Italia, PC: “Prima la salute dei lavoratori, NON il profitto!”

Risultato immagini per sciopero 25 marzo 2020 gomma plasticadi Monica Perugini*

Se la chiusura non coinvolgerà tutte le attività produttive non essenziali, la salute dei lavoratori sarà posta costantemente a rischio, giacché è pressoché impossibile controllare che le misure preventive all’attacco virale, siano poste in essere nelle fabbriche interessate.

È vergognoso che i lavoratori debbano vedersi derubati di ferie e permessi per stare a casa e porre al riparo la salute di se stessi e delle loro famiglie e a maggior ragione che debbano perdere quote di salario, anche se lo sciopero è rimasto l’unica arma, tuttavia posta in essere in modo esageratamente tardivo dai sindacati confederali come sempre “bruciati” sul tempo da manifestazioni spontanee e di base.

Allo stesso protestiamo ed alziamo la nostra voce contro un governo che spudoratamente, attraverso il suo presidente, dichiara di NON POTER SAPERE quali possano essere le attività essenziali! Ci chiediamo, allora che ci stia a fare!

Mantova, dove la protesta della tessile Corneliani era già scattata all’inizio dell’emergenza, vede oggi scoppiare la rivolta contro il decreto blocca-fabbriche, vede scioperi in tutta la provincia e da Mantova la protesta dilaga: il 25 marzo ci sarà finalmente lo stop regionale. L’allarme di Filctem, Femca e Uiltec al prefetto è che ditte locali non essenziali ora provano a riaprire, sfruttando l’interpretazione e le incertezze del decreto eterno. Proteste e blocchi nelle aziende metalmeccaniche del Mantovano sono ormai numerose.

Da comunisti siamo al fianco di questi lavoratori che non possono e non devono sentirsi soli in questa difficile lotta per la salute e la dignità. 

* Partito Comunista – Lombardia

Italia: el Covid-19 “da los números”

por Adriano Ascoli

[aquí en italiano]

Los números están todos equivocados. Especialmente ahora parecen estar orientados por Confindustria, los patrones ansiosos de no perder días de ganancias, y los noticieros ya anuncian un declive irreal en el crecimiento de las infecciones y muertes causadas por esta gravísima epidemia. Pero la anomalía de Lombardía continúa con su temible número de víctimas en sólo 20 días, mientras que los efectos de la contención deberían ser efectivos en la Toscana, por ejemplo.

La curva de contagio es ahora baja en el Véneto, lo que indica una situación bajo control, mientras que en Lombardía ni siquiera la miran, pero tal vez es vertical. Los tampones, de hecho, son escasos, por lo que el índice de letalidad es cuatro veces mayor que en el Véneto. Por lo tanto, cabe considerar que se ha producido un aumento significativo de la mortalidad general, en particular en las provincias de Bérgamo y Brescia, como lo atestiguan los obituarios y la emergencia de los cementerios.

Con toda probabilidad en Lombardía hay más de 120 mil positivos y no 25 mil como se dice, también porque las muertes no pueden ser del 12% allí, como se puede ver en el número de muertes en relación con los positivos comprobados.

La región del Véneto, que ha hecho muchos exámenes, tiene un índice de letalidad del 3% en línea con la tendencia china, por lo tanto más fiable. Además, algunos de ellos son emboscados en sus casas, el alcalde de Bérgamo Giorgio Gori nos hace entender, y no mueren en el hospital, de lo contrario superarían el 15%, un porcentaje poco realista y algunos valientes ya están asumiendo una repentina mutación del virus en toda Lombardía. Por lo tanto, es evidente que en Lombardía alguien está falsificando seriamente los datos o, en cualquier caso, que no mueren a causa del polvo fino o la niebla tóxica, según la hipótesis de algún profesor citado en la televisión, sino que sería un cálculo falso tanto en las pruebas positivas como en el número de muertes. Necesita ser aclarado.

Si esto se confirmara, sería un delito muy grave, la causa de la propagación de la epidemia en el mayor brote que ha alimentado la infección en toda Italia y probablemente en el mundo.

En la emergencia la gente se asombra, no pueden celebrar el funeral, se ven obligados a quedarse en casa y muchos se quejan de tantas muertes en casa (personas que murieron en casa sin asistencia). Estas muertes no parecen estar incluidas en las estadísticas porque no se han tomado exámenes. ¿Quién los escucha? El alcalde tal vez, que de hecho habló de ellos.

La ayuda solidaria de la República Popular China, la Federación Rusa, Cuba, Vietnam y otros países es importante, pero hasta que las autoridades italianas no logren aprender de la experiencia de estos países, independientemente de los intereses de la empresa Amazon o de los fabricantes de armas de Brescia, por ejemplo, no saldremos bien parados de esta emergencia.

[Trad. al castellano para ALBAinformazione por Ciro Brescia] 

Italia: il COVID-19 da i numeri!

Risultato immagini per COVID numeridi Adriano Ascoli

I numeri sono tutti sballati. Specialmente ora paiono orientati da Confindustria, ansiosa di non perdere giornate di profitto, e i telegiornali già annunciano un irreale calo nella crescita dei contagi e nei decessi causati da questa gravissima epidemia. Ma continua la anomalia lombarda con il suo pauroso numero di vittime in appena 20 giorni, mentre gli effetti del contenimento dovrebbero essere efficaci ad esempio in Toscana.

La curva di contagio è ora bassa in Veneto, il che indica una situazione sotto controllo, mentre in Lombardia nemmeno la guardano, ma è forse verticale. Tamponi, infatti, ne fanno pochi, per questo l’indice di letalità risulta il quadruplo rispetto al Veneto. A conferma di ciò a quanto pare va considerato un significativo aumento della mortalità generale, in particolare nelle province di Bergamo e Brescia, testimoniato dai necrologi e dalla emergenza nei cimiteri.

Con ogni probabilità in Lombardia sono più di 120mila i positivi e non 25mila come dicono, anche perché i decessi non possono essere il 12% lì, come si evince dal numero di decessi in relazione ai positivi testati con tampone.

Il Veneto che ha realizzato moltissimi tamponi registra un indice di letalità del 3% allineato con l’andamento cinese, dunque più attendibile. Inoltre una parte li imboscano nelle case, ci fa capire il sindaco bergamasco Giorgio Gori, e non muoiono in ospedale, altrimenti supererebbero il 15%, una percentuale improponibile e qualche ardito sta già ipotizzando una repentina mutazione del virus tutta lombarda. Dunque si evince che in Lombardia qualcuno falsa pesantemente i dati o comunque che non muoiono per le polveri sottili o lo smog, come ipotizzato in TV da qualche quotato professore, piuttosto si tratterebbe di un calcolo falsato sia sui test positivi sia sul numero dei decessi. Va fatta chiarezza.

Se ciò fosse confermato si tratterebbe di un crimine gravissimo, causa di diffusione della epidemia nel più grande focolaio che ha alimentato l’infezione in tutta Italia e probabilmente nel mondo.

Nell’emergenza la gente è attonita, non può celebrare il funerale, è obbligata a restare in casa e molti lamentano tanti decessi domiciliari (persone morte in casa senza assistenza). Questi decessi sembrano non rientrare nelle statistiche perché non è stata fatto loro la prova del tampone. Chi li ascolta? Il sindaco forse, che infatti ne ha parlato.

Sono importanti gli aiuti solidali della Repubblica Popolare Cinese, della Federazione Russa, di Cuba, del Vietnam e di altri paesi, ma finché le autorità italiane non saranno capaci di apprendere dall’esperienza di questi paesi, senza badare ad esempio agli interessi di Amazon o dei fabbricanti di armi di Brescia, non ne verremo fuori bene.

Emergencia COVID-19: Comunicado de la Red Italiana “CaracasChiAma”

L'immagine può contenere: il seguente testo "CARACAS CHIAMA RETE BOLIVARIANA"COMUNICADO DE LA RED ITALIANA DE SOLIDARIDAD CON LA REVOLUCIÓN BOLIVARIANA

Queridas amigas, queridos amigos, queridas compañeras y queridos compañeros,

el Comité Organizador nacional (COn) del Séptimo Encuentro Italiano “CaracasChiAma: Mantova responde!” de la Red Italiana de Solidaridad con la Revolución Bolivariana, evento programado para los días 17-18-19 de abril de 2020, informa que el Séptimo Encuentro previsto no se celebrará de la manera y el momento que habíamos establecido debido a la pandemia de COVID-19 (según la definición de la Organización Mundial de la Salud – OMS), por lo que se aplaza a una fecha por determinar.

Lo que está ocurriendo estos días en Italia, y especialmente en la región de Lombardía, la región donde hemos decidido celebrar el Séptimo Encuentro, ha tomado por sorpresa no sólo a Italia, sino a todo el planeta, que con razón está en búsqueda de una solución. Hoy en día, Lombardía se ha convertido en el centro donde la incidencia de la infección por SARS-CoV-2 es la más alta del mundo.

El camarada presidente de la República Bolivariana de Venezuela, Nicolás Maduro Moros, llamó acertadamente a esta pandemia una catástrofe mundial, ante la cual todas y todos debemos cumplir con nuestra parte. En todos los países del mundo. Estamos con él y llamamos a todos los pueblos del mundo a escuchar, hacer suyas y aplicar sus palabras.

En este momento nuestro pensamiento y afecto va a nuestras compañeras y nuestros compañeros que en los hospitales de la región de Lombardía, empezando por el de Bérgamo, están luchando contra la amenaza letal del virus. Su lucha es nuestra lucha, es la lucha de toda la humanidad. Nunca como hoy todos los pueblos del mundo se encuentran unidos en el mismo destino, cerca aunque a distancia, como una gran familia, donde las acciones de cada individuo tienen un efecto en la vida de todos y cada uno.

Nunca como hoy la asunción de responsabilidad por cada individuo es una condición indispensable para la asunción de responsabilidad por todo la humanidad. Somos conscientes que la verdadera libertad reside en la convicción de que debemos asumir nuevas y superiores responsabilidades.

La supervivencia letal del modo de producción capitalista y el sistema mundial imperialista derivado de él son la causa principal por la que el virus ha tomado por sorpresa a una de las regiones más ricas e industrializadas de Europa, Lombardía, el corazón latiente de la economía capitalista en Italia.

Aún hoy, en plena emergencia, las obreras y los obreros de Italia están obligados a seguir trabajando en las fábricas de Lombardía y en todo el país, aunque no haya necesidad de ello. La lógica del capital y sus agentes no conocen otra cosa que el beneficio a cualquier precio, mientras que el gobierno apela a toda la población para que permanezca atrincherada en su casa, las obreras y los obreros pueden seguir expuestos al riesgo de contagio porque no se puede detener el negocio, el capital debe seguir siendo valorado, incluso cuando la producción es superflua, inútil y perjudicial para los seres humanos y el medio ambiente. Las asociaciones patronales presionan al gobierno para que no detenga la producción, incluso cuando ante los ojos de todo el mundo las morgues de la región están llenas y a los familiares de las difuntas y los difuntos se les niega la celebración del acto de saludo extremo.

Estamos entre las obreros y los obreros y con sus organizaciones que en las últimas semanas han decidido abstenerse del trabajo, no ir a la fábrica, que han decidido hacer una huelga y poner su salud, sus familias, el pueblo italiano y los pueblos del mundo antes que el beneficio de unos pocos.

Estamos entre las trabajadoras y los trabajadores del personal médico y paramédico que arriesgan sus vidas para garantizarla a las y los demás, con las mujeres y los hombres de ciencia y conciencia.

Estamos entre las voluntarias y los voluntarios que hoy en día se organizan en comités populares para ayudar a las y los que se encuentran en condición de marginalidad en sus territorios, las y los que se coordinan con otras organizaciones.

Estamos entre aquellas y aquellos que se organizan para asistir a las y los sin techo, a quienes el gobierno italiano dice que se queden en sus casas, que no se queden en la calle, pero no tienen casa y si se quedan en la calle corren el riesgo de enfermarse, de tener problemas con la ley e incluso de acabar en la cárcel, con penas de hasta 12 años de prisión, mientras que en decenas de cárceles ya han estallado protestas y disturbios, dejando un saldo de decenas de heridos e incluso muertes. Hasta que las autoridades no decidieron tomar medidas de casa por carcel. Finalmente, para quienes no tienen o no pueden encontrar un hogar, sólo queda la calle.

Aquellas clases dominantes que se creían poderosas e invencibles, hoy en día demuestran ser tigres de papel frente a un microorganismo. Ahora se encuentran en un callejón sin salida, en el que se metieron con sus manos, alimentando el catastrófico curso de los acontecimientos, y no pueden hacer otra cosa que pedir ayuda a los gobiernos de la República Popular China y la Cuba socialista, así como apelar al personal médico y sanitario formado en Venezuela, como declaró públicamente el asesor de salud lombardo Gallera, exponente de una administración dirigida por la Liga Norte. También el gobierno brasileño de Bolsonaro, amigo de Matteo Salvini, que primero expulsó vergonzosamente al personal médico cubano fuera del país y luego se ve obligado, con el rabo entre las piernas, a incorporarlo otra vez para salvaguardar la salud del pueblo brasileño ¡que su gobierno no puede garantizar!

Después de décadas de políticas neoliberales y recortes criminales a la salud pública en Italia, un virus viene a presentarnos la factura a pagar. Las camas de los cuidados intensivos son insuficientes para la población más anciana del mundo, como es el caso de Lombardía, y en Italia en general. Frente a la emergencia, la sanidad italiana, aunque celebrada por sus cualidades históricas y su excelencia, se está redescubriendo a sí misma desarmada.

Hoy, más que nunca, la realidad nos muestra que el sistema de salud debe ser totalmente público, como en Cuba, y no puede ser un sector sujeto a la lógica del “lucro por encima de todo”. Esto es lo que exigimos para el mundo del futuro: atención sanitaria, cultura, conocimiento, buena educación, todo esto debe ser público, gratuito y de calidad para todas y para todos. El trabajo que se necesita debe ser realmente redistribuido socialmente y debidamente remunerado.

Hay que poner fin a las producciones irracionales, nocivas e inútiles para el ser humano y el medio ambiente, hay que convertir las fábricas en otras producciones útiles y necesarias, los espacios públicos tienen que ser garantizados para los usos sociales, hay que redistribuir la riqueza según principios de justicia social, igualdad y racionalidad, según planes universalmente conocidos y decididos democráticamente, a favor de la riqueza social y de la rica socialidad. Todo esto sólo es posible con el protagonismo de las masas, la clase obreara y el pueblo, cada vez más y progresivamente conscientes y organizadas.

Esta es la sociedad socialista por la que luchamos en nuestro país, en Italia. Con la conciencia que luchando por la Revolución y la Edificación Socialista en nuestro país podremos ser más concretamente solidarios con la Revolución Bolivariana en Venezuela y con todas las revoluciones antiimperialistas, de nueva democracia y socialistas en todo el mundo!

¡Viva la Revolución Bolivariana!
¡Viva el camarada presidente Nicolás Maduro Moros!
¡Viva el Internacionalismo Proletario y la Revolución Mundial!
¡Viva el socialismo!
¡Viva Chávez! ! ¡La lucha sigue!

Comité Organizador nacional (COn) del Séptimo Encuentro Italiano “CaracasChiAma: ¡Mantova responde!Italia, 19 de marzo de 2020
Red Italiana de Solidaridad con la Revolución Bolivariana “CaracasChiAma”

_

Nessuna descrizione della foto disponibile.

COMUNICATO DELLA RETE ITALIANA DI SOLIDARIETÀ CON LA RIVOLUZIONE BOLIVARIANA

Care amiche e cari amici, care compagne e cari compagni,

il Comitato Organizzativo nazionale (COn) del Settimo Incontro Italiano “CaracasChiAma: Mantova risponde!” della Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana, evento fissato per i giorni 17-18-19 Aprile 2020, informa che il previsto Settimo Incontro non potrà tenersi nelle modalità e nei tempi che avevamo stabilito a causa della pandemia del COVID-19 (così come definita dalla Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS), quindi è rimandato a data da destinarsi.

Quello che sta accadendo in questi giorni in Italia, e in special modo nella regione Lombardia, la regione dove abbiamo stabilito di tenere il Settimo Incontro, ha colto di sorpresa non solo l’Italia, ma il pianeta intero, il quale giustamente corre ai ripari. All’oggi la Lombardia è diventata il centro dove l’incidenza del contagio del virus SARS-CoV-2 è la più alta del mondo.

Il compagno presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, ha definito giustamente questa pandemia una catastrofe mondiale, di fronte alla quale tutte e tutti dobbiamo fare la nostra parte. In ogni paese del mondo. Noi siamo con lui e chiamiamo tutti i popoli del mondo ad ascoltare, fare proprie ed applicare le sue parole.

In questo momento il nostro pensiero ed il nostra affetto va alle nostre compagne e ai nostri compagni che negli ospedali della regione Lombardia, a cominciare da quello di Bergamo, stanno combattendo contro la letale minaccia del virus. La loro lotta è la nostra lotta, è la lotta di tutta l’umanità. Mai come oggi tutti i popoli del mondo si ritrovano uniti nello stesso destino, vicini anche se a distanza, come un’unica grande famiglia, dove le azioni di ogni singolo hanno effetti sulla vita di tutte e di tutti.

Mai come oggi l’assunzione di responsabilità di ogni individuo è indispensabile condizione per l’assunzione di responsabilità di tutti. Siamo coscienti che la vera libertà risiede nella convinzione che bisogna assumersi nuove e superiori responsabilità.

La letale sopravvivenza del modo di produzione capitalistico e del sistema mondiale imperialista da esso derivato sono la causa principale per la quale il virus ha preso di sorpresa una delle regioni più ricche ed industrializzare d’Europa, la Lombardia, cuore pulsante dell’economia capitalista in Italia.

Ancora oggi, in piena emergenza le operaie e gli operai in Italia hanno l’obbligo di continuare a lavorare nelle fabbriche della Lombardia e di tutto il paese, anche se non ce ne sarebbe alcun bisogno. Le logiche del capitale e dei loro agenti non conoscono null’altro se non il profitto ad ogni costo, mentre il governo fa appello a tutta la popolazione a rimanere barricata in casa, le operaie e gli operai possono continuare ad essere esposti al rischio contagio perché gli affari non si possono fermare, il capitale deve continuare a valorizzarsi, anche quando le produzioni sono superflue, inutili e dannose per l’essere umano e per l’ambiente. Le associazioni padronali fanno pressione sul governo per non fermare la produzione, anche quando sotto gli occhi di tutto il mondo gli obitori della regione sono al completo e ai parenti dei defunti è negata la celebrazione dell’atto dell’estremo saluto.

Noi siamo tra le operaie e gli operai e con le loro organizzazioni che in queste settimane hanno deciso di astenersi dal lavoro, di non andare in fabbrica, che hanno deciso di scioperare e mettere la salute loro, dei loro familiari, del popolo italiano e dei popoli del mondo, prima del profitto di pochi.

Noi siamo tra i lavoratori del personale medico e para-medico che rischia la vita per garantirla agli altri, con le donne e gli uomini di scienza e coscienza.

Noi siamo tra le volontarie e i volontari che oggi si organizzano in comitati popolari per assistere i più esposti e i più soli ed emarginati sui loro territori, che si coordinano con altri organismi.

Noi siamo tra quelli che si organizzano per assistere i senza tetto, a cui il governo italiano dice di stare a casa, di non stare in strada, ma una casa non ce l’hanno e se restano per strada rischiano o di ammalarsi, di essere denunciati e persino di finire in galera, con condanne che prevedono la detenzione fino a 12 anni, mentre in decine di carceri sono già esplose proteste e rivolte sedate con la forza, lasciando un saldo di decine di feriti ed anche di morti. Salvo poi dover concedere provvedimenti di detenzione domiciliare. Infine, per chi un domicilio non ce l’ha, o non lo trova, rimane solo la strada.

Quelle classi dominanti che si credevano potenti ed invincibili, si dimostrano di essere oggi tigri di carta di fronte ad un microrganismo. Si trovano attualmente in un vicolo cieco nel quale si sono ficcati con le loro mani alimentando il corso catastrofico degli avvenimenti, e non possono fare altro che chiedere aiuto ai governi della Repubblica Popolare Cinese e di Cuba socialista, nonché fare appello al personale medico e sanitario formato in Venezuela, come dichiarato pubblicamente dall’assessore alla sanità lombarda Gallera, esponente di una amministrazione guidata dalla Lega Nord, formazione politica di chiare tendenze reazionarie, xenofobe e razziste. Lo stesso fa il governo brasiliano di Bolsonaro – amico di Matteo Salvini – il quale prima caccia vergognosamente dal paese il personale medico cubano e poi è costretto, con la coda tra le gambe, a chiedere che ritorni per salvaguardare la salute del popolo brasiliano che il suo governo non è in grado di garantire!

Dopo decenni di politiche neoliberiste e di criminali tagli alla sanità pubblica in Italia, un virus ci viene a presentare il conto da pagare. I posti letto in terapia intensiva sono insufficienti per la popolazione più anziana del mondo, come è quella della Lombardia, e quella italiana più in generale. Di fronte all’emergenza la sanità italiana, seppur celebrata per le sue storiche qualità ed eccellenze, si riscopre disarmata.

Oggi più come mai la realtà ci dimostra che il sistema sanitario deve essere totalmente pubblico, come a Cuba, e non può essere un settore sottoposto alle logiche del “profitto prima di tutto”. È quello che pretendiamo per il mondo del futuro: sanità, cultura, istruzione, buona educazione, tutto questo deve essere pubblico, gratuito e di qualità per tutte e per tutti. Il lavoro necessario deve essere davvero ridistribuito socialmente nonché correttamente retribuito.

Le produzioni irrazionali, dannose ed inutili per gli esseri umani e per l’ambiente vanno fermate, le fabbriche riconvertite ad altre produzioni utili e necessarie, gli spazi pubblici dedicati ad usi sociali, la ricchezza deve essere ridistribuita secondo principi di giustizia sociale e razionalità, secondo piani universalmente noti e democraticamente decisi, a favore della ricchezza sociale e della ricca socialità. Tutto ciò è possibile solo con il protagonismo di massa, operaio e popolare, sempre di più e progressivamente cosciente ed organizzato.

Questa è la società socialista per la quale lottiamo nel nostro paese, in Italia. Con la consapevolezza che lottando per la Rivoluzione e l’Edificazione Socialista nel nostro paese, in Italia, saremo più concretamente in grado di essere solidali con la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela e con tutte le rivoluzioni antimperialiste, di nuova democrazia e socialiste ovunque nel mondo!

Lunga vita alla Rivoluzione Bolivariana!
Lunga vita al compagno presidente Nicolás Maduro Moros!
Viva l’Internazionalismo Proletario e la Rivoluzione Mondiale!
Viva il Socialismo!
¡Chavez vive! ¡La lucha sigue!

Comitato Organizzativo nazionale (COn) del Settimo Incontro Italiano “CaracasChiAma: Mantova risponde!”
Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana “CaracasChiAma”

Italia, 19 marzo 2020

Comitato Organizzativo nazionale (COn) del Settimo Incontro Italiano “CaracasChiAma: Mantova risponde!”
Rete Italiana di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana “CaracasChiAma”

Italia, 19 marzo 2020

Pisa 29feb2020: Per la costruzione del Fronte Antimperialista

Vertice Antimperialista a Caracas: conversando con Adriano Ascoli

di Luis Matute

[Qui l’intervista in castigliano]

Conversazione con il compagno Adriano Ascoli, rappresentante italiano del Comitato per il Fronte Antimperialista (Pisa) al Vertice Antimperialista, Sovranità e Pace, tenutosi nella città di Caracas tra il 21 e il 24 gennaio 2020.

Adriano, quale organizzazione politica italiana rappresenti in questo Forum Antimperialista?

Appartengo al Comitato per il Fronte antimperialista che stiamo costruendo nella mia città, Pisa. Siamo in sintonia con il vostro piano di discussione, con i compagni qui a Caracas in questo incontro internazionale. L’idea e la proposta di costruire un Fronte da noi è nata localmente a partire da un’attività contro la base militare che si trova nel territorio tra Livorno e Pisa. Vicino alla mia città si trova la più grande base logistica militare degli USA, la base di Camp Darby.  Tale base – come quella di Aviano – non è sotto il controllo della Nato bensì direttamente sotto il controllo e le decisioni esclusive del governo e dell’esercito degli Stati Uniti d’America. Senza bisogno di autorizzazione, ad esempio, da parte del governo italiano, possono fare quello che vogliono indipendentemente dagli altri Paesi. Proprio da questa base militare provengono tutte le armi, le munizioni e le divise che l’esercito USA ha utilizzato e utilizza per ogni guerra che ha combattuto in Medio Oriente o in Siria, Iraq, Afghanistan, Jugoslavia, Libia. Per ogni guerra che hanno combattuto e per ogni aggressione ai Paesi limitrofi di questa parte del mondo, le armi e la parte logistica proviene da questa base militare. Allora un gruppo di compagni ha iniziato a lavorare anni fa denunciandone l’attività, ma la questione non è solo la base militare, o piuttosto, è ciò che sta dietro a tutto questo.

In cosa consiste la tua partecipazione qui a Caracas?

Qui ho trovato molti compagni, da tutto il mondo, che hanno la nostra stessa idea. In particolare abbiamo trovato compagni anche provenienti dallo Stato spagnolo, che hanno lo stesso nostro progetto e persino la medesima denominazione di fronte antimperialista; nasce così l’idea di arrivare a costruire un fronte mondiale che non sia caratterizzato in modo ideologico generale. Non è necessario che sia totalmente unito a livello politico-ideologico, ciò che è fondamentale è sostenere la lotta contro l’imperialismo. In questo modo si possono unire forze anche di diverso tipo. Stiamo parlando di forze chiaramente antimperialiste. E così, in pochi mesi, da una piccolissima idea, in un luogo altrettanto piccolo, stiamo ora discutendo quest’idea a livello internazionale.

Adriano, quante organizzazioni politiche sono presenti nel fronte antimperialista?

Nel comitato ci sono compagni che non appartengono a nessuna organizzazione ma si caratterizzano per essere comunisti marxisti-leninisti. Ci sono anche compagni della Gioventù del Partito Comunista, meglio conosciuto come Partito Comunista di Marco Rizzo, appartengono alla gioventù comunista e partecipano attivamente alla nostra comunità. Abbiamo compagni che provengono dall’esperienza del Partito della Rifondazione Comunista, che al momento si è perso come organizzazione nazionale. Abbiamo compagni che si avvicinano dal PCI, altri compagni iscritti ai CARC e all’Associazione di amicizia Italia-Cuba. Poi ci sono anche alcuni che non hanno una caratterizzazione ideologica ben definita e che si sono avvicinati a noi nell’attività di denuncia della presenza militare statunitense sul nostro territorio, qui nel cuore dell’impero. Non dobbiamo mai dimenticare che esiste un sistema imperialista all’interno del quale giocano un ruolo sia gli imperialisti statunitensi sia gli imperialisti UE. È così che abbiamo cominciato a parlare di imperialismo e a spiegare il problema generato dalla presenza yankee in Italia. Il problema non è solo una guerra o una base militare, ma un intero sistema di guerra e di oppressione ai danni dei popoli del mondo.

Questa è la tua prima volta in Venezuela, cosa pensi dell’incontro internazionalista che si è svolto (oggi è l’ultimo giorno) all’hotel Alba Caracas? Cosa pensi della marcia per celebrare il 62° anniversario della creazione dell’urbanizzazione del 23 de Enero, il quartiere più combattivo della città di Caracas?

Ebbene l’impressione, la sensazione di questo incontro, è molto intesa. È qualcosa che trasmette energia e forza. Ci sono movimenti, partiti, cittadini, forze diverse da luoghi diversi, posizioni politiche diverse e nonostante questo tutti si confrontano sulla lotta antimperialista e questo sta creando unità. Unità diversa da come poteva essere quella dell’Internazionale Comunista, dove c’era più strategia e coesione ideologica. Ma adesso dobbiamo unire le forze contro l’imperialismo fornendo ognuno il proprio contributo insieme agli altri. Si può affermare che l’elemento caratterizzante di questo incontro internazionale è che le forze antimperialiste non sono isolate, ma tutt’altro, sono pronte per sviluppare un movimento antimperialista a livello internazionale.

Esistono anche importanti organizzazioni sindacali antimperialiste. Per esempio, ascoltavo i delegati dall’Australia, non sapevo dell’esistenza di compagni marittimi australiani contro l’imperialismo (anche in Italia, a Genova, i lavoratori marittimi hanno bloccato navi che trasportavano armi in Arabia Saudita che sarebbero state impiegate contro la popolazione yemenita). Questo compito è molto importante per tutti i lavoratori del mondo. Se non conosci quello che succede intorno a te, non sai cosa accade e non ti muovi di conseguenza. La gente non si mobilita perché non conosce la situazione degli altri Paesi. Unirsi a livello globale è l’arma da impugnare contro la campagna mediatica che l’imperialismo scatena, una campagna che già comincia ad essere meno forte rispetto a prima. La gente ormai sempre meno crede a quello che i media mainstream propalano. Quando si ascolta una notizia, non si crede più tanto facilmente a tutto quello che viene detto.

Per quanto riguarda la marcia, l’incontro internazionale è una cosa e la marcia un’altra. Un piano è il vertice internazionale dove ci sono stati politici, sindacalisti, persone che occupano posizioni professionali o gente la cui occupazione principale è la politica e un altro è quello di incontrarsi nella marcia del popolo bolivariano. È stata un’iniezione di energia pura e voglio trasmetterla ai compagni del mio Paese, condividerla con loro. Si tratta di qualcosa di molto intenso: ascoltare e parlare alla gente e comprenderne i problemi (che non mancano mai). Un popolo che ti stringe la mano, gente che ringrazia noi internazionalisti di essere qui, in Venezuela. Esperienza indelebile per la solidarietà della gente, che è qualcosa di molto importante e rappresenta un valore per tutti, un valore molto sentito. La cosa principale che ho imparato in questi giorni su questa meravigliosa città che è Caracas, le sue case, la sua gente, camminando per le strade di un paese che vive normalmente e dove le persone si incontrano pacificamente, è che le cose sono all’opposto di tutto quello che i media internazionali raccontano di questo paese. Raccontano un sacco di bugie nel mio paese sul Venezuela. Poiché l’ho visto il Venezuela, posso dare la mia testimonianza. Ho conosciuto questa esperienza e questa realtà e posso condividerla con la gente del mio paese, in Italia.

Ringrazio i compagni che mi hanno accompagnato per farmi conoscere la realtà di un collettivo. Entrare in contatto con questo collettivo è stato come toccare con mano quello che è il Potere Popolare: come il popolo può organizzarsi, controllare il proprio territorio, organizzare l’attività economica e l’inclusione sociale, ma anche gestire la forza, esercitare il controllo. Esiste un potere del popolo organizzato secondo le proprie idee, la propria forza e pratica politica e sociale, ma anche politico-militare. Qui si può parlare con i compagni della base popolare che hanno le idee molto chiare sulla situazione generale del Venezuela. Questa è la forza di un popolo che nessuno può sconfiggere, perché non solo ha le Forze Armate a difenderlo, ma ha anche le forze armate popolari, e questo è qualcosa contro cui non si può vincere. Certo possono colpire il Paese con embarghi, con sanzioni criminali che arrivano fino al blocco delle medicine, con le difficoltà economiche che sta vivendo il Venezuela dovute all’aggressione imperialista. Nonostante questo non possono attaccare direttamente il Paese con facilità, perché il Venezuela è capace di resistere e ha la forza del popolo in armi e delle organizzazioni popolari. Questo è qualcosa che deve essere conosciuto, perché è un esempio per tutti, perché quando c’è bisogno di cambiare e di fare un cambiamento sociale, bisogna avere quella forza.

Qual è il tuo contributo al fronte antimperialista in Italia? Esiste una direzione? Avete dei capi del fronte?

No, in questo momento il fronte è più simile ad un collettivo di compagni che discutono, parlano e promuovono iniziative. Stanno parlando di un’attività iniziata meno di un anno fa, non prima. Proprio per questo non ha una struttura organizzata. Si tratta di qualcosa che si muove in un territorio limitato sebbene l’idea sia quella di lanciare il movimento in tutte le città d’Italia. Questo è l’obiettivo da centrare. La difficoltà, secondo me, è rappresentata dalla divisione tra partiti che, nonostante abbiano opinioni simili sulla questione dell’imperialismo, sono in competizione politica ed esiste anche una forte rivalità tra i gruppi dirigenti dei vari partiti. Ciò, a mio modo di vedere, impedisce l’unione. L’idea, il mio punto di vista, è quella di raggruppare i compagni della base, più che partire dai capi delle organizzazioni (che sono divisivi), ripeto, perché spesso sono in concorrenza elettorale tra loro. Questo ritengo essere oggi il principale nostro problema.

Il nostro obiettivo è quindi rendere chiara la lotta contro l’imperialismo, esprimere solidarietà ai popoli che ne sono vittima: come il popolo siriano o iraniano e in generale come tutti i popoli che sono sotto la minaccia dell’imperialismo e su questo che bisogna lanciare una battaglia politica. Nel mio paese la “sinistra” ufficiale quando non è direttamente filo imperialista, spesso si pone in maniera subalterna all’imperialismo medesimo, inoltre, sempre la “sinistra”, spesso si erge contro la Russia, la Cina, la Siria, l’Iran e sempre sostengono che in questi paesi non c’è democrazia. Alla fine spalleggiano le campagne mediatiche dell’imperialismo che poi sono quelle che preparano la guerra. Così è successo per la guerra in Libia, possibile perché l’Italia l’ha permessa, perché questa cosiddetta “sinistra” è stata complice di una campagna imperialista. Solo quando è iniziata la guerra alcuni hanno preso le distanze da quel disastro, però bisogna ricordare che sono gli stessi personaggi che appoggiarono tutta la campagna contro la Libia di Gheddafi fino a che non è successo quello che era evidente fin dall’inizio. Adesso stanno facendo lo stesso con l’Iran. Dicono: ”Siamo contro questa guerra, però lì c’è una dittatura che va sconfitta”. Oppure chiedono una missione militare in Iraq sotto l’egida dell’ONU (quando migliaia di cittadini iracheni marciano contro la presenza delle forze militari nel loro paese). Senza rendersene conto, alcuni sono complici dell’imperialismo. Ma se prima eravamo noi ad essere isolati, ora lo sono loro. Non hanno la forza per argomentare; negli ultimi 20 anni, dalla guerra criminale contro la Jugoslavia, la guerra del 1999, tutti hanno seguito questo schema sempre uguale: se lì non c’è democrazia, bisogna andare a bombardare e fare la guerra, colpirli e favorire con la forza un cambio di regime politico, salvo poi provocare un disastro per tutto il popolo. Dove vince l’imperialismo, quel posto si trasforma in un inferno. Questo discorso è diretto anche a tutti i venezuelani: potete vivere grandi problemi, così come ce ne sono in tutti i paesi, ma se si scatena una guerra e arrivano gli imperialisti statunitensi, sarà distrutto tutto quello che avete ottenuto fino ad ora e sarà una rovina per tutto il popolo.

Nel caso in cui si verificasse un’aggressione nordamericana contro il popolo venezuelano, cosa farebbe il Fronte Antimperialista Italiano?

Certamente i compagni sarebbero chiamati a fare tutto il possibile per mobilitarsi contro un’aggressione imperialista al Venezuela, per denunciarla. Se la domanda è diretta a me, allora ti dico che verrei a combattere con voi!

Parliamo della lettera di solidarietà che il Fronte ha inviato all’Ambasciata iraniana a Roma

È stato qualcosa di inusuale che ha aperto la porta a molti contatti, non solo locali ma anche nazionali e internazionali. Si è trattato di qualcosa molto d’impatto. Abbiamo fatto uscire un comunicato del Fronte Antimperialista e di altre piccole organizzazioni territoriali come la Rete Civica contro la Nuova Normalità della Guerra a Livorno e il Tavolo per la pace in Val di Cecina, circa 12 ore dopo l’attacco terroristico compiuto dagli imperialisti. Lo definisco così perché non c’è altro modo per definirlo: un attacco di terrorismo internazionale da parte degli yankee che ha provocato la morte del generale Soleimani: un generale di un Paese straniero in missione diplomatica… così, senza pensarci più di tanto, siamo usciti immediatamente con una lettera che condanna questo criminale atto terroristico e di solidarietà con il popolo iraniano. La lettera esprime il dolore, la nostra partecipazione al dolore del popolo iraniano e, naturalmente, la nostra solidarietà, oltre alla condanna dell’aggressione. Questa lettera ha girato molto in Italia, quasi in modo virale, credo per la sua vicinanza temporale all’attacco terroristico. È stata pubblicata in molti blog, su internet, su facebook, molte persone l’hanno letta e si sono trovate d’accordo con noi. È stata tradotta in spagnolo ed è circolata anche all’estero. Abbiamo saputo che la radio iraniana l’ha trasmessa e questo per noi rappresenta un canale che si apre e che vogliamo continuare a tenere aperto. Denunceremo sempre quello che gli imperialisti stanno facendo e aiuteremo la gente a riflettere su cosa accade ed a partecipare alle mobilitazioni.

Per concludere, dimmi, chi è Adriano Ascoli?

Sono un militante comunista dall’età di 16 anni e ho vissuto molte esperienze nella mia vita. Sono stato anche imprigionato a causa delle mie idee e dei miei contatti col movimento rivoluzionario degli anni passati. Continuo a lottare. Questa è la mia vita e niente mi farà cambiare.

Ringraziamo il nostro compagno Adriano Ascoli. Speriamo che questa sia solo la prima di molte occasioni per visitare il Venezuela. Ci auguriamo che la prossima volta conoscerà con ancora maggiore impegno e determinazione la realtà del popolo venezuelano. Grazie.

Salutiamo dunque il popolo venezuelano, il popolo bolivariano e i popoli del mondo, e continuiamo a lottare contro l’imperialismo.

Grazie, Adriano.

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Alessio Decoro]

 

Viareggio 12feb2020: “Venezuela: quello che la TV non racconta”

Nessuna descrizione della foto disponibile.

(VIDEO) 17/18/19Apr2020: Settimo Incontro “CaracasChiAma: Mantova Risponde!”

Nessuna descrizione della foto disponibile.

7a69bfb9-56e1-4ac0-9598-c48d0a909797

 

L'immagine può contenere: una o più persone, folla, testo e spazio all'aperto

 

Settimo Incontro Italiano della Rete di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana CaracasChiAma: Mantova Risponde!

Sostieni, diffondi, partecipa, fai una donazione! 

__

Risultato immagini per alma rebelde RavennaNessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: il seguente testo "CARACAS CHIAMA RETE BOLIVARIANA"

 

 

Incontro Mondiale contro l’Imperialismo: Conclusioni tavolo 1. Settore Lavoratori

INCONTRO MONDIALE CONTRO L’IMPERIALISMO
Per la vita, la sovranità e la pace
Venezuela, dal 22 al 24 Gennaio 2020

TAVOLO 1. SETTORE LAVORATORI.
NUMERO PARTECIPANTI: 87.
NUMERO PAESI PARTECIPANTI: 22.
PAESI PARTECIPANTI: BELGIO, IRLANDA, PALESTINA, COSTA RICA, PORTO RICO, MESSICO, RUSSIA, NICARAGUA, PERU, CUBA, GIORDANIA, COLOMBIA, REPUBBLICA DOMINICANA, ARGENTINA, BRASILE, AUSTRALIA, NIGERIA, ITALIA, CILE, USA, CATALOGNA, INGHILTERRA.
RELATRICI: ANDERSON. J. SÁNCHEZ S, C.I. 18.752.308 TELEFONO: 0414-466-19-19

CONCLUSIONI:
Noi, lavoratori partecipanti all’Incontro Anti-imperialista Mondiale, che si realizza nella Repubblica Bolivariana del Venezuela, esponenti di diversi settori e provenienti da diversi paesi, riconoscendo le particolarità e diversità organizzative della classe operaia, abbiamo convenuto di mettere in piedi una Grande Piattaforma Mondiale Unitaria dei Lavoratori e Lavoratrici contro l’Imperialismo, con lo scopo di consolidare l’unità della classe lavoratrice sindacalizzata e non; delle cappe professionali e tecniche; dei piccoli e medi produttori rurali, urbani e peschieri, come anche di altre organizzazioni della classe operaia, nella misura in cui questa sia disposta a trasformarsi in uno spazio di lotta anti-imperialista, che promuova il superamento delle forme di sfruttamento capitalista.
Di conseguenza, noi, organizzazioni e delegati partecipanti, proponiamo quanto segue:
• 1.-Costituzione
• Le delegazioni presenti al Tavolo Settoriale dei Lavoratori e Lavoratrici convengono di costituire le basi di una Grande Piattaforma Mondiale Unitaria contro l’Imperialismo.
• 2.-Gli obiettivi della Grande Piattaforma Mondiale Unitaria contro l’Imperialismo sono:
• 2.1.Consolidare l’unità della classe lavoratrice; delle cappe professionali e tecniche; dei piccoli e medi produttori rurali, urbani e peschieri, come anche dei movimenti e organizzazioni della classe operaia, disposti a costruire un rinnovato percorso di lotta contro l’imperialismo, utilizzando le nuove tecnologie e combattendo le nuove forme di sfruttamento.
• 2.2.Superare le diverse forme di sfruttamento capitalista, come anche garantire la produzione di beni e servizi, che assicurino nuove alternative economiche e soddisfino le necessità umane mediante la giusta distribuzione della ricchezza. Si tratta di creare le condizioni materiali, sociali e spirituali, che permettano la conformazione di spazi fondamentali per lo sviluppo integrale delle persone e realizzare una società giusta e amante della pace, basata sulla valorizzazione etica del lavoro e sulla partecipazione attiva, cosciente e solidaria dei lavoratori e lavoratrici nei processi di trasformazione sociale, alimentati dall’ideologia bolivariana.
• 2.3.-Promuovere politiche e azioni destinate alla Pace, l’indipendenza e la sovranità di ogni paese, rifiutando e denunciando tutte le minacce e aggressioni di diversa natura verso tutti i Governi Sovrani che non intendono servire le potenze egemoniche imperialiste.

• 2.4-Accompagnare in maniera solidale il popolo dei lavoratori e dei pensionati perché si sollevi contro le misure opprimenti del capitalismo contro il diritto a una vita degna.
• 2.5.-Unire tutti gli uomini e donne senza alcuna distinzione di professione, impiego o sindacaliazzazione, mediante interscambi formativi.
• 2.6.-Coordinarsi coi centri di studi costituiti per la liberazione e coscientizzazione della classe operaia, allo scopo di consolidare una rete di formazione.
• 2.7.-Incentivare le politiche orientate a garantire la sovranità economica dei nostri popoli, creando attraverso collegamenti tra i lavoratori e le lavoratrici nuove alternative basate sulle innovazioni tecniche, tecnologiche e dando vita a conoscenze scientifiche e umanistiche.
• 2.8.-Promuovere la lotta contro la precarizzazione del lavoro, per garantire lo sviluppo umano integrale e un’esistenza degna e accettabile per i lavoratori.
• 2.8-I restanti punti riguardano il tavolo settoriale e la sua struttura.
• 3.-Esponenti
• Sono esponenti della Piattaforma tutti quegli uomini o donne – Lavoratori e Lavoratrici, formali e informali, senza discriminazioni di impiego che formino parte delle cappe operaie, contadine, pescatrici, tecniche; dei piccoli e medi produttori rurali, urbani e peschieri; dei movimenti, sindacati, federazioni, confederazioni, centrali, fronti, brigate, consigli, partiti, tra le altre organizzazioni della classe operaia in lotta contro l’imperialismo.
• 4.-Articolazione strutturale
• La Piattaforma si avvarrà di una struttura di coordinamento di tutte le forze lavoratrici del mondo e si distribuirà a livello continentale, regionale e nazionale attraverso commissioni e delegazioni di collegamento con la classe operaia, convenendo sui seguenti punti:
• 4.1.-La Commissione Mondiale di Collegamento delle Forze del Lavoro sarà composta inizialmente dai partecipanti a quest’incontro. Avrà sede a Caracas, Venezuela, appena si approvi la creazione della Piattaforma Mondiale Unitaria dei Lavoratori e Lavoratrici contro l’Imperialismo. Questa commissione sarà responsabile di attivare le connessioni organizzative e di interscambio, allo scopo di intraprendere azioni da parte della classe operaia contro l’imperialismo. La menzionata commissione attuerà da Caracas, Venezuela, e promuoverà la creazione di sedi regionali nei distinti continenti delle organizzazioni che compongono la Piattaforma.
• 4.2- Delegazioni continentali, regionali e nazionali delle Forze del Lavoro promuoveranno il coordinamento e riconosceranno le specificità di ogni cultura, come anche delle diverse forme di organizzazione. Allo stesso modo, si dibatteranno i metodi di produzione, in una prossima riunione da convocarsi per l’anno in corso del 2020 a Caracas, Venezuela.
• 5.- Piano di lotta
• La Commissione Mondiale di Collegamento delle Forze del Lavoro dovrà presentare, considerando gli obiettivi qui esposti, un piano di lotta e di azioni concrete. A tal scopo, la Commissione convocherà, per il presente anno 2020, nella capitale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, la prima Assemblea della Piattaforma Mondiale Unitaria dei Lavoratori e Lavoratrici contro l’Imperialismo.
• 6.- Interscambio
• Le delegazioni presenti si impegnano a formare un nucleo promotore, con l’obiettivo di coordinare gruppi di lavoratori, contadini, pescatori, operai qualificati e tecnici, come anche loro organizzazioni sindacali, federate, confederate rappresentative, disposte a incentivare gli interscambi e gli obiettivi alla base della costituzione di questa Grande Piattaforma.
• ACCORDI:
• Convengono nel dare vita a una Grande Piattaforma Mondiale Unitaria dei Lavoratori e Lavoratrici contro l’Imperialismo, che promuova l’unità della classe lavoratrice, delle cappe professionali e tecniche; dei piccoli e medi produttori rurali, urbani e peschieri, come anche dei movimenti e delle organizzazioni della classe operaia, disposti a costruire un rinnovato percorso di lotta contro l’imperialismo, utilizzando le nuove tecnologie e combattendo le nuove forme di sfruttamento. Le delegazioni presenti si impegnano a formare un nucleo promotore, con l’obiettivo di coordinare gruppi di lavoratori, contadini, pescatori, operai qualificati, tecnici, come anche di alcune loro organizzazioni sindacali, federate, confederate rappresentative, disposte a incentivare gli interscambi e gli obiettivi alla base della costituzione di questa Grande Piattaforma.
• RELATORE INTERNAZIONALE:
• Paese: Australia

• Indirizzo posta elettronica: paulkeating@mua.org.au

[Trad. dal castigliano per ALBAinformazione di Marco Nieli]

Livorno 7feb2020: Il Venezuela tra approfondimento rivoluzionario e minacce USA

Nessuna descrizione della foto disponibile.

San Giuliano Terme (PI) 31gen2020: Presentazione del Libro “Liberare i popoli”

L'immagine può contenere: testo

Lamporecchio (PT) 1feb2020: Guerra! Medio Oriente e Mediterraneo

L'immagine può contenere: una o più persone e testo

"En Tiempos de Guarimba"

Conoce a quienes te quieren dirigir

La Covacha Roja

Donde encontramos ideas avanzadas

Pensamiento Nuestro Americano

Articulando Luchas, Cultivando Resistencias

RE-EVOLUCIÓN

Combatiendo al neofascismo internacional

Comitè Antiimperialista

Contra les agressions imperialistes i amb la lluita dels pobles per la seva sobirania

SLAVYANGRAD.es

Nuestra ira no tiene limites. (c) V. M. Molotov

Gli Appunti del Paz83

Internet non accende le rivoluzioni, ma aiuta a vincerle - Il Blog di Matteo Castellani Tarabini

Sociología crítica

Articulos y textos para debate y análisis de la realidad social

Hugo Chavez Front - Canada

Get to know what's really going on in Venezuela

Revista Nuestra América

Análisis, política y cultura

Avanzada Popular

Colectivo Avanzada Popular

Leonardo Boff

O site recolhe os artigos que escrevo semanalmente e de alguns outros que considero notáveis.Os temas são ética,ecologia,política e espiritualidade.

Vientos del Este

Actualidad, cultura, historia y curiosidades sobre Europa del Este

My Blog

Just another WordPress.com site

Festival delle idee politiche

Rassegna annuale di teorie politiche e pratiche della partecipazione civile

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Miradas desde Nuestra América

Otro Mundo es Posible, Necesario, Urgente. Desde la provincia chilena

Como te iba contando

Bla bla bla bla...

Coordinadora Simón Bolívar

¡Bolívar vive la lucha sigue!

LaDu

Laboratorio di Degustazione Urbana

il Blog di Daniele Barbieri & altr*

"Per conquistare un futuro bisogna prima sognarlo" (Marge Piercy)

KFA Italia - notizie e attività

notizie dalla Corea Popolare e dalla Korean Friendship Association

KFA Euskal Herria

Korearekiko Laguntasun Elkartea | Korean Friendship Association

ULTIMOTEATRO.PRODUZIONIINCIVILI

Nuova Drammaturgia del Contemporaneo

Sociales en PDF

Libro de sociales en formato digital.

matricola7047

Notes de lectura i altres informacions del seminari sobre el Quaderns de la Presó d'Antonio Gramsci ( Associació Cultural Espai Marx)

Centro Cultural Tina Modotti Caracas

Promoción de la cultura y arte Hispanoamericana e Italiana. Enseñanza y educaciòn.

Racconti di quasi amore

a costo di apparire ridicolo

Ex UAGDC

Documentazioni "Un altro genere di comunicazione"

Esercizi spirituali per signorine

per un'educazione di sani principi e insane fini

JoséPulido

La página del escritor venezolano

Donne in rosso

foglio dell'ADoC (Assemblea delle donne comuniste)

Conferenza Mondiale delle Donne - Caracas 2011

Just another WordPress.com site

críticaypunto

expresamos la verdad

NapoliNoWar

(sito momentaneamente inattivo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: