gli Stati hanno fatto l’investimento più grande, ma BigPharma ha stabilito le condizioni e mantiene le entrate.

Il monopolio di alcune multinazionali nell’approvvigionamento e nella produzione di vaccini COVID-19 conferisce a tali società un potere schiacciante.

Rapporti recenti mostrano come il gigante farmaceutico Pfizer abbia cercato di imporre condizioni onerose alle nazioni latinoamericane per fornire loro determinate quantità del suo iniettabile.
Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha mostrato in questi giorni il suo disagio per le richieste della Pfizer al suo governo, rilevando che tra le condizioni poste dal consorzio c’è quella di una clausola nel contratto di acquisto che lo esonera da “ogni responsabilità” prima di possibili effetti collaterali del tuo immunizzatore.

“Siamo stati molto duri e loro sono stati molto duri con noi.
Non cambiano una sola virgola.
Il governo se ne occupa insieme al Congresso e se ne discute in termini di rendere la legge più flessibile”, ha recentemente respinto testimoniato Ministro della Salute brasiliano, Generale dell’Esercito Eduardo Pazuello.

Anche l’Argentina, il Perù e la Repubblica Dominicana hanno subito forti pressioni da parte della Pfizer, come dimostrato da un’indagine del The Bureau Investigative Journalism.

I rappresentanti della Pfizer hanno chiesto a Buenos Aires un risarcimento per qualsiasi pretesa civile che i cittadini potrebbero presentare se avessero sperimentato effetti negativi dopo essere stati vaccinati.

“Ci siamo offerti di pagare milioni di dosi in anticipo, abbiamo accettato questa assicurazione internazionale, ma l’ultima richiesta è stata straordinaria: Pfizer ha chiesto che anche i beni sovrani dell’Argentina facessero parte del supporto legale”, ha confessato un funzionario argentino. “Era una richiesta estrema che avevo sentito solo quando si doveva negoziare il debito estero, ma in questo caso come in questo l’abbiamo respinta immediatamente”.

Ci sono diverse voci che avvertono che l’urgenza di avere vaccini per una malattia che ha causato così tanti decessi nel mondo potrebbe aver portato alcuni governi ad accettare limitazioni di responsabilità significative e richiedere trasparenza sugli accordi con le aziende farmaceutiche.

Il professor Lawrence Gostin, direttore del Centro di collaborazione dell’Organizzazione mondiale della sanità in diritto sanitario nazionale e globale, ha apprezzato a questo proposito che “le aziende farmaceutiche non dovrebbero usare il loro potere per limitare i vaccini che salvano vite nei paesi a basso e medio reddito”. e ha osservato che la protezione contro la responsabilità non dovrebbe essere usata come “la spada di Damocle che pende dalle teste di paesi disperati con popolazioni disperate”.

Anche la potente Europa sembra aver sentito le pressioni.

Sebbene gli accordi dell’UE con i produttori di vaccini siano tenuti segreti con le loro clausole principali, la Strategia per l’acquisizione di vaccini pubblicata dalla Commissione europea afferma che “la responsabilità per lo sviluppo e l’uso del vaccino, inclusa qualsiasi compensazione specifica richiesta, ricadrà su Stati membri che lo acquisiscono”.

Chi potrà vaccinarsi nel 2021?
Le capacità di produzione di vaccini nel mondo sono insufficienti per avere quest’anno le dosi necessarie per immunizzare la popolazione mondiale.

La Federazione internazionale dei produttori e delle associazioni di prodotti farmaceutici (IFPMA) afferma che la domanda globale stimata di vaccini nel 2021 è compresa tra 10 e 14 miliardi di dosi. Secondo le statistiche citate dalla società di dati Statista, gli Stati Uniti possono produrre quasi 4,7 miliardi di dosi di vaccino COVID-19 e l’India più di 3 miliardi di possibili dosi.

La Cina, in precedenza non uno dei principali attori nel mercato delle esportazioni di vaccini, si è impegnata a produrre più di 1 miliardo di dosi. Anche Gran Bretagna, Russia, Germania e Corea del Sud sono tra i centri di produzione consolidati, ma con una capacità di produzione inferiore.

Di fronte a questa realtà, l’ingiustizia del mondo attuale è ancora una volta evidente:
i paesi più ricchi hanno acquistato la maggior quantità di vaccini che verranno prodotti nel 2021 (anche per riserva), mentre le nazioni povere non avranno dosi nemmeno per somministrarlo ai segmenti di popolazione più vulnerabili.

Più di 100 nazioni stanno aspettando l’arrivo del primo lotto.
Si stima che il 90% degli abitanti dei quasi 70 paesi a più basso reddito non avrà l’opportunità di vaccinarsi contro il COVID-19 quest’anno.
Le nazioni più potenti hanno usato il loro potere d’acquisto e gli investimenti nello sviluppo di vaccini per assicurarsi le forniture dell’antidoto tanto atteso.

Finora sono state acquistate in anticipo circa 12,7 miliardi di dosi di vari vaccini contro il coronavirus, sufficienti per vaccinare circa 6,6 miliardi di persone.
(Ad eccezione di Johnson & Johnson, tutti i vaccini approvati finora richiedono due dosi.)

Più della metà di quelle dosi, 4,2 miliardi di assicurati, con la possibilità di acquistarne altri 2,5 miliardi, sono state acquistate da paesi ricchi che ospitano appena 1,2 miliardi di persone.

Il Canada ha acquistato dosi sufficienti per inoculare ogni canadese cinque volte, mentre Stati Uniti, Regno Unito, UE, Australia, Nuova Zelanda e Cile hanno acquistato abbastanza per vaccinare i propri cittadini almeno due volte, sebbene alcuni dei vaccini non siano ancora stati approvati.
Israele ha raggiunto un accordo per ottenere 10 milioni di dosi e la promessa di un rifornimento costante da Pfizer in cambio di dati sui destinatari del vaccino.

Secondo quanto riferito, il paese ha anche pagato $ 30 per dose, il doppio del prezzo pagato dall’UE.
Come ha valutato il quotidiano El País lo scorso dicembre Irene Bernal, ricercatrice sull’accesso ai medicinali della ONG Salud por Derecho, “stiamo vedendo che chi ha i soldi sono quelli che hanno accesso. Abbiamo mantenuto il 53% dei vaccini 14% della popolazione, i ricchi. E le aziende hanno una capacità produttiva limitata.
“Quando arriveranno le dosi ai paesi più poveri, allora?”

I paesi a basso e medio reddito, con l’84% della popolazione mondiale, hanno trattato direttamente con le aziende farmaceutiche, ma finora si sono assicurati solo il 32% della fornitura.
“Siamo in una crisi così massiccia”, ha detto Fatima Hassan, fondatrice della South African Health Justice Initiative.

“Se anche in Sud Africa non possiamo vaccinare presto metà della nostra popolazione, non riesco nemmeno a immaginare come faranno Zimbabwe, Lesotho, Namibia e il resto dell’Africa.
Se questo deve continuare per altri tre anni, non otterremo alcun tipo di immunità continentale o globale”.

Il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador e il suo ministro degli Esteri Marcelo Ebrard hanno chiesto alle autorità statunitensi di consentire loro di acquistare parte delle decine di milioni di vaccini AstraZeneca prodotti negli Stati Uniti, che Washington ha accumulato senza aver approvato l’uso di questo farmaco.
Altri paesi che hanno già autorizzato questo vaccino chiedono di averli.

Il Messico, uno dei paesi con la più grande presenza di COVID-19, ha finora applicato circa 4,4 milioni di dosi utilizzando i vaccini Pfizer, AstraZeneca, Sinovac e Sputnik V, su una popolazione di oltre 128 milioni di abitanti, il che significa una bassa vaccinazione tasso, secondo il sito web www.ourworldindata.org governato dall’Università di Oxford.

Le statistiche più recenti di questo osservatorio mostrano la bassa proporzione e la distribuzione ineguale del numero di persone completamente vaccinate (con tutte le dosi necessarie) nel mondo:
Secondo i dati raccolti da Bloomberg, a partire da questo giovedì, più di 410 milioni di dosi di vaccini anti-COVID sono state somministrate in tutto il mondo in circa 132 paesi. Ciò rappresenta solo il 2,7% della popolazione mondiale.
Apartheid vaccino
Scienziati e attivisti avvertono che siamo sulla buona strada per un “vaccino apartheid” in cui gli abitanti del Sud del mondo verranno vaccinati anni dopo quelli dell’Occidente.
Non solo i paesi più poveri saranno costretti ad aspettare, ma molti stanno già facendo pagare prezzi molto più alti per ogni dose.
L’Uganda, ad esempio, ha annunciato un accordo per milioni di vaccini AstraZeneca, al prezzo di 7 dollari a dose, più del triplo di quanto pagato dall’Unione Europea.
Comprese le spese di trasporto, costerà 17 dollari per vaccinare completamente un ugandese.
Gli effetti di questa iniquità sarebbero gravi.
Un modello sviluppato dalla Northeastern University indica che se i primi 2 miliardi di dosi di vaccini Covid-19 fossero distribuiti proporzionalmente dalla popolazione nazionale, i decessi in tutto il mondo sarebbero ridotti del 61%.
Ma se le dosi fossero monopolizzate da 47 dei paesi più ricchi del mondo, si salverebbe solo il 33% in meno di persone.
Gli scienziati temono anche che, poiché ci sono paesi che non saranno in grado di immunizzare gran parte della popolazione, ci saranno maggiori opportunità per il virus di continuare a mutare e aumentare le morti in quei paesi sottovaccinati e rendere disponibili i vaccini meno efficaci nel tempo.

Come ha osservato all’inizio di quest’anno il direttore generale dell’OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus: “… affrontiamo il vero pericolo che mentre i vaccini portano speranza ad alcuni, diventano un altro mattone nel muro della disuguaglianza tra coloro che hanno risorse e coloro che le hanno”.

Un’alternativa sobria

La difficoltà nell’assicurarsi la fornitura di vaccini renderà molti paesi più poveri dipendenti da Covax, un’organizzazione creata nell’aprile 2020, coordinata dall’OMS, la Coalition for Innovations in Epidemic Preparedness e GAVI, l’alleanza internazionale per i vaccini.

Covax mira a fornire 2 miliardi di dosi a livello globale, di cui almeno 1,3 miliardi per 92 paesi a basso e medio reddito, entro la fine del 2021.
Ciò sarebbe sufficiente per inoculare il 20% della popolazione in ciascun paese, dando priorità agli operatori sanitari, gli anziani e persone con condizioni mediche di base, sebbene tale obiettivo sia stato criticato come inadeguato per affrontare la pandemia.
Invece, gli analisti stimano che Covax fornirà al massimo tra 650 e 950 milioni di dosi, divise tra 145 nazioni, comprese alcune di quelle che hanno abbastanza accordi confermati per i vaccini per vaccinare i loro cittadini più volte come il Canada e la Nuova Zelanda.
Le aziende farmaceutiche non hanno rispettato le consegne promesse a COVAX e AstraZeneca, che era il principale fornitore, deve anche affrontare la sua particolare situazione di milioni di dosi trattenute negli Stati Uniti e in Europa.
Nemmeno l’Europa si salva dalla stagnazione
La Germania ha sospeso la vaccinazione con AstraZeneca da lunedì 15.

Anche l’Unione Europea è frustrata dagli ostacoli che ha incontrato nel vaccinare la sua popolazione. L’unico vaccino europeo finora, il vaccino AstraZeneca/Oxford è in gravi difficoltà dopo la segnalazione di circa 30 casi di problemi di coagulazione in persone immunizzate con quell’iniezione.
Ci sono già 13 paesi dell’UE che hanno sospeso la vaccinazione con AstaZeneca, nonostante il fatto che l’OMS e l’agenzia di regolamentazione europea ne difendano l’uso come avente più benefici che impatti dannosi.
Per i mali maggiori, in mezzo alla ricrescita nella regione, AstraZeneca aveva consegnato all’UE solo il 25% delle dosi concordate per il primo trimestre e anche Pfizer ha avuto ritardi nelle consegne. All’inizio del 2021 l’Italia ha minacciato di citare in giudizio la Pfizer per aver ridotto del 29% la distribuzione delle dosi in quel paese.
Ora la Commissione Europea annuncia di aver raggiunto un accordo con Pfizer / BioNTech per anticipare 10 milioni di dosi per il secondo trimestre dell’anno.
Sebbene BioNtech e CureVac siano tedeschi, quel paese europeo ha avuto problemi con la vaccinazione.
Il quotidiano Der Spiegel ha sottolineato poche settimane fa che “l’Unione Europea e la Germania potrebbero mancare di forniture di vaccini.
Il ritardo nella firma dei contratti con le aziende farmaceutiche potrebbe significare che i vaccini sono in ritardo, oltre a non essere sufficienti.
L’UE ha finora somministrato 11 dosi per 100 persone, rispetto a 33 dosi negli Stati Uniti e 39 dosi nel Regno Unito, secondo l’indice Bloomberg Vaccine Tracker.
La scarsa disponibilità e la distribuzione disomogenea all’interno dell’Unione ha portato paesi come Austria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia e Lettonia a esprimere pubblicamente il proprio disagio e a chiedere una “correzione” nella distribuzione.
Di fronte al dilemma, la Commissione europea ha stabilito che le aziende farmaceutiche che hanno fabbriche di vaccini nei territori dell’UE non saranno in grado di esportare la produzione che generano in altre regioni se non ricevono il permesso di rimuoverle dal paese dalle autorità di quelle nazioni.
Già il 4 marzo, l’Italia, uno dei paesi più colpiti dalla pandemia, si è basata su questa decisione della comunità di vietare l’esportazione in Australia di 250.000 dosi del vaccino Astrazeneca, che l’azienda farmaceutica anglo-svedese ha prodotto nello stabilimento di cui dispone nel comune di Agnani, vicino Roma.
Con l’intensificarsi delle frustrazioni, alcuni funzionari europei incolpano gli Stati Uniti e il Regno Unito.
Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha affermato che gli Stati Uniti, insieme alla Gran Bretagna, “hanno imposto un divieto totale all’esportazione di vaccini o componenti di vaccini prodotti sul loro territorio”.
Alla domanda, Jen Psaki, addetto stampa della Casa Bianca, ha detto ai giornalisti che i produttori di vaccini erano liberi di esportare i loro prodotti fabbricati negli Stati Uniti purché rispettassero i termini dei loro contratti con il governo.
Ma poiché il vaccino di AstraZeneca è stato prodotto con l’aiuto del Defence Production Act, per il quale ha ricevuto più di $ 1 miliardo di finanziamenti, Biden deve approvare le spedizioni di dosi all’estero.
Nessun ostacolo per un giro d’affari
I paesi più potenti hanno messo i profitti delle aziende farmaceutiche al di sopra dell’immunità globale, nonostante il discorso politico secondo cui non ci sarà soluzione alla pandemia se non sarà messa alle strette in tutto il mondo.
La scorsa settimana, lo stesso giorno che ha segnato l’anno in cui l’OMS ha dichiarato il COVID-19 una pandemia, gli Stati Uniti, l’UE, il Regno Unito e il Canada (tutti con un numero sufficiente di vaccini assicurati) hanno bloccato il tentativo più recente di reddito medio o basso nazioni per accelerare l’accesso ai vaccini e ai trattamenti per COVID-19, revocando temporaneamente le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio che proteggono la proprietà intellettuale.
Una risoluzione sponsorizzata da Sud Africa e India e sostenuta da 57 paesi, che chiedeva di sospendere durante le parti pandemiche dell’Accordo TRIPS (Protezione relativa ai diritti di proprietà intellettuale) che protegge i brevetti medici, è stata respinta dal blocco delle nazioni ricche.
Aveva già avuto la stessa sorte nelle discussioni tenutesi all’OMC nell’ottobre e nel dicembre 2020. Un accordo avrebbe consentito alle nazioni sottosviluppate o emergenti di produrre farmaci e vaccini COVID senza attendere o aderire ad accordi di licenza con le aziende farmaceutiche che possiedono la proprietà intellettuale di quei prodotti medici.
Ciò avrebbe ampliato la produzione di antidoti contro la malattia mortale e avrebbe abbassato i costi delle cure.
I governi delle nazioni ricche, principali finanziatori dei vaccini COVID, hanno basato la loro negazione sulla preoccupazione che il rilascio di proprietà intellettuale, anche temporanea, potesse ridurre gli incentivi per la ricerca aziendale e si sono anche chiesti se le “nazioni in via di sviluppo” potessero iniziare la produzione dei farmaci in anticipo abbastanza per impedire la diffusione del virus.
La verità è che le multinazionali Big Pharma erano inizialmente riluttanti a finanziare la ricerca sui vaccini contro COVID a causa dell’incertezza di una corsa contro il tempo per ottenere risultati e per la scarsa redditività in passato della creazione di vaccini per le emergenze sanitarie.

I farmaci che queste aziende cercano sono fondamentalmente quelli che offrono ai cittadini dei paesi ricchi, e soprattutto quelli necessari per le malattie croniche che richiedono dosi sistematiche, che le rendono molto redditizie.
Ma dopo aver visto la redditività che la durabilità del COVID-19 può lasciare loro, ora non vogliono alcun limite al “partito” di reddito di cui stanno godendo di fronte alla domanda urgente di vaccini.
Moderna ha riferito di aver firmato accordi di acquisto anticipato per oltre $ 18 miliardi di forniture da consegnare quest’anno, mentre Pfizer ha previsto circa $ 15 miliardi di entrate quest’anno dal suo vaccino con BioNTech.
I principali sviluppatori di vaccini hanno beneficiato di miliardi di dollari in sussidi pubblici, ma alle aziende farmaceutiche è stato concesso il monopolio sulla loro produzione, così come sui profitti che generano.
I prezzi di vendita dei vaccini ai diversi paesi (sono variabili) sono tenuti sotto il velo della segretezza degli accordi siglati tra le case farmaceutiche ed i governi, sebbene il sito specializzato Statista abbia calcolato i prezzi medi per dose negli importi che trovate sotto (cerca grafico statista).
Moltiplichiamo quei numeri per i miliardi di dosi che sono richieste ogni x anni (dipende dal tempo di immunità che raggiungono questi vaccini) e calcoleremo già quanto ammonterà la danza dei milioni.
Ma, mentre le aziende farmaceutiche beneficiano e controllano il tasso e la portata delle vaccinazioni, i costi della distribuzione ineguale dei vaccini nell’economia mondiale potrebbero raggiungere i 9 miliardi di dollari, secondo Katie Gallogly-Swan, una ricercatrice che lavora con la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e sviluppo (UNCTAD).
“È inconcepibile che nel mezzo di una crisi sanitaria globale, enormi aziende farmaceutiche multimiliardarie continuino a dare la priorità ai profitti, proteggere i loro monopoli e aumentare i prezzi, piuttosto che dare la priorità alla vita delle persone in tutto il mondo, compreso il Sud del mondo, gli Stati Uniti. Il senatore Bernie Sanders ha giustamente twittato pochi giorni fa: “Il mondo è sull’orlo di un catastrofico fallimento morale”, ha condannato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.
Nel frattempo, qui, incrociamo le dita perché Soberana e Abdala ci immunizzino tutti, indistintamente, prima della scadenza di quest’anno.


* Giornalista cubano, direttore del portale web Cubadebate, del sito web Fidel Soldado de las Ideas e del programma televisivo cubano “Mesa Redonda”.

Ha diretto altre pubblicazioni cubane come Somos Jóvenes, Alma Mater e Juventud Técnica.
Premio nazionale di giornalismo Juan Gualberto Gómez in TV nel 2018.

Ha vinto diversi premi al Concorso nazionale di giornalismo il 26 luglio.~Articolo di Edilberto Carmona Tamayo Responsabile del Dipartimento di Produzione Multimediale, Monitoraggio e Innovazione di Cubadebate e Mesa Redonda. Laureato in giornalismo nel 2016 presso l’Università di Holguín.~

~Cubadebate Contra el Terrorismo mediático ~

Traduzione: Silvana Sale

Nápoles 5mar2021: “Chávez Corazón del Pueblo”

Desde Nápoles invitamos al encuentro online: “Chávez Corazón del Pueblo” – Homenaje al Comandante Eterno en el 8vo Aniversario de su Siembra, el 5 de marzo de 2021. Hora 11.00 am.
Enviar confirmación de participación a: redportiamerica.cu@gmail.com

La Campaña “Febrero Rebelde” 2021 en Nápoles

La Campaña “Febrero Rebelde” desde la ciudad de Nápoles continúa su ciclo de iniciativas, con el objetivo de apoyar la instalación del Congreso Bicentenario de los Pueblos el 4F, y apoyar la iniciativa del Plan “Carabobo 200” promovido por el Presidente obrero Nicolás Maduro: “Plan 200 Carabobo”.

Desde la Solidaridad Internacional reafirmamos que Venezuela es ejemplo de rebeldía y resistencia. Sirvan nuestros encuentros para romper el cerco mediático. Enviamos un saludo Revolucionario a la muchachada venezolana, a los Jóvenes de la Tierra de Bolívar que constituyen la Cantera del Futuro en la construcción del Mundo Mejor a travès de los ideales de El Libertador y del Comandante Chávez.

Saludamos a los Jóvenes del Psuv, a los que conforman el Sistema de Orquestas,  al Movimiento “Somos Venezuela” a las jóvenes glorias del deporte venezolano, a todos los que constituyen  futuro del país.

Se suman a la Campaña:

Partido Refundación – Sinistra Europea

ExOPG

Potere al Popolo

Albainformazione

GalleryArt

Cìrculo Italia Cuba “Granma”

Asociaión Italia – Cuba Salerno

SuraméricaAlba

FEBRERO REBELDE VENEZUELA:

UNA REVOLUCION EN REVOLUCION

SALUDAMOS EL CONGRESO BICENTENARIO DE LOS PUEBLOS

Y LAS INICIATIVAS ADOPTADAS EN EL “PLAN CARABOBO 200”

PARA RECUPERAR EL ESTADO DE BIENESTAR DEL PUEBLO

Para acompañar a la República Bolivariana de Venezuela en la conmemoración del mes “FEBRERO REBELDE”, desde Nápoles, Asociaciones de Solidaridad, Representantes de Redes Sociales, Colectivos Autorganizados, Movimientos de base, Partidos políticos, activistas e intelectuales hacemos un llamado a expresar nuestra solidaridad con la patria de Bolívar y Chávez, acompañando y generando actividades en las fechas patrias del mes:

4 de Febrero de 1992  – Día de la Dignidad Nacional

12 de Febrero –  Día de la Juventud

En conmemoración a los jóvenes que acompañaron a José Félix Ribas y Vicente Campo Elías durante la Batalla de la Victoria en 1814.

16 de Febrero de 1985 – Siembra de Alí Primera

El Cantor del Pueblo Venezolano

27 de Febrero de 1989 – “El Caracazo”

Sirva nuestro acompañamiento para apoyar la iniciativa del Plan “Carabobo 200” promovido por el Presidente obrero Nicolás Maduro: “Plan 200 Carabobo” establece una agenda articulada para recuperar el estado de bienestar del pueblo. En el Bicentenario de la Batalla y victoria de Carabobo, el liderazgo bolivariano y chavista que tiene responsabilidades de mando se agrupa en una agenda articulada para recuperar al país de los efectos negativos del bloqueo imperial y las mal llamadas sanciones.

Desde la solidaridad internacional saludamos la instalación del Congreso Bicentenario de los Pueblos  el 4F, instancia para la consolidación de la unidad monolítica de las fuerzas sociales y políticas de Venezuela, que tiene como objetivo central, reconfigurar y reunificar la fuerza popular de Venezuela, desde los distintos frentes de batalla, sumado a la ejecución de la gran tarea pendiente: instalación y funcionamiento de los Consejos Populares.

Vacunas cubanas contra el Covid y contra el Bloqueo

Cuba, Covid-19, vacunapor Red Continental de Solidaridad con Cuba (Latinoamerica) 

Siendo la salud el principal derecho humano de su población, Cuba prioriza la atención del Covid-19 y sus consecuencias, a través de la implementación de medidas y mecanismos preventivos de rápida acción, la creación de nuevas facilidades hospitalarias, a la vez que intensifica el trabajo científico en la fabricación de una vacuna.

Cuba no solamente tiene la experiencia produciendo vacunas, sino que cuenta con el compromiso, el capital humano altamente calificado y las condiciones para desarrollar cualquier candidato vacunal, a pesar de las restricciones que impone a la isla el criminal y genocida bloqueo por el gobierno de Estados Unidos, por ya más de seis décadas.

Es una gran victoria cientifica y política de Cuba el desarrollar y fabricar vacunas para salvar vidas, al tiempo que desenmascara y rompe el control de las transnacionales que trabajan la salud como una mercancía más.

Al día de hoy Cuba tiene 4 vacunas en proceso contra la Covid-19: Soberana 01, Soberana 02, Mambisa y Abdala.Fue el primer país de América Latina y el Caribe, y el número 30 a nivel mundial, en recibir la autorización para comenzar los ensayos clínicos de un candidato vacunal contra la Covid-19: Soberana 01 (agosto 2020). Así también, en noviembre la Organización Mundial de la Salud (OMS) incluyó un segundo candidato de vacuna cubana (Soberana 02) en el sitio oficial de proyectos en fases de ensayos clínicos contra la enfermedad del Covid-19.

La medicina cubana avanza de manera simultánea con 4 proyectos de vacunas. Estos resultados no solamente hablan ante el mundo de la calidad de sus científicos, ofrecen también la esperanza de que los pueblos más necesitados contemos con una vacuna que nos inmunice contra tan letal enfermedad porque #CubaSalva, #CubaEsSolidaridad y con esta dimensión de pensamiento su comunidad científica se consagra hoy en la batalla contra la pandemia global de la Covid 19, desde una perspectiva de humanidad y de solidaridad, en total armonía y emulación de la máxima martiana que “Patria es Humanidad”.

Ante todo este cuadro de buenas noticias, no podía faltar la agenda de los enemigos del pueblo cubano, inspirados por el bloqueo y el gobierno de los Estados Unidos. En lugar de festejar el triunfo de la ciencia cubana y sus consecuencias favorables para los vecinos del sur y otros países del mundo, han comenzado a desarrollar una campaña de confusión y de medias-verdades con el propósito de desprestigiar la política relativa a la salud de la Revolución Cubana.

Promover y alentar que las personas viajen a Cuba para que puedan ser vacunados, es una sucia treta dirigida a crear confusión y desaliento en las personas. De manera descarada escriben: “¿Te imaginas viajar a otro país, disfrutar del sol, de la playa y, al mismo tiempo, ser inmunizado contra el Covid-19?”. Esta promoción no solamente es incorrecta, sino que no es la clase de promoción que el gobierno cubano hace o haría en la atención de este escenario.

Cuba logrará las cuatro vacunas, inmunizará toda su población, y a la vez, ayudará a todos los países del mundo que no hayan podido superar esas etapas. Entendiendo que solo Cuba podrá determinar a quién y cómo se canalizaría esa ayuda.

Alertamos sobre las falsas noticias que fabrican los enemigos de Cuba. Ante esta y otras posibles campañas para desacreditar a la medicina y sistema de salud en la isla, la solidaridad continental en América Latina y el Caribe hace un llamado a denunciar estas injuriosas calumnias y a difindir en nuestras redes y otros medios dispongamos los sitios oficiales de Cuba con información actualizada sobre el tema.

15 de febrero de 2021

Dai gorilla ai sub-primati “bianchi” al potere: il caso brasiliano

di Marco Nieli

ovvero la tragi-commedia dell’unico presidente anti-vaccino al mondo

Nella celebre frase marxiana sulla storia che si ripete sempre due volte, una prima volta come tragedia, la seconda come farsa, pare di leggere in nuce la parabola di un paese come il Brasile che, avendo già subito una dittatura ventennale (1964-84) non meno cruenta e feroce di quelle cilena e argentina (checché ne dica la storiografia borghese ufficiale), oggi deve vivere il suo momento di farsa quasi al limite del macchiettistico-folkloristico con il Presidente Bolsonaro. Che, sicuramente, incarna chaplinianamente la caricatura di una personalità fascistoide dai tratti psico-patici, ma che non può essere sicuramente liquidato a pura e semplice reazione di tipo dittatoriale dell’epoca dell’imperialismo inter-bellico, come ci ha brillantemente spiegato il politologo marxista argentino A. Borón (in vari articoli alcuni dei quali tradotti e pubblicati dal blog Albainformazione)[1].

Il regime di Jair Messias (sic!) Bolsonaro, che corrisponde più propriamente alle categorie del cesarismo o bonapartismo “regressivo” (categorie gramsciane, opportunamente riaggiornate da Borón), si distingue certamente da quelle forme primo-novecentesche di dominio fascista della borghesia imperialista, se non altro, per il carattere entreguista (ossia che svende le risorse naturali) della sua economia, consistente nell’abbattimento di tutti gli ostacoli o i controlli statali verso gli investimenti delle multinazionali straniere (soprattutto a traino U.S.A.), nella dismissione del welfare e dei diritti dei lavoratori e nella cessione incondizionata delle risorse naturali (tipo il Pre-sal, uno dei più grandi giacimenti petroliferi dell’Amarica latina) agli imperialisti statunitensi e, in parte, europei.

Un altro tratto tipico del bolsonarismo è la conquista elettorale del potere apparentemente soft (in realtà, violenta e traumatica per come ha polarizzato una società molto articolata politicamente come quella brasiliana), in seguito a una sequenza ben orchestrata e coordinata dai poteri forti interni ed esterni, fatta di ripetuti golpe “intra-parlamentari” e “giudiziari” contro Dilma e Lula, con definitiva spallata di golpe “mediatico”, finanziato dai capitali di varie ONG U.S.A., con l’abile strategia del suprematista (forse sarebbe più indicato chiamarlo sub-primatista) trumpiano Bannon. Per inciso, va fatto notare come, da buon vassallo dell’Impero, incarnato dal truculento energumeno Trump la-Briscola-che-vince-sempre[2] razzista in fatto di politiche migratorie e di diritti degli afro-americani ma protezionista in economia – il Bolsa-ou-a-vida[3] brasileiro ha riallineato il suo paese al ruolo di patio trasero (cortile posteriore) o colonia privilegiata dell’imperialismo statunitense, demolendo tutti i vincoli cooperativi-orizzontali dell’ALBA e degli stessi BRICS e ripristinando la stretta adesione al Washington consensus.

Ma questa, evidentemente, è la storia, atto secondo, della farsa del Bolsonarismo e su questo già si è scritto abbondantemente.

Per tutto il corso del 2020 e fino al presente, l’accumularsi e l’incrociarsi degli aspetti tragici con quelli comici nella fase della farsa in Brasile sono stati determinati dall’acuirsi della crisi sociale ed economica del modellosuddetto alla prova del fuoco della pandemia da Sars-Cov-2 (comunemente detto corona-virus). Il “riduzionismo” se non proprio negazionismo, del Boris Johnson di marzo 2020, con il relativo corollario della necessità di alcune migliaia di morti di fragili/anziani per raggiungere in breve tempo la presunta “immunità di gregge” (herd immunity in inglese; immunidade de rebanho in portoghese) si è rivelato una fallacia pseudo-scientifica, che l’Inghilterra pare adesso stare scontando a duro prezzo. Eppure, se i governi conservatori di quel paese e degli U.S.A. paiono essere, seppure tardivamente, corsi al riparo nel ricorso a elementari strumenti di contenimento del contagio (l’uso della mascherina, i lockdown mirati o generalizzati, le misure di profilassi e sanificazione) e poi nella rincorsa frenetica verso il vaccino, il Bolsonarismo si è arroccato su posizioni biecamente e cinicamente negazioniste e non-interventiste, che sono constate al popolo brasiliano già 210.000 morti “evitabili” e 8.500.000 positivi circa, oltre a ingenti e difficilmente stimabili danni all’economia formale (il PIL) e informale, che, ricordiamolo, in Brasile costituisce una parte rilevante della ricchezza prodotta al di là delle statistiche ufficiali.

Il fatto è che la comunità scientifica internazionale sta raccogliendo sempre più prove del fatto che, con questo tipo di virus, l’immunità di gregge, non importa se perseguita col metodo brutale dell’aumento esponenziale dei decessi o con campagne vaccinali più o meno rapide, rischia di diventare un obiettivo continuamente disatteso dallo sviluppo di varianti mutageniche, come dimostrato abbondantemente dai ceppi inglese e brasiliano. Le quali producono una sorta di effetto boomerang con ulteriore balzo in avanti della contagiosità ed, eventualmente, letalità del virus stesso.

È esattamente quanto successo in Inghilterra nell’ultimo mese e nelle ultime settimane a Manaus, capitale dello stato Amazonas del nord-ovest brasiliano.

Per capire nel dettaglio come si è arrivati al vero e proprio collasso del sistema di Salute Pubblica il 14 gennaio scorso nello stato di Amazonas, bisogna partire dalla prima ondata (marzo-maggio 2020), analizzando l’intreccio delle dinamiche a livello federale, statale e municipale.

Effetto dell’atteggiamento negazionista e riduzionista del Presidente (“è so’ uma gripezinha”, è solo una piccola influenza, frase rinnegata in seguito[4]) è stata la scelta della politica non-interventista a livello federale, che si è tradotta, tra l’altro, nell’assenza di direttive o anche solo indicazioni sull’uso di misure preventive come la mascherina, il distanziamento sociale e, in caso di necessità, anche del lock-down, utile a bloccare l’aumento esponenziale del contagio. Dopo le dimissioni pilotate di ben due ministri vagamente competenti sull’argomento, i medici Mandetta (ortopedico) e Teich (oncologo) lo scorso maggio, che chiedevano con una certa cognizione di causa qualche forma, seppure blanda, di intervento federale, il messianico Bolso ha pensato bene di nominare un militare del tutto inesperto, il generale Pazuello, a gestire la pandemia, per riuscire a imporre la sua ossessione psicopatica per l’efficacia dell’idrossiclorochina nella fase precoce dell’infezione, in barba a tutta la comunità scientifica. È questo che il neo-nominato Ministro della Salute ha raccomandato alle varie Segreterie Statali, molte delle quali, intanto, adottavano misure più o meno dure e risolutive, ma senza mai giungere a un lock-down generalizzato, a livello statale. È da notare che il Bolsa-ou-a-vida, quando e laddove ha potuto, ha ironizzato, polemizzato e anche più o meno sotterraneamente intralciato le iniziative dei singoli governatori, giungendo ripetutamente ad accusare i giornalisti di gonfiare il caso. Altre volte, i suoi commenti sono stati ispirati a una visione biecamente e cinicamente suprematista (sub-primatista) sulla impossibilità di intervenire sulla legge naturale di selezione del più forte. Lui stesso sarebbe sopravvissuto all’infezione, contratta lo scorso luglio, curandosi con l’idrossiclorochina (l’episodio ha generato in molti Brasiliani il sospetto di una messa scena, ma nella parte credulona della popolazione, plagiata dalle sette e dalle Chiese protestanti, l’efficacia della narrazione ha avuto il suo peso nel confermare la fiducia verso il losco figuro e i suoi protettori sovrannaturali).[5] In ogni caso, le misure di lock-down sono state dal Presidente sistematicamente sconsigliate e ostacolate, con l’inconsistente argomento che il Brasile non poteva permettersi il lusso di fermare l’economia nemmeno per un giorno. Una parte del consenso perduto durante la prima ondata, poi, il Bolsa-ou-a-vida l’ha recuperato facendo arrivare un sussidio di 400 reais (il Congresso aveva proposto circa 600) alle famiglie indigenti.

A livello statale, intanto, il Governatore Wilson Lima (PSC, Partido Socialista Cristão, alleato del Presidente), nel maggio 2020 faceva smontare un ospedale da campo dell’esercito, allestito in fretta e furia e con pochissimi macchinari per fronteggiare la prima ondata. I trattamenti a base di clorochina si erano già largamente dimostrati inefficaci, anche nella fase precoce dell’infezione, ma l’ossessione dell’Eletto Bolsa-o-a-vida non poteva essere smentita dall’evidenza dei fatti. Per cui, si è continuato con la produzione massiccia di clorochina, affidata addirittura all’Esercito. La circolare del Ministero della Sanità del 20 maggio 2020 raccomandava l’uso di idrossiclorochina, azitromicina e ivermectina (medicinali efficaci rispettivamente per la cura del lupus, di alcuni ceppi batterici e di alcune tipologie di parassiti intestinali) per il trattamento precoce del corona-virus, cosa che è stata applicata alla lettera, con risultati pressoché nulli. Viene da pensare che chi dirige oggi il paese e anche lo stato dell’Amazonas non conosca la distinzione basilare tra malattia auto-immune, infezione batterica o micosi: ma tant’è, questi rimedi erano stati dati per miracolosi dall’idolo del Bolsa-ou-a-vida, vale a dire la Briscola-che-non-perde-mai… che non poteva mica sbagliare… (salvo poi curarsi con la terapia monoclonale messa a punto dai medici Italiani e ancora non sperimentata dall’AIFA a casa nostra, ma questa è un’altra storia).

Il resto del copione che segue potrebbe essere presentato sotto il titolo di “Cronache di un genocidio annunciato”. Appena finita la prima ondata, nonostante autorevoli organismi scientifici come la Fondazione Oswaldo Cruz (FIOCRUZ) e la Fondazione Getulio Vargas (FGV) avessero messo in guardia contro la ripresa della pandemia in forme ancora più virulente con l’arrivo delle grandi piogge (dicembre-marzo), praticamente nulla è stato messo in campo in Amazzonia per attrezzarsi all’arrivo dello tsunami rappresentato dalla seconda. Non bisogna dimenticare che la popolazione dell’Amazonas, pur avendo espresso un governatore e una maggioranza filo-bolsonarita, è composta in prevalenza di mestizos, pardos (mulatti), pretos (afro-brasiliani), indios con vari gradi di contatto e integrazione con la civiltà urbana occidentale, soprattutto Manaus e Santarem, raggiungibili dal sud solo via fiume e via aerea. I missionari protestanti hanno ripreso a visitare le comunità di indios nelle località più remote dello stato, spesso portando il virus dalle città, mentre nelle favelas urbane di Manaus, date le pessime condizioni igieniche, l’addensamento demografico e la mancanza di acqua corrente in casa, i focolai hanno continuato a covare sotto la brace nell’umida ma afosa estate amazzonica. Come stiamo ormai cominciando a capire a fatica anche in Europa il tasso di letalità aumenta esponenzialmente quando manca un’idonea preparazione in campo sanitario a fronteggiarlo. Il che significa, sostanzialmente, trattarlo in una fase precoce e poi isolare i focolai con rigide misure di tracciamento: la Cina docet ma, evidentemente, il pregiudizio ideologico, in Europa come in Brasile, ci impedisce di imparare qualcosa da un paese comunque socialista, che è riuscito a contrastare l’avanzata del virus ancora prima del vaccino (e con perdite infinitamente minori in termini di vite umane e di PIL).

A tutti questi fattori di impreparazione logistica, dovuti a incompetenza e cialtroneria tipici degli stati-vassallo dell’Impero, si è aggiunto, a partire da dicembre, l’ultimo, la mancanza di adeguate scorte di ossigeno. Quando i contagi hanno ripreso la parabola ascendente, oltre alle carenze già menzionate di posti-letto e macchinari per la respirazione, si è palesata l’incapacità della principale ditta fornitrice di ossigeno locale, la White Martins a sostenere il ritmo di produzione richiesto. Già nel corso del mese di novembre, la ditta in questione aveva comunicato al Governatore e al Governo Federale il rischio di non riuscire a coprire il prevedibile aumento esponenziale del fabbisogno, ma le autorità competenti hanno nascosto la comunicazione e non hanno predisposto la logistica ai rifornimenti necessari. Prima di Natale, il principale ospedale pubblico dello Stato, il Delphina Aziz di Manaus, segnalava di aver raggiunto il 100% di letti occupati, nei settori clinico e di TI, mostrando altresì carenze di macchinari funzionanti, personale formato e bombole di ossigeno. Il 26 dicembre entrava in vigore un decreto di Wilson Lima per attuare una prima, tardiva misura di lock-down quasi totale per 15 gg nell’intero stato e così impedire la libera circolazione del virus, di cui intanto si segnalava una pericolosa mutazione, la cosiddetta variante brasileira, su cui le fondazioni scientifiche mettevano in guardia. Il giorno stesso, le proteste della popolazione, in parte dovute alla necessità economica, in parte anche alla propaganda manipolatoria dei bolsoniti, costringeva il pavido governatore a ritirare la misura, per ragioni elettoralistiche e di quieto vivere.

A partire dalla fine dell’anno, mentre si cercava una soluzione tecnica all’avio-traporto di forniture di ossigeno, a Manaus – pare che l’unico aereo disponibile per un tale cargo fosse in manutenzione – la popolazione infetta, rifiutata dall’ospedale e accolta in un nuovo ospedale da campo rimesso su in tutta fretta, ha cominciato letteralmente a morire di asfissia. La scena finale della farsa è stata il giorno 11 gennaio scorso con la visita del Ministro della Sanità, il generale Edoardo Pazuello, che seguiva un primo carico tardivo di bombole con un aereo affittato realizzato l’8 gennaio – gli Embraer della F.A.B. (Forze Armate Brasiliane) erano impegnati in Nordamerica per un’operazione congiunta con la NATO  e gli alleati U.S.A., che avevano tra l’altro promesso di mettere a disposizione alcuni velivoli della propria flotta militare, tardavano a mantenere l’impegno. Il generale, raccontando ai giornalisti di aver dovuto rispondere anche alla cognata, preoccupata per il marito affetto da covid, che “non c’era nulla da fare”, non si lasciava sfuggire intanto l’occasione di cacciare dal cilindro il coniglio magico, che consisteva in che? Forse in un contratto con la Cina per la produzione a San Paolo del vaccino, a un costo stracciato e in grado di avviare una risoluzione su lungo termine della crisi pandemica? Nemmeno per idea! Il coniglio in questione era ancora una volta, quello di sempre: un geniale Kitanti-covid direttamente elaborato dall’Ufficio presidenziale del Planalto – senza inutili perdite di tempo in consulenze di scienziati, virologi e altri cospiratori filo-comunisti – a base di… indovinate? Una sostanza miracolosa come l’acqua del Giordano in cui dicono che il Bolsa-ou-a-vida sia stato battezzato: l’idrossiclorochina![6]

I ritardi nell’organizzazione sanitaria, unita all’incompetenza scientifica e all’arroganza cinica e spregiudicata dei politicanti locali e federali ha provocato nel solo stato di Amazonas, dall’inizio della prima ondata, circa 6800 morti evitabili – per nulla “naturali”, come la propaganda del regime vorrebbe far passare – su di una popolazione complessiva di circa 4 milioni e duecentomila abitanti, di cui contagiati ufficiali 245.000. Se la mortalità, calcolata sull’intera popolazione statale, rimane tutto sommato relativamente bassa, per ragioni di densità demografica (circa lo 0,16 %), il tasso di letalità apparente – cioè, calcolata sui numeri di risultati positivi al tampone molecolare – risulterebbe oscillare tra un 2,77 e un 9%. Nell’ultimo mese, nello Stato si sono toccate punte di 132 morti per Sars-Cov-2 al giorno.

Con un indice di mortalità di circa lo 0,9 %, calcolata su di una popolazione di circa 217 milioni complessivi, ma di letalità presunta tra il 2,4 e il 6,4% (su 8 milioni e mezzi di contagiati ufficiali), il Brasile, secondo i dati ufficiali risultanti all’OMS, risultava già in cima alle classifiche negative dei paesi che hanno peggio risposto alla pandemia, per incompetenza, irrisolutezza di fronte alla pressione delle lobbies economiche e fattori demografici e ambientali. C’è già chi, nei media, nei partiti oppositori al Bolsa-ou-a-vida e tra i governatori più responsabili, come quello del limitrofo Stato dell’Acre o quello PT del Piauì, che parla dell’attuazione di un intento genocida ai danni delle minoranze di indios e di pardos/pretos che, guarda caso, il “messianico” deputato Jair ha ripetutamente, da circa 17 anni fa, indicato come una palla al piede della crescita economica del paese. Da questo fardello storico, l’uomo “bianco” civilizzatore sarebbe stato finalmente chiamato a liberare il Brasile, con la benedizione della teologia della “prosperità” e grande vantaggi per il già deficitario bilancio dello Stato. Già lo scorso luglio, vari sindacati di professionisti del settore avevano inviato una domanda di incriminazione per genocidio al TPI dell’Aja contro il signore Jair Messias Bolsonaro e ben 60 richieste di impeachment sono state insabbiate fino a oggi dal malfido (corrotto?) Presidente del Congresso Rodrigo Maia (DEM-RI). L’ultima richiesta in tal senso si sta costruendo tra i partiti dell’opposizione a traino PT-PDT, PSOL e PCdoB, proprio mentre scriviamo e il giorno quindici è stato realizzato un panelazo (protesta pacifica al rumore dei coperchi di pentole), convocata sulle reti sociali con l’hashtag: “senza ossigeno – senza vaccino – senza governo – il Brasile sta morendo – #asfissiato” (rilanciato anche stasera, 23 gennaio).

Bisogna, infatti, aggiungere all’atteggiamento criminale descritto anche l’aggravante del rifiuto del vaccino come possibile soluzione alla pandemia e il contenzioso in corso con l’esperienza dello Stato di San Paolo, che sta producendo il vaccino cinese Sinovac all’Istituto Butantan per distribuirlo a prezzi politici anche agli altri stati. Gli argomenti utilizzati dal Subprimate al potere sono anche in questo caso folkloristicamente risibili e tragicamente macchiettistici nella loro ascientifica pregiudiziale di matrice ideologica – “non si sa che vi mettono nell’organismo quelli, insieme ai Cinesi, volete diventare dei coccodrilli? Volete che ai maschi venga la voce delle femminucce? O che alle vostre donne crescano i baffi?”, “Chi si assume la responsabilità di quello che vi inoculano? E se vi inoculano un virus ancor più potente? Io di certo non me ne assumo la responsabilità”. Dove si evince che nessuno ha mai spiegato a questo luminare della “scienza” post-vax del XXI secolo quale sia la definizione di base di un vaccino, da Jenner in poi, vale a dire l’iniezione di una quantità di virus depotenziato nell’organismo in modo da stimolare le sue proprie difese immunitarie contro gli agenti patogeni esterni. Per non parlare dei vaccini di ultima generazione, quelli a Rna messaggero.

Ultimo atto della tragicommedia brasiliana: lo scorso lunedì mattina è arrivato a Manaus un cargo di camion proveniente via Roraima, dal Venezuela, su decisione del Governo bolivariano guidato dal presidente Nicolás Maduro, il quale, sordo alle continue provocazioni e minacce di invasione degli anni passati dei Subprimati Trump e Bolso, si è sentito coinvolto nella tragedia umanitaria del popolo brasiliano ed ha deciso di fare un gesto concreto per dimostrare il valore della cooperazione e della solidarietà tra i popoli, nell’ottica integrazionista inaugurata dal Comandante Hugo Frías Chávez con l’ALBA, la CELAC e altre iniziative. Si è trattato di un atto umanitario reale e politicamente fondato, implicante la consegna di 100.000 kg di ossigeno e lontano anni luce dalla pagliacciata mediatica e politica messa in piedi dal golpista Juan Guaidó in combutta con le forze imperialiste della CIA e dell’alleato colombiano nel 2019, con l’unico scopo (miseramente fallito) di provocare una defezione nelle Forze Armate Bolivariane e scatenare un’invasione militare. Il Cancelliere venezuelano Arreaza sta firmando un protocollo con gli Stati di Amazonas e Roraima per la consegna via terra di carichi settimanali che consentiranno di salvare chissà quante vite umane.[7] Un piccolo gesto di solidarietà e vicinanza, nelle more della costruzione del Banco Vaccini Continentale, di cui il governo di Cuba insieme a quello del Venezuela si stanno facendo promotori.

Orbene, esiste un detto popolare, risalente al noto The Travels of John Mandeville del XIV secolo, che vuole che il coccodrillo pianga, dopo aver mangiato qualche preda umana. Se qualcuno si aspettava qualche parola di gratitudine, anche dettata da considerazioni di circostanza, da parte del Bolsa-ou-a-vida, si è dovuto ricredere di fronte all’ostinata e pervicace testardaggine di questa forma primordialmente coriacea e regressiva di simil-vita che si è impadronito criminalmente del potere nel Brasile. A dimostrazione che il virus più difficile da combattere è quello dell’ignoranza arrogante e presuntuosa, che nutre il razzismo e il suprematismo “razziale”, allo stesso tempo solleticando gli istinti più bassi e cinici presenti nella natura umana.

Il giorno seguente, davanti a una claque addomesticata di subprimatoidi sostenitori e giornalisti prezzolati, in puro stile neroniano, il Messia brasileiro commentava beffardamente che “il cuore di Maduro è grande, perché il personaggio pesa circa 200 kg… certo che il suo cuore deve essere grande, si capisce” (rsrsssss, risate della claque) e che “il Venezuela non è in grado di aiutare nessuno, con quei salari che non gli permettono nemmeno di comprare un chilo di riso… In Venezuela, voi vedete cani per strada? No, perché in quel paese si mangiano i cani per fame” (nuova risata della claque, rrrrsssss).[8]

Come dice un altro proverbio portoghese-brasiliano, depositario, questo, della saggezza popolare atavica: Para um bom entendedor, poucas palavras (bastam), equivalente dell’italiano: a buon intenditor (cioè, a chi è in grado ancora di decodificare/comprendere criticamente quello che succede sotto i propri occhi), poche parole…


[1]Per esempio…

[2] Trump in inglese significa briscola, ma anche trionfo. La briscola trionfante è, ovviamente, anche un riferimento al sua brillante spirito sportivo e alla sua egregia capacità di incassare la sconfitta elettorale ad opera del Democratico J. Biden. Infallibile come il Papa, anche l’ex-Presidente U.S.A. aveva cominciato col minimizzare la pericolosità del virus e a propalare gli effetti miracolosi della idrossiclorochina per il trattamento precoci delle infezioni da esso prodotte.

[3]Bolsa in portoghese è la borsa. L’espressione a bolsa ou a vida riproduce l’atteggiamento banditesco della Massima Autorità Responsabile della Salute Pubblica in Brasile, che ha terrorizzato la popolazione dicendo che sarebbero morti di fame, se avessero chiuso l’economia. Il risultato è che, dopo un anno di quest’andazzo, in Brasile le morti evitabili per corona-virus sono circa 210.000 su una popolazione di circa 217 milioni (0,9%) La letalità risulta invece oscillare tra il 2,4 e il 6,4 % ca.

[4]In http://www.terra.com.br/noticias/coronavirus/bolsonaro-diz-que…

[5] Appena ritornato negativo dalla presunta infezione da corona-virus, l’invincibile superuomo se ne è uscito con le solite battutine tra il macho e il cinico-TV, chiamando il Brasile “pais de maricas” (paese di femminucce), e dicendo che lui non era un becchino che fa la conta dei morti e che “tutti un giorno dovremo morire”. In http://www.onzedemaio.com.br/maricas-e-dai-nao-sou-coveiro-e-so…

[6]https://bncamazonas.com.br/rapidinhas/pazuello-grande-decepcao-em-manaus/

[7]httpssolidaridad-oxigeno-20210123-0015.html://www.telesurtv.net/news/venezuela-brasil-manaos-

[8]https://www.hoybolivia.com/Noticia.php?IdNoticia=325193.

El partido Farc debatirá cambio de nombre y estrategia electoral

por Prensa CCPP- Caracas

22-1-21.- El partido Farc dio comienzo este viernes 22 de enero de 2021 a la II Asamblea Extraordinaria, por la Vida, la Unidad y la Paz con Justicia Social; allí se definirá el nuevo nombre y logo, la representación legal y el programa político y estrategia electoral en el contexto de las próximas elecciones legislativas y presidenciales en el 2022.

La instalación, realizada en horas de la mañana, contó con los saludos de representantes de organizaciones nacionales e internacionales; entre ellos Roy Daza, Secretario de Relaciones Internacionales PSUV, Diputado de la Asamblea Nacional de la República Bolivariana de Venezuela, e integrante de la Comisión Especial de Diálogo, Reconciliación y Paz de la AN.

Daza destacó que Colombia y Venezuela siempre serán hermanas más allá de lo que piense el imperialismo y la oligarquía colombiana. Señaló que el futuro de las dos naciones se encuentra estrechamente ligado y que la paz es un anhelo de toda la sociedad latinoamericana.

En Venezuela existe actualmente una estructura local del partido Farc que congrega a colombianos y colombianas que residen en el territorio bolivariano y que acogieron en algunos casos luego del exilio y la persecución, las banderas del partido de la Rosa, difundiendo sus postulados y los términos del Acuerdo de Paz firmado en la Habana del que afirman es también legado del comandante Chávez.

Esta Estructura Local en Venezuela contemplada por la dirección nacional del partido como parte de la estructura nacional de FARC tendrá representación en la Asamblea semipresencial que culminará el domingo en horas de la tarde con una rueda de prensa.

En un documento de reciente publicación en las redes, el senador Julián Gallo explicó la urgencia de debatir estos tres temas porque para lograr la implementación cabal del Acuerdo de la Habana y el cese de la violencia política es necesario establecer convergencias que permitan “ganar el gobierno en la próxima contienda electoral por parte de las fuerzas que estamos por la vida, por la paz, por la democracia”. Para Gallo, conocido en la lucha armada como Carlos Antonio Lozada, “esa es la tarea central del momento y en ella está implícita la defensa del Acuerdo y la seguridad de los exguerrilleros y los líderes sociales”.

El Documento de Losada puede leerse completo en:
http://www.45-rpm.net/2021/01/20/elementos-para-el-debate-en-el-partido-farc/

Miguel Díaz-Canel Bermúdez: «Ci hanno colpito per annientarci ma siamo vivi!»

L'immagine può contenere: 2 personedi Silavana Sale 

~ Toccante e bellissimo discorso pronunciato in chiusura del VI Periodo Ordinario de Sesiones de la Asamblea Nacional del Poder Popular dal Presidente Cubano Miguel Díaz-Canel Bermúdez, pochi giorni fa , il 18 dicembre 2020.

Lo traduco per i compagni italiani che avranno la voglia e la pazienza di leggerlo, spunto per tantissime riflessioni ~

“Caro generale dell’esercito Raúl Castro Ruz e colleghi della generazione storica, compagno Esteban Lazo, presidente dell’Assemblea nazionale del potere popolare e presidente del Consiglio di Stato,

Deputati e Compatrioti,

Cuba è onorata di contare in un giorno come oggi sei anni fa il ritorno in Patria, sul compagno Gerardo Hernández Nordelo come membro del nostro Consiglio di Stato (Applausi).

Un anno fa, proprio da questa tribuna abbiamo detto:
“Ci hanno colpito per annientarci ma siamo vivi!”

Abbiamo quindi ipotizzato che nulla potesse essere peggio di quell’escalation di misure per inasprire il blocco imperialista e attaccare le fonti di approvvigionamento energetico, le brigate mediche e qualsiasi possibilità di finanziamento.

Fino all’arrivo del 2020, un anno duro e impegnativo come pochi altri a causa della sconcertante pandemia di COVID-19 che ha sbattuto le porte dell’economia e della vita stessa per mesi.

Tutto è andato peggio, perché il suo impatto è universale e ha raggiunto momenti insopportabili, con l’opportunistica ripresa del blocco statunitense, prova definitiva del profondo male dei nostri avversari.

Hanno insistito per annientarci, ma noi insistiamo per vivere e vincere!

Cuba Viva è andata oltre le proprie possibilità.

È il destino di questa città: crescere con le sfide.

È nei geni della nazione cubana, forgiata nella resistenza e ribellione degli schiavi che si rifiutavano di essere schiavi e nella volontà degli emigranti carichi di sogni.

È nell’eredità dei leaders indipendentisti che hanno bruciato le loro ricchezze nel fuoco della Rivoluzione, nelle madri con i loro figli nati in mezzo ai combattimenti e nella forte identità del creolo maturata nei lunghi anni in cui il paese era libero solo nella boscaglia.

È nelle generazioni successive che hanno lasciato sangue e seme in combattimenti impari nelle strade e sulle montagne fino alla vittoria.

Non c’è modo di piegare l’esistenza della Rivoluzione, il suo trionfo e la sua sopravvivenza di fronte a spietate aggressioni e dolorosi abbandoni, senza quelle essenze che ogni giorno ci mettono di fronte a una storia che già accumula così tante eroine ed eroi per abitante che diventa difficile contarli.

Ma l’esempio è contagioso.

In questi mesi di pandemia, abbiamo assistito a imprese quotidiane di persone di tutte le età e mestieri, donne e uomini, giovani e anziani.

Anche i bambini sono diventati educatori esemplari dei loro genitori riguardo all’uso della mascherina, lavandosi le mani e mantenendo il distanziamento fisico, i tre pilastri della responsabilità individuale in questa battaglia che riguarda tutti.

Voglio dire qui oggi che ogni ora di questi mesi di confronto con COVID-19 è stata di crescita e apprendimento.

Sono state giornate tese, estenuanti, ma non ci siamo mai scoraggiati, grazie soprattutto al popolo.

Lo scoraggiamento non è possibile di fronte all’eroismo, non di una persona o di un gruppo, ma di un’intera nazione.

E quell’eroismo ci spinge costantemente, ci ispira a dare di più, a fare di più, a vergognarci quando il corpo ci chiede una pausa.

Perseguendo carenze di ogni tipo, code estenuanti e una rinuncia temporanea a feste e abbracci, i cubani accettano le sfide più dure del 2020.

Il nuovo coronavirus è una sfida gigantesca in mezzo alla crisi imposta dal blocco.

Ma lo assumiamo senza paura.

Abbiamo avuto meno medicine, meno cibo, meno trasporti…, ma anche meno infezioni, meno malati e meno morti.

Questo può essere spiegato solo perché abbiamo avuto più volontà politica, più solidarietà e più giustizia sociale.
Più socialismo.

In Scienza e Medicina sono stati stabiliti record in termini di dedizione e sacrificio personale e collettivo, che hanno permesso al Paese di collocarsi rapidamente tra coloro che sono riusciti a controllare la pandemia.

Per illustrarlo con i dati significativi: il Paese accumula 1.294.052 tamponi effettuati, con 9.771 casi positivi, di cui, purtroppo, sono 137 decessi, per un tasso di letalità di 1,40%, inferiore al tasso generale del 2,25%, e anche al di sotto del tasso della regione delle Americhe di 2,54%.

Siamo uno dei pochi paesi al mondo a non aver registrato morti per COVID-19 di donne incinte, bambini o personale sanitario.

Circa il 90% di tutti gli infetti si è ripreso grazie a protocolli robusti che vengono continuamente perfezionati.

Le sale di terapia intensiva non sono collassate.

E parallelamente alle cure mediche, gli operatori sanitari lavorano su più di 800 ricerche, che hanno generato centinaia di pubblicazioni scientifiche.

Nei trattamenti vengono utilizzati più di una dozzina di biofarmaci cubani, mentre sono in fase di sperimentazione quattro vaccini candidati e sono già stati realizzati prototipi di tre modelli di ventilatori polmonari, la cui produzione sarà affidata all’industria nazionale.

Come la storia, con i suoi secoli di lotte e resistenze, il lavoro educativo e il modello di sviluppo umano che la Rivoluzione ha scelto per i suoi figli, ci ha messo, di fronte alla pandemia, davanti a paesi di sviluppo simile o superiore.

Il talento naturale del popolo e quella frase premonitrice di Fidel che saremmo diventati un paese di uomini – e donne – di Scienza, ma soprattutto la sua idea concretizzata nella volontà politica di investire in ambiti così nuovi e quasi esclusivi dei paesi del primo mondo, come l’ingegneria genetica e le biotecnologie, le neuroscienze e la produzione di farmaci, ci hanno permesso di porci in prima linea negli studi sulla pandemia e sui protocolli di cura e monitoraggio dei contagiati.

Un principio umanista, inseparabile dalla Rivoluzione: la vita umana come bene supremo della società è alla base della strategia nazionale per affrontare l’epidemia a Cuba e in altri 39 paesi, dove in questi mesi sono arrivati ​​circa 3.000 professionisti Cubani, raggruppati in 53 Brigate del contingente Henry Reeve.

Le aggressioni, la persecuzione, la diffamazione e le pressioni violente dell’attuale governo degli Stati Uniti contro altri paesi per aver ricevuto o semplicemente richiesto il sostegno del prestigioso Contingente, non hanno precedenti.

Ma il suo lavoro è già penetrato così profondamente nelle nazioni che lo ricevono, che dalla sua gratitudine è nata la proposta del Nobel per la Pace al Contingente Henry Reeve, una candidatura che onora profondamente un progetto di Fidel in questo mondo governato dall’individualismo e dall’egoismo, dalle regole del mercato.

Si riconosce così la dedizione dei nostri operatori sanitari per salvare vite nelle condizioni più difficili e nei luoghi più remoti, dove non arriverà mai nemmeno un sussidio dei loro persecutori.

Senza cedere all’eccesso di ottimismo, sempre pericoloso perché smobilita le azioni che devono essere mantenute nel tempo, stiamo superando tutte le prove della pandemia grazie al popolo e alla spinta precisa della Scienza, potente motore a trazione multipla, se mi perdonate l’analogia.

Perché va detto che i contributi dell’intelligenza collettiva non si limitano all’area vitale della Medicina e dei servizi di sanità pubblica.

Siamo grati che alcune delle menti più brillanti del nostro Paese siano rimaste attente e abbiano contribuito, dalle piattaforme digitali, con acutezza critica, alle analisi scientifiche che, anche dall’economia e dalle scienze sociali e storiche, dovrebbero fornire un corpo teorico alla nazione indispensabile in questo momento gravido di emergenze.

Il contributo che viene dalla conoscenza e dall’impegno al destino della nazione non è mai poco o banale.

È un segno che distingue i tanti cubani che accompagnano la Rivoluzione in tutti i suoi sforzi e vogliono aiutare a raggiungere la prosperità che ci attende.

E per quelli di noi che oggi adempiono al dovere di governare, ci aiuta a rettificare mentre avanziamo, qualcosa di cui non ci vergogneremo né negheremo mai.

Comprendiamo che studiare, apprendere e prendere decisioni, basate sulla conoscenza collettiva, porta sempre a percorsi più sicuri e più equi.

Compatrioti,

nel 2020 ci troviamo di fronte a condizioni economiche eccezionali.

Qualsiasi aggettivo sarebbe insufficiente per descrivere l’atroce combinazione di blocco rafforzato e pandemia sull’economia e sulla società.

Si tratta degli effetti cumulati delle persecuzioni finanziarie e dell’assedio di qualunque fonte di reddito in valuta estera, che si rafforzano opportunisticamente in mezzo alla pandemia e alla contrazione economica universale che provoca, con la conseguente interruzione dell’attività turistica, uno delle principali fonti di reddito del Paese, la contrazione delle importazioni, la diminuzione dell’attività produttiva e dei servizi, sia nel settore statale sia non statale, e le spese sanitarie aggiuntive rispetto a quelle previste dal piano, unitamente all’aumento dei finanziamenti dal Bilancio dello Stato, tra gli altri.

Nella progettazione del Piano Economico per il 2020 avevamo previsto, anche in condizioni di forti restrizioni, di raggiungere una crescita dell’ordine dell’1%.

Come è accaduto praticamente in tutte le regioni e paesi, COVID-19 ci ha costretti a modificare tutte le previsioni.
Il fatto è che non ci sarà crescita.

Come riportato qui, diminuirà di circa l’11%. L’economia cade, ma non si ferma.

Abbiamo approvato la Strategia Economico-Sociale e il Piano Nazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale fino all’anno 2030 e sono stati conclusi gli studi per l’attuazione dell’ordine monetario, che inizieranno il prossimo 1° gennaio.

Nel mezzo dello scenario peggiore, importanti investimenti sono stati conclusi nei principali programmi di sviluppo, anche abitativo, con 47.400 immobili finiti, turismo, con 2.000 nuove camere, il primo impianto bioelettrico operativo nel paese e investimenti nel settore idraulico e nella produzione alimentare, tra gli altri.

Contemporaneamente, sono stati approvati 29 progetti di investimenti esteri per 2.455 milioni di dollari, 5 dei quali nella Mariel Special Development Zone, importante e strategica enclave economica del Paese, dove operano aziende di 21 Paesi e 11 multinazionali.

Qui sono state approvate 55 imprese, con un importo di investimento impegnato che supera i 3 miliardi di dollari, generando 11.763 nuovi posti di lavoro.

Sebbene nello scenario in cui viene redatto il Piano Economico 2021 prevale l’incertezza associata all’evoluzione della pandemia e ai suoi gravi impatti sull’economia mondiale, per il prossimo anno si prevede un graduale processo di ripresa, con una crescita tra il 6% e il 7%, che richiederà un lavoro intenso da parte di tutti gli attori economici.

Il raggiungimento di questo obiettivo ci impone di mantenere il controllo di COVID-19, per non affrontare contrattempi nell’apertura che abbiamo già avviato nel turismo e nell’attività produttiva in genere.

Il paese continuerà a lavorare sul suo sviluppo.

Il piano di investimenti aumenta del 22% rispetto al 2020, Il 60% delle risorse è concentrato nei settori prioritari: produzione alimentare, medicinali, difesa, turismo, fonti di energia rinnovabile, programma abitativo e stabilimenti di produzione di cemento e acciaio.

Nonostante la contrazione che ci lascia quest’anno, non rinunciamo a realizzare la crescita prevista per la seconda fase del Piano Nazionale di Sviluppo Economico e Sociale, compresa nel periodo dal 2022 al 2026.

Per questo, è necessario continuare ad avanzare con maggiore rapidità e chiare priorità nell’attuazione della Strategia economico-sociale, e tenere sotto controllo l’inflazione, evitando che si esprima al di sopra dei livelli previsti nel sistema monetario, favorire la creazione di nuovi posti di lavoro, fondamentalmente nell’attività produttiva, per la quale è fondamentale promuovere lo sviluppo locale, privilegiando il turismo, a sostegno della sua graduale ripresa e con enfasi sulle forniture per la circolazione commerciale al dettaglio in tutti prodotti di ampia richiesta.

Allo stesso modo, la promozione degli investimenti nella Zona di Sviluppo Speciale Mariel e l’aumento delle vendite di enti nazionali alla Zona al di sopra di quanto previsto nel Piano, e la partecipazione dell’industria nazionale come fornitore della vendita di valuta al dettaglio e all’ingrosso.

In questo contesto, sarà necessario migliorare il deficit fiscale previsto, basato su una maggiore efficienza nella spesa pubblica e maggiori entrate dal bilancio dello Stato.

Con l’inizio dell’ordine monetario, l’anno 2021 sarà decisivo per la graduale ripresa dell’economia, purché riusciremo a creare condizioni più favorevoli per lo sviluppo del settore produttivo nazionale.

Tali priorità si collegano ad alcuni progressi compiuti durante questo anno difficile, come i programmi di sviluppo territoriale, la gestione della scienza e dell’innovazione, le reti di laboratori di biologia molecolare, i nuovi poteri concessi al sistema aziendale, il programma per il progresso delle donne, la politica di commercializzazione dei prodotti agricoli, la creazione di parchi tecnologici e società commerciali all’interfaccia tra università e aziende.

La condotta dell’economia è stata progettata in base al principio di garantire, come obiettivi essenziali, l’accesso a cibo, carburante, fertilizzanti e pesticidi, medicinali, soddisfacendo le esigenze della difesa, nonché la priorità nell’ottenere finanziamenti per l’industria nazionale, rendendo efficace lo scopo di non importare ciò che possiamo produrre in modo efficiente nel paese.

Il principio è stato quello di introdurre modifiche per ottenere maggiore flessibilità, obiettività e innovazione nella risposta ai problemi e nella ricerca di soluzioni.

Compagne e compagni:

La sfida del periodo che stiamo valutando oggi è stata più grande che in qualsiasi altro momento, poiché riteniamo, nello stesso anno della pandemia e dell’intensificarsi del blocco, avviare l’applicazione del sistema monetario e rispettare un programma legislativo molto intenso che lo concede forza pratica alla nostra Costituzione.

Il compito di ordinare il processo economico, è, senza dubbio, più complesso degli ultimi anni.

Ma rimandarlo sarebbe ancora più costoso nel tempo.

Seguiamo con interesse e rispetto le preoccupazioni della popolazione, di cui ci sforziamo di costruire il benessere.

Per rispondere a loro, ministri e specialisti spiegano e risponderanno più di una volta e in dettaglio alle domande che possono generare dubbi, quasi tutte dovute alla novità del processo.

Ci sono preoccupazioni per quanto riguarda i salari e anche per quanto riguarda le tariffe elettriche. Potremmo dare un’unica risposta limitandoci a spiegare il mantenimento di grossi sussidi ai settori che consumano meno; ma nell’ordine monetario nessuna misura può essere vista al di fuori del contesto economico nazionale e mondiale, dove i prezzi e l’accesso ai combustibili costringono i paesi meno sviluppati ad adeguare i propri consumi.

Quello che possiamo dire categoricamente è che non si tratta di una politica di terapia d’urto, o di “corralitos” finanziari, come alcuni insistono nel proiettare.

Ciò che deve essere rivisto verrà rivisto e ciò che deve e può essere corretto verrà corretto (Applausi).

La Rivoluzione insiste sulla sua ferma intenzione che nessuno rimarrà impotente.

È vero che si è dovuto ricorrere a misure come i depositi in valuta liberamente convertibile, così contestati, ma indispensabili per favorire le rimesse, canalizzarle e risolvere una contraddizione segnalata in modo persistente e critico da economisti e altri esperti, ovvero la fuga all’estero di valuta estera che stava prosciugando lo scarso reddito del paese tramite acquirenti privati.

La soluzione è stata quella di attirare quelle risorse sul mercato interno e con il reddito in valuta liberamente convertibile per finanziare le spese di cibo e carburante del Paese, in un momento in cui non c’erano nemmeno arrivi turistici e la pandemia gravava pesantemente sul magro capitale a disposizione.

Il vice primo ministro Alejandro Gil Fernández lo ha già spiegato più di una volta: la vitalità del servizio nazionale di energia elettrica e i minimi del paniere di base standardizzato di cui nessuno vuole fare a meno, non potrebbero essere garantiti senza la valuta estera che ci vorrà ancora tempo per recuperare per conto di produzioni nazionali ed esportazioni.

Deputate, deputati:

Sicuramente molti di voi hanno visto le crescenti manipolazioni e pressioni attraverso le quali accusano Cuba di ritardo e paralisi nel programma legislativo.

Cercano di ostacolare la leadership della Rivoluzione, cancellare più di 60 anni di battaglie per i diritti delle donne e contro ogni tipo di discriminazione e abuso, contro la violenza e l’esclusione dei settori sociali che fino al 1959 non contavano nella politica nazionale.

In questa Sessione, in ottemperanza alle disposizioni transitorie della Costituzione, sono state approvate due importanti leggi, che rispondono agli standards richiesti per l’organizzazione e il funzionamento degli organi locali del Potere Popolare.

Abbiamo apprezzato che entrambe le disposizioni normative siano state oggetto di un duro lavoro da parte dei responsabili della loro preparazione, soprattutto, sulla base dell’elevato numero di pareri a seguito dei processi di consultazione effettuati, sia nel Governo che tra i vertici delle province e comuni, deputati e accademia.

Come specificato in entrambi gli organi giuridici, il suo contenuto sarà soggetto a valutazione da parte dell’Assemblea Nazionale, un anno dopo la sua entrata in vigore.

L’esperienza nella sua applicazione ci consentirà di apportare i relativi adeguamenti, vista la novità delle istituzioni in esse stabilite.

Con queste leggi sono state approvate quest’anno in totale sei, in conformità con il Piano Legislativo, che ora abbiamo dovuto riadattare, e sono espressione dello sforzo compiuto per rispettare le complesse circostanze imposte dal COVID-19.

L’attività legislativa e, in particolare, i gruppi di lavoro preposti alla redazione dei progetti preliminari non sono stati interrotti.

In alcuni casi, a causa della complessità delle regole, è stato necessario ampliare le domande e correggere molti dei loro contenuti.

La creazione normativa, come sapete, non si limita solo alle leggi.

Come qui affermato, il Consiglio di Stato ha approvato quest’anno 25 decreti legge, 11 dei quali nel rispetto del Programma delineato, a dimostrazione dell’impegno profuso anche in questa attività.

Il ri-adeguamento ora approvato mostra una maggiore obiettività, in conseguenza delle esperienze acquisite dopo la sua approvazione da parte di questa Assemblea.

Nel caso particolare del codice della famiglia, rimaniamo impegnati a fare progressi in tutto ciò che è necessario, nonostante le circostanze attuali.

Questa regola, come sappiamo, ha un ampio impatto sulla società e richiede la massima preparazione, istruzione e consenso sociale.

Il gruppo di lavoro, coordinato dal Ministero della Giustizia e composto da specialisti in diritto di famiglia, psicologi e ricercatori di varie istituzioni, si è adoperato per definire le politiche fondamentali.

Allo stesso modo, siamo stati costretti a rimandare nel tempo altre disposizioni normative, tra cui alcune di quelle previste dalle disposizioni transitorie della Costituzione e altre che regolano questioni di interesse della popolazione.

Vogliamo ratificare l’invariabile volontà di perseverare per poter contare sulle norme giuridiche necessarie per attuare il nuovo testo costituzionale ed evitare in futuro ogni vuoto giuridico.

Nelle circostanze eccezionali che ci sono state imposte dalla pandemia, è stato svolto un intenso lavoro per far avanzare la discussione e l’approvazione di leggi volte ad approfondire la giustizia sociale e rafforzare lo Stato di diritto.

E chiederemo più dinamismo per ottemperare al mandato di rendere efficace la Costituzione.

Con la costante insistenza del generale dell’esercito Raúl Castro Ruz a capo di questi processi, il nostro partito e il nostro governo hanno dato la massima priorità alla realizzazione di un programma intenso e complesso, in cui lavoreremo fino a quando le consultazioni non saranno esaurite e valutati i punti di vista, giudizi e apprezzamenti, spesso contraddittori, della maggioranza della popolazione.

Non è qualcosa che possiamo risolvere alla leggera, perché andremmo contro lo spirito della nostra Magna Carta.

La legislazione è un atto molto serio, che determina il destino di tutti i cittadini.

Sta a noi farlo nel più breve tempo possibile, ma sempre, prima di tutto, con la premessa che siamo un’assemblea libera da pressioni lobbistiche.

Siamo l’Assemblea del popolo cubano e dobbiamo dare conto alle sue richieste e ai sui tempi. A nessun altro (applausi).

Colleghe, colleghi:

Passando ai temi dell’agenda internazionale, dobbiamo anche evidenziare l’impatto unico e inaspettato della pandemia, che ha aggravato le contraddizioni già esistenti nel mondo e le tensioni di un’economia globale che tendeva a rallentare i volumi di produzione e i flussi commerciali.

Come in simili circostanze storiche, il peso maggiore della crisi è ricaduto sui più svantaggiati e diseredati che, nella maggior parte dei paesi, hanno subito l’aggravarsi delle loro difficoltà, mentre la povertà in generale cresce insieme alla disuguaglianza e alla povertà, alla polarizzazione sociale.

Incredibilmente, le più grandi fortune del pianeta, quelle di cui godono pochi, hanno ottenuto guadagni senza precedenti con la pandemia.

E, per la maggioranza, le prospettive non sono più promettenti per l’anno che sta per iniziare.

L’impatto complessivo dei disadattamenti già sperimentati continuerà a peggiorare, con grandi domande su quando e come si riprenderà la produzione manifatturiera generale e la fornitura di servizi nei grandi centri economici e nei paesi in via di sviluppo; con l’incertezza sui flussi commerciali, l’occupazione e la stabilità finanziaria.

La politica estera marcatamente aggressiva e unilaterale degli Stati Uniti negli ultimi anni ha aggravato le minacce alla pace, alla sicurezza e ai meccanismi multilaterali, regionali e internazionali che per decenni, e anche con limitazioni, hanno sostenuto il sistema delle relazioni internazionali, alla cooperazione e al diritto internazionale come quadro di riferimento per l’interazione tra le nazioni.

Per Cuba e per la maggior parte dei paesi le possibilità di scambio diretto sono state ridotte.

Gli incontri internazionali hanno dovuto ricorrere a deliberazioni virtuali, con l’uso di tecnologie di comunicazione, che introduce un nuovo modo di praticare la diplomazia bilaterale e multilaterale, ma limita l’effetto insostituibile dell’interazione personale nel promuovere la conoscenza reciproca, costruire la fiducia e la capacità di deliberare in profondità su questioni delicate.

In questo contesto impegnativo e senza trascurare nessuna delle priorità, il Paese ha continuato a rafforzare e sviluppare le sue relazioni con la comunità internazionale, sulla base dei principi della Carta delle Nazioni Unite, combattendo sempre a favore della pace e della tutela dell’ambiente, promuovendo i postulati del Movimento dei Paesi non allineati, e costantemente impegnato per l’unità e l’integrazione dei popoli dell’America Latina e dei Caraibi.

Dimostriamo la capacità di sostenere e portare la cooperazione solidale, pietra angolare e caratteristica unica della nostra politica estera, in nuove aree.

Prima o poi verrà scritta la storia di questa terribile pandemia e del suo impatto a livello globale.

Se narrato con onestà, sarà impossibile ignorare il ruolo di Cuba e delle migliaia di cubani che volontariamente si sono recati in altre terre per affrontare il pericolo e onorare il giuramento d’Ippocrate che accompagna la coscienza e il cuore dei nostri abili operatori sanitari.

D’altra parte, abbiamo adottato misure volte a proteggere e sostenere i cittadini cubani che si trovano all’estero.

A tal fine e in considerazione della necessità di rispettare rigorosi protocolli di tutela e distanziamento, abbiamo promosso lo svolgimento delle procedure consolari a distanza.

Nonostante la necessaria cancellazione dei voli di linea per circa sette mesi, è stato fornito il supporto per 94 voli charter che hanno consentito il rientro a Cuba di oltre 5.000 connazionali da 56 Paesi, mentre sono state adottate misure eccezionali come l’estensione automatica di soggiorno all’estero.

La volontà di continuare a rafforzare i legami tra Cuba e i suoi cittadini all’estero è irrevocabile.

Pochi giorni fa, l’8 dicembre, abbiamo celebrato il Settimo Vertice Caricom-Cuba, che ha confermato il consolidamento di strette relazioni con i fratelli caraibici, basate sul sostegno reciproco, la cooperazione e la solidarietà di fronte alle sfide che dobbiamo affrontare nel sistema internazionale, ingiusto e ineguale.

In questi tempi, in cui la cooperazione è più necessaria, condividiamo con orgoglio la disponibilità e la dedizione dei nostri medici e professionisti sanitari che forniscono servizi in tutte le nazioni della Comunità caraibica e per la prima volta anche in cinque territori non indipendenti .

Abbiamo ringraziato i Caraibi per la solidarietà e il rispetto per Cuba e abbiamo coraggiosamente difeso l’amicizia reciproca.

Pochi giorni dopo, abbiamo tenuto il XVIII Summit ALBA-TCP, in cui abbiamo ratificato il nostro rifiuto del comportamento interventista dell’imperialismo nell’emisfero e i tentativi di reimporre la Dottrina Monroe, nello stesso momento in cui abbiamo riaffermato il nostro sostegno alla Rivoluzione Bolivariana e Chavista, al governo della sorella Nicaragua e celebriamo il ritorno dello Stato Plurinazionale della Bolivia a quell’organizzazione.

Il quarto e ultimo anno dell’attuale governo degli Stati Uniti, il dodicesimo dal trionfo della Rivoluzione, sta per concludersi.

Impegnato nei settori più rabbiosamente anti-cubani di quel paese, ha scatenato una sordida guerra contro Cuba in questo periodo, con l’assurda pretesa di metterci in ginocchio, spezzando la resistenza della Rivoluzione e costringendoci a fare concessioni, sia in politica estera che in la nostra realtà interna.

Il suo fallimento è clamoroso e noto.

Le conseguenze sull’economia e il suo impatto sulla vita e sul benessere di milioni di cubani, tuttavia, sono state di vasta portata.

La guerra economica è stata perfidamente diretta contro le principali fonti di reddito e contro l’approvvigionamento di carburante, con misure di natura non convenzionale, inadatte al tempo di pace.

L’ambizione di soffocare la performance economica del Paese è stata dichiarata apertamente e c’è stato chi ha iniziato pubblicamente a contare i giorni.

All’effetto già schiacciante del blocco, sono state aggiunte misure che lo scalano a un livello qualitativamente superiore.

L’uso del titolo III della legge Helms-Burton per punire o minacciare coloro che legittimamente commerciano con Cuba o investono qui, l’attacco alle rimesse, l’elaborazione di liste stravaganti per applicare ulteriori restrizioni al sistema commerciale cubano, le limitazioni aggiunte al le ristrette possibilità di viaggio, la persecuzione criminale delle forniture di carburante, la molestia delle transazioni finanziarie in qualsiasi angolo del mondo e la campagna di pressione contro i paesi terzi affinché rifiutino di richiedere la nostra cooperazione medica, anche quando ne hanno bisogno, sono azioni che portano a il marchio Trump e il marchio della coorte di estremisti che oggi governano senza scrupoli quel paese.

Nei media nazionali e nei forum multilaterali abbiamo discusso in dettaglio il costo per l’isola di quella guerra, che, nel contesto della pandemia, gli Stati Uniti rafforzarono con volontà crudele e spietata.

Come abbiamo già detto, è qualcosa che i cubani non possono dimenticare.

La verità non può essere nascosta: il blocco economico è moralmente e legalmente insostenibile.

Questo è noto a molti politici negli Stati Uniti con i quali abbiamo condiviso per anni e saremmo sorpresi se qualcuno potesse ancora argomentare il contrario.

Nessun governante potrebbe giustificare da un punto di vista etico che è legittimo usare il travolgente potere economico e tecnologico di una superpotenza come gli Stati Uniti per sottoporre una nazione relativamente piccola con poca ricchezza naturale all’asfissia economica per 60 anni.

Si sostiene che ci siano discrepanze politiche tra i nostri due governi, e ovviamente ci sono.

Abbiamo molte differenze e riserve su quanto sta accadendo negli Stati Uniti.

Ma questo non dà a quel paese il diritto di tentare di imporre la sua volontà con la forza su questa terra e su questo popolo.

Abbiamo dimostrato una resilienza unica e siamo determinati a rifiutare tale sforzo.

Insistiamo sulla convinzione che sia possibile costruire un rapporto rispettoso e duraturo tra le due nazioni e, come è già stato detto abbastanza chiaramente, siamo pronti a discutere qualsiasi questione.

Quello che non siamo disposti a negoziare e quello a cui non daremo una virgola è con la Rivoluzione, il socialismo e la nostra sovranità.

I principi non saranno mai sul tavolo! (Applausi.)

Compatrioti:

Non dimenticheremo sicuramente che questo scenario complesso che abbiamo descritto oggi è coinciso nel tempo con il periodo elettorale del nostro vicino settentrionale.

E Cuba è diventata ancora una volta una questione nell’agenda elettorale interna.

Sono piovute minacce e sono piovuti soldi per promuovere quello che molti credevano sarebbe stato il colpo finale a Cuba, Nicaragua e Venezuela in un presumibilmente secondo mandato dell’ancora presidente.

Oppure una situazione di instabilità e tensione che impedirebbe ogni possibile ritorno al dialogo in caso di vittoria democratica.

Con tutto, ci sono state lanciate provocazioni da atteggiamenti mercenari legati a falsi scioperi di presunti artisti che cercavano di attirare l’opinione pubblica e l’intellighenzia per imporre dialoghi mimetizzati in autentiche preoccupazioni del settore.

Ma c’erano più rivendicazioni extra-artistiche con l’evidente scopo di fungere da piattaforma per progetti di confronto precedentemente articolati, con l’obiettivo di creare un’opposizione politica senza base sociale.

E sullo sfondo, azioni terroristiche, notizie false e minacce violente sulle reti.

Cioè, in poche parole, il riassunto del colpo di stato non così morbido che è stato preparato per Cuba come il bonus finale di un anno difficile.

È qualcosa che i nostri media hanno spiegato, coraggiosamente e in dettaglio, motivo per cui stanno tentando invano di denigrare su alcune piattaforme finanziate dall’estero.

Abbiamo visto proiettati in tempo reale i vecchi e nuovi piani dei servizi speciali americani contro la rivoluzione, il prodotto dei corsi di formazione alla leadership di NED e USAID, l’attenzione che ipocritamente pretendono di prestare ai problemi che affliggono e irritano gli Stati Uniti la popolazione, in maggioranza causata dal crudele blocco dello stesso governo che le inasprisce per generare malcontento, ma anche da lacune ed errori delle nostre istituzioni nel loro legame essenziale con chi svolge attività connesse.

È una guerra spietata, che ignora etica e principi e che, sotto l’ombrello di premi e altri doni, attraverso presunte ONG e agenzie dipendenti da governi stranieri, gruppi finanziari e azioni volte a denigrare e indebolire lo Stato.

I “leader di laboratorio” sembrano prendere le distanze dai violenti, si travestiranno da pacifici negoziatori politici e cercheranno di imporre i loro programmi, scommettendo sullo scoppio sociale se le loro richieste non saranno soddisfatte.

Sotto quel fuoco, che mira a distrarci dai compiti essenziali, dobbiamo continuare a lottare per un Paese migliore, senza stancarci.

Non è la prima volta nella storia che i nemici della Rivoluzione Cubana cercano di colpirla opportunisticamente, in un momento difficile per l’economia e la società.

Non è la prima volta che i lupi si sono travestiti da pecore e hanno cercato di prendere una testa di ponte.

Non è la prima volta che mentono e presentano al mondo un paese diverso dalla loro realtà.

La narrazione è quasi fittizia e non mancano mezzi potenti per amplificarla in spagnolo e inglese.

Gonfiano i fatti così tanto che in un momento di tante sfide e urgenze, corriamo il rischio di distogliere l’attenzione dalle questioni in cui la vita della nazione si muoverà al ritmo di chi vuole distruggerla.

Questo non è un governo disconnesso dalle persone rinchiuse negli uffici.

Giriamo sistematicamente le province, visitiamo università, centri di ricerca, fabbriche, scuole, ospedali, centri agricoli.

Là abbiamo dialogato con chi pensa e lavora come Paese, con chi rende possibile a Cuba di vivere in mezzo agli attentati e alle difficoltà più dure.

Non dimenticare che per ciascuno di coloro che si uniscono alle reti, convocato dall’odio, dalla vendetta e dal desiderio di nuocere a un governo, anche se questo significa danneggiare l’intero popolo, ce ne sono molti di più uniti nella passione per salvarlo, portalo avanti e avvicinalo un po ‘alla prosperità desiderata.

Per le prestazioni di molte strutture, istituzioni e spazi statali cubani, questo è stato un anno di crisi a causa del COVID-19.

Da una crisi sanitaria, economica e produttiva, ma è stato anche il momento di imparare a utilizzare al meglio gli strumenti che la tecnologia ci offre e di dare una spinta, ancora inaccettabilmente lenta, al governo elettronico, necessariamente connesso alle preoccupazioni e alle domande del la cittadinanza.

È anche urgente promuovere cambiamenti più profondi a livello strutturale per liberare le forze produttive, mettere all’angolo la burocrazia e chiudere le strade alla corruzione.

Spetta a tutti noi promuovere le trasformazioni con agilità e chiarezza.

È una sfida a cui stanno attualmente partecipando team multidisciplinari, in modo che ogni azione sia avallata da criteri scientifici di direzione e avvenga con il minor numero di traumi possibile.

Ci siamo orientati e chiediamo che le organizzazioni e le istituzioni abbiano come priorità nelle loro agende il legame reale e costante con le loro basi e con la popolazione in generale.

La vita ci ha dimostrato molte volte che le decisioni inappropriate e gli errori che ne derivano possono essere corretti in modo tempestivo se l’orecchio è tenuto vicino al suolo, il che in questo momento può significare attenzione incollata al battito cardiaco delle persone, sia virtualmente o di persona.

L’ho detto e lo ribadisco: questa è la sinergia essenziale per lo sviluppo in una società partecipativa come la nostra.

È la manifestazione contemporanea dell’efficacia dell’autentico potere popolare.

Compagni e compagni:

Anche se oggi abbiamo ampliato più di altre volte, c’è una riflessione che non posso non condividere con voi e con tutta la nostra gente.

A parte le manipolazioni attraverso le reti, l’uso di mezzi e formule efficaci per un pubblico sensibile e colto, ci chiediamo: perché hanno attaccato la nostra cultura?
Non è difficile decifrare il mistero.

A Cuba, Cultura e Rivoluzione sono equivalenze fin dall’origine della nazionalità.

Basti ricordare quel 20 ottobre quando Perucho Figueredo scrisse il testo dell’Inno di Bayamo alla groppa del cavallo sul quale si lanciò in combattimento con Céspedes.

Puntare alla cultura, alla frattura della cultura cubana, è puntare al cuore della rivoluzione cubana, all’identità nazionale.

Chi se non i nostri grandi intellettuali e artisti sono i creatori dell’ideologia della ribellione e dell’antimperialismo?

Sono loro e loro che hanno sempre segnato, con le loro idee e le loro opere, i limiti di ogni dialogo nella nazione che emergeva con un’identità ben definita, lottando contro un impero per la sua indipendenza e un altro per la sovranità.

Dal suo genio è emersa la nazione che ha definito il suo destino in una fedeltà superiore al testamento politico di José Martí: antimperialista a tutti gli effetti.

Un popolo che ha sfidato le potenze imperiali ed è crudelmente punito con il blocco più lungo della storia per la sua decisione di conquistare tutta la giustizia, come una vera aspirazione, e costruire il socialismo, con i fucili alzati e Fidel e Raúl all’avanguardia, solo 90 miglia.

Il contesto è più complesso e aggressivo che mai e non possiamo essere ingenui.
C’è uno sciame annessionista che vuole che il progetto del nostro paese crolli, cercando di sfruttare le nostre carenze e di paralizzare le trasformazioni in corso.

L’industria controrivoluzionaria sposta molti soldi e chiede azioni a coloro che le paga.
Questo è il motivo per cui i vandali manifestano la loro violenza ei terroristi non si vergognano di dichiarare le loro operazioni.

La scena del soft coup è ancora attiva e la guerra non convenzionale cerca gli spazi più diversi per scatenarsi.

Sono in corso nuove provocazioni e le sconfiggeremo ancora.

Con unità, con coerenza, con disposizione, senza paura, con il popolo, senza aspettare una guida, senza indugio, con fermezza, con mano ferma, con intelligenza, con decenza, con lucidità e con adesione alla nostra Costituzione e ai principi che difendiamo, possiamo sempre vincere e ogni volta con più forza (Applausi).

È anche nostra responsabilità valutare i difetti, le lacune, la sistemazione, l’insensibilità, il formalismo, la burocrazia e l’immobilità radicati in alcune istituzioni.

Rivediamo più e più volte il concetto di Rivoluzione che Fidel ci ha lasciato, così come il suo avvertimento che solo i nostri errori potrebbero portare all’autodistruzione della Rivoluzione.

Rafforzare l’operato del Governo e delle Istituzioni in diretta interazione con i cittadini è una responsabilità che si è approfondita con la nuova Costituzione.

È vitale per la nazione mantenere vivo e svilupparsi il dialogo con i giovani in tutte le istituzioni ea tutti i livelli.

Abbiamo il dovere e la responsabilità di attirarli, stimolando la loro realizzazione personale e professionale, la loro partecipazione a compiti importanti e anche con rispetto e attenzione alle loro proposte.

La formalità nelle risposte alla popolazione deve essere definitivamente bandita, andando a fondo e, quando possibile, faccia a faccia.

Non si tratta solo di ascoltare e registrare ogni reclamo o dichiarazione.
Si tratta di rispondere in modo efficace e tempestivo, quando possibile, con una soluzione.

Questo obbligo deve condurci costantemente alla base, ad ascoltare, a partecipare, a garantire la partecipazione dei cittadini, senza la quale la democrazia socialista non ha senso.

L’obiettivo è facilitare l’adempimento delle funzioni sostanziali di ciascuna entità.

Trattare i problemi sociali in modo freddo e formale significa tradire l’essenza della partecipazione popolare che chiediamo.

Dovrebbe essere chiaro che i problemi devono essere affrontati e risolti dalle istituzioni a cui corrisponde, a causa del suo ambito di azione.

Compatrioti:

A causa del suo impatto sulla vita di tutti, è una priorità nazionale rafforzare l’economia e ciò che contribuisce ad accelerare lo sviluppo del paese.

Non possiamo più rimandare ciò che il popolo ha ordinato negli ultimi congressi del Partito.

È necessario implementare senza indugio tutto ciò che è in sospeso, scuotere il sistema aziendale, garantire l’ordine, affrontare con intelligenza l’aumento dei prezzi.

Chiediamo anche il necessario settore privato e cooperativo.

È necessario bandire l’egoismo e la ricerca esclusiva del vantaggio personale che spinge alcuni a pescare nel fiume agitato dei bisogni della maggioranza, aumentando abusivamente i prezzi.

Questo popolo nobile e laborioso è sopravvissuto a tutti gli assedi e gli abusi imperiali con unastraordinaria dose di solidarietà e generosità che è già una parte inseparabile dell’essere nazionale.

L’egoismo è un atteggiamento che non prospererà nella nostra patria.

Cuba appartiene a tutti, alcuni hanno affermato in questi giorni, ma non sarebbe giusto provare il loro possesso senza badare ai loro bisogni.
Non insistiamo sul fatto che appartiene a noi.
Capiamo cosa significa appartenere a lei.
“La patria è per, non un piedistallo”, ha detto José Martí, sottolineando le profonde differenze tra coloro che sono disposti a sacrificarsi per servirla e coloro che vorrebbero usarlo o darlo a un altro.

Le organizzazioni politiche e di massa sono chiamate ad essere più proattive e inclusive.

Non trascurate mai l’importante componente sociale nel vostro lavoro politico ideologico e lavorate con tutti, non solo con i convinti, ma anche con gli apatici, nella cui indifferenza abbiamo una quota di responsabilità che non abbiamo potuto aggiungere.

Affrontare senza restrizioni il dibattito e l’attenzione a tematiche sociali quali marginalità, disonestà, volgarità, dipendenze, disfunzioni familiari, abbandoni scolastici, situazione dei più vulnerabili, femminicidio, discriminazione di qualsiasi tipo e altri problemi che un giorno ci saltano in faccia attraverso le piattaforme digitali, ma non attraverso entità che dovrebbero essere con le unghie sparse per terra.

Le organizzazioni sono convocate in modo permanente per agire nelle strade.
Non solo per organizzare eventi o proclamare i nostri slogan.
Sono chiamati a lavorare, a visitare scuole, quartieri, a interagire, a conoscere i problemi e le realtà della nostra gente.

Non possiamo permettere che tre o quattro provocatori trasformino un’area comunitaria in una discarica mediatica per coloro che la presentano come il territorio di persone che odiano la Rivoluzione.

Cubani e cubane :

Dopo un anno così impegnativo e difficile, il nostro personale merita di celebrare i propri progressi e la propria resilienza nel miglior ambiente possibile.

Lavoriamo socialmente e integralmente su progetti con le famiglie nei loro quartieri, riempiendole di rispetto, identità e autostima, in modo che tutti i loro vicini siano orgogliosi di quel pezzo di patria, del loro paese, del loro governo e della loro rivoluzione.

Abbiamo dimostrato la capacità di affrontare tutte le difficoltà e le sfide.

Funzioniamo in modo organizzato ed eccoci qui. Ancora una volta abbiamo sconfitto e smantellato le intenzioni più malvagie dell’impero di distruggere la Rivoluzione.

La città è cresciuta in questo 2020, così forte, che ha messo alla prova la nostra resistenza, la nostra solidarietà, la nostra unità, ma ci ha dato lezioni più grandi.

E ci ha dato la vittoria.

Con questi apprendimenti, il 2021 ci appare nell’orizzonte intenso e sfidante, come un trampolino di lancio per superare i propri limiti, sulla via del miglioramento e della continuità.

Dobbiamo dedicarci a trasformare in azione la convinzione condivisa che il lavoro di giustizia sociale che abbiamo intrapreso troverà il suo miglior supporto in una crescita produttiva ed efficiente basata sui nostri risultati.

In questi giorni di fine anno, incontro imprescindibile per continuare insieme a “spingere il Paese”, come scriveva il poeta, sentiamo profondamente l’assenza di voci accattivanti che per molti anni hanno incorporato la bellezza nell’analisi e nei dibattiti del Parlamento e la forza delle idee che intrecciano la nazionalità cubana, il sentimento di patria, la comunità di interessi e di sogni.

In primo luogo viene ricordato Fidel, capace di far crescere con la sua voce e le sue idee il pensiero imbattibile della nazione di fronte agli avversari.

La sua sedia è ancora qui, immortalando l’eredità insuperabile di lezioni politiche che ci ha lasciato come compito permanente.

E, più recentemente, è mancato uno dei suoi più stretti discepoli e collaboratori nella missione di parlare alla gente: la tribuna a lato della sala: don Eusebio dell’Avana, che ci ha sempre portato qui l’infinita ricchezza dell’intellighenzia Cubano, da cui si è nutrito il suo indimenticabile oratorio.

Ci ricordano che tutto il pensiero è un seme.

Pensare come un paese significa seminare e fertilizzare il futuro.

Vi invitiamo a continuare a pensare e ad agire come un Paese per consolidare la certezza del trionfo e della creatività di quella Cuba Viva che è diventata la premessa dei giorni nostri.

Ci sono ancora motivi per festeggiare, più ragioni sono state più dure le prove che abbiamo superato.

Congratulazioni cubane e cubane!

Siamo Cuba Viva!

Siamo il Paese determinato a resistere e sconfiggere gli assedi e gli attacchi più crudeli e perversi.

E qui continuiamo: vivere, resistere, creare e vincere.

Avanti nel 2021!

Cuba ti aspetta, viva e rafforzata nei combattimenti dell’anno che finisce.

I bambini della Centennial Generation, insieme alla nostra gente, hanno il dovere, l’impegno e l’onore di dare continuità alla storia che ci ha portato qui.

E il nostro slogan continua ad essere:

¡Patria o Muerte!

¡Venceremos! ” 💗🇨🇺✊

~ Discorso pronunciato da Miguel Mario Díaz-Canel Bermúdez, Presidente della Repubblica di Cuba, alla chiusura del VI Periodo Ordinario di Sessioni dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, nella sua IX Legislatura, al Palazzo dei Congressi, il 17 dicembre, 2020, “Anno 62 della Rivoluzione”. ~

Presidencia y Gobierno de Cuba

Traduzione: Silvana Sale ~

Asilo político en Suecia: el caso Erlin Armando Mejía

por Luis Matute

Este es el caso de Erlin Armando Mejía Andino, activista hondureño en favor de los Derechos Humanos, de los Derechos de los Discapacitados.

Con tres años residenciado en Suecia desde el 01 de septiembre de 2017, este activista político perteneciente al partido de Izquierda Libre comenta que no puede volver a su tierra natal debido a que es perseguido político, sin embargo, él afirma que el gobierno hondureño es el que lo ha amenazado, reprimido y perseguido.

Buscó ayuda con patrocinio de una ONG llamada Oxfam, pero la Migración sueca dice que Mejía no tiene suficientes argumentos para solicitar el asilo político que mantiene el gobierno sueco, aunque la ONU en 2019 publicó un informe sobre los Defensores de los Derechos Humanos en el país centroamericano “Las personas que defienden los derechos humanos son estigmatizadas a través de campañas de desprestigio  y que el gobierno hondureño los equipara con terroristas y delincuentes”.

Consideramos que es mejor que Erlin sea el que relate un poco su historia, esto dijo en una entrevista que le hicieron los medios: “Yo en Honduras era un defensor de los Derechos Humanos. Empecé una lucha por las personas con capacidades especiales. Me acuerdo que, en enero de 2015, mande una carta al Secretario General de las Naciones Unidas cuando vino para Honduras y que esa acción apareció tanto en los medios nacionales como internacionales. Tuvimos un plantón en frente donde hizo un evento, en el hotel donde se hospedaba en Tegucigalpa. También participé en protestas estudiantiles, y ayudé a fundar un movimiento llamado “Los Indignados”, que encabezó la marcha de las antorchas, hecho que se supo a nivel mundial. Y en Honduras yo pertenecí al partido LIBRE, el cual encabeza el ex presidente Manuel Zelaya, al que le hicieron un golpe de estado en 2009. Es un partido de izquierda, con una tendencia socialista y mi ideología política es socialista también. La lucha yo la empecé por las personas con capacidades especiales, pero al final se fue extendiendo hacia la lucha estudiantil, la lucha contra la corrupción y luego la lucha contra la reelección del presidente Juan Orlando Hernández, lo que me trajo muchos problemas. Me trajo una persecución política muy fuerte. Teléfonos intervenidos, correos hackeados, Facebook hackeado, amenaza de muerte, y una situación de secuestro el 20 de julio de 2015 por parte de la policía a las afueras de la casa presidencial, porque también participe de una huelga de hambre. 

Entonces, la policía me secuestro a mí por unos minutos el día 20 de julio de 2015. También hubo amenazas de muerte por parte de agentes represores del estado hacia mi persona y lo último que paso el 4 de octubre del 2015 es que secuestraron a una de mis hermanas. Ella actualmente tiene 18 años.

En ese entonces tenía 15 años. Ella es sorda y ella fue secuestrada por una red de trata de personas donde, lógicamente, están involucrados políticos hondureños del partido que está en el poder, que es el Partido Nacional. Militares, Policías, Empresarios, ONG´S que dicen apoyar a las personas con discapacidad. Es una red de trata de personas muy grande que opera en muchos países de Latinoamérica, en México, El Salvador, Guatemala, Belice, Honduras, Nicaragua, Costa Rica, Panamá, Colombia, Venezuela, Chile, Perú y Bolivia. Yo incluso públicamente he denunciado la existencia de esta red. Se lo hice saber a la CIDH, hay incluso un expediente abierto en la CIDH y nosotros estamos exiliados aquí en Suecia y venimos a pedir asilo en Suecia desde el 2 de septiembre de 2017”.

En este contexto, podemos entender que si Suecia no apoya a la familia Mejía Andino y los envía de vuelta a Honduras no duraran mucho tiempo, tomando en cuenta que tanto los políticos, militares, ONG, policías, narcotraficantes y el propio gobierno han sido denunciados por este luchador en silla de ruedas, con sus huesos cristalinos y sufriendo de ataque de epilepsia.

Para los que no saben dónde queda Suecia, es un país escandinavo monárquico constitucional, que pertenece a la Unión Europea, queda en Europa del Norte y está ubicado entre Finlandia y Noruega; se destaca en el desarrollo humano, la calidad de vida, seguridad, salud, educación, igualdad, y prosperidad.

Pero parece ser que el gobierno sueco no recuerda su historia, cuando muchos de sus habitantes migraron a los Estados Unidos para evitar el hambre y la rebelión.

Esperemos que su Majestad del Reino de Suecia, acceda a otorgarle el asilo político a esta familia hondureña para que puedan aprender el idioma sueco y conocer la historia medioeval de estos vikingos, que en un momento dado conquistaron muchos países.

Maradona il Rivoluzionario

di Eugenio Lorenzano

La dipartita di Maradona ha generato un’incredibile serie di servizi speciali su tutte le tv italiane, argentine e mondiali. I servizi, talvolta ben fatti e montati ci hanno però propinato un’idea un po’ retorica del pibe de oro e spesso hanno raccontato di un Maradona, che quasi per riconoscenza verso Cuba e Fidel Castro si sarebbe schierato apertamente a fianco del socialismo del XXI secolo. O peggio, che quasi per ripicca contro la squalifica subita per assunzione di efedrina (si badi bene efedrina per dimagrire e non cocaina) ai mondiali statunitensi del 1994, l’asso argentino avrebbe voluto vendicarsi contro il sistema capitalista schierandosi al lato di Fidel, Chávez, Morales, Correa e soci. Non è stato così! Maradona ha acquisito una coscienza politica forte e determinata soprattutto alla fine della sua carriera sportiva.


Già si espresse chiaramente dopo l’epica partita dei mondiali del 1986 dove marcò un goal irregolare di mano contro la detestata Inghilterra, affermando che fosse in qualche modo una compensazione per la perdita delle isole Malvine (Falklands); o meglio una vittoria platonica della sfruttata America Latina contro l’imperialismo anglo-statunitense. Inoltre Maradona amava molto la canzone napoletana e quando venne a sapere che “Carmela” di Sergio Bruni fosse politicamente e poeticamente dedicata alla città di Napoli e non ad una donna, volle immediatamente recarsi a Villa Bruni per conoscere il grande Sergio Bruni e ne rimase ammaliato del suo passato di partigiano delle quattro giornate di Napoli.

Il pibe de oro rafforzò le sue convinzioni dopo il periodo di disintossicazione a Cuba. Voci autorevoli ed attendibili dissero che Maradona in quel periodo a Cuba si dedicò anche alla lettura di testi di Che Guevara. E per chi non lo sapesse Maradona aveva un vistoso tatuaggio sulla spalla rappresentante l’epica effige di Che Guevara. Per meglio stigmatizzare tutto ciò, il noto regista Paolo Sorrentino utilizzò un attore-controfigura nella parte di Maradona con un tatuaggio enorme di Karl Marx sulla schiena. Orgogliosamente Maradona intesse delle amicizie con i capi di stato del socialismo del XXI secolo dal venezuelano Chávez al boliviano Morales; dall’ecuadoriano Correa a Fidel Castro. Il lider maximo era addirittura considerato una sorta di secondo padre da Diego e vi era un filo diretto tra i due che spesso si sentivano per telefono. Nel frattempo ad inizio secolo Maradona conobbe anche il grande regista jugoslavo-bosniaco-serbo Emir Kusturica che influenzò ulteriormente il suo pensiero socio-politico.

Maradona produsse il meglio di sé in campo politico nel 2005 quando per tutta risposta all’allora presidente USA Bush jr., fu tra i maggiori promotori di una marcia di protesta. Bush jr. attraverso la OSA (Organizzazione degli stati americani) aveva indetto una riunione di tutti gli stati del continente, ad eccezione di Cuba (espulsa dall’organizzazione su pressione degli USA dopo la rivoluzione del 1959), al fine di creare un’area di libero commercio continentale, ovviamente a favore dell’egemonia commerciale ed economica degli USA. Tale area di libero commercio avrebbe dovuto chiamarsi ALCA come acronimo di Asociaciòn de Libre Comercio Americana, ed in inglese FTAA. L’entourage di Bush scelse come sede dell’incontro la località balneare Argentina di Mar del Plata. Coordinandosi con i capi di stato contrari all’iniziativa ed invitati a Mar del Plata, Maradona organizzò un treno di protesta da Buenos Aires a Mar del Plata e con la partecipazione di intellettuali del calibro del premio Nobel Adolfo Pérez Esquivél e di personaggi della vera vita politica argentina come la presidentessa delle madri de la Plaza de Mayo Hebe de Bonafini si recò a Mar del Plata. Insomma un treno anti-Bush, ed il campione argentino indossava una maglia con la scritta STOP BUSH. Una numerosa marcia di protesta arrivò sino alla sede del IV vertice OSA delle Americhe protestando energicamente contro la politica di sfruttamento degli USA verso i paesi latinoamericani. Si organizzò anche al contempo un controvertice con la presenza di Chávez, Morales, Correa, Lula, Kirchner e Ortega e si diedero le basi per la costituzione dell’ALBA, ovvero un mercato comune alternativo per i paesi latinoamericani e caraibici. Insomma un vero e proprio smacco diplomatico per gli Stati Uniti ed i suoi paesi vassalli del continente.

In quei frangenti si vide la vera anima politica ed antropica del fuoriclasse argentino, di quell’uomo che proveniva dai quartieri umili e poveri della vasta conurbazione bonairense. Il tutto fu magistralmente filmato e documentato dal regista Kusturica, che ne inserì anche alcune scene nel famoso film-documentario sulla vita del campione argentino. Credo che fu questa l’azione extracalcistica di maggior spessore del pibe del oro. Tanto grande, che come al solito, i proni mass media occidentali quasi non ne hanno proferito parola nei tanti servizi dedicati a Maradona.

Hasta siempre Diego!


Estados Unidos ya no puede juzgar la libertad de expresión en otros países

por argentina.indymedia.org

¿Se puede sacrificar la libertad de expresión por la democracia?

Estados Unidos ya lo ha hecho.

No se puede aprender mucho de la campaña electoral estadounidense. Se puede considerar con razón la carrera más controvertida de la historia del país. Los políticos no son aprensivos en su deseo de ganar. Mientras Donald Trump apoya a la derecha, que anhela la guerra civil, Joe Biden y los demócratas en el verano dieron carta blanca para protestar contra el racismo, que se convirtió en disturbios en las calles de las ciudades estadounidenses. Mientras Donald Trump está revelando una larga historia de corrupción de la familia Biden, los opositores al presidente han dicho que estaba evadiendo impuestos. Y todo esto en el contexto de una crisis sin precedentes y la pandemia del Coronavirus, que ya se ha cobrado la vida de cientos de miles de estadounidenses.

A veces es difícil creer que estamos hablando de los Estados Unidos de América. Un juego electoral tan sucio sería apropiado en países en desarrollo como Ucrania. Pero vemos cómo la capital mundial de la democracia se hunde en métodos de lucha abiertamente viles, incluso modificando su propia constitución. La primera enmienda a este documento, que es venerada por los estadounidenses, garantiza a los ciudadanos el derecho a la libertad de expresión y de prensa. Para ser más precisos, lo hizo.

En la primavera, el presidente de Estados Unidos firmó un decreto que regula las redes sociales. El documento implicaba que las empresas “involucradas en actos de censura y políticas” tendrían que rendir cuentas. Los analistas estadounidenses cuestionaron el decreto, considerándolo una amenaza a la libertad de expresión, que en Estados Unidos está garantizada por la primera enmienda a la Constitución. Pero sería un error convertir este artículo en uno de los que solo critican a Trump. Sí, su decisión puede calificarse con razón de radical, porque estamos hablando de presión. Por otro lado, la decisión fue una medida de represalia que todos ignoran persistentemente.

En primer lugar, los republicanos han afirmado constantemente que las redes sociales han silenciado la opinión de los conservadores. Twitter bloqueó las publicaciones de Donald Trump en absoluto. Por un lado, puede parecer lógico. La publicación viola la política de desinformación de la red social, lo que significa que se retira, aunque lo hizo el jefe de la potencia mundial. Se supone que se eliminarán todas estas publicaciones. En esta etapa surgen problemas.

Sobre todo, las reglas son creadas exclusivamente por la red social, lo que significa que puede manipularlas y abusar de ellas. Recientemente, Facebook y Twitter comenzaron a bloquear un artículo en el New York Post sobre las conexiones de Joe Biden con la empresa ucraniana Burisma, donde trabajaba su hijo Hunter. Con el pretexto de información inexacta, se prohibió a los usuarios de las redes sociales publicar un enlace al artículo de The Post. ¿Pero nadie se da cuenta de que el sistema funciona de forma unilateral? ¿O los medios prodemocracia nunca abusan de los recursos de información? Por supuesto que no. Durante el notorio escándalo de la intervención rusa, no perdieron ni una sola oportunidad para criticar a Trump. Como sabemos ahora, muchas de las acusaciones no tenían pruebas sólidas. Pero, ¿dónde estaba entonces el mecanismo punitivo de las redes sociales?

Constantemente escuchamos que las publicaciones de Trump están bloqueadas por desinformación o marcadas como no confirmadas. Y esto no es en absoluto una preocupación para los usuarios impresionables que están dispuestos a creerle al presidente. El cuidado es una tapadera para una herramienta política banal. Es capaz de convertir a una persona en mentirosa. Este es un gran anti-publicidad cuando se trata de Trump. Pero en sentido amplio, este sistema es una violación de la libertad de expresión. No es solo Trump quien vive en Estados Unidos, y Trump no es el único que usa las redes sociales. Es más, las redes sociales se crearon precisamente para que las personas pudieran expresar sus opiniones. Ahora bien, este hecho pesa un “PERO” muy grande, que

priva a los usuarios de la libertad de expresión. Si una publicación le parece “incorrecta” a alguien, simplemente se bloqueará.

Ciertamente, algunas declaraciones deberían bloquearse. Solo Facebook no tuvo prisa por reaccionar por alguna razón cuando los grupos de extrema derecha estadounidenses usaron una red social para unirse a sus filas. Los radicales de Kenosha también usaron Facebook. En la red social difundían llamadas a disturbios. La manifestación neonazi en Charlottesville el 12 de agosto de 2017, que resultó en un asesinato, también se recopiló en Facebook.

En febrero de 2020, el informe del Network Infection Research Institute mostró un aumento en la retórica extremista en el segmento estadounidense de Facebook. Los radicales, en particular, han pedido masacres de agentes del orden. El problema es que las élites gobernantes estadounidenses han politizado las redes sociales. El hijo de Mark Zuckerberg es una excelente manera de crear el escenario adecuado, dejando solo las publicaciones “adecuadas”.

Desde un punto de vista legal, esto no viola la primera enmienda, que establece que “el Congreso no emitirá ninguna ley” que restrinja la libertad de expresión o de prensa. Al mismo tiempo, los pensamientos definidos por alguien como no deseados simplemente no serán escuchados. Es irónico que, en materia de publicidad, Estados Unidos haya mantenido una posición tácita durante muchos años. Los activistas estadounidenses de derechos humanos han criticado regularmente a otros gobiernos por abusar de la censura. Siempre se ha prestado especial atención a Rusia y China. Pero la elección presidencial permitió que se quitaran las máscaras de los defensores de la democracia, demostrando que para las élites estadounidenses, los medios de comunicación son una herramienta tan grande como para Vladimir Putin o Xi Jinping. Desafortunadamente, la línea divisoria entre lo que comúnmente se considera totalitario y los métodos democráticos es demasiado delgada.

¿Cómo la OTAN intenta invadir el Ártico?

por theduran.com

El comienzo del otoño en la zona ártica global estuvo marcado por los ejercicios de septiembre de la OTAN en el mar de Barents. Las fuerzas armadas de Estados Unidos, Gran Bretaña, Noruega y Dinamarca están involucradas en las maniobras árticas. El objetivo principal del ejercicio se declara “demostrar compromiso con la libertad de navegación en la región”.

Rusia ya ha reaccionado al inicio de ejercicios conjuntos de la coalición occidental comenzando a monitorear las acciones de un destacamento de buques de guerra de las fuerzas navales conjuntas de la OTAN.

Al mismo tiempo, la comunidad de expertos rusa señala que el objetivo declarado de los ejercicios sobre libertad de navegación en la región suena bastante extraño. Rusia nunca ha obstaculizado los barcos y barcos extranjeros y, en general, el transporte marítimo en el Ártico.

Al mismo tiempo, se comprenden plenamente los verdaderos objetivos de la OTAN. La alianza ha declarado oficialmente que Rusia es su principal enemigo. La OTAN está siguiendo una política de fortalecimiento de las llamadas fronteras orientales, desplegando agrupaciones adicionales en los países bálticos y expresando planes para desplegar marines estadounidenses en Noruega de forma permanente. Por supuesto, el propósito de todas estas acciones es un intento de consolidar la contención de la presencia militar de Rusia en el Ártico.

Y si en el ámbito militar los países occidentales demuestran unidad en cuestiones de enfrentamiento contra Rusia, ¿qué pasa con el desarrollo pacífico de las latitudes polares? Hay ejemplos de cooperación completa entre Rusia, Noruega y otros países escandinavos. Tomemos, por ejemplo, la esfera de la ecología. Más de 25 años trabajando juntos para garantizar la eliminación segura de los desechos nucleares en la península de Kola muestran cómo la razón prevalece sobre la ambición. Más de 120 submarinos nucleares antiguos que almacenan combustible nuclear gastado potencialmente mortal en reactores ya no representan una amenaza para el ecosistema ártico. A pesar de la participación financiera de otros países, principalmente Noruega, la propia Rusia cubrió los principales costos.

Actualmente, la corporación estatal rusa “Rosatom” y la FSUE “Atomflot”, que forma parte de su estructura, con la participación de organizaciones autorizadas de Noruega (Autoridad Noruega de Seguridad Radiológica y Nuclear-DSA), Suecia (Autoridad Sueca de Seguridad Radiológica-SSM ), el Instituto Noruego de Tecnología Energética-IFE), así como la empresa noruega diversificada “Nordisk Sikkerhet AS”, están trabajando en la modernización de los equipos del sistema de protección física en el área de manipulación de materiales nucleares y sustancias radiactivas.

Rosatom llegó a un acuerdo con IFE sobre la cuestión de garantizar la seguridad nuclear y radiológica del desmantelamiento de la base técnica flotante Lepse (antes de que fuera remolcada de su estacionamiento para su eliminación hace varios años, los ambientalistas llamaron a Lepse un potencial ahogamiento de una “pesadilla radiactiva”). A expensas de la parte noruega, se comprarán instrumentos de análisis espectrométrico para trabajar con residuos radiactivos sólidos. DSA y SSM recibieron garantías de cooperación técnica a largo plazo en el marco del proyecto para la remoción de combustible nuclear gastado de las instalaciones de almacenamiento en la bahía de Andreeva. Se implementó un proyecto para el suministro, instalación y puesta en servicio de equipos para la zona de manejo de materiales nucleares y sustancias radiactivas de FSUE Atomflot, financiado por DSA por un monto de 2 millones 500 mil de Corona noruegas. En 2020, DSA y SSM destinarán adicionalmente 350 mil USD para los proyectos.

Por lo tanto, la cooperación de Rosa con socios escandinavos para garantizar la seguridad radiológica demuestra la dinámica positiva de la cooperación internacional en la región de Barents.

¿No vale la pena aprender sobre lo militar?

 

El Comité por la Libertad de Aryenis y Alfredo por la libertad de todos los trabajadores detenidos injustamente

L'immagine può contenere: 2 persone*COMUNICADO*

El Comité por la Libertad de Aryenis y Alfredo se une a la lucha por la libertad de todos los compañeros trabajadores detenidos injustamente por reclamar sus derechos y enfrentar la corrupción.

*Inspirados en la enseñanza del Comandante Chávez de que *una revolución es verdadera si está del lado de los intereses de los más humildes,* exhortamos al presidente Nicolás Maduro a “jugársela con lxs trabajadorxs”, como lo hizo el máximo líder de la revolución.

Estamos convencidxs de que *la clase obrera conciente y patriota es la única que puede hacer frente a los efectos del bloqueo imperialista y garantizar la superación de la crisis que padece Venezuela, y que en esta lucha, la burguesía jamás será un aliado,* por el contrario, los burgueses ayer, mañana y siempre serán los hambreadores del pueblo, quienes en Venezuela como parásitos siguen favoreciéndose de la renta petrolera y del trabajo de millones de hombres y mujeres a los que pagan con salarios miserables.

Al día de ayer jueves 25 de junio, se realizó un tuitazo con la etiqueta *#LiberenALosTrabajadoresPresos que durante varias horas fue tendencia, lo cual expresó la voz de protesta de muchas organizaciones de izquierda ante la ascendente línea de injustas detenciones de trabajadores que han exigido sus derechos,* lo cual no constituye delito alguno.

Vemos con indignación la actuación rápida de los organismos de seguridad y de justicia cuando se trata de la judicialización del pueblo pobre, al tiempo que corruptos, mafiosos y conspiradores contra la estabilidad del país, están libres y continúan impunemente socavando las bases de nuestra revolución.

Pero jamás nos rendiremos hasta alcanzar la justicia. *La lucha por la libertad de Aryenis y Alfredo también es una batalla por la dignidad del pueblo trabajador, y en ella va la lucha por sacar adelante a PDVSA y al país entero con el esfuerzo de una clase trabajadora* que cada día debe fortalecerse en la conciencia y en la unidad.

*¡La línea justa es, luchar hasta vencer!*

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe artigos e a obra do teólogo, filósofo, escritor e professor Leonardo Boff

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

tarot Co_creador

donde las líneas de la vida y el alma convergen

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

Sonia Serravalli - Opere, biografia e altro

Se non vedi i miracoli, non significa che non esistano

rivoluzionando

La Rivoluzione del Popolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: